Firenze, Walking Therapie: il teatro sale in tramvia

Firenze, Walking Therapie: il teatro sale in tramvia

Nella “Psicocamminata urbana tra Rifredi e Scandicci”, grazie ad un particolare dispositivo sonoro che permette il collegamento con gli spettatori muniti di cuffie, due conduttori guidano un gruppo di spettatori-pazienti in un percorso tramvia dando vita ad una passeggiata urbana di gruppo.

La ‘Walking Therapie’ avrà luogo a Firenze dal 23 di luglio al 4 di agosto con spettacoli in strada e in tramvia. La singolare piece itinerante è a cura del teatro di Rifredi e con Luca Avagliano e Gregory Eve, testo e regia di Nicolas Buysse, Fabrice Murgia, Fabio Zenoni, traduzione di Angelo Savelli, concezione sonora e musiche di Maxime Glaude.

L’obiettivo è liberare i partecipanti dal loro individualismo e dai loro pudori nell’esprimersi in faccia al mondo esterno.

Uno dei conduttori, ex paziente ora guarito, proposto dal terapeuta-santone come esempio della riuscita del suo metodo psicofisico, subisce nell’arco della camminata un’inarrestabile involuzione che lo porterà dallo smarrimento al tracollo personale e della terapia.

Ad interpretare il terapeuta-santone ed il suo imbranato assistente Gregory Eve e Luca Avagliano, due giovani attori che, passati dalle più disparate esperienze, dalla conduzione radiofonica all’Accademia d’Arte Drammatica, dal musical alla prosa d’autore, dal comico al drammatico, hanno trovato un terreno comune nel campo dell’improvvisazione teatrale.

La prima parte dello spettacolo si terrà al Teatro di Rifredi; la seconda sarà nella tramvia, mentre la terza in strada a Scandicci. Ci sono raccomandazioni per gli spettatori: munirsi di scarpe comode e di un documento di identità.

L'articolo Firenze, Walking Therapie: il teatro sale in tramvia proviene da www.controradio.it.

OPEN CITY 2018 a Scandicci

OPEN CITY 2018 a Scandicci – “IN PAROLE E MUSICA”

Piazza G. Matteotti, Scandicci (FI)

NELL’AMBITO DELLA RASSEGNA OPEN CITY 2018 DEL COMUNE DI SCANDICCI

L’Accademia Musicale di Firenze presenta INCONTRI D’ESTATE “IN PAROLE E MUSICA”
Un ricco ed interessante programma di eventi che si svolgeranno dal 25 giugno al 18 luglio in Piazza G.Matteotti.

Venerdì 6 luglio – ore 21.15

“LEI, LUI, L’ALTRO/A OVVERO: 3, IL NUMERO IMPERFETTO”
Associazione Gams Ensemble
Quintetto d’archi GAMS ENSEMBLE :
Emma Lanza e Giovanna Berti, violini
Luna Michele ,viola
Francesco Pezzatini, violoncello
Eugenia Barone, contrabbasso
con Edoardo Rosadini, voce
Diletta Landi , voce

Lunedì 9 luglio – ore 21.15

BIG BAND della Filarmonica Bellini
Direttore Tolmino Marianini
A cura della Filarmonica Vincenzo Bellini di Scandicci.

Ingresso libero fino a esaurimento posti

 

Centinaia a Scandicci per chiedere la chiusura di CasaPound

Centinaia a Scandicci per chiedere la chiusura di CasaPound

🔈Scandicci, a quattro settimane dall’apertura della sede di CasaPound, alcune centinaia di persone hanno partecipato al corteo di protesta contro la presenza della sede di CasaPound nella zona di San Giusto.

“Quello che offende di più – fanno notare i manifestanti – è che la sede di CasaPound sia proprio nella via intitolata al martire della Resistenza Elio Chianesi”.

La manifestazione ha avuto qualche momento di tensione quando il corteo è passato per due volte all’incrocio con via Chianesi dove, fuori della sede, stazionavano una dozzina di appartenenti a CasaPound con bandiere italiane, a quel punto dal corteo sono partiti slogan e canti antifascisti che presto sono degenerati in insulti, ma la presenza delle forze dell’ordine e di un servizio d’ordine degli organizzatori ha calmato gli animi e la manifestazione è continuata pacificamente.

Fra i molti manifestanti, anche l’ex partigiano Moreno Cipriani, ed in prima fila del corteo, c’era anche Ida Chianesi, figlia del partigiano martirizzato dai fascisti Elio Chianesi, che aveva già dato il suo contributo alla causa firmando la petizione con la quale si chiede al sindaco di Scandicci la chiusura della sede di CasaPound di San Giusto.

La manifestazione era promossa dal Comitato Antifascista di Scandicci per ribadire:
– il rispetto della Costituzione e della legge Italiana che vieta l’apologia del fascismo, reato previsto dall’art. 4 della legge 20 giugno 1952, n. 645;
– la condanna di una politica che cerca di orientare la rabbia della gente contro le fasce deboli della popolazione: gli immigrati, i disoccupati, i poveri.

Hanno dato la loro adesione alla manifestazione l’ANPI provinciale e i circoli ANPI del circondario, l’ARCI provinciale e i circoli ARCI della zona, Camera del lavoro Cgil Scandicci, Flc Cgil, Fiom Cgil, Usb, Cobas, Presidio Libera di Scandicci, Rete Studenti Medi, Firenze Antifascista, Associazione Vita Indipendente, Pd, SI, Art.1-Mdp, Pap, Pci, Pmli. 

;

Gimmy Tranquillo ha intervistato alcuni partecipanti alla manifestazione:

L'articolo Centinaia a Scandicci per chiedere la chiusura di CasaPound proviene da www.controradio.it.

Vingone, viabilità normalizzata dopo allagamenti

Vingone, viabilità normalizzata dopo allagamenti

Scandicci, riaperta dopo le 19 di venerdì via della Cooperazione, dopo gli allagamenti nel quartiere del Vingone, causati dalla piena del fosso Ghindossoli a seguito delle forti precipitazioni cadute sulla zona all’incirca un paio d’ore prima.

In contemporanea alla riapertura di via della Cooperazione, è tornata alla normalità anche la viabilità in via Triozzi e via dell’Arrigo, sempre nell’area del Vingone, che erano state interessate rispettivamente dalla caduta di un tratto di muro e da uno smottamento.

Per un allagamento parziale di via di Mosciano è stato invece mantenuto un po’ più a lungo il senso unico alternato, per permettere il ripristino completo della sede stradale.

Fin dai primi minuti di criticità, dovuti alle condizioni meteo straordinarie, sono intervenute nella zona tutte le pattuglie di Polizia Municipale in servizio, oltre alle squadre del Comune e alle associazioni di Protezione Civile.

L'articolo Vingone, viabilità normalizzata dopo allagamenti proviene da www.controradio.it.

Vingone, viabilità normalizzata dopo allagamenti

Vingone, viabilità normalizzata dopo allagamenti

Scandicci, riaperta dopo le 19 di venerdì via della Cooperazione, dopo gli allagamenti nel quartiere del Vingone, causati dalla piena del fosso Ghindossoli a seguito delle forti precipitazioni cadute sulla zona all’incirca un paio d’ore prima.

In contemporanea alla riapertura di via della Cooperazione, è tornata alla normalità anche la viabilità in via Triozzi e via dell’Arrigo, sempre nell’area del Vingone, che erano state interessate rispettivamente dalla caduta di un tratto di muro e da uno smottamento.

Per un allagamento parziale di via di Mosciano è stato invece mantenuto un po’ più a lungo il senso unico alternato, per permettere il ripristino completo della sede stradale.

Fin dai primi minuti di criticità, dovuti alle condizioni meteo straordinarie, sono intervenute nella zona tutte le pattuglie di Polizia Municipale in servizio, oltre alle squadre del Comune e alle associazioni di Protezione Civile.

L'articolo Vingone, viabilità normalizzata dopo allagamenti proviene da www.controradio.it.