Museo Novecento, presentato programma avvenimenti estivi

Museo Novecento, presentato programma avvenimenti estivi

🔈Firenze, con 100\900 inizia l’estate del Museo Novecento con reading teatrali, concerti, lecture: un programma intenso di eventi serali gratuiti aperti al pubblico, nel rispetto delle norme di sicurezza e il distanziamento fisico.

Questo del Museo Novecento è un progetto di grande valore culturale e simbolico, una vera e propria rinascita dopo i mesi di chiusura dei musei e lo stop alle rappresentazioni teatrali e musicali.

Il Museo Novecento, unico esempio in Italia in questo periodo, si trasforma questa estate, in uno spazio teatrale corale per ospitare fino a cento posti seduti, distribuiti tra il chiostro ed il loggiato rinascimentale, luoghi suggestivi e con un’ottima acustica.

Si parte giovedĂŹ 2 luglio, con il ciclo Reading Pratolini, progetto teatrale dedicato al grande scrittore toscano, mentre venerdĂŹ 3 luglio prende il via la rassegna di concerti Piano Novecento.

Nelle settimane seguenti, saranno protagoniste nel chiostro del museo anche le opere dei grandi artisti del Novecento con Made in Italy, lezioni-racconto tenute dal direttore del museo, Sergio Risaliti. Gli eventi – tutti con inizio alle 21 – proseguiranno fino ai primi di ottobre quando il programma si concluderà fuori dagli spazi canonici del museo con una grande performance pubblica e teatrale in Piazza Santa Maria Novella.

“Siamo estremamente felici e orgogliosi di aprire al teatro e alla musica classica il nostro bellissimo museo, che si dimostra interdisciplinare e versatile, anche nell’uso degli spazi – ha dichiarato il direttore artistico del Museo Novecento, Sergio Risaliti – Vogliamo offrire ai nostri visitatori un programma estivo vasto, che faccia riscoprire, ad esempio, la storia della città di Firenze attraverso le pagine di Vasco Pratolini, per ricordarci di quanto erano ‘belli’, anche se ‘poveri’, molti ragazzi fiorentini che vivevano i quartieri popolari, pieni di dubbi e di speranze, uniti da un forte senso di solidarietà, da istinti e sentimenti antichi. Motivo di orgoglio è la collaborazione con la Fondazione del Teatro della Toscana e con la compagnia ‘iNuovi’. Non c’è soddisfazione artistica e scientifica più grande che vedere giovani attori cimentarsi con i testi di un grandissimo autore del Novecento come Pratolini, ascoltare dalle loro voci i piccoli e grandi eventi di una Firenze che è cambiata enormemente nel giro di un secolo appena, sia nei luoghi che negli animi, sia antropologicamente che urbanisticamente”.

Gimmy Tranquillo ha intervistato il Direttore del Museo 900, Sergio Risaliti:

L'articolo Museo Novecento, presentato programma avvenimenti estivi proviene da www.controradio.it.

Incontri d’arte in Manifattura Tabacchi: Elena Mazzi per ‘La Meraviglia Talks’

Incontri d’arte in Manifattura Tabacchi: Elena Mazzi per ‘La Meraviglia Talks’

Continua La Meraviglia Talks, il ciclo di incontri d’arte aperti al pubblico, durante i quali gli artisti e i curatori in visita a Manifattura Tabacchi condividono la propria esperienza e ricerca, offrendo così uno spazio di confronto per tutti, nel corso di workshop riservati agli artisti in residenza. Il prossimo appuntamento si terrà domani 15 gennaio, ore 19.00, con Elena Mazzi. L’ingresso, da via delle Cascine 35, è libero, fino ad esaurimento posti.

Durante ciascun talk, i partecipanti possono interagire direttamente con gli artisti in residenza e con i curatori ospiti, provenienti dal panorama dell’arte contemporanea, italiana e internazionale per condividere la propria esperienza e ricerca artistica.

Video, installazioni, performance, arte pubblica: ciascun artista e curatore porta in Manifattura Tabacchi il suo universo, attivando un confronto con gli artisti nel processo di formazione e proiettati nel contesto artistico cosĂŹ come con il pubblico piĂš ampio.

Dopo ogni talk segue un tour inedito all’interno degli atelier di Anna Dormio (Italia), Bekhbaatar Enkhtur (Mongolia), Giulia Poppi (Italia), Esma Ilter (Turchia), Davide D’Amelio (Italia), Negar Sh (Iran), i sei artisti de La Meraviglia, il secondo ciclo del progetto di Residenze d’Artista di Manifattura Tabacchi, seguito da Paolo Parisi in qualità di tutor, e curato da Sergio Risaliti.

ELENA MAZZI

Reggio Emilia, 1984. Ha studiato Storia dell’Arte presso l’Università di Siena. Nel 2011 si è laureata in Arti Visive presso lo IUAV di Venezia. Ha trascorso un periodo di studi all’estero presso la Royal Academy of Art (Konsthogskolan) di Stoccolma. La sua poetica riguarda il rapporto tra l’uomo e l’ambiente in cui vive, il modo in cui l’essere umano decide di operare in esso, apportando un cambiamento. Seguendo prevalentemente un approccio antropologico, questa analisi indaga e documenta un’identità sia personale che collettiva, relativa a uno specifico territorio e che dà luogo a diverse forme di scambio e trasformazione. Le sue opere sono state esposte in mostre personali e collettive, tra cui: Whitechapel gallery di Londra, GAMeC a Bergamo, MAMbo a Bologna, AlbumArte a Roma, Sonje Art Center a Seoul, Palazzo Fortuny a Venezia, Fondazione Golinelli a Bologna, Centro Pecci per l’arte contemporanea a Prato, 16° Quadriennale di Roma, GAM di Torino, 14° Biennale di Istanbul, 17° BJCEM Biennale del Mediterraneo, Fittja Pavilion durante la 14° Biennale d’Architettura di Venezia, COP17 a Durban, Istituto Italiano di Cultura a New York, Bruxelles e Stoccolma, XIV BBCC Expo a Venezia, Fondazione Bevilacqua La Masa.

MANIFATTURA TABACCHI

Manifattura Tabacchi è un complesso di 16 edifici industriali costruiti nel corso degli anni 30, elegantemente disposti su circa 100.000 mq di superficie a creare una varietà di piazze, strade e passaggi. A seguito della chiusura avvenuta il 16 marzo del 2001, dopo più di sessant’anni di attività in cui è arrivata a dar lavoro a oltre 1400 dipendenti, nel 2016 è stato avviato il processo di riqualificazione con l’obiettivo di realizzare un progetto di rigenerazione unico nel suo genere: un nuovo quartiere per la città, un centro per l’arte, la moda e la cultura contemporanea, sostenibile, aperto a tutti e connesso al mondo. Dal 2018 promuove un intenso programma di attivazione in spazi appositamente recuperati in attesa della loro destinazione finale.

CALENDARIO DEI PROSSIMI TALK

Robert Pettena – mercoledì 29 gennaio, 19:00

Alberto Garutti – giovedì 6 febbraio, 19:00

Giacinto Di Pietrantonio – giovedì 13 febbraio, 19:00

L'articolo Incontri d’arte in Manifattura Tabacchi: Elena Mazzi per ‘La Meraviglia Talks’ proviene da www.controradio.it.

Oggi al museo Novecento la Scuola di Santa Rosa

Oggi al museo Novecento la Scuola di Santa Rosa

Il Museo Novecento, con direttore artistico Sergio Risaliti, accoglierà tra le proprie mura un’esperienza artistica d’eccezione: ospite speciale – per l’intera giornata – sarà la Scuola di Santa Rosa, libera scuola di disegno aperta a tutti.

Nata in maniera spontanea, all’aria aperta, sulla riva dell’Arno denominata – appunto – Santa Rosa, la Scuola è stata fondata nell’ottobre 2017 dagli artisti Luigi Presicce e Francesco Lauretta ed è diventata in breve tempo un luogo d’incontro, fuori dall’ordinario, per giovani e meno giovani, artisti e non.

Il punto di ritrovo abituale è il Santa Rosa Bistrot, ogni martedÏ, solitamente la mattina, qualche volta nel tardo pomeriggio. Occasionalmente, la Scuola si riunisce nel Sel Rrose a New York.  Ma si è diffusa anche in altre città: a Lecce, Roma, Milano, Corigliano Calabro.

Per coloro che la “frequentano”, la Scuola di Santa Rosa rappresenta un’immersione in un tempo diverso dal quotidiano, “libero” da stress e preoccupazioni, in cui condividere con gli altri bellezza e stupore. È un luogo dove pensare, venire educati alla bellezza interiore, imparare a respirare e a stare bene. E dove sbocciano disegni dal vivo che sono dei “piccoli miracoli”.

La Scuola di Santa Rosa sarĂ  al Museo Novecento dalle ore 11.00 alle ore 16.00. Ingresso libero, fino a esaurimento posti.

L'articolo Oggi al museo Novecento la Scuola di Santa Rosa proviene da www.controradio.it.