Visita guidata a San Domenico

Visita guidata a San Domenico. Alla scoperta della Chiesa e del Convento di San Domenico e dei capolavori nascosti dell’arte sacra. Sabato 3 maggio è in programma l’escursione guidata alla Chiesa e del Convento di San Domenico (ritrovo ore 10, davanti alla Chiesa di San Domenico).

File:San domenico, fiesole, int., 01.JPG
La visita porta alla scoperta del Convento dove si è formato ed a lungo ha lavorato Giovanni da Fiesole, detto l’Angelico. Anche se molte delle opere da lui qui realizzate nel corso dei secoli sono state vendute o trafugate e ora si possono ammirare agli Uffizi, al Louvre o all’Hermitage, nella Chiesa di San Domenico e nell’adiacente Convento si può ancora godere di alcuni dei suoi splendidi lavori come la Pala dell’Altare Maggiore, la sinopia della Madonna Benedicente, la Madonna della Benedizione ed il nascosto Crocifisso del Capitolo. La Chiesa ospita, inoltre, suggestive opere rinascimentali di Lorenzo di Credi e di “Cigoli”. Da non perdere la scala barocca in pietra serena attribuita al Nigetti.

Per partecipare all’iniziativa – gratuita – è necessario prenotarsi entro le ore 12 di venerdì 2 maggio ai seguenti numeri telefonici: 055.5961311 e 055.5961296 oppure registrandosi presso l’Ufficio Informazioni Turistiche del Comune di Fiesole, Via Portigiani, 3 – Fiesole.

 

Scoppio del Carro

Domenica prossima,Pasqua, con lo Scoppio del Carro si rinnova la più antica tradizione popolare fiorentina che si tramanda ormai da oltre 9 secoli e ripercorre le gesta dei fiorentini alle Crociate e del loro ritorno in città che avvenne nel 1101.File:Scoppio del carro.jpgAnche quest’anno la cerimonia si svolgerà in due momenti. Sabato 19 marzo (ore 21.20) una rappresentanza del Corteo della Repubblica Fiorentina, partirà dal Palagio di Parte Guelfa, Porta Rossa, Por S. Maria, via Vacchereccia, piazza della Signoria dove si unirà il Gonfalone col sindaco per raggiungere la Chiesa dei Santi Apostoli e Biagio per via Vacchereccia, via Por S. Maria, Borgo SS. Apostoli, piazza del Limbo. Alle 21.45 il Corteo entra in Chiesa per la benedizione, poi con il Portafuoco e il reliquiario con le Pietre del Santo Sepolcro, proseguirà per Borgo SS Apostoli, via Por Santa Maria, via Vacchereccia, piazza della Signoria, via Calzaiuoli, piazza del Duomo; alle 22.25 davanti al Sagrato del Duomo, schieramento del Corteo ai lati del Portone Centrale dove si unirà la processione che dalla sacrestia arriva sul Sagrato a seguire inizio della veglia e accensione del fuoco.
Il programma della domenica di Pasqua prevede (ore 8.15) la partenza del “Carro di Fuoco”, accompagnato dal Corteo Storico della Repubblica Fiorentina, dal deposito del Prato per raggiungere piazza del Duomo attraverso via il Prato, Borgo Ognissanti, piazza Goldoni, via della Vigna Nuova, via Strozzi, piazza della Repubblica (con ricongiungimento al Gonfalone proveniente da Piazza Signoria), via Roma con arrivo in piazza San Giovanni. Alle 9 da piazza Signoria il Corteo della Repubblica Fiorentina, con il Gonfalone e le autorità, si muoverà per via Calzaiuoli, via degli Speziali, per raggiungere piazza della Repubblica dove è prevista l’esibizione dei Bandierai degli Uffizi (e il ricongiungimento col corteo proveniente da via il Prato). Poi il trasferimento verso piazza Duomo dove (10.30) si svolgerà il sorteggio delle partite del torneo di San Giovanni di Calcio Storico Fiorentino. Alle 11 lo Scoppio del Carro

Giornata Internazionale dei Monumenti e dei Siti

Si celebrerà venerdì 18 aprile, la “Giornata Internazionale dei Monumenti e dei Siti” istituita nel 1983 dall’Unesco, su proposta dell’Icomos, per stimolare una riflessione sull’importanza del valore formativo ed educativo del patrimonio culturale. Il tema di quest’anno è “Heritage of Commemoration”, il Patrimonio della Commemorazione con un ricco programma di iniziative culturali a Firenze, a partire dal 13 aprile, tese a diffondere il valore della memoria legato alla tragedia della Grande Guerra, in occasione del centenario del primo conflitto bellico mondiale.http://www.beniculturali.it/mibac/multimedia/MiBAC/images/med/41/716347b7845652db8a5ac1bde2da95459ee12.jpg

Si comincia domenica 13 aprile con l’apertura straordinaria, dalle ore 10 alle 13, di Palazzo Coppini – Centro Studi e Incontri Internazionali Fondazione Romualdo Del Bianco, Istituto Internazionale Life Beyond Tourism (Via del Giglio, 10) e dell’Auditorium al Duomo (Via de’ Cerretani, 54r). Sarà inoltre straordinariamente aperta, dalle 10 alle 16.30, l’Accademia delle Arti e del Disegno (via Orsanmichele, 4), che ospita la conferenza del prof. Marco Lombardi “Una guerra per immagini: l’Istituto Francese di Firenze e il conflitto 1914-18″, alle ore 11.00. Inoltre, dalle 15 alle 18, piazza dell’Unità ospiterà una riflessione con i cittadini sul patrimonio artistico organizzata dall’ufficio Unesco del Comune di Firenze in collaborazione con Associazione Cantieri Animati, Fondazione Angeli del Bello, Centro Unesco Onlus, cattedra Unesco Università di Firenze.Lunedì 14 aprile sarà possibile visitare, alle 15.00, 15.20 e 15.40, il laboratorio di restauro della Lapide monumentale che rappresenta un caduto, un fante, la vittoria alata, una donna con bambino di Giuseppe Gronchi presso l’Opificio delle Pietre Dure, via degli Alfani 78 (prenotazione obbligatoria presso Associazione MUS.E Tel. 055/2768224 – 055/2768558 mail info@muse.comune.fi.it).Venerdì 18 aprile la giornata alternerà momenti di riflessione, tra memoria e protezione del patrimonio, a eventi di drammatizzazione in linea con il tema della giornata.
Accademia delle Arti del Disegno (via Orsanmichele, 4)
Ore 9,30 apertura della giornata
Saluti istituzionali
Luigi Zangheri presidente Accademia delle Arti del Disegno
Sergio Givone, Assessore alla Cultura
Maurizio Di Stefano, presidente ICOMOS Italia
Maria Luisa Stringa, presidente Centro UNESCO di Firenze
Emma Mandelli, Fondazione Romualdo Del Bianco – LBT
Interventi:
Luigi Zangheri, Accademia delle Arti del Disegno, Una politica della memoria: Dario Lupi e i parchi della rimembranza 1922-1925
Lia Brunori, Polo Museale Fiorentino, Monumenti ai Caduti: un catalogo per Firenze e la sua provincia
Carlo Francini, Comune di Firenze,  Il patrimonio artistico e la guerra: tra protezione, memoria e tragica attualità
Ore 11 inaugurazione della mostra Cultura della memoria: immagini della Grande Guerra nelle raccolte dell’Accademia delle Arti del Disegno
Ore 11,30 Famedio di Santa Croce accompagnamento e documentazione a cura dell’Opera di Santa Croce
Ore 12 Prima dell’armistizio Poesia e prosa dalla Prima Guerra Mondiale al Famedio di Santa Croce. Selezione e direzione Venti Lucenti, lettori Daniele Bacci e Daniele Bucciardini.
In occasione della giornata del 18 aprile si leggeranno testi poetici e in prosa sulla Grande Guerra, italiana e non: da Wilfred Owen a Vittorio Locchi, dal classico Remarque al meno conosciuto Henri Barbusse una carrellata di visioni e impressioni dalla voce viva di chi, prima dell’armistizio, consegnò i suoi anni migliori ad una delle più grandi tragedie che l’umanità abbia conosciuto.
Ore 18
Societa’ Dante Alighieri Comitato di Firenze, via Gino Capponi, 4
Voci dell’altra guerra, cantanti e voci recitanti Arianna Pieri, Cecilia Cazzato, Francesco Barbieri e Giulio Guidotti,  ideazione e coordinamento Anna Carletto
Testi e canzoni, brevemente raccordati da note cronologiche con poesie e prose di scrittori  famosi ma soprattutto testimonianze di gente comune (soldati, profughi…).Il programma è coordinato da Carlo Francini e Antonella Chiti dell’ufficio Unesco del Comune di Firenze.
In collaborazione con: Accademia delle Arti del Disegno, Associazione Cantieri Animati, Cattedra Unesco Università di Firenze, Centro Unesco Onlus, Fondazione Angeli del Bello, Fondazione Romualdo Del Bianco – Istituto Internazionale Life Beyond Tourism, Icomos Italia, Associazione MUS.E, Societa’ Dante Alighieri Comitato di Firenze, Opera di Santa Croce, Opificio delle Pietre Dure, Venti Lucenti.

Il cinema italiano e la Guerra in Libia

Oggi Martedì 1 Aprile, ore 18.00, Luca Mazzei, ricercatore del dipartimento di Beni Culturali dell’ Università di Tor Vergata a Roma, tiene la conferenza “Prima della Grande Guerra. Il cinema italiano e la Guerra in Libia” presso la New York University di Firenze (Villa La Pietra, via Bolognese).

La Guerra per la Libia insieme a quella per l’Egeo( 1911-1912) rappresenta una delle più dimenticate tra le guerre coloniali. Nonostante ciò fu molto accentuata la sua rappresentazione mediale dettata dal racconto bellico- fotografico ma, soprattutto, la copertura cinematografica dell’evento che fu seguito fin dalle prime fasi da operatori di case cinematografiche che contribuirono quindi a stimolare un nuovo tipo di percezione della Guerra. Non solo, ma nel periodo tra il Natale 1911 e la Pasqua 1912 furono inviate a Tripoli cinematografie collettive, a spese del Governo, delle vere e proprie cine- cartoline da proiettarse per dar conforto ai soldati. Di fatto iniziò l’era delle guerre mediatiche.
Per informazioni: www.nyu.edu

Prosegue Una volta nella vita

Nella Sala Bianca di Palazzo Pitti, a Firenze, prosegue fino al prossimo 27 aprile 2014 la mostra “UNA VOLTA NELLA VITA. Tesori dagli archivi e dalle biblioteche di Firenze”, straordinaria carrellata di 133 tra documenti e libri provenienti da 33 enti cittadini che abbracciano circa 25 secoli di storia.


La mostra, ideata e curata da Marco Ferri, da martedì 1° aprile si arricchisce di un nuovo, importante “tesoro di carta”, il Codice Rustici, il famoso libro manoscritto del XV secolo oggi al centro di un ambizioso progetto culturale: la realizzazione di una copia in fac-simile che sarà donata a Papa Francesco nel novembre 2015, quando sarà a Firenze per il Convegno Ecclesiale Nazionale.
Proveniente dalla Biblioteca del Seminario Arcivescovile di Firenze il libro manoscritto venne realizzato tra il 1448 e il 1453 da Marco di Bartolomeo Rustici ed è tuttora celebre per i suoi disegni acquerellati a colori che descrivono la Firenze di metà XV secolo, proponendo all’attenzione numerose realtà architettoniche civili e religiose oggi scomparse. Nelle prime 80 carte, infatti, il libro descrive antichi ospedali, anche minuti, collegati ad attività di beneficienza delle congregazioni religiose, rappresentazioni della Firenze antica che poi si sarebbe perdute. Le carte successive descrivono invece un pellegrinaggio al Santo Sepolcro.
Il Codice Rustici entra nella mostra “UNA VOLTA NELLA VITA. Tesori dagli archivi e dalle biblioteche di Firenze” in un momento propizio poiché è in atto il progetto attuativo dell’edizione in fac-simile con apparati, cioè la pubblicazione critica del testo a cura di Kathleen Olive, Nerida Newbigin e Riccardo Buscagli che ospiterà anche i saggi introduttivi di vari esperti: il Soprintendente per il Polo Museale Fiorentino Cristina Acidini ed Elena Gurrieri (italianista, bibliotecaria del Seminario Arcivescovile e curatrice del progetto), Franco Cardini, Francesco Gurrieri, Timothy Verdon e Francesco Salvestrini.
La realizzazione del progetto è finanziata dall’Ente Cassa di Risparmio di Firenze e l’edizione in fac-simile del libro manoscritto sarà pubblicata nel novembre 2015, in occasione della venuta a Firenze del Santo Padre, Papa Francesco I, per fargliene dono.