Piano emergenza neve

Pronto il piano emergenza neve e ghiaccio per l’inverno 2018. Venerdì scorso, in Palazzo Vecchio, si sono riuniti tutti i soggetti che dovranno garantire gli interventi: protezione civile, direzione mobilità, direzione ambiente, polizia municipale, Alia spa e aziende che collaborano con l’amministrazione comunale. Il piano operativo scatterà il 1 dicembre e terminerà il 31 marzo 2018.
Per la viabilità principale, che ha priorità di intervento, sono interessati 485 chilometri nelle seguenti zone: viali di circonvallazione nord – sud; viale Lavagnini e Careggi; viadotto Indiano e viale XI Agosto; via Aretina, Cure Oberdan Masaccio; via Pistoiese, via Baracca e Porta al Prato; piazza Gaddi, viale Talenti, Torregalli, Legnaia, Soffiano, Isolotto e Argingrosso; via Forlanini e via Vittorio Emanuele; via Faentina, Cure alte, San Domenico e Settignano; viadotto Marco Polo e Lungarni da nord a sud; viale Redi, via Mariti e Rifredi; viale Guidoni, via Pistoiese e via Baracca; Firenze sud e Affrico; via Bolognese.
A seguire, tutte le altre zone della città saranno interessate dallo sgombero neve o eventuale salatura delle strade. In particolare, al centro storico sono destinati 10 piccoli spargisale.
Complessivamente saranno messi in campo 33 mezzi tra spargisale e spalaneve; 500 tonnellate di sale stoccato da Alia e 330 tonnellate sale stoccato dall’amministrazione comunale.
Tutte le operazioni saranno coordinate dalla sala operativa comunale della protezione civile che si avvarrà della collaborazione delle associazioni di volontariato.

L’asfalto di Firenze

Si può dire che la città è vermente  divisa in due : le strade interessate dal percorso dei mondiali di ciclismo presentano un’ asfsaltatura tirata a lucido,mentre molte-troppe altre strade presentano situazioni che vanno dall’ avvallamento del manto alla vera e propria buca.

Il quotidiano La Nazione pubblica un resoconto delle segnalazioni dei suoi lettori che evidenziano problematiche in tutte i quartieri,da cui si evince inoltre che,mentre motociclisti e automobilisti si lamentasno del cattivo stato delle strade,i pedoni segnalano una situazione analoga se non peggiore dei marciapiedi.

Se anche tu vuoi dire la tua su questo problema puoi  inserire un commento a questo articolo.