S.O.S compiti: sostieni il progetto dell’Oltrarno per il supporto didattico gratuito

S.O.S compiti: sostieni il progetto dell’Oltrarno per il supporto didattico gratuito

Intervista di Chiara Brilli a Gaia Poli, professionista nel campo dell’educazione universitaria internazionale ed educatrice volontaria , insieme alla collega Camilla, per il progetto “S.o.S. compiti” al giardino Nidiaci Ardiglione di Firenze. Ascolta anche la testimonianza di Amina, giovane di 15 anni che è stata supportata dal progetto e che ha scritto una lettera che pubblichiamo integralmente, per sensibilizzare chi vorrà dare un contributo economico affinché questa progettualità didattica possa proseguire anche da settembre.

 

Caro Direttore,

mi chiamo Amina, ho 15 anni e amo studiare. Sono appena stata ammessa al secondo anno di liceo classico; durante questo mio primo anno ho faticato molto ad adeguarmi al metodo di studio proposto all’interno di questo indirizzo, nonostante io mi sia impegnata tanto. Nel cercare supporto didattico al di fuori dell’istituto in cui studio, sono venuta a conoscenza del progetto “S.O.S. compiti“, progetto su cui vorrei richiamare la sua attenzione e quella dei suoi ascoltatori.
Il progetto “S.O.S. compiti“ è un servizio che supporta bambini ed adolescenti delle scuole elementari, medie e superiori, nello svolgere i compiti assegnati dagli insegnanti, e nell’assorbimento e l’elaborazione del contenuto didattico. Il servizio nasce in forma gratuita, strutturato in incontri bisettimanali di supporto e condivisione didattica, ed è organizzato dalla ONLUS “Associazione amici del Niciadi in Oltrarno“, presso il Giardino dei Nidiaci in via dell’Ardiglione.
Questo spazio per l’infanzia nel cuore dell’Oltrarno di Firenze, è gestito dalla partecipazione attiva e volontaria di genitori e residenti del quartiere. Dopo essere stato abbandonato nel 2012, è poi tornato a ricoprire il suo ruolo di spazio verde riparato ed a disposizione dell’infanzia di San Frediano nel 2013, ed è oggi sostenuto dalla guida altruista e responsabile di Valentina Casadei, presidente dell’associazione. Grazie alla collaborazione fra questi attivi membri della comunità dell’Oltrarno e le istituzioni locali, nasce la vivace gestione del giardino.
Le invio questa lettera per chiederLe gentilmente di aiutarmi a diffondere questa associazione ed i suoi progetti. Questi non sono solo strettamente didattici ma anche sociali e di integrazione, offerti a supporto di bambini e ragazzi di origine Italiana e non, come stimolo ad andare avanti con “voglia“.
 
La ringrazio sentitamente, Amina
Questo servizio viene finanziato attraverso raccolta fondi, per aderire basta fare un bonifico all’Iban della Associazione:
IT58N0623002811000056733234
Crédit Agricole – Cariparma 11 Associazione Amici del Nidiaci in Oltrarno Onlus
Causale: supporto SOS compiti 
 
Ricordiamo che le donazioni, essendo questa una ONLUS, sono interamente detraibili dalle tasse attraverso 730 o unico. 
 
Per maggiori informazioni potete visitare la pagina Facebook dell’associazione:
Dona il 5×1000 gli amici del Nidiaci, codice fiscale 94226290487

L'articolo S.O.S compiti: sostieni il progetto dell’Oltrarno per il supporto didattico gratuito proviene da www.controradio.it.

Casa: Sunia, Firenze 7/a in Italia per gli sfratti nel 2019 

Casa: Sunia, Firenze 7/a in Italia per gli sfratti nel 2019 

In base ai dati pubblicati il 5 agosto dal ministero dell’Interno “risulta essere la settima città in Italia con più alto numero di sfratti” nel 2019, “quasi interamente” dovuti a morosità. Lo rileva il Sunia spiegando che il capoluogo toscano ha avuto l’anno scorso 802 nuove convalide di sfratto (689 per morosità, 113 per finita locazione), 2877 richieste di esecuzione con forza pubblica, 576 sfratti già eseguiti con forza pubblica.

Empoli risulta la città dell’area metropolitana con più espropri immobiliari in rapporto al numero di abitanti. Complessivamente, i dati forniti dal ministero, prosegue il Sunia, segnalano una diminuzione di circa il 20% degli sfratti nella città fiorentina (perlopiù dovuto allo spopolamento dei residenti e al fatto che le case liberate non siano rientrate nel circuito delle locazioni a favore degli affitti brevi turistici), con la caratteristica “importante e preoccupante che oltre l’86% delle sentenze sono per morosità”, “chiaro segnale di come già nel 2019 le famiglie in locazione soffrivano il fenomeno del ‘caro affitti’ fiorentino”, con un mercato nel 2019 “pesantemente ‘drogato’ dagli affitti brevi per turisti e che posizionava Firenze come la seconda città più cara per le locazioni, dopo Milano”.
“Lo scenario è drammatico, la necessità di intervenire sul mercato delle locazioni sarà un impegno urgente che la politica si dovrà prendere – dice Laura Grandi, segretaria del Sunia di Firenze -. Impegnarsi per il diritto a un affitto sostenibile dovrebbe essere la mission di tutti quelli che riconoscono la casa un elemento importante per le famiglie”.
“Il dato da tener ben presente però – aggiunge il Sunia – è la situazione odierna: il 2020 sarà un anno terribile per chi vive in affitto, con un alto numero di sofferenze per chi non riesce a pagare i canoni di locazione. Il bando per la richiesta del contributo affitto Covid ha visto 3.500 famiglie fare domanda di aiuto all’amministrazione fiorentina”.

L'articolo Casa: Sunia, Firenze 7/a in Italia per gli sfratti nel 2019  proviene da www.controradio.it.