“Firenze dall’alto”: il reading di Davide “Boosta” Dileo al The Student Hotel

“Firenze dall’alto”: il reading di Davide “Boosta” Dileo al The Student Hotel

Secondo appuntamento con “Firenze dall’alto”, la rassegna di altri punti di vista sul tema delle città del futuro che si svolge sulla terrazza del The Student Hotel. Domani, giovedì 4 luglio, alle ore 19:00, il musicista Davide “Boosta” Dileo presenterà il suo ultimo libro “C’era una volta il silenzio e altre favole per innamorati”, uscito a novembre 2018 per Mondadori con le illustrazioni di Marta Carraro. Evento sold out, aperte lista d’attesa.

Favole universali, magiche, romantiche, corredate da illustrazioni. Potrebbe essere sintetizzato così “C’era una volta il silenzio e altre favole per innamorati”, l’ultimo libro di Davide “Boosta” Dileo che sarà presentato domani, giovedì 4 luglio alle 19:00, sulla terrazza della palestra di The Student Hotel Firenze con vista Duomo.

Davide “Boosta” Dileo sveste quindi i panni del musicista per indossare quelli dello scrittore in un reading in cui racconta, come evince dalla descrizione dell’evento, “le sue favole per adulti che non hanno mai smesso di sentirsi bambini, di chiedersi il perché delle cose, di avere amici immaginari, di sognare amori che durano per sempre e mondi governati dalle leggi della fantasia. Come sono nati il giorno e la notte? Come fanno ad amarsi due innamorati che vivono su pianeti lontani? Che fareste voi nei panni del Silenzio, costretto a custodire i segreti di miliardi di persone? Se l’amore fosse una strada che nessuno sa dove porta, vi mettereste in marcia per percorrerla?

Sono alcune delle domande – piccole ed enormi, filosofiche e quotidiane – a cui Davide Dileo in arte Boosta, che da anni traduce le sue visioni in musica e parole, cerca una risposta nel mondo sconfinato della propria immaginazione. Il risultato è questo piccolo concentrato di poesia fatto di storie e immagini: sono canzoni senza note, favole della buonanotte, mondi in miniatura, dichiarazioni d’amore”.

L’evento è soldout ma è possibile essere inseriti in lista d’attesa scrivendo un’email a firenzedallalto1@gmail.com indicando il proprio nome, cognome e numero di telefono.

Gli appuntamenti di Firenze dall’alto continuano con il reading con Guido Catalano previsto per giovedì 11 luglio (anch’esso sold out, ma anche in questo caso verrà aperta la sopracitata lista d’attesa). Sull’apposito canale eventbrite sono invece già chiuse le prenotazioni per lo spettacolo previsto per giovedì 18 luglio al Camminamento di ronda della Torre di Arnolfo di Palazzo Vecchio.

Per lo spettacolo previsto al Forte Belvedere (25 luglio) non è necessaria la prenotazione, mentre per l’appuntamento finale previsto per giovedì 1 agosto alla Manifattura Tabacchi, le liste eventbrite saranno aperte nelle prossime settimane.

“Firenze dall’alto” è un progetto strategico del Comune di Firenze per l’Estate Fiorentina 2019 organizzato da LAMA Development and Cooperation Agency Soc. Coop. in collaborazione con Murmuris, Attodue, Omega Musica e La Scena Muta.

L'articolo “Firenze dall’alto”: il reading di Davide “Boosta” Dileo al The Student Hotel proviene da www.controradio.it.

“Firenze dall’alto”: il reading di Davide “Boosta” Dileo al The Student Hotel

“Firenze dall’alto”: il reading di Davide “Boosta” Dileo al The Student Hotel

Secondo appuntamento con “Firenze dall’alto”, la rassegna di altri punti di vista sul tema delle città del futuro che si svolge sulla terrazza del The Student Hotel. Domani, giovedì 4 luglio, alle ore 19:00, il musicista Davide “Boosta” Dileo presenterà il suo ultimo libro “C’era una volta il silenzio e altre favole per innamorati”, uscito a novembre 2018 per Mondadori con le illustrazioni di Marta Carraro. Evento sold out, aperte lista d’attesa.

Favole universali, magiche, romantiche, corredate da illustrazioni. Potrebbe essere sintetizzato così “C’era una volta il silenzio e altre favole per innamorati”, l’ultimo libro di Davide “Boosta” Dileo che sarà presentato domani, giovedì 4 luglio alle 19:00, sulla terrazza della palestra di The Student Hotel Firenze con vista Duomo.

Davide “Boosta” Dileo sveste quindi i panni del musicista per indossare quelli dello scrittore in un reading in cui racconta, come evince dalla descrizione dell’evento, “le sue favole per adulti che non hanno mai smesso di sentirsi bambini, di chiedersi il perché delle cose, di avere amici immaginari, di sognare amori che durano per sempre e mondi governati dalle leggi della fantasia. Come sono nati il giorno e la notte? Come fanno ad amarsi due innamorati che vivono su pianeti lontani? Che fareste voi nei panni del Silenzio, costretto a custodire i segreti di miliardi di persone? Se l’amore fosse una strada che nessuno sa dove porta, vi mettereste in marcia per percorrerla?

Sono alcune delle domande – piccole ed enormi, filosofiche e quotidiane – a cui Davide Dileo in arte Boosta, che da anni traduce le sue visioni in musica e parole, cerca una risposta nel mondo sconfinato della propria immaginazione. Il risultato è questo piccolo concentrato di poesia fatto di storie e immagini: sono canzoni senza note, favole della buonanotte, mondi in miniatura, dichiarazioni d’amore”.

L’evento è soldout ma è possibile essere inseriti in lista d’attesa scrivendo un’email a firenzedallalto1@gmail.com indicando il proprio nome, cognome e numero di telefono.

Gli appuntamenti di Firenze dall’alto continuano con il reading con Guido Catalano previsto per giovedì 11 luglio (anch’esso sold out, ma anche in questo caso verrà aperta la sopracitata lista d’attesa). Sull’apposito canale eventbrite sono invece già chiuse le prenotazioni per lo spettacolo previsto per giovedì 18 luglio al Camminamento di ronda della Torre di Arnolfo di Palazzo Vecchio.

Per lo spettacolo previsto al Forte Belvedere (25 luglio) non è necessaria la prenotazione, mentre per l’appuntamento finale previsto per giovedì 1 agosto alla Manifattura Tabacchi, le liste eventbrite saranno aperte nelle prossime settimane.

“Firenze dall’alto” è un progetto strategico del Comune di Firenze per l’Estate Fiorentina 2019 organizzato da LAMA Development and Cooperation Agency Soc. Coop. in collaborazione con Murmuris, Attodue, Omega Musica e La Scena Muta.

L'articolo “Firenze dall’alto”: il reading di Davide “Boosta” Dileo al The Student Hotel proviene da www.controradio.it.

Circo Nero inaugura FOOO L’Orto, l’oasi verde di The Student Hotel

Circo Nero inaugura FOOO L’Orto, l’oasi verde di The Student Hotel

All’interno di The Student Hotel, in Viale Lavagnini a Firenze, questa sera dalle 18, con una performance degli artisti del Circo Nero, sarà inaugurata FOOO L’Orto, un’oasi verde coordinata da FOOO – Florence Out Of Ordinary, che ogni sera sarà animata da musica, laboratori e incontri in collaborazione con le realtà del territorio.

All’interno di The Student Hotel nasce FOOO L’Orto: da giugno a settembre la corte interna dell’ex sede delle Ferrovie dello Stato si trasforma in una green lounge, animata ogni sera da musica, incontri, eventi in collaborazione con le realtà del territorio, grazie a un allestimento sostenibile e plastic free.

Ad aprire la stagione di FOOO L’Orto sarà un party jungle: oggi, giovedì 6 giugno, a partire dalle ore 18 e fino a tarda serata, gli artisti del Circo Nero popoleranno l’orto-giardino urbano, mentre il dj producer Luksek penserà alla musica, alternando vinili e ortaggi “sonori” in consolle. L’ingresso è libero, il dress code suggerito è green.

La green way of life è al centro dell’intero progetto. Spazio aperto alla città fin dal nome, che gioca con il “dialetto” fiorentino, FOOO L’Orto integra per la stagione estiva la proposta di FOOO – Florence Out Of Ordinary, formula che racchiude al suo interno bistrot, pizzeria, cocktail bar, bike cafè, web radio, concept store e ristorante, che si sviluppano al piano terra del complesso recentemente ristrutturato. Alla programmazione culturale dello spazio estivo contribuirà anche FOOO on bike, officina, store e bike community.

Per tutta la stagione estiva all’offerta enogastronomica di FOOO si aggiungeranno le specialità di alcune delle realtà del panorama fiorentino, pronte a “prendere casa” nella green court di viale Lavagnini. Dalla toscanità di Deli Dispensa del Podere, con i salumi Dop e la ricotta a km zero, al Koto Ramen, qui in chiave Bun Bar, con panini cotti al vapore farciti con prodotti italiani e il gelato a cura di Sbrino, gelatificio artigianale.

In piena linea green & healthy si colloca la collaborazione con Floret, artisan kitchen bar, con le superfood bowls da riempire con frutta e verdura e le pancrep’ ripiene. Mezzo Marinaio presenterà delle ricette tradizionali italiane rivisitate, dalla Sicilia alla Liguria.

A curare la parte beverage sarà sempre il team di Fooo, con una cocktail list pensata per abbracciare il lato green dell’orto urbano. L’allestimento, a cura dello studio Q-bic, crea un luogo dove il verde è padrone, con vasche orto attorno alle quali si sviluppa l’offerta food & beverage in chioschi di legno. Nell’orto urbano cresceranno piante aromatiche e ortaggi che riforniranno il ristorante Fooo.

Il tema del vivere consapevole sarà sviluppato anche attraverso un’installazione visiva, a cura di Progetto Undici, lo studio grafico che ha accurato l’immagine coordinata complessiva: l’installazione gioca su quattro parole chiave – reduce, reuse, refill, recycle – che campeggeranno anche su altri elementi dell’allestimento.

Da sx Angelo Cavaliere, Tommaso Sacchi e Salvatore Marmolaro

FOOO L’Orto si sviluppa all’interno di una corte già fortemente caratterizzata dallo stile urban, le cui pareti ospitano i contributi di alcuni street artist, tra cui D Face, Icy & Pot, Blek Le Rat.

Nella corte esterna, oltre alla pizzeria Soul Mate Pizza & Mozzarella, nuova realtà appena insediatasi all’interno di FOOO, sarà possibile trovare anche Sohio Hair, ultimo nato di dieci hair stylist in città, da un progetto di parrucchieri con una particolare attenzione al bio e ai prodotti privi di siliconi, in pieno spirito green.

L'articolo Circo Nero inaugura FOOO L’Orto, l’oasi verde di The Student Hotel proviene da www.controradio.it.

Ex Fiat in Viale Belfiore: al via piano recupero

Ex Fiat in Viale Belfiore: al via piano recupero

Presentato oggi il piano di recupero dell’area ex Fiat di viale Belfiore – Benedetto Marcello, accanto alla Linea 2 della Tramvia che unisce Peretola Aeroporto con la Stazione di Santa Maria Novella. Presenti il sindaco Nardella e l’assessore Bettarini.

Oggi il sopralluogo del sindaco Nardella e dell’assessore Bettarini per verificare lo svuotamento del ‘lago’ all area ex Fiat in viale Belfiore.

Tre edifici con un grande ‘boulevard’ pedonale, una piazza verde e un tetto-giardino aperti al pubblico. Ma anche nuovi marciapiedi e illuminazione, pista ciclabile e una terza corsia lungo via Benedetto Marcello. È il disegno delineato dalla variante al piano di recupero dell’area ex Fiat che chiude il ‘buco’ di viale Belfiore dopo una lunghissima vicenda e l’interruzione dei lavori avviati nel 2006 per le difficoltà della proprietà originaria. Lo hanno annunciato oggi il sindaco Dario Nardella e l’assessore all’Urbanistica Giovanni Bettarini nel corso di un sopralluogo in viale Belfiore per verificare anche lo svuotamento del ‘lago’, ormai quasi completato. La variante al piano di recupero era stata adottata nel corso dell’ultima seduta dalla giunta di Palazzo Vecchio su proposta dell’assessore Bettarini.

“Oggi è una grande giornata – ha detto il sindaco Nardella – perché dopo 12 anni finalmente siamo arrivati a un punto definitivo di non ritorno: con il piano di recupero diamo una svolta a un ‘buco’ che è stato un elemento di degrado per questo quartiere, dove tra poco vedremo in funzione anche la nuova linea tramviaria. Una risposta anche in termini di sviluppo e di occupazione – ha proseguito il sindaco – con circa 700 posti di lavoro per la parte di costruzione e una potenzialità di 150 posti di lavoro definitivi per la gestione della nuova struttura, di grande richiamo anche dal punto di vista della fruizione pubblica”.

“Un grande intervento di riqualificazione urbana – ha detto l’assessore Bettarini – che chiude finalmente un buco nero nel centro della città, diventato negli anni elemento di degrado per la lunghissima vicenda legata alle difficoltà della proprietà originaria. Con il piano di recupero ridiamo vita a oltre 32mila metri quadrati di città valorizzando al massimo il ‘dialogo’ pubblico attraverso spazi aperti ai cittadini, aree pedonali e giardini. Un intervento molto atteso – ha proseguito Bettarini – che porterà finalmente alla riqualificazione dell’intera area. Andiamo avanti con il nostro lavoro per dare a Firenze una veste contemporanea, riducendo i volumi edificati a tutto vantaggio delle aree verdi e delle infrastrutture per la mobilità sostenibile, nel contesto di una città che sta facendo del recupero urbano un vero punto di forza”.

“La prossima fase della trasformazione del sito di The Student Hotel di Belfiore – ha fatto sapere  il fondatore e CEO di The Student Hotel Charlie MacGregor – sta per cominciare con i lavori di messa in sicurezza del sito e delle paratie/muro perimetrali. Nella prima metà del prossimo anno avvieremo la costruzione della struttura interrata, per garantire la stabilità del sito in maniera permanente. Non appena questi lavori e l’iter autorizzativo saranno completati sarà possibile iniziare con la costruzione dell’Hotel. Non ho dubbi che il progetto di The Student Hotel per l’area di Belfiore sarà un tributo alla visione della città e del quartiere”.

Nel dettaglio, il complesso edilizio previsto nella variante al Piano di recupero si compone di tre edifici. L’edificio destinato ad albergo, affacciato su viale Belfiore in angolo con via Benedetto Marcello, è articolato in due immobili divisi da un grande passaggio pedonale a uso pubblico e comunicanti attraverso un tetto-giardino in parte adibito anch’esso a uso pubblico. Per far sì che la struttura risulti il più possibile in continuità con gli edifici circostanti, il fronte su viale Belfiore si presenta suddiviso in quattro corpi di fabbrica, intervallati da giardini pensili. L’attacco a terra è caratterizzato da un’ampia gradinata che lambisce lo spazio di uso pubblico coperto e porticato che corre lungo l’intero fronte di viale Belfiore. Il progetto pensato per la struttura d’angolo tra viale Belfiore e via Benedetto Marcello ha l’obiettivo di ‘dialogare’ in termini volumetrici e formali con l’edificio storico della palazzina Mazzoni, posta nell’angolo di fronte tra viale Belfiore e viale Redi. Il grande passaggio pedonale a uso pubblico che unisce/separa i due edifici, attraversa l’isolato e prosegue nello spazio verde, sempre di uso pubblico, posto davanti al terzo edificio, creando così una diretta comunicazione tra il viale Belfiore e via Benedetto Marcello. All’interno del passaggio pedonale si trova una scala centrale con struttura leggera e trasparente, che conduce allo spazio in copertura, destinato per la maggior parte della sua superficie a uso pubblico. La variante al Piano di recupero prevede infine, secondo le modalità che saranno specificate nella convenzione da sottoscrivere, la realizzazione delle opere di urbanizzazione funzionali all’intervento di trasformazione urbanistica che comprendono opere interne ed esterne al perimetro. In particolare: marciapiedi, pista ciclabile e terza corsia lungo via Benedetto Marcello per le opere di viabilità; pubblica illuminazione, sottoservizi e sistema di raccolta rifiuti.

L'articolo Ex Fiat in Viale Belfiore: al via piano recupero proviene da www.controradio.it.