A Rocco Commisso: “Mencucci farebbe bene alla Fiorentina”

A Rocco Commisso: “Mencucci farebbe bene alla Fiorentina”

An Open Letter to Mister Rocco Commiso, ACF Fiorentina new Owner.

Dear Mr. Rocco,
I’m a Florentine journalist that like you is from Calabria, but also like you I’m an American Citizen that lived and worked in The United States, because of that, I share with you a calabrese heart but also I understand the way of doing business of a well-established American entrepreneur as you are.

Controradio, the FM radio station for which I work, is one of the best, well respected and historic independent radio stations in Florence. We were not big, until now, in covering soccer news, but I was at your first press conference at the Franchi Stadium few weeks ago, and I can assure that because of your presence and from now on, we will not miss any actions that you will do to bring the Viola to the top of the European Soccer Apex.

Even though I know, that as an American businessman, you will follow only your heart and intuition to run the Fiorentina, I would respectfully like to steal a second from you to mention about one of the executives of the previous management of the company.

His name is Sandro Mencucci and he was the ACF Fiorentina CEO from 2002 to 2015 bringing the team from the C2 series to the A series, implementing the “fair play culture” that made Fiorentina a model club for the Italian League and for the world.

I’m positive that you already know about Sandro Mencucci, what I would like to talk about is what I witnessed since I’ve been back in Italy. In 2015, Mencucci got removed from his CEO position, unfairly according to some of my local sport colleagues, and got nominated President of the Fiorentina Women’s, because of the poor importance that the female soccer had in Italy at the time, that would have been a big blow for anyone, but not for Mencucci.

With humility and hard work Sandro Mecucci put his soul in the team and got great results getting the national championship in 2016-17, but not only that, the success and the press attention that the Fiorentina  Women’s got, influenced other famous soccer teams like Juventus, Milan and Lazio to create their own female soccer teams, projecting the Italian women’s sport internationally.

But most importantly, Sandro Mencucci was the only born and raised Florentine in the ACF Fiorentina executive team, beloved by the players, male and female and by the people of the city of Florence.

Reinstalling him will raise your popularity among the Florentines and it will be consistent with that beautiful phrase that you said in your first press conference “In vita mia non ho mai licenziato nessuno. Io sono qua per imparare, non per comandare”.

That phrase, Mr. Rocco, made me believe that something very special was about to happened in the Fiorentina team.

With all the respect that a Calabrese can have for another Calabrese, I send you my best wishes and look forward to seeing you at your next press conference.

Forza Viola!

Gimmy Tranquillo of Controradio Firenze

 

L'articolo A Rocco Commisso: “Mencucci farebbe bene alla Fiorentina” proviene da www.controradio.it.

Scuola: Toscana; 2700 classi per progetto che incentiva sport

Scuola: Toscana; 2700 classi per progetto che incentiva sport

In Toscana oltre 2700 classi per il progetto ‘Sport e scuola compagni di banco’. Saccardi: “Bisogna incentivare l’abitudine all’attività fisica”

“Il progetto ‘Sport e scuola compagni di banco’ è rivolto alle prime e seconde classi delle scuole primarie e consiste nella programmazione didattica congiunta dell’insegnante titolare di una classe con un esperto in Scienze motorie e nell’affiancamento di questo all’insegnante per un’ora settimanale per circa quattro mesi, per un totale di sedici ore all’anno”. Lo ha detto l’assessore regionale al diritto alla salute, con delega allo sport, Stefania Saccardi, intervenendo oggi a una giornata dedicata al progetto, al teatro della compagnia di Firenze, che nell’edizione 2017-18 ha coinvolto, spiega una nota, 2700 classi di quasi tutte le scuole della Toscana, e 260 esperti di educazione fisica.

Il progetto, ha osservato ancora Saccardi, vuol “promuovere lo sviluppo di interventi volti a favorire l’attività fisica all’interno del contesto scolastico e stabilire i paramenti attraverso i quali sia possibile favorire il concetto di sviluppo del corpo ed incentivare la coordinazione motoria per instaurare l’abitudine a un’attività fisica costante”.

Il progetto, che rientra nel programma Giovanisì, è sostenuto dalla Regione Toscana con un finanziamento annuale di circa 1,2 milioni di euro. “Questo progetto riveste una particolare importanza sia perché si prefigge di ampliare l’offerta formativa – ha concluso Saccardi -, promuovendo lo svolgimento dell’attività fisica a scuola, sia perché intende offrire anche delle opportunità di lavoro ai giovani laureati, dando loro la possibilità di un primo inserimento lavorativo nel mondo scolastico”.

L'articolo Scuola: Toscana; 2700 classi per progetto che incentiva sport proviene da www.controradio.it.

Reagisce a offese razziste, 5 turni di stop a baby calciatore

Reagisce a offese razziste, 5 turni di stop a baby calciatore

Per tutta la partita ha ricevuto offese razziste ed allora un baby calciatore di una squadra in provincia di Arezzo ha reagito aggredendo un avversario. Cinque turni di stop per il ragazzo e scuse presentate da parte della squadra avversaria

Per tutti i minuti in cui ha giocato è stato preso in giro a suon di epiteti razzisti ed allora un baby calciatore degli allievi B di una squadra del Casentino, in provincia di Arezzo, ha cercato di farsi giustizia da solo aggredendo un avversario. L’arbitro ha visto e lo ha annotato nel referto e per lui è scattata la squalifica per cinque turni. Al 15enne però, al termine della gara, sono arrivate le scuse degli avversari che si sono presentati nello spogliatoio.

“Il ragazzo ha sbagliato ma va tenuto conto anche delle provocazioni”, hanno detto i suoi dirigenti dopo le cinque giornate di stop. L’episodio aveva lasciato interdetto anche l’allenatore della squadra avversaria: “Si è reso conto di quanto accaduto e a fine partita ha mandato i ragazzi che avevano pronunciato quelle frasi nel nostro spogliatoio per chiedere scusa”, ha raccontato il tecnico del 15enne. La società non presenterà ricorso perchè anche “il ragazzo ha sbagliato. Non si reagisce con la violenza”.

L'articolo Reagisce a offese razziste, 5 turni di stop a baby calciatore proviene da www.controradio.it.

Cultura, sport e spettacolo per denunciare la violenza contro le donne

Cultura, sport e spettacolo per denunciare la violenza contro le donne

Per tutto il mese iniziative a Castelfiorentino in occasione della Giornata Internazionale sula violenza contro le donne (25 novembre). Rassegna cinematografica presso “La Stanza rossa” fino a marzo 2019

Cultura, sport e spettacolo per ribadire in modo unitario il proprio No alla violenza sulle donne. Per tutto il mese di novembre sono in programma a Castelfiorentino numerose iniziative in occasione della Giornata Internazionale contro la violenza sulle donne (che ricorre il 25) e nel contempo sensibilizzare la popolazione su un fenomeno che purtroppo continua a ripetersi nei fatti di cronaca, attraverso episodi di stupro, molestie, stalking e omicidi, dentro e fuori dalle mura di casa.

Il nutrito programma, che vede il coinvolgimento di numerose associazioni coordinate dallo SPI CGIL e gode del patrocinio del Comune, contempla per sabato 17 novembre (ore 18.00, Pala ABC di via XXV Aprile) il Trofeo Lilith, torneo di dodgeball femminile a sostegno del Centro Aiuto Donna Lilith (ingresso gratuito).  Venerdì 23 novembre al Ridotto del Teatro del Popolo (ore 16.30) “Storia di Vanessa”, testimonianza di Maria Grazia Forlì e riflessioni sull’applicabilità del rito abbreviato al femminicidio: interventi del Sindaco, Alessio Falorni, del Vicesindaco, Claudia Centi, dell’on. Laura Cantini e dell’avv. Veronica Vettori. A seguire (18.30) inaugurazione della “Panchina rossa”, che dovrà rappresentare un simbolo quotidiano dell’impegno e della lotta contro la violenza sulle donne (piazza Gramsci, di fronte al Caffè del Teatro).

Venerdì 30 novembre (ore 21.00) al Teatro del Popolo una serata interamente dedicata al Centro Lilith con danza libera per tutti (Kineses Centro Studi Danza e Movimento) e Teatro Zero con Emanuele Ginori. Costo del biglietto 10 euro (prevendita biglietteria del Teatro dal 23 novembre).

Ma non è finita. Il circolo del Cinema “Angelo Azzurro” organizza infatti fino alla primavera 2019 una rassegna cinematografica dal titolo “No alla violenza maschilista che uccide le donne”, presso “La Stanza rossa” in via IV Novembre 2/d.

Queste le associazioni che hanno collaborato alla realizzazione del programma, promosso dallo SPI CGIL e dal Coordinamento Donne SPI CGIL di Castelfiorentino: Auser Filo d’Argento, Avis, Sezione soci Coop Gruppo fotografico Giglio Rosso, Circolo del Cinema “Angelo Azzurro”, gruppo amatoriale “Knit Café”, Prociv Arci, ANPI, Fili in Allegria.

L'articolo Cultura, sport e spettacolo per denunciare la violenza contro le donne proviene da www.controradio.it.

Chianti: Nasce il villaggio sportivo 4.0

Chianti: Nasce il villaggio sportivo 4.0

Si chiamerà ‘Sport Village Toscana’ e sorgerà a Cavriglia, su un terreno di 50 ettari asseganti dal Comune con un bando, uno dei primi villaggi sportivi e benessere 4.0: sarà un luogo di vacanza e ‘remise en forme’ personalizzato, dove la tecnologia hi-tech accomopagnerà i turisti per tutta la durata del loro soggiorno.

Intelligenza artificiale e braccialetti digitali per monitorare i villeggianti durante il soggiorno e programmare le loro attività future . Chi soggiornerà nello Sport Village, anche per un solo giorno o anche meglio, per almeno una settimana, sarà seguito nelle sue vacanze in movimento, attraverso un braccialetto digitale il quale fornirà dati e potrà dettare un programma di lavoro personalizzato da seguire una volta tornati a casa.

Il villaggio, gestito ed organizzato da Daniele Tognaccini 8già capo dei preparatori atletici del Milan e fondatore di Milan Lab) ruoterà intorno ad una rete di piste ciclabili in parte già realizzate ed in parte ancora da costruire, alcune illuminate 24 ore su 24 che si spingono per centinaia di chilomentri fin nel cuore del Chianti. In più nel villaggio ci saranno piste per il running, piscina coperta e scoperta, campo da golf, palazzetto dello sport, campi da calcio, pallavolo, beach volley, basket, attrezzature indoor e outdoor.

Il villaggio è relizzato dal gruppo ‘Human Company’ specializzato nel settore turistico, che nel 2018 conferma il trend di crescita di presenze di turisti negli ultimi anni. Con già 8 villaggi in Italia, di cui 3 in Toscana, Human company punta a chiudere l’anno con 123 milioni di fatturato (+ 9,7% rispetto al 2017) ed un ‘occupazione media, nelle proprie strutture, di bungalow a case mobile del 90%.

L'articolo Chianti: Nasce il villaggio sportivo 4.0 proviene da www.controradio.it.