Mostra di street artist alla Fortezza da basso

Mostra di street artist alla Fortezza da basso.Evento FLORENCE BIENNALE – Mostra internazionale di arte contemporanea nell’ambito dell’82a Mostra internazionale dell’artigianato

FLORENCE STREET ART
ART CAN CHANGE THE WORLD
mostra di street artist, 21 aprile – 1° maggio 2018
Padiglione Rastriglia, Fortezza da basso, Firenze
Per la prima volta un evento di Florence Biennale – Mostra internazionale di arte contemporanea, troverà spazio all’interno del programma della Mostra internazionale dell’Artigianato di Firenze, da sabato 21 aprile fino a martedì 1° maggio 2018.

florence s

Si tratta del progetto “Florence Street Art – Art Can Change the World” che, in collaborazione con Street Levels Gallery, si pone l’obiettivo di dare spazio e visibilità ai cosiddetti street artist nella città di Firenze, in occasione di una delle mostre più frequentate dal pubblico toscano e non solo, che per l’occasione ospiterà un’area espositiva curata da Florence Biennale.

All’interno del Padiglione Rastriglia della Fortezza da Basso di Firenze, i visitatori potranno ammirare le opere di vari artisti italiani e internazionali; tra questi l’eclettico australiano Stormie Mills; il pittore e designer Diego Gabriele, di Poggibonsi (SI), che ha già operato in ambito nazionale e internazionale; i romeni Vlad Mititeu (graffiti artist) e Ache 77 (specializzato in stencil); l’illustratore, pittore, storyteller e artista urbano Exit Enter, attivo sulla scena fiorentina e noto soprattutto per le sue figure che giocano e rincorrono un palloncino rosso sui muri della città.

Molta attesa anche per la presenza alla manifestazione dello street artist fiorentino Zed1 – conosciuto per le sue realizzazioni provocatorie e umoristiche – che, oltre a esporre alcune sue opere, all’interno del Rastriglia su un parallelepipedo realizzerà quattro pitture murali cosiddette double skin, di 10 mq ciascuna, che il pubblico sarà chiamato a “svelare”, ora dopo ora, togliendo via la carta (anch’essa dipinta) che temporaneamente ne celerà la visione. Quando anche l’ultimo brandello di carta sarà rimosso, finalmente si potranno ammirare per intero le pitture sul grande solido.

Completa la squadra di artisti presenti al Padiglione Rastriglia della Fortezza da Basso un altro australiano, Tim Guider, che all’XI edizione di “Florence Biennale” dello scorso ottobre, si è aggiudicato il primo premio nella categoria “Istallazioni” grazie a due rombi luminosi che campeggiavano all’ingresso del Padiglione Spadolini.

Street art all’ Anconella

Street art all’ Anconella, inaugurata oggi l’opera ‘Open Mind’ sul muro del Barchetto
Realizzata da Rame 13 a chiusura del Festival dei diritti. Presenti gli assessori Vannucci e Funaro, il consigliere Guccione e il presidente del Quartiere 3 Esposito.

Firenze sempre più ‘Open Mind’. È questo il titolo dell’opera realizzata dalla street artist Rame 13 su una parete del Barchetto al parco dell’Anconella. Il murale è stato inaugurato oggi alla presenza, tra gli altri, dell’assessore alle Politiche giovanili Andrea Vannucci, dell’assessore alle Pari opportunità Sara Funaro, del consigliere comunale con delega alle Politiche giovanili Cosimo Guccione e del presidente del Quartiere 3 Alfredo Esposito.

“Un’operazione culturale rivolta ai giovani ma non solo – hanno detto gli assessori Vannucci e Funaro – che lancia un messaggio trasversale sul tema dei diritti. Un tema cruciale nella nostra società, sul quale lavoriamo per diffondere l’idea che i diritti debbano allargarsi e mai restringersi. È il messaggio di questo progetto e di questi murales”.

“Il regolamento per la street art sta funzionando – ha detto Guccione – e sta permettendo a giovani artisti di esprimersi con splendide opere come quella appena inaugurata. Firenze è sempre più aperta all’arte contemporanea e lavoriamo perché lo sia sempre di più”.

“Siamo molto soddisfatti che Firenze si apra alla street art e lo faccia proprio al parco dell’Anconella – ha detto il presidente del Esposito – che è un luogo di ritrovo e di riflessione, in questo caso, in tema di diritti”.

L’iniziativa di oggi è stata realizzata in collaborazione con Progeas Family e Ireos a chiusura del Festival dei diritti, che dal 25 novembre al 3 dicembre scorso ha animato la città con oltre 20 eventi sui temi del contrasto della violenza sulle donne e della lotta alle discriminazioni Lgbti. Su quest’ultimo tema è incentrata l’opera di Rame 13 inaugurata oggi. La street artist Ginevra Giovannoni, in arte Rame 13, è nata a Pisa nel 1989, si è diplomata alla Scuola internazionale di Comics e laureata in Filosofia. Ha esposto in Italia e all’estero.