Manifattura Tabacchi presenta ‘La Meraviglia’.

Manifattura Tabacchi presenta ‘La Meraviglia’.

🔈Residenze d’Artista è un progetto interdisciplinare creato da Manifattura Tabacchi nel campo dell’arte contemporanea che ogni anno accoglie sei giovani artisti internazionali presso gli spazi del B8, edificio interamente dedicato all’esposizione di progetti artistici.

Il programma nel triennio 2018-2020, curato da Sergio Risaliti, storico e critico d’arte, direttore del Museo Novecento di Firenze, mira a far rivivere le archeologie industriali del tabacco e trasformare la storica manifattura fiorentina in un grande laboratorio di arte, pensiero, poesia, nuova bellezza.

La meraviglia chiude il secondo capitolo del programma triennale di Residenze d’Artista di Manifattura Tabacchi La cura, La meraviglia, L’armonia, che ogni anno ospita sei artisti internazionali, selezionati mediante una open call e attraverso il network di artisti e di Accademie di Belle Arti italiane.

Con l’opening della mostra, si aprono ufficialmente le candidature della terza e ultima edizione del programma, quest’anno intitolata L’armonia: i sei artisti selezionati saranno comunicati a luglio e potranno partecipare alle prossime Residenze, da settembre a dicembre 2020.

L’edizione 2019-2020 delle Residenze d’Artista è stata dedicata al tema della meraviglia, intesa nel senso più ampio del termine: da quello dei materiali, delle tecnologie, delle immagini a quello della produzione industriale e artigianale, artistica e poetica. Un progetto di Manifattura Tabacchi, ideato e a cura di Sergio Risaliti, storico dell’arte e direttore del Museo Novecento di Firenze e seguito da Paolo Parisi, artista e docente dell’Accademia di Belle Arti di Firenze, nel ruolo di tutor.

Davide D’Amelio, Anna Dormio, Bekhbaatar Enkhtur, Esma Ilter, Giulia Poppi e Negar Sh, hanno potuto interagire per sei mesi con gli spazi unici e la storia di Manifattura Tabacchi – lavorando all’interno di atelier appositamente realizzati per ogni artista – ma anche con l’esterno. A partire da settembre 2019, infatti, il percorso formativo ha offerto loro l’opportunità di approcciarsi al rapporto tra imprenditoria e artigianato che rende il territorio toscano un patrimonio inestimabile attraverso visite mirate presso collezioni d’arte come la Collezione Gori di Fattoria Celle, ma anche luoghi di produzione del marmo, come gli studi d’Arte Cave Michelangelo e la Cava Museo Fantiscritti, lavorazione del vetro e del legno, rispettivamente Collevilca e Adarte e fusione del bronzo, come la Fonderia Artistica Ferdinando Marinelli.

I sei artisti in residenza si sono confrontati con la progettazione di opere individuali, e collettive, realizzate al termine di un fitto programma di workshop e seminari che per questa edizione ha visto la partecipazione di Stefania Galegati, Rä Di Martino, Pantani-Surace, Goldschmied&Chiari, Elena Mazzi e Robert Pettena.

Sentiamo le dichiarazioni di Michelangelo Giombini, Head of Product Development di Manifattura Tabacchi e di Tommaso Sacchi, Assessore alla Cultura del Comune di Firenze, raccolte da Gimmy Tranquillo:

L'articolo Manifattura Tabacchi presenta ‘La Meraviglia’. proviene da www.controradio.it.

Fase 2 della cultura, a Firenze i musei civici rimangono chiusi

Fase 2 della cultura, a Firenze i musei civici rimangono chiusi

L’assessore Sacchi: “Senza ristoro della tassa di soggiorno siamo costretti a tener chiusi”. Chiusi anche i teatri della Fondazione della Toscana

“Non è possibile riaprire i musei civici dal 18 maggio”. Lo afferma l’assessore alla cultura Tommaso Sacchi.
“In questi giorni – spiega Sacchi – abbiamo raccolto le stime e le valutazioni dell’area tecnica di Palazzo Vecchio: un mese e mezzo di apertura parziale, solo nel weekend, di appena tre musei, costerebbe mezzo milione di euro. Sono soldi che non abbiamo e senza le rassicurazioni che abbiamo richiesto al Governo nelle ultime 5 settimane sul ristoro anche parziale della tassa di soggiorno non possiamo impegnare questa spesa”.
“Abbiamo fatto di tutto per non arrivare a questa decisione dolorosa e anche fortemente simbolica – continua Sacchi – ma siamo costretti a farlo: avremmo visitatori limitatissimi e spese alte per adeguarci alle indicazioni che sappiamo saranno disposte per far fronte al rischio sanitario. Il tutto con un ammanco totale nelle casse del Comune, ad oggi, di 190 milioni di euro”.
Sacchi, che è presidente della Fondazione teatro della Toscana, annuncia anche la mancata riapertura dei teatri della Fondazione. “Per quanto riguarda la graduale riapertura dei nostri teatri – sottolinea Sacchi – e d’intesa col direttore Marco Giorgetti abbiamo deciso di non riaprire: anche in questo caso troppo alti i costi di sanificazioni e dovuti alla riduzione del pubblico, si stimano 40 mila euro aggiuntivi al mese, con un pubblico giustamente prudente e colpito da questa crisi economica. Credo che sia meglio proseguire con gli ammortizzatori sociali e riaprire quando non ci sarà più rischio di ricadute o recrudescenze della pandemia”.

L'articolo Fase 2 della cultura, a Firenze i musei civici rimangono chiusi proviene da www.controradio.it.

Assessore Sacchi: “Le città d’arte sono in ginocchio”

Assessore Sacchi: “Le città d’arte sono in ginocchio”

Firenze, al coro di protesta dei sindaci delle città d’arte italiane, che denunciato la seria possibilità di default economica dei comuni e l’impossibilità di mantenere i servizi comunali ai cittadini, si è aggiunto l’assessore alla cultura del Comune di Firenze, Tommaso Sacchi, che è intervenuto sul tema a Skytg24.

“Non abbiamo preso ancora una decisione definitiva sulle riaperture dei musei – ha detto Sacchi – siamo costretti ad aspettare perché attendiamo misure e prescrizioni che saranno speriamo incluse nel Decreto”.

“Il gruppo tecnico di lavoro del Comune – spiega Sacchi – ha formulato alcune ipotesi di riaperture che sono sul nostro tavolo. Però non possiamo negarci la realtà: le città d’arte sono in ginocchio. Nelle bozze dei decreti che circolano non è previsto un euro di ristoro dell’imposta di soggiorno che non stiamo incassando e rischiamo di non incassare per tutto l’anno. Si tratta di più di 700 milioni su scala nazionale e con questo soldi noi finanziamo gran parte delle attività culturali. Aspettiamo il testo definitivo ma il Governo non può lasciarci agonizzanti e con un ammanco di bilancio di circa 180 milioni”.

L'articolo Assessore Sacchi: “Le città d’arte sono in ginocchio” proviene da www.controradio.it.

Sacchi, “La cultura è lavoro: ripartire in sicurezza per pubblico, artisti e maestranze”

Sacchi, “La cultura è lavoro: ripartire in sicurezza per pubblico, artisti e maestranze”

L’assessore alla Cultura del Comune di Firenze e presidente della Fondazione Teatro della Toscana, Tommaso Sacchi

Intervento durante la maratona radiofonica di Controradio “La cultura: il superfluo indispensabile ”.

L'articolo Sacchi, “La cultura è lavoro: ripartire in sicurezza per pubblico, artisti e maestranze” proviene da www.controradio.it.

Il ‘Rinascimento dopo la Peste’: idee modi e strategie per ripensare Firenze. 7a puntata

Il ‘Rinascimento dopo la Peste’: idee modi e strategie per ripensare Firenze. 7a puntata

Il Futuro contro la paura. Per le prossime due settimane, ci confronteremo Senza Sconti con i componenti della giunta Nardella. Ospite questa sera TOMMASO SACCHI, assessore alla Cultura del comune di Firenze

ASCOLTA L’INTERVISTA ALLA VICESINDACA CRISTINA GIACHI

ASCOLTA L’INTERVISTA ALL’ASSESSORA SARA FUNARO (istruzione, ricerca, pari opportunità) 

ASCOLTA L’INTERVISTA ALL’ASSESSORE FEDERICO GIANASSI (bliancio, partecipate, commercio, attività produttive)

ASCOLTA L’INTERVISTA ALL’ASSESSORE ANDREA VANNUCCI (Welfare e Sanità, accoglienza e integrazione, associazionismo e volontariato, casa, lavoro, sicurezza urbana) 

ASCOLTA L’INTERVISTA ALL’ASSESSORE ALESSANDRO MARTINI ( Organizzazione e personale, patrimonio non abitativo, efficienza amministrativa, quartieri, rapporti con la Città Metropolitana, progetto Grande Firenze, rapporti con le confessioni religiose, cultura della memoria e della legalità)

ASCOLTA L’INTERVISTA ALL’ASSESSORA CECILIA DEL RE (Urbanistica, ambiente, agricoltura urbana, turismo, fiere e congressi, innovazione tecnologica, sistemi informativi)

L'articolo Il ‘Rinascimento dopo la Peste’: idee modi e strategie per ripensare Firenze. 7a puntata proviene da www.controradio.it.