Estate Fiorentina 2019: torna, dal 10 al 15 giugno, ‘Secret Florence’

Estate Fiorentina 2019: torna, dal 10 al 15 giugno, ‘Secret Florence’

Secret Florence, il progetto strategico dell’Estate Fiorentina 2019 dedicato al confronto tra i linguaggi del contemporaneo e il patrimonio storico-architettonico della città – inaugurato nel 2016 grazie al sostegno di Comune di Firenze e Pitti Immagine – torna nella sua IV edizione dal 10 al 15 giugno con eventi, performance site-specific, proiezioni e concerti originali in luoghi meno conosciuti per farli vivere dal pubblico in modo nuovo e inconsueto.

Cinque partner (Lo schermo dell’arte Film Festival, Musicus Concentus, Virgilio Sieni Centro nazionale di produzione, Tempo Reale, Fabbrica Europa) per sette luoghi esclusivi e uno segreto reinterpretati da azioni artistiche contemporanee: il Cenacolo di Sant’Apollonia, il Cenacolo di San Salvi, la Chiesa di San Giovanni Battista all’Autostrada, il Chiostro del Convento del Carmine, ilChiostro del Vecchio Conventino Officina Creativa, il Cinema La Compagnia, il Planetario / Fondazione Scienza e Tecnica.

Quando quattro anni fa abbiamo lanciato questo progetto sperimentale – dichiara il sindaco Dario Nardella – eravamo un po’ titubanti sul risultato ma estremamente ottimisti sull’idea di fondo: mettere insieme, nella settimana dedicata alla moda, alcune delle principali realtà culturali cittadine per far loro reinterpretare luoghi nascosti e poco conosciuti dal grande pubblico. Oggi possiamo senza dubbio lasciarci alle spalle ogni cautela: Secret Florence si conferma un progetto strategico della nostra Estate Fiorentina e un evento di grande successo. Ringrazio i partner che da subito vi hanno creduto e il sostegno mai mancato di Pitti Immagine che sottolinea come il binomio moda-cultura sia un percorso consolidato e di valore”.

Anche quest’anno – afferma Tommaso Sacchi, assessore Cultura Moda e Design del Comune di Firenze – andremo a scoprire luoghi inediti della città grazie alle performance contemporanee di alcune delle più vivaci e poliedriche realtà culturali fiorentine che operano anche a livello internazionale. Questo appuntamento ormai consolidato fornirà al pubblico una diversa narrazione di Firenze che, partendo dal sistema moda, sconfinerà nella danza, nella musica, nelle installazioni multimediali, e ci consegnerà una visione di città rinnovata e piena di creatività”.

“Siamo molto felici di continuare a sostenere Secret Florence – dice Raffaello Napoleone, amministratore delegato di Pitti Immagine – un progetto che ha dato risultati importanti e che contribuisce ad arricchire l’offerta culturale durante la settimana di Pitti Uomo, soprattutto nei confronti di un pubblico giovane e interessato al confronto tra i linguaggi del contemporaneo. Da parte nostra è un segnale concreto di fiducia nei confronti dell’amministrazione comunale e di quelle istituzioni culturali, basate a Firenze, che si distinguono per capacità innovativa e qualità produttiva e che meritano un pubblico di livello internazionale”.

Chiara Brilli ha intervistato rancesco Giomi per Tempo reale e Maurizio Busia per Fabbrica Europa.

Questo il programma di ‘Secret Florence’ 2019:

In apertura lunedì 10 giugno, h. 21.00 Lo Schermo dell’Arte Film Festival presenta Diamantino – Il Calciatore Più Forte Del Mondo di Gabriel Abrantes e Daniel Schmidt, anteprima nazionale del film vincitore della Settimana della critica a Cannes 2018: una commedia ironica e surreale sui temi attualissimi dell’immigrazione e delle politiche nazionaliste, che uscirà nelle sale distribuito daI Wonder Pictures a fine agosto (ingresso libero su prenotazione).

Martedì 11 giugno, h. 19.00 nel Chiostro del Carmine Musicus Concentus propone il concerto Dialogues, nato dal desiderio di valorizzare il dialogo creativo fra le sonorità e le culture diverse dell’area mediterranea, attraverso la rivisitazione di composizioni di grandi artisti mediorientali unite a melodie originali del trio composto dal pianista Stefano Maurizi, dal clarinettista Mirco Mariottini e dal fisarmonicista Luciano Biondini (prevendita 5 € + d.p – biglietto alla porta 10 €).

Martedì 11 e mercoledì 12 giugno, h. 20 / 20.45 / 21.30 Virgilio Sieni nel suo Grande Adagio Popolare crea un progetto site specificnei Cenacoli di Sant’Apollonia e San Salvi: costruisce due danze che seguono, come una partitura, le tredici figure dell’Ultima Cena. Le posture dipinte da Andrea del Castagno (Cenacolo di Sant’Apollonia) e Andrea del Sarto (Cenacolo di San Salvi) costituiscono la fonte primaria per tessere un’azione coreografica irrorata da quei gesti. A seguire, Giulia Mureddu conduce un momento di trasmissione e insegnamento rivolto ai cittadini, chiamati – come in una lezione sul gesto – a interpretare le figure evocate in una pratica insieme ai due coreografi (ingresso libero fino a esaurimento posti).

Giovedì 13 giugno, h. 18.00 – 19.00 al Planetario / Fondazione Scienza e Tecnica, Tempo Reale presenta Paesaggio Notte / Werner Dafeldecker una proposta musicale sperimentale in un contesto anticonvenzionale prepara il pubblico a una fruizione immersiva in relazione alle immagini in movimento del planetario.

Venerdì 14 giugno, h. 19.00 al Chiostro del Vecchio Conventino-Officina Creativa Fabbrica Europa propone A Peaceful, peaceful placeche nasce dall’incontro tra il coreografo Davide Valrosso e tre danzatori indiani, Nihal Pasha, Arathy A.R. e Virendra Nishad dell’Attakkalari Centre for Movement Arts di Bangalore. Una serie di azioni coreografiche nate dal dialogo con diversi linguaggi, dal Kalari Payat, arte da combattimento tra le più antiche esistenti, a elementi di yoga (Asana e Pranayama) e gestualità tratte da antiche danze tradizionali indiane.

Venerdì 14 giugno, h. 21.00 in un ‘secret place’ (che verrà comunicato solo alla conferma della prenotazione da effettuare per tel. 055 351599 o via email a teatrodanza@fabbricaeuropa.net) Fabbrica Europa propone Perpetuo con la coreografa e danzatrice indiana Hemabharathy Palani e Gianni Maroccolo (C.S.I., Litfiba, Deproducers), una creazione all’insegna della multidisciplinarietà, in un connubio originale tra danza e musica.

In chiusura sabato 15 giugno, dalle h. 17 Tempo Reale in collaborazione con la Fondazione Michelucci riscopre con una visita guidata gli spazi della meravigliosa architettura della Chiesa di San Giovanni Battista all’Autostrada per poi animarli di suoni con una nuova produzione per Secret Florence “Il silenzio è il canto più perfetto” un’ opera elettroacustica collettiva in cui la musica, insieme alla voce narrante di Sandro Carotti, si relaziona con brani di eremiti sul tema del silenzio, a seguire l’opera del grande artista francese Yves Klein Symphony Monotone – Silence: per l’occasione i musicisti del Tempo Reale Electroacoustic Ensemble insieme a Minus presentano una versione per dieci sintetizzatori, mai realizzata fino ad ora.

L'articolo Estate Fiorentina 2019: torna, dal 10 al 15 giugno, ‘Secret Florence’ proviene da www.controradio.it.

Firenze, l’8 maggio inaugurazione memoriale di Auschwitz a Gavinana

Firenze, l’8 maggio inaugurazione memoriale di  Auschwitz a Gavinana

L’8 maggio, data convenzionale della fine della seconda guerra mondiale in Europa nel 1945, a Firenze si inaugurerà il Memoriale italiano di Auschwitz al centro Ex3 nel quartiere di Gavinana, occasione per ricordare la fine di tutti i campi di concentramento ma anche l’embrionale nascita di un nuovo spirito europeo.

Il memoriale, allestito ad Auschwitz nel 1979, e inaugurato nella primavera successiva, proprio 40 anni dopo, viene presentato a Firenze al termine di una lunga vicenda che ne ha portato prima alla chiusura al pubblico e poi alla minaccia di smantellamento da parte della direzione del museo.

L’8 maggio l’opera ‘rinasce’ grazie ad un progetto che ha visto lavorare fianco a fianco Comune di Firenze, Regione, ministero per i Beni e le attività culturali e Aned (Associazione nazionale ex deportati nei campi nazisti), proprietaria dell’opera. Il progetto è stato sostenuto anche da Fondazione Cr Firenze, Firenze Fiera, Unicoop Firenze, Studio Belgiojoso, Cooperativa archeologia, K-Array e Tempo Reale.

L'articolo Firenze, l’8 maggio inaugurazione memoriale di Auschwitz a Gavinana proviene da www.controradio.it.

Tempo Reale Suono Vivo Y > Firenze, 21 – 30 settembre

Tempo Reale Suono Vivo Y > Firenze, 21 – 30 settembre

Suono Vivo come il suono della natura, ma anche come uno dei paradigmi più importanti dell’espressione artistica di oggi, dal 21 al 30 settembre la sezione Y del Tempo Reale Festival indaga in varie forme il tema del Paesaggio Sonoro.

Il suono sempre protagonista nelle sue declinazioni, fra classiche pratiche di ascolto e altre più creative, nel segno del tempo e della musica: si parte con i set sperimentali di KLANG (21/9, Limonaia), il francese eRIKM torna a Firenze con un nuovo progetto in duo (29/9), si scoprono luoghi abbandonati a Montelupo fiorentino, l’ex manicomio criminale e l’ex cinema Teatro Risorti (30/9) Passeggiate, performance, esperienze alla scoperta di diversi paesaggi sonori sono le azioni creative proposte dal festival: in bicicletta all’ascolto dei suoni del quartiere Soundride Isolotto in partenza dalla piazza del mercato (22/9 h. 10.00), Leitmotiv Sollicciano, il giro alla scoperta degli ambienti del carcere accompagnati dalla musica dell’Orkestra Ristretta composta dai detenuti diretti da Massimo Altomare (evento a prenotazione 24/9), il Percorso Silenzio nella villa Medicea dell’Ambrogiana ex manicomio criminale di Montelupo F.no, un percorso completamente in silenzio per carpire meglio il fascino di luoghi abbandonati (30/9 h. 15 e 16.30) a seguire il concerto nell’ex cinema Teatro Risorti di Montelupo, del coro CONfusion, un coro multietnico di rifugiati che, diretto da Benedetta Manfriani, lavora su un repertorio popolare di varie tradizioni, e che sarà supportato dall’artista sonoro Yuval Avital e dalla sua performance per folla vocale e altoparlanti (30/9 h.18 ingresso libero a piccoli gruppi alternati)

Per la parte di concerti e le pratiche di ascolto più tradizionali, ospite d’eccezione eRIKM con i suoi dispositivi elettronici, accompagnato dai campionatori e sintetizzatori di Anthony Pateras. Il francese eRikm, già ospite del Tempo Reale Festival in uno straordinario concerto del 2011, torna a Firenze in coppia con le esperienze elettroniche di un musicista affermato, poliedrico polistrumentista capace di rigenerarsi in tutta la sua carriera musicale. Improvvisazione, ritmo, elettronica saranno gli ingredienti di un concerto esclusivo (29/9 h. 21.30). Sempre attesa la finestra dedicata alla scena sperimentale internazionale con i set di KLANG alla Limonaia (21/9 e 28/9 h. 19 e 21).

Opere audiovisive di giovani artisti visivi si susseguono in Audiovisioni Soundscape (22/9 h. 17 e 21.30) e nella Maratona Soundscape troviamo una comunità creativa alle prese con una indagine nel campo della musica elettroacustica sul tema del paesaggio sonoro (25/9 h. 19>22.30 Limonaia)

SITO UFFICIALE

L'articolo Tempo Reale Suono Vivo Y > Firenze, 21 – 30 settembre proviene da www.controradio.it.

Tempo Reale Festival chiude con Otomo Yoshide e il sassofono di Chris Pitsiokos

Tempo Reale Festival chiude con  Otomo Yoshide e il sassofono di Chris Pitsiokos

Tempo Reale Festival chiude nel nome dell’improvvisazione Otomo Yoshide e il sassofono di Chris Pitsiokos. Mercoledì 30 maggio Limonaia Villa Strozzi ore 21.30

SUONO VIVO Tempo Reale Festival in collaborazione con Fabbrica Europa propone mercoledì 30 maggio alla Limonaia di Villa Strozzi, h. 21.00 la sperimentazione di Otomo Yoshihide: molteplicità di ispirazioni e spregiudicatezza sono le cifre stilistiche del suo mondo sonoro. Chitarrista, compositore, suonatore di giradischi e autore di campionamenti Otomo è a suo agio tanto nei contesti di improvvisazione più radicale così come autore di colonne sonore, e lo ha dimostrato il successo popolare delle sue musiche per la serie televisiva Amachan che, nel 2013, ha visto il tema del telefilm raggiungere i primi posti nella classifica di vendite in Giappone.

Otomo è nato nel 1959 a Yokohama, si trasferì a Fukushima e poi a Tokyo, per studiare etnomusicologia e prendere lezioni da chitarra di un protagonista del free jazz giapponese, Masayuki Takayanagi. Nei primi anni Novanta inizia la sua produzione discografica, con il collettivo Ground Zero e con una serie di collaborazioni che lo vedono in compagnia di musicisti europei e statunitensi, tra cui Christian Marclay, John Zorn, Bob Ostertag, Butch Morris, Glenn Branca, Jim O’Rourke.

Per il Tempo Reale Festival, Otomo sarà in compagnia di Chris Pitsiokos, un giovane sassofonista di base a New York, con il quale si è realizzata negli ultimi tempi una splendida intesa. Come Otomo, Pitsiokos guarda alla lezione del jazz più iconoclasta e alle forme eterodosse del rock trovando nell’improvvisazione una grande quantità di stimoli.

info: temporeale.it tel. 055717270 €10

L'articolo Tempo Reale Festival chiude con Otomo Yoshide e il sassofono di Chris Pitsiokos proviene da www.controradio.it.

Tempo Reale Festival X: KLANG 2 giorni di live set sperimentali – segnali celebrali, paesaggi sonori e la parola

Tempo Reale Festival X: KLANG 2 giorni di live set sperimentali – segnali celebrali, paesaggi sonori e la parola

Per il Tempo Reale Festival / X SUONO VIVO venerdì 25 e sabato 26 maggio, dalle h. 19.00 alle 21.00 tornano i live set di KLANG la finestra che accoglie musicisti sperimentali da ogni parte del mondo.

Venerdì 25 maggio, dalla Polonia arriva un attivissimo pioniere in grado di portare un contributo di consapevolezza su una delle esperienze dell’avanguardia: il rapporto tra suono e segnali cerebrali, è Marek Choloniewski in CYMATIC BRAIN, in prima assoluta il nuovo progetto dalla natura fortemente “elettrica” ZUMTRIO (Canavese, Giomi, Rapicavoli) a cavallo tra struttura e improvvisazione, nato all’interno di Tempo Reale, esplora un’idea libera e divertente di accoglienza, le radici musicali affondano tanto nelle avanguardie dell’elettronica sperimentale quanto nel jazz di ricerca, catalizzando paesaggi sonori elettroacustici estemporanei e sorprendenti, apre i set la prima esecuzione di Giorgio Sancristoforo Ideale con i musicisti partecipanti al workshop sulla liuteria digitale organizzato da Agon, in una performance che offre un approccio diverso all’informatica musicale.

Sabato 26 maggio, il tema dei tre live set è quello di proporre tre modalità diverse e complementari di affrontare il rapporto tra musica e parola, tra suono e testo. La cifra poetica del fiorentinoBerdondini si sposa con la ricerca musicale di Verlingieri, musicista cuneese ormai attivissimo in campo internazionale e autore di una ricerca elettronica sempre originale. Massimiliano Vielaffronta da solo il tema della voce eì della musica campionata in una performance che “rielabora” in maniera estemporanea il repertorio elettroacustico producendo un percorso creativo sorprendente. Infine uno dei grandi musicisti dell’elettronica italiana: Elio Martusciello, qui in contatto con la voce di Sabine Meyer in un progetto che ha riscosso consensi in molti contesti.

info: temporeale.it tel. 055717270

L'articolo Tempo Reale Festival X: KLANG 2 giorni di live set sperimentali – segnali celebrali, paesaggi sonori e la parola proviene da www.controradio.it.