Fattori: “Toscana non contendibile dalla destra”

Fattori: “Toscana non contendibile dalla destra”

Firenze, “Sono usciti alcuni sondaggi ‘tossici’ negli ultimi giorni – scrive in una nota il candidato alla presidenza della Regione per Toscana a sinistra Tommaso Fattori – Sondaggi poco realistici dove veniva persino esclusa la possibilità di indicarmi come candidato presidente”.

“Per capire se avevamo ragione ci siamo rivolti a un’agenzia indipendente alla quale abbiamo commissionato un nostro sondaggio elettorale – spiega pò Fattori – I risultati ci confermano quanto dico da sempre: la Toscana non è contendibile dalla destra di Ceccardi”.

Dal sondaggio commissionato, aggiunge poi Fattori nella nota, è emerso che non ci sarebbe nessun testa a testa in Toscana tra centrosinistra e centrodestra: “Giani è 10 punti sopra la candidata di Salvini, che è ferma al 33%. Noi siamo in doppia cifra, a fianco della candidata del M5s”.

Sempre secondo la rilevazione indicata da dal Toscana a sinistra, Fattori sarebbe al 10% e un’affluenza al voto intorno al 58%.

“Abbiamo quindici giorni di tempo per continuare a parlare a quel 40% di toscane e toscani che ancora devono scegliere da chi vogliono essere governate e governati – osserva ancora -. Per farlo partiamo dal porre una domanda precisa a quel 40% di elettorato indeciso: “chi volete come presidente della Toscana: me, Eugenio Giani o Susanna Ceccardi?”.

Per Fattori, con i sondaggi usciti nei giorni scorsi “la strategia politica mi pare evidente, e l’hanno capita in tante e tanti: sostenere la tesi del testa a testa tra il candidato di Renzi e la candidata di Salvini. A beneficio di chi mi pare chiaro”.

L'articolo Fattori: “Toscana non contendibile dalla destra” proviene da www.controradio.it.

Fattori: “Porteremo Eugenio Giani al ballottaggio”

Fattori: “Porteremo Eugenio Giani al ballottaggio”

?Firenze, Tommaso Fattori, consigliere regionale uscente di ‘Sì-Toscana a sinistra’ e candidato a presidente della Regione Toscana, presentando il manifesto elettorale di ‘Toscana a sinistra’, che riporta lo slogan ‘Un’altra scelta è possibile’, ha dichiarato che la sua formazione politica sarà quella che porterà la coalizione composta dal Pd e da altre liste, e guidata da Eugenio Giani, al ballottaggio alle prossime elezione regionali della Toscana.

“Pensiamo che i giochi sono aperti – ha aggiunto Fattori – nel momento in cui c’è metà dell’elettorato che non si sente rappresentata dai grandi blocchi esistenti, da progetti molto simili tra loro, ci rivogliamo a tutti coloro che non si sentono rappresentati da questi modelli, che si sentono esclusi. Siamo l’unico progetto di alternativa in questa regione per una svolta verde, una svolta ecologica, una svolta di giustizia sociale che chiede prima di tutto creazione di lavoro stabile dopo eterna precarietà per lunghi anni”.

Parlando poi della composizione della lista, Fattori ha evidenziato la componente femminile. “Abbiamo scelto di avere capolista donne in tutti i collegi della Toscana, quindi per noi non c’è soltanto parità di genere a parole, ma in concreto e questo è il motivo per cui collettivamente abbiamo deciso di fare questa scelta e speriamo di avere una rappresentanza femminile forte in Consiglio regionale”.

Gimmy Tranquillo ha intervistato Tommaso Fattori:

L'articolo Fattori: “Porteremo Eugenio Giani al ballottaggio” proviene da www.controradio.it.

Regionali: Fattori, “appoggio di Falchi a Giani, posizione tattica e contradditoria”

Regionali: Fattori, “appoggio di Falchi a Giani, posizione tattica e contradditoria”

In studio Tommaso Fattori, candidato alla presidenza della Regione per Toscana a Sinistra intervistato da Chiara Brilli e Raffaele Palumbo.

Fattori era già stato candidato presidente alle regionali del 2015, guidando la lista ‘Sì Toscana a Sinistra’ e in quella tornata ottenne il 6,28% dei voti e fu eletto consigliere regionale (capogruppo) con Paolo Sarti. 

Un progetto oggi sostenuto da Potere al popolo, Rifondazione comunista, Sinistra Italiana e da varie liste di cittadinanza.

“Falchi è stato eletto per un altro sviluppo della Piana, ora è evidente che l’appoggio a Giani che pone l’aeroporto come elemento centrale del suo programma, da un punto di vista logico ancor prima che politico è contraddittorio e straniante. Credo sia più una posizione tattica in vista delle prossime amministrative di sesto e al possibile appoggio del Pd alla sua rielezione”, è uno dei passaggi della trasmissione in cui Fattori fa riferimento alla notizia che Lorenzo Falchi  sosterrà la corsa di Eugenio Giani alla Regionali, in dissenso al suo partito, Sinistra Italiana.

Durante l’intervista il candidato di Toscana a Sinistra ha parlato delle politiche programmatiche della colazione in materia di sanità, lavoro, Grandi Opere, turismo sostenibile e non solo.

 

L'articolo Regionali: Fattori, “appoggio di Falchi a Giani, posizione tattica e contradditoria” proviene da www.controradio.it.

‘Toscana a sinistra’ lancia la sfida per le regionali

‘Toscana a sinistra’ lancia la sfida per le regionali

?Firenze, ‘Toscana a sinistra’, durante una videoconferenza a cui hanno partecipato tra gli altri rappresentanti toscani di Potere al popolo, Rifondazione comunista e Sinistra anticapitalista che sostengono Tommaso Fattori come candidato governatore della Toscana alle prossime regionali ha lanciato lanciato il loro progetto per le prossime elezioni.

“Lanciamo oggi la nostra sfida – ha detto Tommaso Fattori candidato di Toscana a sinistra – e un ciclo di assemblee in tutta la Toscana. Siamo un progetto di governo e di cambiamento per questa regione. Non è tempo di restaurare la normalità pre Covid, ma di usare le opportunità aperte da questa terribile crisi, come la spesa in deficit, per costruire una Toscana felice, per compiere una svolta verde e sociale. Vogliamo lanciare questa sfida su temi maggioritari perché la maggioranza dei toscani è a favore di una gestione pubblica della sanità, dell’acqua, e dei servizi pubblici fondamentali”.

“La Regione Toscana non è contendibile elettoralmente da parte della coalizione della destra, – ha detto Fattori, spiegando poi che – la proposta politica di Eugenio Giani assorbe le istanze della destra e dei suoi centri di potere. I primi sondaggi ci danno al 6-7% e siamo soltanto all’inizio, noi vogliamo fare molto di più e meglio e siamo fiduciosi di poter ottenere un buon risultato in Toscana. Il nostro progetto non è fatto né con le ruspe di Salvini, né con i carri armati di Giani, ma è un progetto di partecipazione dal basso”.

Gimmy Tranquillo ha intervistato Massimo Torelli e Tommaso Fattori della coalizione “Toscana a sinistra”:

L'articolo ‘Toscana a sinistra’ lancia la sfida per le regionali proviene da www.controradio.it.

Amministrative: Giani, Regioni in scadenza votino insieme. La posizione delle forze politiche toscane

Amministrative: Giani, Regioni in scadenza votino insieme. La posizione delle forze politiche toscane

“Come avvenuto finora nelle Regioni a statuto ordinario, che sono andate a scadenza naturale, è trasparente nei confronti dei cittadini votare in tutte le Regioni, che sono in scadenza quest’anno, lo stesso giorno”. A dirlo è il presidente del Consiglio regionale e candidato governatore della Toscana per il centrosinistra, Eugenio Giani, in merito allo svolgimento delle prossime elezioni Regionali per gli enti dove si conclude quest’anno la legislatura.

“Spostare le elezioni in autunno è inevitabile, per ragioni di salute pubblica e per assicurare la partecipazione dei cittadini al voto, ma mi auguro che quest’emergenza, che ci costringe a scelte gravi come il rinvio di elezioni democratiche, abbia fatto cambiare idea a tutte le forze politiche, dalla destra fino al Pd, sul definanziamento e la lenta privatizzazione del sistema sanitario avvenuta negli anni passati”. A dirlo è Tommaso Fattori consigliere regionale e candidato governatore per ‘Toscana a sinistra’.
“Bene dunque rimandare le elezioni – ha aggiunto Fattori – ma facciamo in modo che questa campagna elettorale abbia al centro i temi del rilancio del sistema sanitario pubblico, la cui importanza cruciale è oggi sotto gli occhi di ognuno, e del ripensamento del modello nostro economico, che non potrà più essere quello del passato”

Il centrodestra della Toscana condivide la decisione del governo di rinviare le elezioni regionali in autunno e si interroga su come sarà la campagna elettorale ai tempi del Coronavirus.
“Mi sembrava doveroso rinviare – dice il coordinatore della Lega in Toscana, on. Daniele Belotti – sarà comunque una novità per tutti impostare una campagna elettore con l’impossibilità di fare assemblee, ad oggi non possiamo prevedere come sarà la situazione a settembre-ottobre quindi in quali condizioni faremo la campagna elettorale”. Per Belotti “giocheranno un ruolo ancora più importante i social” e si pone “la questione delle preferenze perché i candidati in questa situazione sono in grandissima difficoltà a contattare persone e raccogliere preferenze”.

Per Francesco Torselli, portavoce regionale di Fratelli d’Italia, il rinvio non è “una sorpresa, ma lo vedo come conseguenza logica della situazione. Spero che si scelga la data in modo da permettere, soprattutto a chi non governa, di fare campagna elettorale anche se ci saranno ancora restringimenti”.  Anche per il coordinatore toscano di Forza Italia, Stefano Mugnai, il rinvio è una “scelta di buon senso, per queste ragioni: le elezioni sono la celebrazione più importante della democrazia. Vanno fatte quando ci sono margini per celebrarle in sicurezza, ma non solo il giorno del voto e dello spoglio, ma anche tutto il percorso democratico che porta alla composizione delle liste ed alla campagna elettorale”. “Anche perché poi – conclude Mugnai – per chiunque vincesse sarebbe difficile poter affermare di essere pienamente legittimato se a votare va soltanto un elettore su dieci”.

“La cosa fondamentale è fare in modo che in autunno, quando è prevista una possibile recrudescenza del virus, la Toscana abbia una nuova giunta in sella, operativa al 100% e pronta a prendere tutte le decisioni necessarie a contrastare l’emergenza sanitaria ed economica. Quindi il mio auspicio è che si voti il prima possibile, a fine estate. Più in là si va, più diventa rischioso”. A dirlo è Irene Galletti, consigliere regionale M5s e candidata governatore per il Movimento, in merito al rinvio delle elezioni regionali in autunno.  “Aggiungo che, in questa fase i cittadini – continua Galletti – i lavoratori e gli imprenditori hanno bisogno di concentrarsi sulla ripartenza e sul ritorno a una vita il più possibile normale. Sarebbe dunque il caso di concentrare tutti i voti in un solo giorno, evitando di chiamare le persone alle urne prima per le amministrative e poi per il referendum. Meglio un election day unico per tutta Italia”.

L'articolo Amministrative: Giani, Regioni in scadenza votino insieme. La posizione delle forze politiche toscane proviene da www.controradio.it.