Aeroporti, Nardella: “Via lavori scalo Firenze prima metà 2024”

Aeroporti, Nardella: “Via lavori scalo Firenze prima metà 2024”

Il sindaco di Firenze Dario Nardella, a margine di un evento in città, ha reso noto che la riunione con i vertici di Toscana Aeroporti ha avuto un buon esito e che l’obiettivo prefissato è quello di far partire i lavori entro la prima metà del 2024.

Nardella ha dichiarato che: “La riunione di lavoro col presidente Giani e i vertici di Toscana Aeroporti” sul nuovo scalo di Firenze “è andata molto bene. L’obiettivo che ci siamo dati e che abbiamo confermato ieri è partire con i lavori nella prima metà del 2024: questo non solo è possibile ma è ufficiale e confermato da tutti noi. Sulla conclusione dei lavori dobbiamo parlare con Toscana Aeroporti, credo in un paio di anni”.

“Nella riunione abbiamo confermato gli obiettivi, avviare il dibattito pubblico con tutti i cittadini e gli attori del territorio secondo la legge . ha aggiunto -. Il dibattito pubblico inizierà a metà ottobre e si concluderà entro due mesi, quindi prima di Natale. I lavori riguardano non solo la pista ma pure il terminal, c’è tutta una riorganizzazione. Con la tramvia che collegherà Peretola a Sesto avremo una connessione fortissima trasporto-aeroporto. Con Ferrovie abbiamo ulteriormente confermato l’obiettivo di realizzare la stazione di interscambio ferroviaria all’altezza di viale XI Agosto: avremo non solo un aeroporto rinnovato, ma l’aeroporto più interconnesso d’Italia grazie anche al miglioramento della connessione con Pisa”.

L'articolo Aeroporti, Nardella: “Via lavori scalo Firenze prima metà 2024” da www.controradio.it.

Aeroporti, presidi a Pisa e Firenze, 50 voli cancellati

Aeroporti, presidi a Pisa e Firenze, 50 voli cancellati

Pisa, come annunciato, ha avuto luogo domenica, lo sciopero di quattro ore, per i lavoratori degli aeroporti di Pisa e Firenze, con i sindacati in presidio davanti ai due scali per una mobilitazione indetta da Filt-Cgil, UilTrasporti, Usb, Ugl in supporto dell’astensione dal lavoro proclamata a livello nazionale.

Fra i motivi dello sciopero regionale, spiegano i sindacati, il piano aziendale di esternalizzazione di Toscana aeroporti, che gestisce i due scali, per alcuni servizi quali la biglietteria a Pisa e la guida del mezzo Ambulift sia a Pisa che a Firenze.

In seguito alla protesta, una cinquantina i voli saltati nei due scali tra arrivi e partenze: 24 su Pisa, 25 a Firenze si spiega dalla società di gestione.

“Abbiamo vertenze locali che non trovano sbocco nonostante i vari incontri – ha spiegato spiega Massimo Marino, segretario regionale Uil trasporti Toscana -, scioperiamo per mantenere caldi i temi ancora aperti che riguardano stabilizzazioni, sicurezza sul lavoro, sviluppo e futuro che chiediamo da molti anni”.

Denunciamo ancora una volta la mancanza di personale – ha detto Massimo Congiu della Fit Cisl Toscana Aeroporti Handling – ci sono lavoratori precari che lavorano in aeroporto da circa 15 anni e che adesso devono essere assunti”.

La protesta riguarda anche tematiche nazionali. “Il contratto dell’handling non viene rinnovato dal 2015 e non è accettabile perchè l’inflazione a due cifre colpisce tutti e la precarietà salariale non è accettabile in questo momento – ha spiegato Francesco Innocenti della Filt Cgil Pisa – insieme a noi stanno scioperando anche gli addetti alla vigilanza aeroportuale che hanno un contratto fermo da 8 anni, è inaccettabile in un momento di ripartenza”.

In programma nei prossimi giorni alcuni incontri importanti sia a livello nazionale che regionale. “Venerdì avremo un incontro con il governatore Giani e l’assessore Baccelli – spiega Marco Cecchi di Ugl Pisa – poi ci sarà il tavolo convocato dal ministro Giovannini. In crisi c’è tutta la filiera del trasporto aereo, c’è bisogno di attivare un faro sull’intero comparto”.

L'articolo Aeroporti, presidi a Pisa e Firenze, 50 voli cancellati da www.controradio.it.

Aerei: in Toscana voli cancellati per sciopero. Disagi a Firenze e Pisa

Aerei: in Toscana voli cancellati per sciopero. Disagi a Firenze e Pisa

Sono per il momento una trentina i voli cancellati in Toscana per lo sciopero dei trasporto aereo, con ricadute soprattutto sull’aeroporto di Firenze (almeno 25 cancellazioni tra partenze e arrivi) rispetto allo scalo pisano (4 cancellazioni).

Voli cancellati non solo a Firenze, ma anche al “Galilei” di Pisa, dove stamani si è svolto anche uno sciopero con presidio dei sindacati dei lavoratori dello scalo e dell’handling. Sono centinaia i passeggeri in attesa da ore a causa di ritardi e soppressioni che risentono anche degli scioperi negli altri aeroporti europei.

“Il traffico è ripartito a pieno regime – hanno denunciato Cgil, Cisl, Uil e Ugl durante il presidio svoltosi a Pisa – ma Toscana Aeroporti non ha garantito un numero adeguato di personale, soprattutto per il settore dell’handling con conseguenti disagi per l’utenza e condizioni di lavoro non sicure, perché non siamo in grado di garantire un’adeguata assistenza ai voli”.

Da tempo, hanno proseguito i rappresentanti dei lavoratori, “abbiamo cercato di stimolare le società Toscana Aeroporti (oltre 300 addetti) e Toscana Aeroporto Handling (oltre 400 addetti) a prepararsi a una fase dove la diminuzione delle restrizioni dovute alla pandemia e la capacità di offerta da parte delle compagnie avrebbe potuto determinare una ripresa improvvisa dei viaggi da parte delle persone, ma non siamo stati ascoltati.”

“La mancanza di programmazione adeguata da parte delle aziende – hanno osservato ancora i sindacati – ha determinato turni scoperti, squadre ridotte e notevoli carichi di lavoro sugli addetti che sono insufficienti a gestire le attività, situazione aggravata anche dai numerosi eventi di aggressione da parte dei passeggeri verso gli addetti, eventi che abbiamo denunciato inutilmente”.

L'articolo Aerei: in Toscana voli cancellati per sciopero. Disagi a Firenze e Pisa da www.controradio.it.

🎧 ‘Volare – Festival del volo’ a Firenze

🎧 ‘Volare – Festival del volo’ a Firenze

‘Volare – Festival del volo’, il primo festival del volo di Firenze in programma da venerdì 13 a domenica 15 maggio, allo spazio estivo Ultravox, presso il Prato delle Cornacchie al Parco delle Cascine.

‘Volare – Festival del volo’ si svolge in tre giornate di voli, mongolfiere, aquiloni, aeromodellismo, intuizioni leonardiane, incontri con piloti, spettacoli sul tema del volo, mostre fotografiche. Tutto a ingresso libero, con animazione e area dedicata per bambini, musica dal vivo e ristorazione di qualità.

In podcast l’intervista a Roberto Naldi, Amministratore delegato di Toscana Aeroporti e a Alessandro Bellucci di Le Nozze di Figaro, a cura di Gimmy Tranquillo.

Il festival” è organizzato da Le Nozze di Figaro e Toscana Aeroporti SpA, con il contributo di Fondazione CR Firenze, in collaborazione con ISMA – Istituto di Scienze Militari Aeronautiche, Aeroclub Firenze, Museo Leonardiano, nell’ambito dell’Estate Fiorentina 2022 del Comune di Firenze.

A “Volare – Festival del volo” – che venerdì 13 maggio aprirà alle ore 17, sabato 14 domenica 15 alle ore 10 – si potrà salire a bordo di tre mongolfiere per voli vincolati (dalle ore 18,30 alle ore 22), visitare la mostra degli “spotters” con magnifiche foto di aeroplani e dei loro voli, visitare su prenotazione il Museo e il complesso dell’Istituto di Scienze Militari Aeronautiche. E ancora, si potranno costruire e far volare aquiloni, vedere in volo e realizzare aeromodelli, provare il volo simulato, partecipare ai laboratori del Museo Leonardiano, volare sulla città di Firenze a bordo degli aeroplani di Aeroclub Firenze (su prenotazione), incontrare piloti, gustare le delizie di Gourmet Ultravox Food. O volare semplicemente allargando le braccia e correndo.

‘’Abbiamo sostenuto questa manifestazione – dichiara il Presidente di Fondazione CR Firenze Luigi Salvadori – perché, dopo due anni di isolamento, è una nuova e piacevole occasione di incontro e di socializzazione e destina alcune iniziative espressamente ai bambini e alle famiglie. Inoltre, anima un luogo bellissimo che dovrebbe essere ancor più valorizzato e conosciuto quale è il Prato delle Cornacchie delle Cascine. Mi auguro inoltre che possa contribuire a sensibilizzare l’opinione pubblica non solo sulla bellezza del volo ma anche sull’importanza di avere uno scalo adeguato al prestigio e alle nuove esigenze di una città come Firenze’’.

“Il volo è sempre stata la grande aspirazione del genere umano e a Firenze c’è sempre stata una grande cultura del volo – spiega Eugenio Giani, Presidente della Regione Toscana -. Basti pensare che la prima persona che riesce a creare le condizioni per volare è proprio un toscano: Leonardo da Vinci. Il suo aiutante che materialmente andò nell’oggetto inventato da lui, che poi crollò, è Zoroastro da Peretola. In realtà si testimonia a San Domenico che il volo fu di un paio di chilometri. La via che porta all’aeroporto è intitolata ancora, non a caso, a Giovanni Luder. E a Peretola il 5 di giugno del 1931 fu inaugurato l’aeroporto che si chiamava Cipresso del Nistro, località su cui è cresciuta tutta la toponomastica intorno che rimanda al tema del volo”.

“Un’occasione per scoprire e vivere Firenze in una prospettiva insolita e affascinante, ovvero dall’alto, grazie ad una rete importante di realtà accomunate da una delle più grandi sfide dell’uomo, quella del volo – spiega l’assessore al Turismo Cecilia Del Re -. Una narrazione che abbiamo già seguito con la mappatura e promozione delle terrazze panoramiche cittadine, entrate a far parte del progetto Feel Florence, e che rinnova anche la collaborazione con Vinci, nell’ottica della promozione congiunta con i comuni dell’ambito turistico sulla quale stiamo lavorando. Un modo poi anche per portare nuove opportunità di aggregazione e vivibilità al parco delle Cascine con gli eventi di UltraVox, uno dei punti forti dell’Estate fiorentina”.

“Non posso che ribadire (tanto lo diranno tutti) che dopo due anni di chiusura la voglia di riconquistare la libertà non può che esprimersi attraverso il sogno del volo – afferma Roberto Naldi, Amministratore delegato di Toscana Aeroporti -. Noi siamo molto contenti di aver contribuito alla realizzazione di questa manifestazione. Non solo perché, siamo sicuri, sarà molto divertente e la parola divertimento è quella più adatta. Il programma parla da se, belle iniziative, interessanti, coinvolgenti, adatte alle famiglie, ai bambini. Personalmente, suggerisco il volo sulla città sugli aerei dei nostri amici dell’Aeroclub, un’esperienza unica. Ma c’è una questione che mi preme sottolineare: questa manifestazione è il frutto del contributo di molti soggetti. Sono state coinvolte alcune delle eccellenze del territorio che hanno “fatto sistema”. E questo, che è nel nostro DNA di Toscana Aeroporti, è un valore aggiunto. Quando si lavora insieme questo territorio è in grado di esprimere il massimo”.

“Sono passati più di 500 anni dagli studi di Leonardo sulle macchine del volo – dice la vicesindaca di Vinci con delega alla Cultura, Sara Iallorenzi – ma la sua ricerca di un altro mondo e di un altro modo di vivere l’esistenza è sempre attuale. Ed è bello che, oltre 500 anni dopo, l’opera Leonardo continui ad attirare appassionati e curiosi come abbiamo visto in questi giorni al Museo Leonardiano di Vinci”.

L'articolo 🎧 ‘Volare – Festival del volo’ a Firenze da www.controradio.it.

🎧 Toscana Aeroporti: consiglieri Fratelli d’Italia chiedono rimozione ad Naldi

🎧 Toscana Aeroporti: consiglieri Fratelli d’Italia chiedono rimozione ad Naldi

Lo scorso 26 gennaio è stato archiviato da parte del Gip, il ricorso dei legali di Toscana Aeroporti nei confronti dei consiglieri che avevano criticato le decisioni dell’amministratore delegato Roberto Naldi. Adesso i consiglieri di Fratelli d’Italia Petrucci e Gambino chiedono la rimozione dall’incarico dello stesso Naldi.

“Non si può considerare in alcun modo la fattispecie criminosa di diffamazione”. E’ questo il presupposto fondamentale sulla base del quale la giudice ha respinto il ricorso fatto dai legali di Roberto Naldi, amministratore delegato di Toscana Aeroporti, contro l’archiviazione, già richiesta dal Pm, nei confronti del consiglieri che avevano criticato loperato dell’amministratore.

La richiesta al Tribunale penale era per la diffamazione che avrebbe subìto Naldi nelle more delle critiche circa la gestione degli scali aeroportuali ed in particolare sul nodo della pista di Peretola.

A dare la notizia lo scorso 26 gennaio erano stati gli stessi querelati. Essi avevano affermato che quanto da loro detto reintrava nel “legittimo esercizio del diritto di critica”.

Adesso il consigliere regionale di Fratelli d’Italia Guido Petrucci e la consigliera del Comune di Pisa, Giulia Gambino, chiedono che sia approvata una mozione per rimuovere dal suo incarico l’ad di Toscana Aeroporti Roberto Naldi.

In podcast l’intervista di Lorenzo Braccini a Petrucci e Gambino. 

L'articolo 🎧 Toscana Aeroporti: consiglieri Fratelli d’Italia chiedono rimozione ad Naldi da www.controradio.it.