Siena: Ruby ter, pm no rinvio udienza,accertare condizioni Cav

Siena: Ruby ter, pm no rinvio udienza,accertare condizioni Cav

I due difensori oggi hanno presentato la nuova richiesta di legittimo impedimento a causa di un nuovo ricovero di Berlusconi, che è stata accolta dal tribunale nel processo Ruby Ter

Al processo Ruby ter a Siena, ripreso mattinata oggi, il pm si è opposto alla richiesta di rinvio per legittimo impedimento avanzata dalla difesa di Silvio Berlusconi perchè ricoverato. Il pm ha anche chiesto al collegio di disporre accertamenti medici per capire se l’impedimento abbia carattere assoluto e per quanto tempo esso si protrarrà. Sempre la pubblica accusa si è opposta alla richiesta di stralcio avanzata dalla difesa di Danilo Mariani, il pianista senese di Arcore, imputato insieme a Berlusconi.

Il tribunale si è ritirato in camera di consiglio per decidere. Berlusconi a Siena è imputato di corruzione in atti giudiziari: per l’accusa avrebbe pagato Mariani per indurlo a falsa testimonianza sul caso Olgettine. Il pianista è imputato di falsa testimonianza.

Silvio Berlusconi “vuole rendere dichiarazioni spontanee in aula”. Lo hanno spiegato, uscendo dal tribunale di Siena dove si è tenuta la nuova udienza, poi rinviata, del processo Ruby ter, i due legali del leader di Fi, gli avvocati Federico Cecconi e Enrico De Martino. I due difensori oggi hanno presentato la nuova richiesta di legittimo impedimento a causa di un nuovo ricovero di Berlusconi, che è stata accolta dal tribunale. Il rinvio disposto è di una settimana, al 15 aprile, quando si potrebbe arrivare a sentenza. Il pm Valentina Magnini, che oggi si era opposta al rinvio, ha già fatto le richieste il 13 febbraio: 4 anni e 2 mesi per Berlusconi, imputato di corruzione in atti giudiziari perchè per l’accusa avrebbe pagato Danilo Mariani, il pianista senese di Arcore, per indurlo a falsa testimonianza sul caso Olgettine. Per Mariani, accusato di falsa testimonianza, la richiesta del sostituto procuratore è stata di 4 anni e mezzo di reclusione.

L'articolo Siena: Ruby ter, pm no rinvio udienza,accertare condizioni Cav proviene da www.controradio.it.

Denis Verdini ai domiciliari per ‘rischio covid’

Denis Verdini ai domiciliari per ‘rischio covid’

L’ex braccio destro di Silvio Berlusconi e coordinatore del Pdl aveva varcato l’ingresso del penitenziario romano il 3 novembre scorso poche ore dopo che la corte di Cassazione lo aveva condannato a sei anni di reclusione nell’ambito del processo per il crac del Credito cooperativo fiorentino.

Dopo 85 giorni di carcere l’ex senatore Denis Verdini va ai domiciliari. Il tribunale di
Sorveglianza di Roma, accogliendo una istanza dei difensori, con un provvedimento urgente ha disposto la scarcerazione dell’ex segretario di Ala. Alla base del provvedimento la drammatica situazione in cui versa il carcere di Rebibbia da alcune settimane per la diffusione del coronavirus e che ha portato alla chiusura di alcune sezioni.  I giudici hanno quindi deciso per la scarcerazione di Verdini, che il prossimo 8 maggio compirà 70 anni, disponendo una detenzione domiciliare provvisoria in quanto il regime carcerario, con l’esponenziale aumento dei contagi da Covid 19, non è compatibile con le condizioni di salute dell’ex parlamentare. Verdini trascorrerà il periodo di detenzione pressa la propria abitazione di Firenze.

L’ex braccio destro di Silvio Berlusconi e coordinatore del Pdl aveva varcato l’ingresso del penitenziario romano il 3 novembre scorso poche ore dopo che la corte di Cassazione lo aveva condannato a sei anni di reclusione nell’ambito del processo per il crac del Credito cooperativo fiorentino.

In appello Verdini era stato condannato a sei anni e dieci mesi di reclusione il 3 luglio del 2018. In primo grado gli erano stati inflitti nove anni, poi ridotti per alcune prescrizioni
legate ai reati di truffa sui fondi pubblici dell’editoria. Nel processo davanti alla Suprema Corte il pg Pasquale Fimiani aveva chiesto l’annullamento con rinvio della sentenza di secondo grado in quanto aveva ritenuto accertati alcuni fatti di bancarotta mentre su “numerosi altri episodi” riteneva necessario un ulteriore approfondimento. Una richiesta che però non era stata accolta dai giudici di piazza Cavour che hanno confermato sostanzialmente la condanna di secondo grado.

Per Verdini inoltre, pende una richiesta di rinvio a giudizio avanzata dalla Procura di Roma il 18 dicembre scorso per uno dei filoni della maxinchiesta sul caso Consip. Nei suoi confronti i magistrati di piazzale Clodio contestano i reati di turbativa d’asta e concussione. La vicenda, che risale al biennio 2014 al 2016, ruota quasi esclusivamente su presunti
illeciti intorno al mega appalto FM4. 

L'articolo Denis Verdini ai domiciliari per ‘rischio covid’ proviene da www.controradio.it.

Berlusconi, sono sicuro che vinceremo in Toscana

Berlusconi, sono sicuro che vinceremo in Toscana

Il presidente di Forza Italia è intervenuto telefonicamente alla manifestazione del centrodestra per la chiusura della campagna elettorale di Susanna Ceccardi. ASCOLTA LA DIRETTA DI RAFFAELE PALUMBO

“Non possono più ignorarci, possono solo combatterci ma è troppo tardi, si sono svegliati tardi: adesso andiamo a vincere”. Lo ha detto Susanna Ceccardi, candidata del centrodestra alla presidenza della Regione Toscana, nel corso della manifestazione di chiusura della campagna elettorale a Firenze. “Spero che anche il governo nazionale avrà un’altra guida – ha aggiunto – ma sono pronta a parlare con chiunque per portare risultati alla nostra regione”.

“Se questa terribile e subdola malattia non me lo avesse vietato, sarei lì con voi in questa serata di festa, col centrodestra ancora una volta unito per chiudere una intensa e bella campagna elettorale che, sono sicuro, ci porterà per la prima volta nella storia a governare la Toscana” ha detto invece Silvio Berlusconi in collegamento telefonico.

“Vogliamo una sanità in cui si possa lavorare indipendentemente dalla tessera di partito che si ha. Troppi luminari sono scappati perché soffocati dalla politica. Luminari che vogliamo riportare negli ospedali della Toscana” ha affermato invece  Giorgia Meloni, segretaria di Fratelli d’ItaliaMentre Salvini tra le altre cose ha dichiarato:  “In questa terra di bellezza posso dire che la Toscana ‘eppur si muove’….”. Lo afferma il segretario della Lega, Matteo Salvini, alla manifestazione
unitaria del centrodestra.

L'articolo Berlusconi, sono sicuro che vinceremo in Toscana proviene da www.controradio.it.