“Noi liberali Pd che ci sentiamo apolidi dopo strappo Renzi…”

“Noi liberali  Pd che ci sentiamo apolidi dopo strappo Renzi…”

Intervista con Mauro Grassi, ex direttore Irpet Firenze, ed ex  dirigente a palazzo Chigi per la missione Italia Sicura: “sono un renziano ma non condivido la scelta di Matteo nè per i tempi, né, soprattutto, per il metodo”.

C’è il rischio che tra un partito che nasce ed uno che resta (Italia Viva e Pd) una parte dei Democratici si perda, e, paradossalmente, proprio nel moltiplicarsi dei contenitori non trovi più un proprio spazio.

E’ il dibattito in corso tra i liberal-democratici del Pd che temono una svolta ìa sinistra’ del partito di Zingaretti ma non condividono nemmeno la scelta di Matteo Renzi per come p maturata.

“Renzi ha una concezione ottocentesca quella dell’uomo solo al comando, che non è più adeguata ai tempi” dice Mauro Grassi, lo abbiamo intervistato

L'articolo “Noi liberali Pd che ci sentiamo apolidi dopo strappo Renzi…” proviene da www.controradio.it.

Fattori (SI-Tosc): Pd e M5S votino nostra proposta legge elettorale su proporzionale puro

Fattori (SI-Tosc): Pd e M5S votino nostra proposta legge elettorale su  proporzionale puro

I consiglieri regionali Tommaso Fattori e Paolo Sarti hanno depositato una proposta di legge elettorale regionale di tipo proporzionale, in sostituzione del cosiddetto ‘Toscanellum’ attualmente in vigore. La legge entrerebbe in funzione per il prossimo rinnovo del Consiglio regionale e per l’elezione del presidente della Giunta.

Alla legge elettorale  vera e propri , che delinea un sistema proporzionale puro per l’elezione dell’Assemblea legislativa regionale, è affiancata una proposta di legge di modifica statutaria. Tale proposta prevede l’elezione indiretta del presidente della Regione da parte del Parlamento regionale, riaffermando la centralità dell’assemblea elettiva, similmente a quanto avviene a livello nazionale.”Sfidiamo Pd eM5S che a livello nazionale stanno discutendo di una legge esattamente come quella che noi proponiamo in Toscana, a votare il nostro documento” dice Tommaso Fattori ,presidente gruppo Sì Toscana a Sinistra.

La proposta di Sì Toscana a sinistra introduce anche la mozione di sfiducia costruttiva, a garanzia della stabilità del governo regionale. “E’ tempo di scelte nette – sottolineano i due consiglieri -, siamo da sempre coerentemente proporzionalisti e ci auguriamo che oggi siano in molti a vedere il rischio di meccanismi elettorali maggioritari che consegnano la maggioranza dei seggi a chi è minoranza nella società. I sistemi elettorali devono essere valutati indipendentemente dalle contingenze ma è evidente che se c’è un voto utile contro la Lega di Salvini è proprio quello a favore di una legge elettorale proporzionale che rappresenti le forze politiche secondo il loro reale peso nella società. Sarà inutile – concludono i due consiglieri – piangere poi sul latte versato”.

L'articolo Fattori (SI-Tosc): Pd e M5S votino nostra proposta legge elettorale su proporzionale puro proviene da www.controradio.it.

Battipaglia (SA): studenti in piazza contro ‘roghi tossici’

Battipaglia (SA): studenti in piazza contro ‘roghi tossici’

Nel giorno in cui in Toscana comincia l’anno scolastico, gli studenti di Battipaglia (SA) sono scesi in piazza dopo che, in  poco più di un mese,  due roghi di rifiuti hanno provocato altrettante nubi tossiche sulla città. La nostra intervista a Valerio Calabrese, direttore di www.battipaglianews.it

Giornata di protesta a Battipaglia. In strada gli studenti del liceo “Enrico Medi” che prima in corteo e poi con un sit in dinanzi al Comune hanno manifestato per tenere alta l’attenzione sulla situazione ambientale di Battipaglia. Molti di loro indossavano mascherine per non respirare i miasmi che provengono dagli impianti.

L’11 settembre un incendio di vaste dimensioni era  divampato,  in un’azienda che tratta rifiuti speciali nella zona industriale. A fuoco una grossa quantità di pneumatici stoccati nello stabilimento dove vengono recuperate e smaltite le gomme dei veicoli. Le fiamme si sono levate alte, causando un’imponente nube di fumo nero denso, costringendo la sindaca, Cecilia Francese, a firmare  un’ordinanza per disporre  la chiusura e la sospensione delle attività scolastiche. Chiuse anche le attività commerciali nel raggio di un chilometro dal rogo. Agli abitanti della zona è stato consigliato  “ di tenere le finestre chiuse e, nel caso, lavare accuratamente ortaggi e panni esposti all’esterno“.

Stesso invito poco più di un mese fa, quando ad andare a fuoco erano state decine di ecoballe stoccate in  un sito rifiuti di rifiuti non pericolosi, di proprietà della New Rigeneral Plast srl. Anche allora una densa nube nera di enormi proporzioni si era  stagliata nel cielo dell’area industriale di Battipaglia, ben visibile a chilometri di distanza.

“Situazione pesante, la popolazione è esasperata” ci racconta Valerio Calabrese, direttore di www.battipaglianews.it

 

L'articolo Battipaglia (SA): studenti in piazza contro ‘roghi tossici’ proviene da www.controradio.it.

Fabiani (PD): “a Roma è cambiato tutto, in Toscana fermi al Paleolitico”

Fabiani (PD): “a Roma è cambiato tutto, in Toscana fermi al Paleolitico”

Intervista con Valerio Fabiani, leader degli ‘Zingarettiani’ in Toscana e membro della direzione nazionale del Partito Democratico

“A Roma è cambiato il mondo, mentre in Toscana sembra siamo ancora fermi al Paleolitico” lo dice Valertio Fabiani, membro della direzione nazionale del partito Democratico, zingarettiano che così descrive la situazione del PD toscano in vista delle prossime regionali.

“Non servono fughe in avanti -dice Fabiani- per trovare il candidato alla poltrona di Governatore va trovata una soluzione politica”

Domenico Guarino lo ha intervistato

L'articolo Fabiani (PD): “a Roma è cambiato tutto, in Toscana fermi al Paleolitico” proviene da www.controradio.it.

“Giusto oscurare profili chi chi semina odio e violenza”

“Giusto oscurare profili chi chi semina odio e violenza”

Fa discutere la decisione di Facebook e Istagram  di oscurare gli account di Casapound e  Forza Nuova. Ne abbiamo parlato con lo storico Luca Bravi

A essere bloccati i profili ufficiali delle due formazioni politiche e quelli di alcuni esponenti locali di CasaPound. Compresa la pagina ufficiale “CasaPound Italia”, seguita da 280mila follower . Facebook, via LaRepubblica, ha subito motivato tale scelta dichiarando che i profili non rispettavano gli standard della comunità: “Le persone e le organizzazioni che diffondono odio o attaccano gli altri sulla base di chi sono non trovano posto su Facebook e Instagram. Per questo motivo – fa sapere un portavoce di Facebook – abbiamo una policy sulle persone e sulle organizzazioni pericolose, che vieta a coloro che sono impegnati nell’”odio organizzato” di utilizzare i nostri servizi”.

“Ci cancellano perché eravamo in piazza contro il” governo“, ha tuonato invece Gianluca Iannone di Casapound – “Siamo di fronte ad un attacco discriminatorio dal parte dei colossi del web. Si tratta di un attacco senza precedenti. Siamo schifati“.

Di tutt’altro tenore, ovviamente, il commento di Nicola Zingaretti: il segretario PD ha applaudito la decisione presa da Instagram e Facebook, dichiarando  “Le persone e le organizzazioni che diffondono odio o attaccano gli altri sulla base di chi sono non trovano posto su Facebook e Instagram. Una motivazione esemplare a sostegno di una scelta giusta e coraggiosa. Dobbiamo condividere e diffondere queste parole importanti per mettere fine alla stagione dell’odio. Ci sono persone che se se vincessero negherebbero ad altre persone il diritto di esistere. Non bisogna mai dimenticarlo“.

INTERVISTA CON LO STORICO, PROF. LUCA BRAVI

L'articolo “Giusto oscurare profili chi chi semina odio e violenza” proviene da www.controradio.it.