SICUREZZA, NARDELLA: “PRESTO A FIRENZE TELECAMERE CON RICONOSCIMENTO FACCIALE”

Nardella Sicurezza Telecamere

Il sindaco Nardella ha annunciato l’introduzione di “sistemi avanzati contro crimine, come Tel Aviv e Londra entro la fine del mandato: rinunciare a un pò di privacy per sicurezza”.

“Entro la fine del mandato vogliamo completare tutto il progetto di installazione di circa 500 telecamere, e lo faremo con un sistema di software avanzato, tra i più avanzati che ci sono al mondo, che prevede anche il riconoscimento facciale”. Lo ha detto, a margine di una iniziativa in Palazzo Vecchio, il sindaco di Firenze Dario Nardella.

Un sistema, ha spiegato il sindaco, “che aiuta anche le forze di polizia nelle attività investigative: i tre casi di omicidio di donne, di femminicidio, che abbiamo avuto a Firenze negli ultimi 3 anni sono stati risolti, quanto meno nell’individuazione dei presunti colpevoli, grazie al sistema di sorveglianza. Immaginate quindi se noi avessimo una videosorveglianza ancora più sofisticata quanto potremmo fare in più e meglio per la nostra comunità. A me quello che preme è solo la sicurezza della mia comunità e noi dobbiamo fare il massimo in termini di uomini e tecnologie, per garantirla ai fiorentini”.

Il sindaco ha anche sottolineato che “ci sono molte città nel mondo che adottano sistemi sofisticati collegati alla videosorveglianza. Penso non solo a Tel Aviv, ma a Londra, Città del Messico. Ho visto personalmente in queste città l’applicazione di questi sistemi. Ovvio che bisognerà tenere assolutamente conto di tutti i criteri limiti e modalità stabiliti dal garante della privacy. Ma i nostri cittadini credo siano disposti a rinunciare a un pezzettino di privacy in cambio di una maggiore sicurezza, contro il terrorismo, urbana, pubblica. Contro tutti quegli atti criminosi che minacciano la loro incolumità e la loro qualità della vita”.

The post SICUREZZA, NARDELLA: “PRESTO A FIRENZE TELECAMERE CON RICONOSCIMENTO FACCIALE” appeared first on Controradio.

FIRENZE, NARDELLA: “REINTRODURRE VIGILE DI QUARTIERE”

Vigili mamme

L’idea del sindaco di Firenze Nardella esposta al nuovo comandante polizia municipale Casale: “partire dalle zone più difficili: una città più controllata è più sicura.”

“Reintrodurre il vigile di quartiere, partendo dalle zone più difficili”. Dell’idea parla nella sua newsletter il sindaco di Firenze Dario Nardella. Dando il benvenuto al nuovo comandante della polizia municipale Alessandro Casale, Nardella spiega nel documento di aver parlato con lui “di tante cose da affrontare, ma una a cui tengo più di tutte l’ho messa come priorità: reintrodurre il vigile di quartiere, partendo proprio dalle zone più difficili. Perché una città più controllata è una città più sicura”, dice il sindaco.

“Ora avete i soldi per assumere vigili” aveva detto il Ministro dell’Interno Minniti lo scorso 24 marzo 2017 nel corso di un incontro a Firenze con i sindaci toscani per discutere di sicurezza organizzato dalla mozione Renzi: “il decreto è un punto di partenza grazie al quale i sindaci possono assumere i vigili urbani perché è stato sbloccato il turnover e anche l’equo indennizzo” aveva detto. Proprio nei primi mesi del 2017  erano partite le nuove assunzioni nella Polizia Municipale in vista di un aumento dell’organico e un alleggerimento del carico di lavoro, soprattutto nella fascia notturna 18-24,  per i lavoratori più anziani e le mamme. I nuovi arrivati provenivano dalla graduatoria pubblicata dopo l’ultimo concorso. La scorsa estate Federico Giannassi, assessore alla sicurezza urbana, aveva annunciato un piano di assunzioni, ma si parlava di 17 persone entro fine anno da aggiungere agli 800 vigili del corpo fiorentino.

The post FIRENZE, NARDELLA: “REINTRODURRE VIGILE DI QUARTIERE” appeared first on Controradio.

FIRENZE, NARDELLA: “REINTRODURRE VIGILE DI QUARTIERE”

Vigili mamme

L’idea del sindaco di Firenze Nardella esposta al nuovo comandante polizia municipale Casale: “partire dalle zone più difficili: una città più controllata è più sicura.”

“Reintrodurre il vigile di quartiere, partendo dalle zone più difficili”. Dell’idea parla nella sua newsletter il sindaco di Firenze Dario Nardella. Dando il benvenuto al nuovo comandante della polizia municipale Alessandro Casale, Nardella spiega nel documento di aver parlato con lui “di tante cose da affrontare, ma una a cui tengo più di tutte l’ho messa come priorità: reintrodurre il vigile di quartiere, partendo proprio dalle zone più difficili. Perché una città più controllata è una città più sicura”, dice il sindaco.

“Ora avete i soldi per assumere vigili” aveva detto il Ministro dell’Interno Minniti lo scorso 24 marzo 2017 nel corso di un incontro a Firenze con i sindaci toscani per discutere di sicurezza organizzato dalla mozione Renzi: “il decreto è un punto di partenza grazie al quale i sindaci possono assumere i vigili urbani perché è stato sbloccato il turnover e anche l’equo indennizzo” aveva detto. Proprio nei primi mesi del 2017  erano partite le nuove assunzioni nella Polizia Municipale in vista di un aumento dell’organico e un alleggerimento del carico di lavoro, soprattutto nella fascia notturna 18-24,  per i lavoratori più anziani e le mamme. I nuovi arrivati provenivano dalla graduatoria pubblicata dopo l’ultimo concorso. La scorsa estate Federico Giannassi, assessore alla sicurezza urbana, aveva annunciato un piano di assunzioni, ma si parlava di 17 persone entro fine anno da aggiungere agli 800 vigili del corpo fiorentino.

The post FIRENZE, NARDELLA: “REINTRODURRE VIGILE DI QUARTIERE” appeared first on Controradio.

SICUREZZA, SPRAY AL PEPERONCINO PER VIGILI DI PIETRASANTA

Sicurezza Spray Vigili PietrasantaLIVORNO

Gli spray urticanti al peperoncino saranno dati in dotazione alla Polizia Municipale di Pietrasanta per servizio notturno dal primo luglio. Riattivato servizio notturno del sabato fino alle 6 domenica mattina.

Spray urticante al peperoncino in dotazione della Polizia Municipale di Pietrasanta. Gli agenti della Polizia Locale potranno contrastare aggressioni o di atti violenti da parte delle persone sottoposte ad accertamenti anche utilizzando i “presidi tattico difensivi” così come previsto dalla legge regionale.  Lo spray al peperoncino, si spiega, consentirà agli agenti della Polizia Municipale di intervenire in piena sicurezza in situazioni in cui l’utilizzo della pistola risulterebbe eccessivo. L’iniziativa è stata presentata oggi dall’assessore alla polizia municipale, Andrea Cosci ed il responsabile del comando della polizia municipale, Giovanni Fiori a fianco della riattivazione del servizio notturno il sabato con pattugliamenti ed agenti operativi fino alle 6 della domenica mattina. Novità e conferme che erano state anticipate in vista dell’estate dall’amministrazione comunale guidata da Massimo Mallegni.

“Il presidio tattico – ha spiegato Fiori – deve essere utilizzato seguendo criteri e modalità precise; lo scopo è quello di garantire al personale operante di poter immobilizzare un eventuale soggetto violento o alterato e procedere agli atti conseguenti evitando lo scontro fisico ed eventuali danni collaterali. Lo spray rende inerme il soggetto e consente agli agenti di procedere con l’identificazione e, se necessario, con il fermo”. a dotazione del presidio tattico difensivo è stata resa necessaria anche in conseguenza dei casi di aggressione che avevano coinvolto, anche recentemente, gli agenti della Polizia Municipale.

L’utilizzo di questo strumento è molto semplice. Lo spray al peperoncino è un deterrente efficace ed immediato che può essere utilizzato in caso di aggressioni o di atti autolesionistiche delle persone sottoposte ad accertamenti. Tutti gli agenti hanno seguito uno specifico corso per utilizzare il nuovo strumento anti-aggressione che si è tenuto proprio a Pietrasanta da parte dell’istruttore della Scuola di polizia locale interregionale della Toscana, Liguria ed Emilia Romagna. Al corso hanno partecipato anche agenti di Livorno e Pisa.

The post SICUREZZA, SPRAY AL PEPERONCINO PER VIGILI DI PIETRASANTA appeared first on Controradio.

PISA, “DA CAMP DARBY CARICO DI ARMI VERSO LA SIRIA”

Camp Darby

E’ quanto denuncia il ‘Comitato Territoriale di Resistenza alla Guerra': “l’11 e 12 giugno la nave Usa ‘Liberty Promise’ ha fatto scalo a Livorno per trasportare armi di Camp Darby verso Medioriente.”

“Ha fatto scalo a Livorno l’11 e 12 giugno, proveniente dagli Stati Uniti, la Liberty Promise”: una delle navi militarizzate del Pentagono addette al trasporto di armi lungo un circuito che collega i porti statunitensi a quelli mediterranei, mediorientali e asiatici” è quanto annunciato dal ‘Comitato Territoriale di Resistenza alla Guerra’. “La nave di tipo Ro/Ro” spiega il Comitato in un comunicato “lunga 200 metri, dotata di 12 ponti con una superficie totale di oltre 50000 mq, ha imbarcato a Livorno  un gosso carico di armi della base Usa di Camp Darby (scaricando probabilmente altre armi destinate alla stessa base).”

Un viaggio che avrebbe, poi, portato la ‘Liberty Promise’ ad attraversare il Canale di Suez “facendo scalo il 24-25 giugno ad Aqaba in Giordania e, il 27-28 giugno, a Gedda in Arabia Saudita”, qui la nave militare avrebbe scaricato armi destinate alle forze statunitensi e alleate impegnate nelle guerre in Siria, Iraq e Yemen. “La rotta della ‘Liberty Promise’ e di altre navi della  ‘Liberty Global Logistics’,  una delle compagnie statunitensi con oltre 60 grandi navi” aggiunge il comunicato “trasportano armi per conto del Pentagono”. Ed il  porto di Livorno, limitrofo alla base Usa di Camp Darby, sarebbe proprio “il principale scalo strategico nel Mediterraneo.”
Camp Darby Navi guerra Usa

Durante un altro viaggio, stavolta della nave a stelle e striscie ‘Liberty Passion’, “dopo aver fatto scalo a Livorno il 24 marzo,  aveva sbarcato il 7 aprile nel porto giordano di Aqaba 250 veicoli militari”, veicoli che, stando al Comitato, sarebbero destinati alle forze Usa e alleate operanti in Siria. “Che i blindati Usa in Siria, provengano proprio da Camp Darby ?” si chiede infine il Comitato.

The post PISA, “DA CAMP DARBY CARICO DI ARMI VERSO LA SIRIA” appeared first on Controradio.