Firenze: “Nudità” in prima assoluta al Teatro Niccolini

Firenze: “Nudità” in prima assoluta al Teatro Niccolini

Nell’ambito del Festival La democrazia del corpo 2018 e in collaborazione con Fondazione Teatro della Toscana il Teatro Niccolini di Firenze ospita in prima assoluta  “Nudità” di e con Mimmo Cuticchio e Virgilio Sieni.

Nell’ambito della collaborazione con Fondazione Teatro della Toscana, giunta al 4°
anno, il Teatro Niccolini ospita in prima assoluta “Nudità” di e con Mimmo Cuticchio
e Virgilio Sieni. Dopo “Atlante_L’umano del gesto”, creazione che ha debuttato lo
scorso anno, i due maestri intrecciano un nuovo dialogo, intenso ed emozionante,
tra opera dei pupi e danza, tra marionetta e corpo. Al termine dello spettacolo
incontro con gli artisti.

Il Progetto gesto e marionetta nasce dall’incontro tra Mimmo Cuticchio e Virgilio Sieni. La relazione tra danza e opera dei pupi rappresenta un elemento inedito che guarda alla trasfigurazione dell’uomo e alla natura del gesto. Il corpo del danzatore e della marionetta si pongono in dialogo sugli elementi fondamentali dello stare al mondo: camminare, sedersi, cadere, voltarsi, toccare.

Il Progetto comprende pratiche di trasmissione, curate dai due Maestri, rivolte a
danzatori e performer in residenza a Cango e lo spettacolo Nudità in prima assoluta
al Teatro Niccolini di Firenze.

Lo spettacolo andrà in scena l’11 e il 12 ottobre alle ore 21 e il 13 ottobre alle ore 19 presso il Teatro Niccolini, via Ricasoli 3 Firenze. L’ingresso è di 18 euro intero e di 14 euro ridotto.

L'articolo Firenze: “Nudità” in prima assoluta al Teatro Niccolini proviene da www.controradio.it.

Eduardo per iNuovi: prima nazionale al Teatro Niccolini

Eduardo per iNuovi: prima nazionale al Teatro Niccolini

Gianfelice Imparato dirige in prima nazionale (da martedì 2 a domenica 7 ottobre) al Teatro Niccolini di Firenze iNuovi, i diplomati della Scuola per Attori ‘Orazio Costa’ della Fondazione Teatro della Toscana, in Eduardo per I Nuovi.  Una produzione della Fondazione con Elledieffe – La Compagnia di Teatro di Luca De Filippo.

Sul palco di via Ricasoli, tra iNuovi, Francesco Grossi, Filippo Lai, Athos Leonardi, Claudia Ludovica Marino, Luca Pedron, Laura Pinato, Nadia Saragoni, Erica Trinchera, Lorenzo Volpe mettono in scena quattro atti brevi di Eduardo De Filippo: Pericolosamente, I morti non fanno paura, Amicizia, Uomo e galantuomo.

Il repertorio comico di Eduardo viene presentato con traduzione in italiano dal dialetto napoletano, per rendere chiaro che i meccanismi della drammaturgia comica, di cui De Filippo aveva grande conoscenza, sono universali.

Progetto 18 anni: allo spettacolo sono invitati gratuitamente tutti coloro che hanno compiuto o compiranno 18 anni nel 2018. Un’azione che si inserisce nella linea di apertura al teatro svolta negli ultimi due anni grazie anche a IlTeatro?#BellaStoria!, il progetto della Fondazione Cassa di Risparmio di Firenze dedicato ai giovani (14 – 19 anni). E per sostenere attività e spettacoli de iNuovi è stata creata appositamente la iNuovi Card.

Mercoledì 3 ottobre, ore 17:30, Luciana Libero presenta al Niccolini il suo libro Dopo Eduardo – Trent’anni di Nuova Drammaturgia a Napoli (Apeiron Edizioni). Ingresso libero.

Eduardo per I Nuovi inaugura il Progetto d’Area Metropolitana Festival d’Autunno 2018 e le celebrazioni per 2019: Anno di Orazio Costa.

Infine, sono aperte fino a mercoledì 26 settembre le iscrizioni per l’incontro di selezione (sabato 29 settembre) per il nuovo biennio di formazione della Scuola per Attori ‘Orazio Costa’.

La comicità basata su una drammaturgia è sempre meno praticata e, ai più giovani, sempre più sconosciuta. Far conoscere la ‘grammatica’ di questo genere, i suoi meccanismi, la sua poesia, è l’obiettivo che si è posto Gianfelice Imparato incontrando iNuovi, i diplomati della Scuola per Attori ‘Orazio Costa’ della Fondazione Teatro della Toscana, che hanno assunto la gestione del Teatro Niccolini di Firenze.

Gli atti unici scelti hanno in comune la drammaticità delle situazioni di cui la scrittura di Eduardo ha saputo mostrare il risvolto comico. La disperazione, il cinico egoismo, il bisogno, il tradimento, la morte: sono queste le condizioni e i sentimenti che producono le azioni di tali atti brevi.

La messa in scena di Eduardo per I Nuovi è deliberatamente scarna, a voler sottolineare che la buona drammaturgia, anche quella comica, non ha bisogno di molti orpelli. Lo spazio è occupato principalmente dagli attori, dalle loro essenziali movenze, che risuonano delle battute composte da Eduardo. INuovi hanno origini in varie regioni d’Italia e questo ha fatto pensare al regista, fin dal primo momento, di farli recitare in italiano anziché in un napoletano stentato e inevitabilmente inverosimile. Ciò serve a far comprendere che i meccanismi della comicità di De Filippo non sono relegabili in un ambito regionale.

Con questo spettacolo la Fondazione inaugura anche un progetto speciale dedicato a persone speciali. Il 2018, infatti, sta portando i primi “figli del millennio”, i nati nel 2000, compiono 18 anni e diventano maggiorenni. Il Teatro della Toscana vuole rendere omaggio a questa contingenza accendendo una luce particolare su questo passaggio epocale, accompagnandoli anche nel loro processo di avvicinamento al teatro, quello visto, ma anche quello praticato. Un’azione in linea con l’intervento svolto negli ultimi due anni grazie anche a IlTeatro?#BellaStoria!, il progetto della Fondazione Cassa di Risparmio di Firenze dedicato ai giovani (14 – 19 anni).

Perciò, il Teatro della Toscana offre biglietti omaggio a tutti i diciottenni per l’intera tenitura di Eduardo per I Nuovi (2 – 7 ottobre), iniziando un percorso di attenzione nei loro confronti che si estenderà per il triennio, facendo leva in modo speciale sull’attività de iNuovi. Per accedere alla promozione basta scrivere a comunicazione@teatrodellapergola.com specificando la propria data di nascita e il giorno della recita a cui si vuole partecipare (massimo 1 ingresso a email).

Prezzi: Interi –> I° settore 20€/ II° settore 18€
Ridotti | Abbonati Teatro della Toscana, Over 60, Under 26 / Soci Unicoop Firenze –> I° settore 16€/ II° settore 14€

Teatro della Pergola prevendita, Via della Pergola 30, Firenze. 055.0763333 – biglietteria@teatrodellapergola.com. Dal lunedì al venerdì: 9:30 / 18:30 – sabato 9:30 / 13:30 – domenica chiuso. Circuito Boxoffice Toscana e online. Biglietteria serale: al Teatro Niccolini di Firenze a partire da un’ora prima dell’inizio dello spettacolo.

Bando Corso Attori “Orazio Costa”: Biennio 2018-2020. Il Corso, della durata di due anni, propone un percorso formativo tradizionalmente basato sui seguenti principi: formare uomini e donne prima che attori e attrici secondo il metodo mimico di Orazio Costa;formare artigiani di una tradizione vivente per un teatro di parola basato sul rigore, l’umiltà, l’integrità e la sincerità, vivendo il luogo teatrale come tempio e luogo sacro.

Sabato 29 settembre, al Teatro della Pergola, si terrà l’incontro conoscitivo tra tutti i candidati che avranno sottoscritto la domanda di partecipazione nei termini e alcuni insegnanti del Corso, in orario 11-13 e 14-18. Per iscriversi alla selezione i candidati dovranno utilizzare esclusivamente la procedura online accedendo alla pagina www.teatrodellatoscana.it/domanda-partecipazione-corso-attori-orazio-costa-2018-2020/ e seguendo le istruzioni indicate. La richiesta dovrà pervenire entromercoledì 26 settembre alle ore 24.

Le audizioni avranno luogo a partire da giovedì 4 ottobre. I candidati che avranno partecipato all’incontro del 29 settembre, sulla base del calendario delle audizioni stabilito in quella data, effettueranno l’audizione presentando un testo a scelta (monologo o dialogo da testo teatrale, oppure un brano di prosa) e una poesia a scelta, ciascuno della durata massima di 5 minuti. I testi dovranno essere presentati a memoria. Nel caso di un dialogo il candidato dovrà provvedere autonomamente a procurarsi un interlocutore, che potrà essere un esterno o a sua volta un candidato.

Il Corso è gratuito. La frequenza è obbligatoria. Nel caso di assenze ingiustificate superiori al 15% del totale delle ore annuali o al 15% delle ore di una materia di insegnamento, la Direzione del Centro di Avviamento all’Espressione valuterà l’eventuale esclusione dal Corso.

L'articolo Eduardo per iNuovi: prima nazionale al Teatro Niccolini proviene da www.controradio.it.

Eduardo per iNuovi: prima nazionale al Teatro Niccolini

Eduardo per iNuovi: prima nazionale al Teatro Niccolini

Gianfelice Imparato dirige in prima nazionale (da martedì 2 a domenica 7 ottobre) al Teatro Niccolini di Firenze iNuovi, i diplomati della Scuola per Attori ‘Orazio Costa’ della Fondazione Teatro della Toscana, in Eduardo per I Nuovi.  Una produzione della Fondazione con Elledieffe – La Compagnia di Teatro di Luca De Filippo.

Sul palco di via Ricasoli, tra iNuovi, Francesco Grossi, Filippo Lai, Athos Leonardi, Claudia Ludovica Marino, Luca Pedron, Laura Pinato, Nadia Saragoni, Erica Trinchera, Lorenzo Volpe mettono in scena quattro atti brevi di Eduardo De Filippo: Pericolosamente, I morti non fanno paura, Amicizia, Uomo e galantuomo.

Il repertorio comico di Eduardo viene presentato con traduzione in italiano dal dialetto napoletano, per rendere chiaro che i meccanismi della drammaturgia comica, di cui De Filippo aveva grande conoscenza, sono universali.

Progetto 18 anni: allo spettacolo sono invitati gratuitamente tutti coloro che hanno compiuto o compiranno 18 anni nel 2018. Un’azione che si inserisce nella linea di apertura al teatro svolta negli ultimi due anni grazie anche a IlTeatro?#BellaStoria!, il progetto della Fondazione Cassa di Risparmio di Firenze dedicato ai giovani (14 – 19 anni). E per sostenere attività e spettacoli de iNuovi è stata creata appositamente la iNuovi Card.

Mercoledì 3 ottobre, ore 17:30, Luciana Libero presenta al Niccolini il suo libro Dopo Eduardo – Trent’anni di Nuova Drammaturgia a Napoli (Apeiron Edizioni). Ingresso libero.

Eduardo per I Nuovi inaugura il Progetto d’Area Metropolitana Festival d’Autunno 2018 e le celebrazioni per 2019: Anno di Orazio Costa.

Infine, sono aperte fino a mercoledì 26 settembre le iscrizioni per l’incontro di selezione (sabato 29 settembre) per il nuovo biennio di formazione della Scuola per Attori ‘Orazio Costa’.

La comicità basata su una drammaturgia è sempre meno praticata e, ai più giovani, sempre più sconosciuta. Far conoscere la ‘grammatica’ di questo genere, i suoi meccanismi, la sua poesia, è l’obiettivo che si è posto Gianfelice Imparato incontrando iNuovi, i diplomati della Scuola per Attori ‘Orazio Costa’ della Fondazione Teatro della Toscana, che hanno assunto la gestione del Teatro Niccolini di Firenze.

Gli atti unici scelti hanno in comune la drammaticità delle situazioni di cui la scrittura di Eduardo ha saputo mostrare il risvolto comico. La disperazione, il cinico egoismo, il bisogno, il tradimento, la morte: sono queste le condizioni e i sentimenti che producono le azioni di tali atti brevi.

La messa in scena di Eduardo per I Nuovi è deliberatamente scarna, a voler sottolineare che la buona drammaturgia, anche quella comica, non ha bisogno di molti orpelli. Lo spazio è occupato principalmente dagli attori, dalle loro essenziali movenze, che risuonano delle battute composte da Eduardo. INuovi hanno origini in varie regioni d’Italia e questo ha fatto pensare al regista, fin dal primo momento, di farli recitare in italiano anziché in un napoletano stentato e inevitabilmente inverosimile. Ciò serve a far comprendere che i meccanismi della comicità di De Filippo non sono relegabili in un ambito regionale.

Con questo spettacolo la Fondazione inaugura anche un progetto speciale dedicato a persone speciali. Il 2018, infatti, sta portando i primi “figli del millennio”, i nati nel 2000, compiono 18 anni e diventano maggiorenni. Il Teatro della Toscana vuole rendere omaggio a questa contingenza accendendo una luce particolare su questo passaggio epocale, accompagnandoli anche nel loro processo di avvicinamento al teatro, quello visto, ma anche quello praticato. Un’azione in linea con l’intervento svolto negli ultimi due anni grazie anche a IlTeatro?#BellaStoria!, il progetto della Fondazione Cassa di Risparmio di Firenze dedicato ai giovani (14 – 19 anni).

Perciò, il Teatro della Toscana offre biglietti omaggio a tutti i diciottenni per l’intera tenitura di Eduardo per I Nuovi (2 – 7 ottobre), iniziando un percorso di attenzione nei loro confronti che si estenderà per il triennio, facendo leva in modo speciale sull’attività de iNuovi. Per accedere alla promozione basta scrivere a comunicazione@teatrodellapergola.com specificando la propria data di nascita e il giorno della recita a cui si vuole partecipare (massimo 1 ingresso a email).

Prezzi: Interi –> I° settore 20€/ II° settore 18€
Ridotti | Abbonati Teatro della Toscana, Over 60, Under 26 / Soci Unicoop Firenze –> I° settore 16€/ II° settore 14€

Teatro della Pergola prevendita, Via della Pergola 30, Firenze. 055.0763333 – biglietteria@teatrodellapergola.com. Dal lunedì al venerdì: 9:30 / 18:30 – sabato 9:30 / 13:30 – domenica chiuso. Circuito Boxoffice Toscana e online. Biglietteria serale: al Teatro Niccolini di Firenze a partire da un’ora prima dell’inizio dello spettacolo.

Bando Corso Attori “Orazio Costa”: Biennio 2018-2020. Il Corso, della durata di due anni, propone un percorso formativo tradizionalmente basato sui seguenti principi: formare uomini e donne prima che attori e attrici secondo il metodo mimico di Orazio Costa;formare artigiani di una tradizione vivente per un teatro di parola basato sul rigore, l’umiltà, l’integrità e la sincerità, vivendo il luogo teatrale come tempio e luogo sacro.

Sabato 29 settembre, al Teatro della Pergola, si terrà l’incontro conoscitivo tra tutti i candidati che avranno sottoscritto la domanda di partecipazione nei termini e alcuni insegnanti del Corso, in orario 11-13 e 14-18. Per iscriversi alla selezione i candidati dovranno utilizzare esclusivamente la procedura online accedendo alla pagina www.teatrodellatoscana.it/domanda-partecipazione-corso-attori-orazio-costa-2018-2020/ e seguendo le istruzioni indicate. La richiesta dovrà pervenire entromercoledì 26 settembre alle ore 24.

Le audizioni avranno luogo a partire da giovedì 4 ottobre. I candidati che avranno partecipato all’incontro del 29 settembre, sulla base del calendario delle audizioni stabilito in quella data, effettueranno l’audizione presentando un testo a scelta (monologo o dialogo da testo teatrale, oppure un brano di prosa) e una poesia a scelta, ciascuno della durata massima di 5 minuti. I testi dovranno essere presentati a memoria. Nel caso di un dialogo il candidato dovrà provvedere autonomamente a procurarsi un interlocutore, che potrà essere un esterno o a sua volta un candidato.

Il Corso è gratuito. La frequenza è obbligatoria. Nel caso di assenze ingiustificate superiori al 15% del totale delle ore annuali o al 15% delle ore di una materia di insegnamento, la Direzione del Centro di Avviamento all’Espressione valuterà l’eventuale esclusione dal Corso.

L'articolo Eduardo per iNuovi: prima nazionale al Teatro Niccolini proviene da www.controradio.it.

‘La Signorina Else’ al Salone degli Scheletri

‘La Signorina Else’ al Salone degli Scheletri

?Firenze, ‘La Signorina Else’, prodotto dalla Compagnia Lombardi-Tiezzi e dall’Associazione Teatrale Pistoiese, andrà in scena da martedì 9 a domenica 21 ottobre, nel Salone degli Scheletri del Museo della Specola.

‘La Signorina Else’ si svolge all’interno della programmazione dell’Estate Fiorentina 2018 e nell’ambito della XXI Stagione Teatrale del Teatro Verdi di Firenze, grazie alla collaborazione dell’Università degli Studi di Firenze.

Nel ruolo del titolo, la giovane attrice Lucrezia Guidone, già protagonista in due spettacoli diretti da Tiezzi: Calderón di Pier Paolo Pasolini e Antigone di Sofocle, spettacolo per il quale le è stato riconosciuto il premio Le Maschere del Teatro Italiano 2018 come Miglior Attrice Emergente.  Schnitzler compie una vera e propria vivisezione del cuore di Else, al contempo impietosa e carica di pietà, mostrandocela nelle sue più riposte oscillazioni psichiche.

Questo ha portato Tiezzi a scegliere, per il debutto dello spettacolo, lo storico Teatrino Anatomico dell’Ospedale del Ceppo di Pistoia: l’analisi compiuta dall’autore sul mondo interiore di Else trova un correlativo oggettivo nell’operazione di regia, che ‘viviseziona’ il corpo del testo e il corpo creativo dell’attore.

Tale dimensione ‘anatomica’, innestatasi tra le dinamiche della pièce, si rifletterà in maniera analoga nel “Salone degli Scheletri” che vanta l’ospitalità di una delle più importanti collezioni osteologiche d’Italia per un totale 3.000 reperti.

Sarà l’imponente presenza degli scheletri di uccelli, pesci, rettili e grandi mammiferi ad amplificare la potenza del testo, spietata radiografia di una società corrotta fin nel nucleo familiare: una vera e propria tragedia della coscienza moderna, sganciata dai valori della tradizione, attenta solo ai propri istinti e ai propri falsi valori, cinicamente pronta a sacrificare un’adolescente in nome del denaro e delle apparenze sociali.

Lo spostamento dell’azione dai palcoscenici a luoghi carichi di connotazioni storiche o emotive particolari, fa parte del lavoro di ricerca della Compagnia di un Teatro dell’Esperienza che coinvolga il pubblico spingendolo a uscire dalla dimensione passiva di fruitore di uno spettacolo di intrattenimento a quella di attivo e partecipe collaboratore alla creazione dell’evento teatrale.

Dopo il successo riscosso con Il ritorno di Casanova, Federico Tiezzi prosegue dunque il suo lavoro di ricerca sul grande scrittore austriaco. Risalente al 1924, la novella La Signorina Else è un testo mirabile, tutto incentrato sul battito tumultuante dei pensieri che si affollano e scontrano nella mente di Else, l’adolescente ‘altera’, vivida e appassionata, su cui incombe una catastrofe familiare.

Else è una bella e virtuosa fanciulla, percorsa dai primi turbamenti sessuali, che viene presa in contropiede dalla richiesta dei genitori che necessitano di una grossa somma di denaro.

È la madre stessa che in una lettera invita la figlia a vendersi per salvare l’onore della famiglia. L’unico modo per ottenere il denaro è infatti chiederlo a un ricco conoscente che da tempo la corteggia e che si trova con lei in vacanza a San Martino di Castrozza. Tutto il testo vive delle reazioni di Else a questa sordida richiesta.

L’autore impiega in questo racconto la tecnica del monologo interiore, il flusso di coscienza, attraverso il quale i pensieri e le contraddizioni del personaggio e della società in cui si muove vengono alla luce con straordinaria potenza. Con tecnica magistrale Schnitzler viviseziona davanti a noi Else, offrendocela nelle sue più riposte oscillazioni psichiche, in una simultaneità di impulsi e contro-impulsi che la portano al delirio.

Il testo si inserisce nel clima della grande cultura viennese della finis Austriae, pervasa da scoperte artistiche che ne faranno il luogo di nascita della musica moderna (Strauss, Schönberg, Berg, Webern). È anche il momento in cui i pittori Gustav Klimt e Egon Schiele rappresentano quella stessa società attraverso opere che impietosamente la inchiodano al suo splendido decadimento.

Gimmy Tranquillo ha intervistato il regista Federico Tiezzi ed il Presidente del Sistema Museale dell’Università di Firenze, Marco Benvenuti:

L'articolo ‘La Signorina Else’ al Salone degli Scheletri proviene da www.controradio.it.