Prato, al via la XVI edizione di CONTEMPORANEA FESTIVAL

Prato, al via la XVI edizione di CONTEMPORANEA FESTIVAL

Presentata oggi alle 12 presso il Teatro Magnolfi la XVI edizione di CONTEMPORANEA FESTIVAL, che dal 24 al 30 settembre inaugura le attività della nuova stagione del Teatro Metastasio di Prato. Il progetto è organizzato con il contributo di Regione Toscana e Comune di Prato.

In particolare CONTEMPORANEA FESTIVAL 18 sviluppa il proposito che già aveva animato la scorsa edizione e prosegue la “riflessione pratica e teorica sul tema di crollo/cedimento/rovina/caduta” definendo una piattaforma di osservazione sui processi di crisi in ambito creativo, con particolare attenzione a un tema caldo del dibattito teatral-culturale degli ultimi tempi: i festival e la loro funzione.

Oltre agli spettacoli e alle produzioni site specific di circa 20 gruppi/artisti, un focus particolare sulla coreografia nazionale e d’oltralpe e diverse esperienze laboratoriali, ci saranno incontri, confronti, tavole rotonde e momenti teorici di approfondimento tra operatori, critici, studiosi e artisti. Inoltre, con tre diversi progetti che gettano un ponte tra le arti della scena e l’arte contemporanea, si consolida la pluriennale collaborazione del festival con il Centro Pecci per l’Arte contemporanea.

Per tutta la durata del festival sarà attivo uno spazio di ristoro e relax presso l’ex Chiesino San Giovanni, in collaborazione con Fonderia Cultart a cura di Atipico.

Curiosità e criticità di sguardo hanno sempre contraddistinto la passione del direttore Edoardo Donatini nel tracciare un racconto di urgenze e complessità del presente attraverso i molteplici linguaggi del contemporaneo, facendo di questo festival un luogo di pensiero e azione più che una vetrina.

Mentre il ”processo creativo” e le tappe necessarie alla composizione dell’opera sono sempre state l’elemento fondante di questo racconto – tra sconfinamenti stilistici, fuori formati e complessità di modalità produttive -, l’approccio al monitoraggio del magma cangiante e fluido delle arti della scena contemporanea si è da sempre sviluppato in tre direzioni principali.

Innanzitutto la proposta di spettacoli e performance di artisti nazionali e internazionali difficilmente visibili nei circuiti teatrali ufficiali e l’attivazione di laboratori formativi per operatori e pubblico. Oltre a questo, la collaborazione tra istituzioni culturali del territorio e l’attivazione di una fitta maglia di relazioni nazionali e internazionali con la creazione di una rete di soggetti affini capaci di incentivare dati di cooperazione e circuitazione degli artisti e di innescare un meccanismo virtuoso di reciprocità degli scambi da e per l’Italia.

Infine, l’organizzazione di diversi momenti di riflessione teorica e critica sui meccanismi del ‘sistema teatro’, capaci di incidere sul ruolo dell’arte nella mappa della cultura e dell’innovazione.

Tutto il programma è consultabile sul sito: http://www.contemporaneafestival.it/

Biglietto € 10 (ridotto under25 – € 7)
ULTRAS | 10 MINIBALLETTI | BIOGRAFIA DI UN CORPO | COMBATTIMENTO | MAPPE| CANAPA | NETTLES*** :Biglietto € 7 (ridotto under25 – € 5)
HM: Ingresso libero

Abbonamento giornaliero che permette di assistere a tutti gli spettacoli del Festival in programma in ognuna delle giornate del Festival, in base della disponibilità dei posti rimasti liberi, al prezzo unico di € 15
In vendita anche on-line. Chiunque stipulerà un abbonamento per la stagione 18/19 avrà diritto a uno sconto del 50% su tutti i biglietti del Festival.

 

 

L'articolo Prato, al via la XVI edizione di CONTEMPORANEA FESTIVAL proviene da www.controradio.it.

Tenax Theatre: il teatro in discoteca

Tenax Theatre: il teatro in discoteca

Presentata oggi la nuova stagione del Tenax che vede anche “Tenax Theatre”: un progetto che abbandona il palcoscenico teatrale per muoversi in un ring dove artisti e pubblico convivono e condividono energie.

Tenax Theatre è un progetto triennale (18-19-20) nada da un’idea di Giancarlo Cauteruccio e Massimo Bevilacqua che affronta i ltema della periferia non solo come luogo fisico, ma anche come periferia linguistico-espressiva.

Il primo esperimento del 2017 si intitolava “Periferika Performing Art Place” e agiva sulla pecularità simbolica di 3 colori (nero, rosso e bianco. Proprio il suo successo ha stimolato gli artisti di Krypton a sviluppare quest’idea inedita per Firenze e non solo.

Durante la presentazione di oggi, il Dj Marco Faraone ha commentato: “Da 40 anni Tenax crea innovazione e si evolve. Si ha ancora voglia di riconfermarsi con tanto entusiasmo e iniziative volte anche all’educazione della notte. Il Tenax è in una fase di rivoluzione e ne sono orgoglioso”.

Tommaso Sacchi, Capo Segreteria Culturale Firenze, ha aggiunto: “Oggi il Tenax, grazie ad un’intuizione di Cauteruccio, ritrova nuova vita. Si tratta di un nuovo teatro, un nuovo luogo performativo per la città. Si tratta di un pezzo di un racconto di una Firenze culturalmente attiva”.

Tenax Theatre vede una sorta di scardinamento del sistema teatrale di tradizione in favore di un luogo estremo sia per morfologia che per energia: la discoteca. Tenax Club è uno spazio attrezzato con sofisticati strumenti tecnologici che consente di creare opere immersive in cui la luce, il suono e l’immagine possono viaggiare a livelli di “percezione aumentata”.

Diversi saranno i protagonisti di Tenax Theatre. L’attore e regista Gabriele Lavia diventa figura di congiunzione tra il tradizionale Teatro della Pergola e la discoteca Tenax, incarnando l’Amleto shakspeariano. L’attore si lascerà contaminare dalle vibrazioni elettroniche immerso in una condizione percettiva insolita. La performance sarà realizzata in collaborazione con Teatro Nazionale della Toscana.

L’Orchestra Futura di 60 elementi invaderà la pista del Tenax proponendo un repertorio classico in dialogo con luce, immagine elettronica ed azione di performer che daranno origine a interferenze percettive.

Gli allievi del Conservatorio Cherubini e quelli dell’Accademia delle Belle Arti condivideranno lo spazio in una performance che coniuga musica e arti visive.

Tenax Theatre è stato proposto a Regione Toscana e Comune di Firenze, è supportato da Città Metropolitana di Firenze e Fondazione CR Firenze ed è realizzato in collaborazione con Tenax, Fondazione Teatro della Toscana e Fondazione Toscana Spettacolo.

L'articolo Tenax Theatre: il teatro in discoteca proviene da www.controradio.it.

Fosca in Tepidario: tre giorni dedicati alle arti contemporanee

Fosca in Tepidario: tre giorni dedicati alle arti contemporanee

Al Tepidario del Roster presso il Giardino dell’orticoltura tre giorni dedicati alle arti contemporanee. Il festival andrà ad indagare il rapporto tra uomo/natura e sistema/scienza, ponendo a confronto diverse discipline che indagano sulla corrispondenza tra arte e principi scientifici. Il 7, l’8 e il 9 settembre

Lezioni e incontri pubblici (lectio), laboratori e workshop (ludus), performance e spettacoli dal vivo (visio). È Fosca in Tepidario: il 7, l’8 e il 9 settembre nello spazio monumentale del Tepidario del Roster all’interno del Giardino dell’Orticoltura, nel quartiere 5 di Firenze (ingresso libero,  venerdì 7 a partire dalle ore 16, sabato e domenica a partire dalle ore 10) . Una tre giorni dedicata alle arti contemporanee che quest’anno, rifacendosi al suo titolo “Sistemi Complessi”, andrà ad indagare il rapporto tra uomo/natura e sistema/scienza, ponendo a confronto diverse discipline che indagano sulla corrispondenza tra arte e principi scientifici.

Tra gli ospiti di questa quarta edizione del festival Ornette, cantante franco-italiana in bilico fra free-jazz e hip-hop, Massimo Conti e Monica Bucciantini con la rilettura di “The tragical History of the Life and Death of Doctor Faustus” di Christopher Marlowe, e infine Ramona Caia e Agnese Lanza, rispettivamente in scena con le performance MDF “Sintonizzarsi” e “Appunti”.

Ad inaugurare questa 4a edizione di Fosca in Tepidario sarà la sezione ludus, con il workshop di autocostruzione con materiale vegetale intitolato “Fresche Frasche” (venerdì 7 dalle 16.00 alle 20.00, sabato 8 e domenica 9, dalle 10 alle 14). Nel laboratorio curato da DEM saranno utilizzati sfalci vegetali di varie piante per andare a creare una struttura stabile e duratura di piccole/medie dimensioni, progettata attraverso una serie di schizzi preparatori. Ossa, piume, chiocciole e altri materiali naturali verranno poi utilizzati per decorare le forme costruite, con la possibilità di trasformarle in sonagli a vento da appendere.

Alle 21 la performance musicale “Demolition Poetry” della sopracitata Ornette: cantante franco-italiana, compositrice, editrice musicale, produttrice e appassionata di free jazz e hip hop con sede a Parigi. Ha lavorato come pianista per Alain Bashung e come attrice per Jacques Rivette. La sua voce spicca nel brano Crazy remixato da Nôze, o in Sur le Sable in duo con il rapper americano, Mike Ladd.

Ha collaborato con molti musicisti tra cui Brigitte, Make The Girl Dance, Joris Delacroix, Fink, Nôze, Julien Lourau, Arthur H, Micky Green e con diverse etichette discografiche come Get Physical, Discograph, Barclay, Tôt ou Tard, Polydor.

Sabato 8 settembre alle ore 18 per la sezione Lectio, l’incontro aperto con  l’educatore ed istruttore cinofilo  Siua David Morettini, intitolato “Uomo/cane nella società moderna: un sistema complesso in costante evoluzione”. Laureato in filosofia teoretica David è conduttore di cani in progetti di pet therapy. Forma la sua esperienza professionale fuori dai campi di addestramento e dalle discipline sportive cinofile, lontano dal mondo dell’agonismo e delle mostre cinofile. I suoi “campi di battaglia” formativi sono stati i parchi, le spiagge, le strade di città, la vita collettiva e di branco. Da questa esperienza deriva la sua filosofia d’integrazione totale dell’animale nell’ecumene umana.  A seguire alle 21 per la sezione Visio, lo spettacolo “The tragical History of the Life and Death of Doctor Faustus”,  “liberamente attratto” dall’omonimo testo teatrale di Christopher Marlowe, regia di Massimo Conti, con Monica Bucciantini.  La tragica vita e morte del dottor Faust di Marlowe è uno dei testi più importanti del teatro. Lo spettacolo intende riscoprire la magia del luogo teatrale, del suo essere spazio magico di evocazione di forze, pur nella ripetizione e nella strutturazione degli eventi.

Nella giornata conclusiva di domenica 9 settembre alle ore 15  “Lo Stato dell’Arte – Sistemi Complessi, Arte/Scienza”, incontro pubblico dedicato alla pratica dell’arte, moderato da Giulio Sonno.  In chiusura, a partire dalle 20, la danzatrice e coreografa Ramona Caia, eseguirà MDF (sintonizzarsi), una performance in cui due corpi cercano la libertà rispettando una partitura ritmica precisa e rigorosa precedentemente studiata sulla base di una breve durata di una canzona interpretata dal vivo da una performer.A seguire “Appunti” di e con Agnese Lanza: una performance in cui l’artista partendo da una coreografia elaborata in passato, si ritaglia un breve momento per provare a ripercorrerla dal vivo senza nessun precedente ripasso e vedere cose ne è rimasto nella sua memoria, mettendo così alla luce le incertezze, i dubbi, e i brevi momenti di sicurezza.

INFO/PROGRAMMA

 

 

 

 

 

L'articolo Fosca in Tepidario: tre giorni dedicati alle arti contemporanee proviene da www.controradio.it.

Maggio Musicale: ingresso libero per la prova del Rigoletto all’Opera

Maggio Musicale: ingresso libero per la prova del Rigoletto all’Opera

Da settembre 2018 la Fondazione Teatro del Maggio Musicale Fiorentino riparte con un nuovo programma di appuntamenti che coinvolgono anche il Comune di Scandicci: prima occasione martedì 11 settembre alle 20 con una prova aperta dell’opera di Giuseppe Verdi “Rigoletto” ad ingresso gratuito su prenotazione nella prestigiosa sala del Teatro del Maggio di Firenze.

Maggio Metropolitano è un progetto della Fondazione Teatro del Maggio Musicale Fiorentino finanziato dalla Città Metropolitana di Firenze e rivolto ai Comuni della Città Metropolitana di Firenze, con l’obiettivo di valorizzare il tessuto culturale e intercettare le migliori energie del territorio, sperimentare nuove forme di partecipazione volte a favorire collaborazioni anche audaci e potenziare il rapporto tra cittadinanza e Maggio Musicale Fiorentino.

I posti disponibili per i residenti a Scandicci sono limitati ed è necessario prenotare da mercoledì 29 agosto telefonando all’Ufficio Cultura del Comune di Scandicci dal lunedì al venerdì ore 9-13, martedì e giovedì anche ore 15-18, 0557591.596/585. Le prenotazioni saranno accolte fino ad esaurimento posti.

L'articolo Maggio Musicale: ingresso libero per la prova del Rigoletto all’Opera proviene da www.controradio.it.

Liberazione di Lucca, 74esimo anniversario: mostre, teatro e approfondimenti

Liberazione di Lucca, 74esimo anniversario: mostre, teatro e approfondimenti

Oggi, alla conferenza stampa di presentazione del ricco programma che quest’anno caratterizzerà il 74esimo anniversario della Liberazione di Lucca c’erano Rosalba Ciucci (Anpi Lucca); Ilaria Vietina, assessora alla continuità della memoria storica del Comune di Lucca; Silvia Angelini (Isrec Lucca); Lucio Pagliaro, consigliere delegato della Provincia di Lucca. Il programma, che inizierà domenica 2 settembre a Montuolo, è organizzato dal Comune e dalla Provincia di Lucca, dall’Anpi e dall’Isrec. Il 5 settembre la commemorazione istituzionale a Palazzo Santini. Domenica 9 settembre si ricorda l’Eccidio della Certosa di Farneta.

Il prossimo 5 settembre, per ricordare il 74esimo anniversario della Liberazione di Lucca, alle 15.30 a palazzo Santini, nella sala del consiglio comunale, si svolgerà la cerimonia istituzionale con la consegna del premio Coraggio Morale a cura del Monte San Martino Trust MSMT e la presentazione del libro “Antifascisti nelle carte del casellario politico centrale” a cura di Gianluca Fulvetti e Andrea Ventura.

Ma il programma per l’anniversario della Liberazione, che andrà avanti per un mese, inizierà già da domenica prossima (2 settembre), quando alle 17.30, nella sala della chiesa parrocchiale di Montuolo, ci sarà la consegna degli attestati per il coraggio civile, con i saluti istituzionali del sindaco Alessandro Tambellini e gli interventi di Francesco Lucarini e Silvia Angelini dell’Istituto Storico della Resistenza e dell’Età Contemporanea di Lucca e la testimonianza di Antonio Modena, una delle persone che fa parte delle “Vite salvate, storie e uomini oltre la guerra e i razzismi”, che è il titolo scelto per la giornata.

Il giorno successivo, lunedì 3 settembre alle 17.30 all’auditorium del centro culturale Agorà, ci sarà un seminario di studi interprovinciale degli Istituti storici della Resistenza di Lucca e Pistoia dal titolo “Oltre la memoria. Gli istituti storici della Resistenza, Manrico Ducceschi e l’XI Zona”. Martedì 4 settembre, alle 17.30 nella casermetta San Frediano, sarà inaugurata la mostra collettiva d’arte “1948- 2018, Pittori e artisti lucchesi per la Costituzione”. La mostra, che è promossa dall’Anpi Lucca e Anpi Provincia di Lucca, resterà visitabile fino al 15 settembre dalle 10.00 alle 12.00 e dalle 16.30 alle 18.30.

La settimana successiva, sabato 8 settembre alle  17.30, nella sala di Rappresentanza di palazzo Ducale si svolgerà l’iniziativa “Nessuno a casa”,  riflessioni a 75 anni dall’Armistizio dell’8 settembre 1943. Domenica 9 settembre alle 11.00 nella chiesa parrocchiale di Farneta si svolgerà come ogni anno la Santa Messa in memoria delle vittime dell’Eccidio della Certosa di Farneta e, a seguire, sul piazzale della Certosa ci sarà la cerimonia commemorativa.

Sabato 15 settembre alle 19.30 a Santa Maria a Colle al centro “Il Bucaneve” andrà in scena la narrazione teatrale “La straordinaria vicenda di Guglielmo Lippi Francesconi (1898-1944)” a cura di Franco Anichini, Bianca Maria Scirè, Giuliano Olivi. Si tratta di un omaggio a Lippi Francesconi, primario dell’Ospedale Psichiatrico di Maggiano, ucciso dai nazisti nel 1944 nell’Eccidio della Certosa di Farneta. Alla rappresentazione seguirà un momento conviviale. L’iniziativa è promossa in collaborazione con il Centro Cittadinanza “il Bucaneve” e con la Croce Verde di Lucca. Domenica 16 settembre l’ex ospedale psichiatrico di Maggiano si apre alle visite guidate della parte storica, delle “stanze con vista sull’umanità” e delle stanzette di Mario Tobino, a cura della Fondazione Mario Tobino.

Le visite saranno due, una alle 9.00 e una alle 10.30. E’ obbligatoria la prenotazione allo 0583/327243 o a info@fondazionemariotobino.it

Il mese dedicato alla Liberazione di Lucca si chiuderà venerdì 5 ottobre con “Curare la guerra a Lucca. I medici, il conflitto mondiale e la Resistenza”, alle 9.00 nel complesso di San Micheletto. L’iniziativa è promossa in collaborazione con l’Ordine dei Medici della provincia di Lucca, la Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca e la Fondazione Mario Tobino.

L'articolo Liberazione di Lucca, 74esimo anniversario: mostre, teatro e approfondimenti proviene da www.controradio.it.