🎧 Giani: “Non vaccinati appesantiscono sistema tamponi”

🎧 Giani: “Non vaccinati appesantiscono sistema tamponi”

Firenze, nel corso di una conferenza stampa in cui veniva fatto il punto sui nuovi dati dell’epidemia di Coronavirus, a proposito della vaccinazione, il governatore della Toscana Eugenio Giani, ha evidenziato i dati dei pazienti ricoverati: “I non vaccinati generano l’84% delle posizioni in terapia intensiva, mentre i vaccinati solo il 6,8%, di cui con la terza dose sono il 2,6%”.

“Stiamo incrementando il livello di ‘tamponatura’, tanto è vero che oggi abbiamo segnato il record assoluto con 79mila tamponi – ha detto poi il presidente Giani – Vorremmo arrivare a 100mila tamponi, e ci adopereremo per questo proprio perché il tracciamento è importante. Ai cittadini dico di andare a fare il tampone se si ha qualche sintomo, non semplicemente per sicurezza come qualcuno mi ha detto”.

In podcast le dichiarazioni del presidente Giani e dell’assessore Bezzini.

“Cercheremo anche di eliminare quelle sacche di tamponi fatti per questioni occasionali – ha aggiunto -, dobbiamo ridurre quell’appesantimento sul sistema dei tamponi creato dai no vax. Per questo io sostegno che qualsiasi intervento vada verso l’obbligo vaccinale, in primis quello dei lavoratori”.

Per quanto riguarda i nuovi casi di Covid, Giani ha detto che in Toscana “abbiamo dati chiaramente alti, sopra i 18mila. Era nelle nostre previsioni perché sapevamo che dopo i giorni di festa si sono accumulati i tamponi da processare e c’è stato più contatto fra la popolazione. Ce lo aspettavamo che sarebbero stati giorni problematici. I dati di oggi li definisco ‘record di contagi e record di tamponi’. Sarà anche con l’aumento dei tamponi che affronteremo il problema del tracciamento”.

Organizzare e potenziare strutture di cure intermedie in Toscana, nelle quali ricoverare coloro che finiscono in ospedale non a causa del Covid, ma per altre patologie o necessità, e che, in quell’occasione, si scoprono positivi al tampone. Si tratta, secondo le prime stime, di circa il 30% dei ricoverati. E’ quanto poi spiegato dal presidente della Toscana, Eugenio Giani e dall’assessore regionale al diritto alla salute, Simone Bezzini.

“Cercheremo di utilizzare luoghi di cure intermedie che vadano oltre l’aspetto ospedaliero – ha detto Giani – perché si sta prefigurando una quota sempre più consistente di persone che vanno in ospedale per altre ragioni e casualmente scoprono di essere positive al Covid. E in questo caso vanno nel reparto Covid, ma in realtà dovrebbe andare in un posto diverso che andrebbe chiamato ‘ospedale di comunità’ ovvero di lunga degenza da cure intermedie”.

Per questa riorganizzazione, ha aggiunto il governatore, “ci aiuterà la Croce Rossa mettendo a disposizione i Fraticini, non solo per le vaccinazioni, ma per darci dei letti intermedi, e poi andremo a cercare altre sedi in tutte e tre le Asl. Faremo subito un sopralluogo a Camerata per capire se possiamo trasformarla in questo senso. Sulla costa si parla di Monterotondo a Livorno, dell’incremento del San Luca a Lucca con altri spazi, analoga situazione a Massa. Insomma io ho dato l’input affinché i nostri direttori generali possano pensare all’interno del nostro patrimonio sanitario di anticipare quello che nel Pnrr sarà l’ospedale di comunità”.

“Stamani – ha poi spiegato Bezzini – nella riunione degli assessori alla sanità stimavamo che questo fenomeno già si stia assestando intorno al 30%, cioè il 30% circa dei ricoverati negli ospedali nei reparti Covid in realtà sono ricoveri con Covid e non per Covid. E quindi qui si pone l’esigenza di ulteriori elementi di innovazione”.

L'articolo 🎧 Giani: “Non vaccinati appesantiscono sistema tamponi” da www.controradio.it.

🎧 Toscana, Bezzini positivo al Covid: “in isolamento ma operativo”

🎧 Toscana, Bezzini positivo al Covid: “in isolamento ma operativo”

Toscana, l’assessore regionale alla Sanità Simone Bezzini è risultato positivo al Covid e dunque in isolamento domiciliare ma prosegue nel suo impegno ai tavoli per gestire l’aumento dei contagi e il sistema di tracciamento.

Aumento dei tamponi molecolari quotidiani per arrivare ad almeno 20.000, messa a disposizione di almeno 25.000 tamponi antigienici rapidi al giorno, rafforzamento delle tre centrali di tracciamento. Sono queste le linee d’azione individuate dalla Regione  per fronteggiare l’ulteriore impennata di casi di Covid-19 in Toscana. L’aumento dei casi a causa della variante Omicron  è stato al centro di una riunione presieduta da Giani, cui hanno partecipato l’assessore alla sanità Simone Bezzini, il direttore di sanità Federico Gelli, il direttore di Estar e i direttori delle Asl territoriali e ospedaliere.
Ai microfoni di Controradio gli aggiornamenti dall’assessore Bezzini che è risultato positivo e continua a gestire la situazione dalla quarantena.

L'articolo 🎧 Toscana, Bezzini positivo al Covid: “in isolamento ma operativo” da www.controradio.it.

🎧 Vaccino under 12: Bezzini, hub e pediatri per somministrazione dalla prossima settimana (Ascolta l’intervista)

🎧 Vaccino under 12: Bezzini, hub e pediatri per somministrazione dalla prossima settimana (Ascolta l’intervista)

Vaccini under 12: la Toscana è pronta per la vaccinazione contro il Covid dei bambini nella fascia d’età 5-11 anni. Lo ha confermato stamani ai microfoni di Controradio l’assessore alla Salute Simone Bezzini, in vista della conferenza stampa di oggi di annuncio della tempistica e delle modalità. Fra le anticipazioni due i canali di accesso alla somministrazione: gli hub, i punti di vaccinazione legati al portale vaccinale della Regione e i pediatri di famiglia, coi quali nelle prossime ore la Regione dovrebbe sancire un’intesa. Prenotazioni dal week end e somministrazioni dalla prossima settimana.

“Siamo pronti- spiega l’assessore alla Sanità Simone Bezzini – stiamo definendo i dettagli per aggredire questo nuovo target di popolazione da vaccinare, perché estendere la protezione diventa un elemento fondamentale per limitare il contagio. Ce lo dicono i dati. I target di popolazione che sono più coperti hanno una riduzione del contagio e degli effetti sulla salute”.

In questo senso, precisa, “la terza dose è importantissima, al tempo stesso però dobbiamo estendere ulteriormente le prime dosi alla fascia 5-11 anni ma anche a coloro che fino ad oggi hanno avuto qualche diffidenza e fortunatamente ci stanno ripensando. Vediamo da alcuni giorni che stanno riprendendo le prime somministrazioni: 1.500, 1.600 toscani al giorno aderiscono alla campagna contro una media che era arrivata a circa 500 al giorno”.

Ascolta l’intervista integrale all’assessore Simone Bezzini a cura di Chiara Brilli e Gimmy Tranquillo.

L'articolo 🎧 Vaccino under 12: Bezzini, hub e pediatri per somministrazione dalla prossima settimana (Ascolta l’intervista) da www.controradio.it.

🎧 “Giornata della partecipazione in sanità”

🎧 “Giornata della partecipazione in sanità”

Firenze, si tenuta lunedì 6, nella sede della presidenza della Regione Toscana la “Giornata della partecipazione in sanità”, un’iniziativa che ha come obiettivo quello di fare un bilancio sulle azioni svolte dal Sistema di partecipazione del Servizio sanitario e di promuovere un confronto sugli sviluppi futuri.

Il sistema di partecipazione in sanità promuove la partecipazione dei cittadini alla definizione delle politiche sanitarie attraverso il Consiglio dei cittadini per la salute e i comitati di partecipazione aziendali e territoriali, per lo sviluppo di un sistema sanitario e sociale coerente con i bisogni dell’utente, accessibile, equo e appropriato. Durante la manifestazione, sono state presentate esperienze e progetti innovativi che favoriscono la partecipazione dei cittadini sui temi della salute, ed è stato consegnato il Premio “Buone pratiche per una partecipazione attiva Regione Toscana 2020”, che ha raccolto e censito esperienze realizzate sul territorio toscano.

In podcast Simone Bezzini, assessore al diritto alla salute e alla sanità della Regione Toscana sottolinea l’importanza della Partecipazione nella sanità, abbiamo sentito

La Toscana è fra le Regioni all’avanguardia per la realizzazione di strumenti di partecipazione dei cittadini alle politiche sanitarie, avendo realizzato poco più di tre anni fa, tra le prime in Italia, una legge di partecipazione in sanità (la 75 del 2017), incentrata sulla costituzione di appositi comitati quali colonne portanti del sistema, con la funzione di rappresentare nelle apposite sedi partecipative i bisogni e le necessità dei territori.

Fra l’altro, il Consiglio dei cittadini per la salute (attivo di fatto da settembre 2018, di cui l’assessore Bezzini è presidente) è uno degli organismi di partecipazione previsti da questa legge, e consente un’ampia e attiva partecipazione alla pianificazione, programmazione e al buon funzionamento dei servizi sanitari, in stretta collaborazione con gli organi istituzionali. Iniziative come quella di lunedì prossimo sono, dunque, finalizzate a valorizzare le esperienze, maturate attorno al tema della partecipazione e dei progetti, che evidenziano le buone pratiche, dalle quali possono determinarsi elementi di imitazione.

L'articolo 🎧 “Giornata della partecipazione in sanità” da www.controradio.it.

Firenze, sabato Ispro, Rotary e Lilt in piazza per prevenzione tumore seno

Firenze, sabato Ispro, Rotary e Lilt in piazza per prevenzione tumore seno

Screening, mammografie, attività non sanitaria di riabilitazione, conferenze di educazione alla prevenzione oncologica per l’intera giornata di sabato prossimo a Villa delle Rose. obiettivo: incerementare la prevenzione contro il tumore al senso

 

Al via la terza edizione 2021 del progetto “Prevenzione tumore al seno”, anche quest’anno organizzato dal Rotary Club Fiesole con l’aiuto della Fondazione Rotary e in collaborazione con Ispro (Istituto per lo studio, la prevenzione e la rete oncologica) e Lilt di Firenze.

Questa nuova edizione del progetto (che è un ‘district grant’ in quanto si avvale di una sovvenzione distrettuale) si terrà sabato prossimo 13 novembre a Villa delle Rose, sede di Ispro, in via Cosimo Il Vecchio 2, a Firenze.

Sarà una giornata interamente dedicata alla prevenzione tramite una serie di iniziative diversificate, che si svolgeranno già a partire dalla mattina.

Sono infatti previsti: attività ambulatoriale di mammografia in orario 9-13 e 14-18; conferenze di educazione alla prevenzione oncologica su “Alimentazione e movimento per la prevenzione dei tumori”, “Lotta al tabagismo” (Sala Incontri: prima edizione in orario 10-13, seconda 2 edizione dalle 15 alle 18); attività, non sanitaria, di riabilitazione oncologica; lezioni dimostrative di rilassamento, di gruppi di sostegno in oncologia, di tai chi chuan e di ginnastica posturale nella riabilitazione oncologica (in palestra dalle 9 alle 13).

“La Toscana è sempre stata molto sensibile a queste problematiche di salute, che finiscono per coinvolgere non solo la persona colpita, ma l’intera famiglia – commenta il presidente Eugenio Giani -. Apprezziamo quindi molto iniziative di screening e di sensibilizzazione sul tema come queste, che nascono dalla stretta collaborazione di realtà associative come il Rotary, che opera con spirito di servizio sul territorio, e la Lilt fortemente impegnata sul fronte della prevenzione delle malattie oncologiche in stretta sinergia con Ispro, il nostro centro di eccellenza per la diagnosi e cura di queste patologie”.

“Ringrazio il Rotary per aver organizzato questa preziosa giornata – afferma l’assessore regionale al diritto alla salute Simone Bezzini – perché la prevenzione salva la vita e va promossa e sostenuta con forza sia in azioni che in ‘cultura’. La Toscana ne ha fatto un principio cardine delle proprie politiche sanitarie e può contare su un istituto dedicato alla prevenzione oncologica, anche sede dell’osservatorio nazionale di screening. È importante che le donne che hanno effettuato lo screening vengano prese in carico in modo efficace attraverso la nostra rete delle cosiddette breast unit, centri di senologia multidisciplinari, pilastro del servizio sanitario regionale, che garantisce qualità e diritti”.

“La prevenzione è molto importante, favorisce una diagnosi precoce, cure tempestive e mirate, e soprattutto una migliore prospettiva di guarigione delle donne con patologia tumorale al seno – spiega il direttore generale di Ispro Gianni Amunni -. La pandemia da Covid ha messo in grande difficoltà anche le nostre attività di screening oncologici, che in questi ultimi mesi abbiamo sostanzialmente recuperato, per continuare a investire sempre di più su questo fronte. L’open day di sabato prossimo consente di aprire le porte di Ispro alla nostra comunità e offrire un programma variamente articolato di screening e approfondimenti per l’intera giornata”.

“Questa iniziativa è importantissima – sottolinea Susanna Bausi, vice presidente della Lilt di Firenze – la prevenzione può salvare la vita. Noi siamo fortemente impegnati sul territorio anche con attività di riabilitazione oncologica che accompagnano le donne lungo il loro percorso di vita, aiutandole a rinascere e a recuperare nuovamente la loro dimensione femminile. La sanità pubblica di qualità, come quella garantita da Ispro e dalla sua rete oncologica, è fondamentale per le donne che devono confrontarsi con il tumore al seno e intraprendere un percorso assistenziale adeguato, anche di supporto psicologico, per rinascere nuovamente più forti di prima. Ringrazio tutti gli attori di questo progetto così significativo, che fa sentire meno soli i pazienti oncologici”.

“Il nostro vuole essere un piccolo contributo alla sensibilizzazione sull’importante e fondamentale tema della prevenzione, sollecitando l’impegno delle donne a sottoporsi agli screening e agli esami di controllo, raccomandati per la diagnosi precoce – spiega Pietro Belli, presidente del Rotary Club Fiesole -. Anche quest’anno, dopo la pausa imposta dalla pandemia, il nostro Rotary ha deciso, quindi, di riprendere il progetto ‘Prevenzione Tumore al Seno’ in collaborazione con Ispro e Lilt di Firenze, grazie al determinante finanziamento della Rotary Foundation e alla partecipazione di un nutrito gruppo di altri Rotary Club fiorentini, che ringrazio per aver aderito prontamente e con entusiasmo all’iniziativa. Per l’edizione di quest’anno diversamente dalle due precedenti, dove veniva allestita un’unità mobile in una piazza centrale di Firenze, abbiamo l’onore e il piacere di essere ospitati da Ispro, nella loro sede di Villa delle Rose, dove, oltre alle mammografie, verrà offerta una gamma più ampia di servizi. Mai come adesso – prosegue – è importante recuperare il tempo e le energie, giustamente e prioritariamente impiegate per combattere il Covid19, e ridare un’adeguata e meritata attenzione a temi come la prevenzione al tumore al seno, che rimane sempre una malattia che colpisce tante donne (e anche gli uomini, seppur in una percentuale molto più contenuta), confermandosi come il tumore più diffuso tra la popolazione femminile. Ringrazio il presidente Giani e l’assessore Bezzini per il sostegno offerto nel promuovere questa nostra iniziativa al servizio della comunità”.

Per la partecipazione alle conferenze (16 persone massimo per ogni edizione) e alle lezioni dimostrative di riabilitazione (4 persone per ciascun corso previsto) è necessaria la prenotazione e il possesso della certificazione green pass. Tale certificazione non è richiesta per le utenti che prenoteranno la mammografia.

Per le prenotazioni degli esami mammografici e per gli altri eventi occorre telefonare al numero 055/576939, dal lunedì al venerdì, in orario 9-13.30. Le prenotazioni possono essere effettuate fino al prossimo 11 novembre.

Le mammografie sono riservate alle donne con un’età superiore ai 40 anni, in possesso di richiesta medica di “mammografia per prevenzione oncologica” ed è previsto il pagamento del ticket se dovuto.

Come noto, il tumore al seno è la prima neoplasia più frequente in assoluto nella popolazione femminile e anche se la mortalità è in continuo calo, rimane ancora la prima causa di decesso per patologia oncologica per le donne nel nostro Paese.

Da qui la realizzazione di questo progetto di prevenzione, reso possibile grazie ai Rotary Club di: Fiesole (capofila), Firenze Sud, Firenze Nord, Firenze Brunelleschi, Firenze Sesto Michelangelo, Firenze Lorenzo Il Magnifico, San Casciano Chianti, Bisenzio Le Signe, E-Club Distretto 2071, Rotaract Club Fiesole e Interact Fiesole.

L'articolo Firenze, sabato Ispro, Rotary e Lilt in piazza per prevenzione tumore seno da www.controradio.it.