Gioco d’azzardo patologico

Sabato 30 Gennaio il Quartiere 4, in collaborazione con il Comune di Scandicci, ha organizzato una giornata di sensibilizzazione e contrasto al gioco d’azzardo patologico. La giornata si articolerà in due momenti: un convegno la mattina dalle 9.30 alle 12.00 nella sala Consiliare Tosca Bucarelli di Villa Vogel dove sarà analizzato il fenomeno e le strategie per prevenirlo alla presenza di esperti sul tema e con l’assessore regionale alle politiche socio-sanitarie Stefania Saccardi.

“Il gioco d’azzardo patologico è una piaga della nostra società che contribuisce ad aumentare le diseguaglianze colpendo le condizioni di salute e socio-economiche delle singole persone e delle loro famiglie in modo non facilmente recuperabile. È fondamentale partire dal basso con una campagna di sensibilizzazione e la collaborazione delle organizzazioni dei commercianti e altrettanto importante” afferma il presidente del Quartiere 4 Mirko Dormentoni. Continua la presidente della commissione Servizi Sociali del Quartiere Corinna Puggi: “Abbiamo fortemente voluto portare avanti questa iniziativa e siamo felici di farlo insieme al Comune di Scandicci. Siamo da sempre molto sensibili a questa tematica ed abbiamo già da qualche anno un protocollo di intesa per iniziative di sensibilizzazione e contrasto al gioco d’azzardo patologico con il Sert ed il Fondo Essere. Questa giornata sarà solo l’inizio di un percorso di sensibilizzazione alle problematiche che vorremmo portare avanti all’interno delle scuole superiori del nostro territorio”. Conclude la vicepresidente del Quartiere Ilaria Tesi: “Questa iniziativa nasce dalla presa di coscienza di un problema sociale subdolo e diffuso e che negli anni si è particolarmente accentuato. Lo scopo è quello di sensibilizzare i cittadini ed informarli anche sui centri a cui potersi rivolgere. Si tratta di un primo passo di un progetto più ampio che sarà sviluppato sul territorio”.

La mattina saranno presenti l’assessore del Comune di Firenze Sara Funaro e l’assessore del Comune di Scandicci Elena Capitani. Al pomeriggio (dalle 15.00 alle 18.00) si svolgerà una caccia al tesoro a squadre (aperta a tutti dagli 0 ai 99 anni) lungo l’asse della tramvia. In alcune stazioni (Nenni – Torregalli, Talenti, Paolo Uccello, Batoni, Federiga) le tante associazioni che partecipano all’iniziativa proporranno dei giochi da fare in società come cruciverba, rebus, indovinelli. L’obiettivo è quello di mettersi in gioco insieme, ma non azzardare! La premiazione sarà fatta alla stazione Resistenza. Ci si può già iscrivere chiamando lo 055-7591351 oppure tramite email a s.marini@comune.scandicci.fi.it oppure si potrà fare anche direttamente in piazza Resistenza alle ore 14.30. La giornata è fatta in collaborazione con Confcommercio e Confartigianato

Acqua a Jocotan

Acqua a Jocotan apre il Festival della Cooperazione.

Mani di persone diverse tengono un mappamondo

“Acqua a Jocotàn: dimostrazione pratica di tecniche sostenibili per l’accesso alla risorsa idrica nelle comunità rurali” è il titolo dell’incontro di mercoledì 15 gennaio 2014 alle 16 presso la saletta Cna di Scandicci (via 78esimo Reggimento Lupi di Toscana). L’iniziativa apre il Festival della Cooperazione (15 gennaio-19 febbraio) organizzato dal Forum territoriale per la Cooperazione di Firenze, con appuntamenti organizzati in varie sedi. All’incontro di apertura “Acqua in Jocotàn” di mercoledì 15 gennaio intervengono l’assessore alla Cooperazione del Comune di Scandicci Gabriele Coveri, il responsabile del Forum della Cooperazione internazionale della Provincia di Firenze Stefano Fusi, Oliviero Giorgi di Water right foundation, Elena Morselli di Mani Tese Firenze e Antonio Giacomin dell’Università degli Studi di Firenze; introduce Michela Nocetti dell’Associazione universitaria per la Cooperazione e lo sviluppo Aucs. Il seminario ha il contributo finanziario di Water Right Foundation e il patrocinio del Comune di Scandicci. Promotori del Festival della Cooperazione sono Regione Toscana, Provincia di Firenze, Forum territoriale della Cooperazione ed Euro African Partnership.

Capodanno 2014 in piazza

Capodanno 2014 in piazza e nelle piazze fiorentine, a cui quest’anno si aggiunge la nuova piazza della Resistenza a Scandicci.

Capodanno 2014 in piazza e nelle piazze fiorentine, a cui quest’anno si aggiunge la nuova piazza della Resistenza a Scandicci.
La formula è già quella rodata: cinque concerti gratuiti in cinque piazze: pop in piazza Stazione, in piazza della Repubblica ci sarà il concerto swing e jazz, in Santissima Annunziata uno spettacolo di gospel, in piazza Signoria il tradizionale concerto di musica classica e in piazza Annigoni spazio alla musica dance e ai dj set. L’organizzazione, come gli scorsi anni, è affidata alle Nozze di Figaro.
“Questa idea di Capodanno – ha sottolineato Renzi, che ha illustrato gli eventi insieme a Max Pezzali, Alessandro Bellucci delle Nozze di Figaro e Simone Gheri, sindaco di Scandicci – nacque nel 2009 da un’intuizione di Lucio Dalla, che proprio a Firenze venne a suonare in piazza Stazione, e vuole essere un invito a uscire di casa e a partecipare la città. Il Capodanno non è solo un evento ma, con la musica in piazza, aiuta a riscoprire il valore della cittadinanza, dello stare insieme, di riscoprirsi cittadini e non solo consumatori”.
“Un grazie particolare agli sponsor – ha aggiunto Renzi – che ci consentono anche quest’anno, pur in un momento di maggiore difficoltà, di realizzare un Capodanno a costo zero per i fiorentini”.
Ecco nel dettaglio gli eventi.
In piazza della stazione si parte alle 21 con Plastic man, Go!zilla, Martinicca Boison e infine Pezzali da mezzanotte. In piazza Santissima Annunziata alle 21.30 ci sarà il concerto gospel di The Anthony morgan’s inspirational choir of Harlem. In piazza della Repubblica la musica inizierà alle 22.30 con Gege’ Telesforo e Nu joy band. Sei ore di dj set e light design dalle 22 in Largo Annigoni con Terranova New Year’s light 2014. Musica classica invece in piazza Signoria (ore 23) con l’Orchestra sinfonica di Lugansk diretta da Giuseppe Lanzetta. A Scandicci invece la festa sarà in piazza della Resistenza: si inizia alle 21.30 con Gli ortolani, poi Camillocromo feat. Piero Gesuè in circus swing orchestra e alle 23 Ginevra di Marco e l’Orchestra di Piazza Vittorio; verso l’una si chiude con il dj set di Ghiaccioli & branzini e Lorenzo Hugolini.
Lo scorso anno il ‘concertone’ in piazza Stazione fu affidato ai Subsonica, e a ritroso, a Caparezza, Elio e Le Storie Tese, e ila triade Lucio Dalla-Irene Grandi-Negrita in collaborazione con Bologna nel 2009.

Capodanno fiorentino

Max Pezzali in piazza Stazione, concerti gratuiti in 5 piazze di Firenze e in una piazza di Scandicci.

Questo il Capodanno fiorentino 2013-14, secondo la formula che si ripete dal 2009. I concerti spaziano in vari generi. In piazza della Stazione, Max Pezzali, che durante la serata sarà affiancato anche da altri artisti e band fiorentine PLASTIC MAN / GO!ZILLA / MARTINICCA BOISON. Lo scorso anno fu la volta dei Subsonica, e a ritroso, di Caparezza, Elio e Le Storie Tese, e il tandem Lucio Dalla-Irene Grandi-Negrita in collaborazione con Bologna nel 2009. In piazza della Repubblica ci sarà il concerto swing e jazz, in Santissima Annunziata spettacolo gospel THE ANTHONY MORGAN’S INSPIRATIONAL CHOIR OF HARLEM, in piazza Signoria il tradizionale concerto di musica classica con l’ORCHESTRA SINFONICA DI LUGANSK – UCRAINA DIRETTORE MAESTRO GIUSEPPE LANZETTA e in piazza Annigoni spazio alla musica dance e ai dj set NEW YEAR’S LIGHT 2014.Quest’anno poi la festa si allarga anche a Scandicci: il nuovo Centro Rogers della città sarà la ‘sesta’ piazza di Firenze con il concerto dell’Orchestra di piazza Vittorio e Ginevra di Marco.

Fabbrica dei saperi Scandicci

Festa di fine lavori di restauro oggi sabato 14 dicembre 2013 per il Palazzo comunale storico, la “Fabbrica” – come era definito nella delibera del 25 febbraio 1869 che ne fissava la costruzione – “ad uso di Ufizio comunale, delle scuole, e dei loro maestri”.

“Si chiamerà proprio la Fabbrica dei saperi – ha annunicato il Sindaco Simone Gheri durante la festa di fine lavori – in omaggio al nome storico e ai servizi che ospiterà, ovvero gli uffici della pubblica istruzione e dell’istituzione Scandicci Cultura e l’Urban Center”. Da gennaio la “Fabbrica dei saperi” tornerà infatti ad ospitare servizi comunali importanti, ovvero i servizi Educativi, l’istituzione Scandicci Cultura, tutti gli uffici del Centro risorse educative e didattiche Cred (attualmente in affitto in una palazzina in via Rialdoli) e a piano terra l’Urban Center, un nuovo spazio di informazione e comunicazione metropolitano sullo sviluppo del territorio e del tessuto urbano. Tra i lavori realizzati, una passerella in vetro e acciaio per il collegamento tra le due ali dell’edificio (foto). Nel corso della festa di fine lavori, alla presenza del Sindaco Simone Gheri, l’illustrazione della progressione dell’intervento di restauro e degli interventi più importanti effettuati.