Rignano, ancora offese a candidata sindaco: “Piuttosto che a governare appariva pronta a rigovernare”

Rignano, ancora offese a candidata sindaco: “Piuttosto che a governare appariva pronta a rigovernare”

Rignano (Firenze) – Stavolta la frase ‘sessista’ sarebbe opera del cugino di Tiziano Renzi, Mario.

Continua l’accesa campagna elettorale per la poltrona di sindaco di Rignano. Dominga Guerri, candidata sindaca di Rignano sull’Arno (Firenze), che è anche assessore ai lavori pubblici, denuncia nuove offese sessiste ai suoi danni, stavolta da parte di Mario Renzi, “segretario regionale Uil Fpl – spiega – cugino di Tiziano Renzi“.

“Ho dato mandato al mio legale di valutare le iniziative da intraprendere per tutelare la mia persona e l’immagine di tutte le donne”, ha scritto Guerri in una lettera aperta. “Piuttosto che a governare appariva pronta a rigovernare” (lavare i piatti, ndr), ha scritto Renzi della candidata, sulla pagina Fb Rignano 2022, aggiungendo che “a dire che qualcuno che frequenta un cantiere con i tacchi alti è un bischero non si fa del sessismo ma del buon senso”.

Un riferimento, quest’ultimo, alle precedenti “offese sessiste” legate alle dichiarazioni nei confronti di Guerri rilasciate da Michele Matrone, candidato del centrodestra che aveva obiettato: “Come si puo’ pensare che una donna con il tacco 12 che va in un cantiere possa capirci qualcosa”.

“Sessismo, classismo, maleducazione e discorsi del secolo scorso”, ribatte Guerri, candidata per la lista di centrosinistra ‘Insieme per Rignano’, secondo cui “queste insinuazioni e queste violenze verbali sono inaccettabili ed emblematiche di una intollerabile mancanza di cultura politica e di rispetto personale e istituzionale”.

L'articolo Rignano, ancora offese a candidata sindaco: “Piuttosto che a governare appariva pronta a rigovernare” da www.controradio.it.

Processo genitori Renzi: chiesta conferma delle condanne in primo grado

Processo genitori Renzi: chiesta conferma delle condanne in primo grado

Firenze – Il processo ai genitori di Renzi è stato rinviato al 7 luglio prossimo per gli interventi della parte civile e dei difensori.

Il procuratore generale Filippo Di Benedetto ha chiesto la conferma delle condanne di primo grado al processo di appello per l’inchiesta su due presunte fatture emesse da loro società che vede imputati a Firenze Tiziano Renzi e Laura Bovoli, genitori dell’ex premier Matteo Renzi, e l’imprenditore Luigi Dagostino. In primo grado furono inflitti un 1 anno e 9 mesi ai coniugi Renzi e 2 anni per Dagostino, ‘re’ degli outlet.

Il processo d’appello per Tiziano Renzi e Laura Bovoli è iniziato questa mattina nelle aule del Tribunale di Firenze. Entrambi i coniugi erano presenti in aula. Anche Dagostino era presente in aula.Le due fatture false sarebbero, una da 20.000 euro dalla società Party, un’altra da 140.000 euro piu’ Iva dalla Eventi 6 – per consulenze ad aziende riferibili a Dagostino. Le consulenze riguardavano studi per un’attività di ristorazione e per potenziare il flusso di turisti, in particolare orientali, verso l’outlet The Mall nel Valdarno. Ma per l’accusa si trattò di pagamenti per operazioni inesistenti e le fatture, pertanto, sarebbero false. I coniugi Renzi sono imputati della loro emissione, Dagostino dell’utilizzo.

Il processo ha rischiato di bloccarsi, durante la giornata perchè non si trovava un fascicolo. Per l’esattezza, stando a quanto riportato dalla Corte, non si trovava il fascicolo con gli atti del processo. Inoltre, non sarebbe stato disponibile un tecnico addetto alla fonoregistrazione richiesto dagli avvocati degli imputati, che hanno presentato istanza di una riapertura parziale del dibattimento.

Nel pomeriggio, poi il processo è ripresto. In particolare, la corte ha precisato di non essere in possesso del fascicolo dell’appello ma di avere comunque copia di tutti gli atti. Quindi la presidente ha invitato le parti a procedere con la discussione.

L'articolo Processo genitori Renzi: chiesta conferma delle condanne in primo grado da www.controradio.it.

Legittimo impedimento: rinviato processo appello genitori Renzi

Legittimo impedimento: rinviato processo appello genitori Renzi

L’istanza di rinvio era stata avanzata questa mattina dall’avvocato Federico Bagattini, difensore di Tiziano Renzi insieme al collega Marco Miccinesi, poiché il padre dell’ex premier si trova ricoverato da ieri sera all’ospedale San Raffaele di Roma.

E’ stato rinviato al 26 aprile 2022 per legittimo impedimento il processo di appello che vede imputati a Firenze per emissione di fatture false Tiziano Renzi e Laura Bovoli, insieme all’imprenditore Luigi Dagostino. L’istanza di rinvio era stata avanzata questa mattina dall’avvocato Federico Bagattini, difensore di Tiziano Renzi insieme al collega Marco Miccinesi, poiché il padre dell’ex premier si trova ricoverato da ieri sera all’ospedale San Raffaele di Roma.

Due le fatture finite nel mirino della guardia di finanza, risalenti al 2015, una per un importo di 20mila euro e l’altra di 140mila euro, relative a studi di fattibilità che Tramor – società di gestione dell’outlet The Mall di Reggello (Firenze) di cui all’epoca era amministratore delegato Luigi Dagostino – aveva incaricato le società Party ed Eventi 6, facenti capo ai genitori dell’ex segretario del Pd. In primo grado Tiziano Renzi e Laura Bovoli sono stati condannati a un anno e nove mesi, mentre a Dagostino è stata inflitta una pena di due anni.

Dal certificato medico prodotto oggi in aula dalla difesa di Tiziano Renzi per chiedere un rinvio, per legittimo impedimento, del processo di appello che lo vede imputato per emissione di fatture false, non si ricaverebbe la certezza che il padre dell’ex premier non sarebbe potuto comparire oggi in aula. Questo quanto afferma la corte di appello, nel provvedimento con cui accoglie l’istanza di rinvio e fissa il processo per il 26 aprile 2022. Dal certificato medico in cui viene indicato che Tiziano Renzi si trova ricoverato “per accertamenti – si legge nel provvedimento – pur non ricavandosi la prova di un assoluto impedimento a comparire, può ritenersi comunque probabile un impedimento dell’imputato a essere presente”.

L'articolo Legittimo impedimento: rinviato processo appello genitori Renzi da www.controradio.it.

Bancarotta e fatture false, Tiziano Renzi in aula

Bancarotta e fatture false, Tiziano Renzi in aula

Tiziano Renzi, padre dell’ex premier e ora leader di Iv Matteo Renzi, si è presentato in aula al bunker di Santa Vediana a Firenze dove è tra i 15 imputati nel processo per bancarotta fraudolenta e fatturazioni false relativo a cooperative di servizi in affari con la società di famiglia Eventi 6.

La presenza di Tiziano Renzi è considerata inaspettata e non prevista. Da qualche tempo il padre dell’ex premier si era mantenuto defilato dalla vita pubblica. Oggi l’udienza prevede un passaggio tecnico sulla riunione in questo processo di un altro procedimento a carico dei coniugi Renzi per reati fiscali su cui il tribunale è chiamato a decidere dalle parti.

Nelle previsioni dei lavori odierni il tribunale dovrà pronunciarsi sull’eventualità, richiesta dalle parti, di riunire questo procedimento a un filone collaterale nel quale i genitori dell’ex premier e la sorella, Matilde Renzi, sono stati rinviati a giudizio a seguito di un’altra inchiesta relativa a presunti reati fiscali che sarebbero stati commessi nella gestione della società di famiglia Eventi 6 srl di Rignano sull’Arno.

Il processo principale è nato dall’inchiesta sui fallimenti delle cooperative di servizi di volantinaggio e di supporto pubblicitario ‘Delivery Service Italia’, ‘Europe Service’ e ‘Marmodiv’. Imputati altri 13 soggetti tra amministratori, componenti dei cda delle cooperative e imprenditori. Secondo le indagini, coordinate dal procuratore aggiunto Luca Turco, i coniugi Renzi avrebbero usato le cooperative, di cui sarebbero stati amministratori di fatto, per aumentare il volume di affari della Eventi 6. Poi le avrebbero portate dolosamente al fallimento, omettendo di versare oneri previdenziali e imposte. In particolare, le coop avrebbero avuto la funzione di garantire alla Eventi 6 la manodopera necessaria per lo svolgimento di commesse di lavoro acquisite senza farsi carico dei relativi costi di manodopera. (ANSA)

 

L'articolo Bancarotta e fatture false, Tiziano Renzi in aula da www.controradio.it.

Controradio Infonews: le principali notizie dalla Toscana, 28 settembre 2021

Controradio Infonews: le principali notizie dalla Toscana, 28 settembre 2021

Controradio Infonews: ultim’ora, aggiornamenti, cronaca ed eventi in Toscana nella sintesi mattutina di Controradio. Per iniziare la giornata ‘preparati’.

CONTRORADIO INFONEWS – Il presidente della Toscana Eugenio Giani ha decreto lo stato di emergenza regionale a seguito dell’ondata di maltempo che si e’ abbattuta domenica sulla regione: 72 i comuni coinvolti da un primo report parziale, non toccate solo le province di Siena, Livorno e Grosseto, con raffiche di vento superiori ai 100 chilometri orari che hanno soffiato nell’aretino, a Massa Carrara, a Pisa e a Lucca. “Raccoglieremo tutte le dichiarazioni di danni che saranno presentate e documentate dai Comuni – spiega Giani – e le valuteremo in base alla disponibilita’ finanziaria che arrivera’ dalla prossima variazione di bilancio”

CONTRORADIO INFONEWS – Tiziano Renzi, padre dell’ex premier e ora leader di Italia Viva Matteo, andrà a processo per l’accusa di traffico di influenze illecite nell’ambito di uno dei filoni dell’inchiesta Consip. Il gup di Roma Annalisa Marzano insieme a Tiziano Renzi ha rinviato a giudizio per lo stesso reato l’ex parlamentare Italo Bocchino e gli imprenditori Carlo Russo e Alfredo Romeo. Per loro l’udienza è stata fissata per il 16 novembre.  “Le mie vicende giudiziarie e quelle della mia famiglia, dei miei amici e finanziatori che si sono visti sequestrare il telefonino all’alba, hanno in comune tutte lo stesso Pm. Quello di Open non è poi un processo per finanziamento illecito, è un processo alla politica”: Ha dichiarato Matteo Renzi
CONTRORADIO INFONEWS – I sindacati confederali ribadiscono la priorità della sede istituzionale per l’incontro con la Gkn e dicono nuovamente no all’azienda. La Fiom denuncia di essere venuta a conoscenza solo un giorno prima della convocazione del tavolo di consultazione sindacale da parte del management Gkn per la giornata di oggi 28 settembre, presso la sede della Confindustria di Firenze. “onferma ancora una volta la volontà della Gkn di escludere dai ‘giochi’ le istituzioni locali e nazionali, con l’evidente obiettivo di procedere il più velocemente possibile verso la chiusura dello stabilimento di Campi Bisenzio”. ribadisce la Fiom. Anche Fim e Uil con lettere proprie propongono  altre date alternative da concordare tra le parti, e soprattutto nella sede del Mise.
E’ morto, all’età di 84 anni, Bruno Gambone, maestro artigiano della ceramica, scultore e pittore, nato a Vietri sul Mare (Salerno) e attivo a Firenze, dove nel 1959 espose la sua prima collezione di dipinti nella Galleria La Strozzina. Ad annunciarne la scomparsa Confartigianato Imprese Firenze che esprime cordoglio per la sua morte.
CONTRORADIO INFONEWS – Interventi strutturali per la climatizzazione degli edifici e il risparmio energetico, pacchetto mobilità, abbattimento degli inquinanti con l’aumento del verde urbano e i contributi per i veicoli di nuova generazione; ma anche diverse novità come lo stop al fumo nelle aree verdi e alle fermate di bus e tramvia (da attuarsi con successiva ordinanza sindacale), l’incremento dell’offerta dei punti di ricarica elettrica nelle aree di servizio di vendita carburanti con l’obbligo di installare almeno una colonnina di ricarica elettrica. E’ il contenuto del Piano di azione comunale 2021-2024 che ha avuto il via libera del Consiglio comunale di Firenze dopo l’approvazione, a giugno scorso, da parte della giunta su proposta dell’assessora all’Ambiente Cecilia Del Re. 
Oggi alle 12:30 la Regione Toscana illustra due iniziative a sostegno della formazione e dell’inserimento lavorativo per donne che intraprendono percorsi di uscita dalla violenza. Intervengono Eugenio Giani, Alessandra Nardini e Simonetta Cannoni, direttrice di Arti (Agenzia regionale toscana per l’impiego).
Al cinema La Compagnia  di Firenze ore 21:00 proiezione del film ‘Radiograph of a family’ che apre la 12/a edizione del ‘Middle East Now’. Fino al 3/10.

L'articolo Controradio Infonews: le principali notizie dalla Toscana, 28 settembre 2021 da www.controradio.it.