Tramvia Firenze, ultimi test e collaudi per linea 3 

Tramvia Firenze, ultimi test e collaudi per linea 3 

Per quattro giorni, da domani a venerdì, la futura linea della tramvia che collegherà Careggi con la stazione di Santa Maria Novella sarà percorsa a pieno ritmo, per tutto il giorno e da 8 tram, per verificare il corretto funzionamento dei semafori.

Si tratta, secondo quanto si apprende, di una delle ultime fasi che porteranno all’avvio dell’estensione della linea T1 della tramvia che, fino a venerdì, tra le fermate di Fortezza e Careggi, vedrà impegnati i costruttori nel testare il corretto funzionamento della sincronizzazione semaforica.

In particolare dalle 10 alle 16 di martedì, mercoledì e giovedì, i tram saranno impegnati a circolare sui circa 4 Km della nuova linea attraversando le 12 fermate future. Stessa cosa avverrà venerdì dalle 7 alle 14.
Conclusi collaudi e ultimi test da parte dei costruttori, si spiega ancora, è atteso poi il nulla osta dal ministero delle Infrastrutture: dovrebbe arrivare nei prossimi giorni e questo definirà e deciderà la data di inizio e durata del pre-esercizio, fase in cui i tram gireranno senza passeggeri.
Dopo il pre-esercizio, che sarà effettuato da Gest, società che gestisce il sistema tramviario, l’avvio della linea aprirà le porte dei nuovi Sirio a tutti i fiorentini.

Nel frattempo potranno essere usati 80mila euro, messi a disposizione dall’ amministrazione comunale, per i negozi danneggiati dai cantieri della tramvia.

Potranno essere usati per cofinanziare eventi e iniziative di promozione, come comunicazione ‘social’, fidelity card, animazione sulla ‘public history’ delle botteghe e del quartiere di Firenze, ma anche formazione qualificata per commercianti.

L'articolo Tramvia Firenze, ultimi test e collaudi per linea 3  proviene da www.controradio.it.

Tramvia Firenze: 80mila euro per negozi danneggiati dai cantieri 

Tramvia Firenze: 80mila euro per negozi danneggiati dai cantieri 

Potranno essere usati per cofinanziare eventi e iniziative di promozione, come comunicazione ‘social’, fidelity card, animazione sulla ‘public history’ delle botteghe e del quartiere di Firenze, ma anche formazione qualificata per commercianti.

A mettere a disposizione il fondo, per il 2018, è l’amministrazione comunale. A presentare il pacchetto, oggi in Palazzo Vecchio, l’assessore allo Sviluppo economico Cecilia Del Re, insieme ai presidenti dei 5 quartieri fiorentini.
Nella valutazione delle proposte, è stato spiegato, sarà data priorità all’originalità dei progetti, alla capacità di valorizzare i settori economici individuati, ma anche alla sostenibilità organizzativa ed economica della proposta. Il proponente dovrà essere un soggetto senza scopo di lucro, con sede principale e operativa nel Comune di Firenze.
I progetti dovranno essere realizzati sul territorio del Comune, con una richiesta di contributo economico che non potrà superare i 10mila euro per ciascun progetto sulla prima misura (a copertura al massimo del 75% del budget complessivo) e i mille euro sulla seconda (a copertura al massimo del 50%) per un totale di 20mila euro.
Una seconda misura, sempre nell’ambito del fondo, riguarderà la valorizzazione di sei aree interessate dai lavori per la realizzazione di infrastrutture, con conseguenti disagi e ripercussioni sul tessuto commerciale e artigiano locale: piazza San Jacopino (Quartiere 1), piazza delle Cure (Quartiere 2), Galluzzo (Quartiere 3), piazza dell’Isolotto (Quartiere 4), piazza Dalmazia-via di Novoli (Quartiere 5).
“Abbiamo voluto indirizzare i contributi di promozione economica di quest’anno ai centri commerciali naturali – ha detto Del Re – ovvero a quell’insieme di esercizi di vicinato che costituisce un presidio sociale e di servizio al cittadino che vogliamo promuovere e sostenere”.

L'articolo Tramvia Firenze: 80mila euro per negozi danneggiati dai cantieri  proviene da www.controradio.it.

Tramvia Firenze: 80mila euro per negozi danneggiati dai cantieri 

Tramvia Firenze: 80mila euro per negozi danneggiati dai cantieri 

Potranno essere usati per cofinanziare eventi e iniziative di promozione, come comunicazione ‘social’, fidelity card, animazione sulla ‘public history’ delle botteghe e del quartiere di Firenze, ma anche formazione qualificata per commercianti.

A mettere a disposizione il fondo, per il 2018, è l’amministrazione comunale. A presentare il pacchetto, oggi in Palazzo Vecchio, l’assessore allo Sviluppo economico Cecilia Del Re, insieme ai presidenti dei 5 quartieri fiorentini.
Nella valutazione delle proposte, è stato spiegato, sarà data priorità all’originalità dei progetti, alla capacità di valorizzare i settori economici individuati, ma anche alla sostenibilità organizzativa ed economica della proposta. Il proponente dovrà essere un soggetto senza scopo di lucro, con sede principale e operativa nel Comune di Firenze.
I progetti dovranno essere realizzati sul territorio del Comune, con una richiesta di contributo economico che non potrà superare i 10mila euro per ciascun progetto sulla prima misura (a copertura al massimo del 75% del budget complessivo) e i mille euro sulla seconda (a copertura al massimo del 50%) per un totale di 20mila euro.
Una seconda misura, sempre nell’ambito del fondo, riguarderà la valorizzazione di sei aree interessate dai lavori per la realizzazione di infrastrutture, con conseguenti disagi e ripercussioni sul tessuto commerciale e artigiano locale: piazza San Jacopino (Quartiere 1), piazza delle Cure (Quartiere 2), Galluzzo (Quartiere 3), piazza dell’Isolotto (Quartiere 4), piazza Dalmazia-via di Novoli (Quartiere 5).
“Abbiamo voluto indirizzare i contributi di promozione economica di quest’anno ai centri commerciali naturali – ha detto Del Re – ovvero a quell’insieme di esercizi di vicinato che costituisce un presidio sociale e di servizio al cittadino che vogliamo promuovere e sostenere”.

L'articolo Tramvia Firenze: 80mila euro per negozi danneggiati dai cantieri  proviene da www.controradio.it.

Nardella: “Giù le mani da Firenze!”

Nardella: “Giù le mani da Firenze!”

Lo ha detto il sindaco di Firenze Dario Nardella, interpellato dai cronisti sull’eventualità che un nuovo governo Lega-M5s possa bloccare i finanziamenti decisi dai precedenti governi per il sistema infrastrutturale del territorio, riguardante tramvie e aeroporti.

Ha ribadito il sindaco, “Non sono preoccupato” ma “se il nuovo governo decidesse di rimangiarsi gli impegni firmati con atti amministrativi e normativi, a favore tanto delle tramvie quanto degli aeroporti, sarebbe un autogol clamoroso: e quindi voglio dire con tutta la forza, a nome dei miei 400mila fiorentini, giù le mani da Firenze!”.

“Ci sono impegni sottoscritti che prevedono finanziamenti rilevanti per finire le tramvie e cominciare anche le altre opere pubbliche”.

Ha affermato, a margine di una conferenza stampa sulla tramvia con la commissaria europea Corina Cretu, “Noi useremo tutte le armi legittime a nostra disposizione per evitare che qualunque nuovo governo si rimangi questi impegni, e tagli risorse preziose per le quali ci sono stati firme e vincoli molto precisi”.

🔈Nel frattempo, con a bordo la commissaria europea Cretu, il presidente della regione Toscana ed il sindaco di Firenze, si è svolto il primo viaggio istituzionale sulla nuova linea 3 della tramvia fiorentina.

Questa mattina alle 11:00, infatti la Corina Cretu, commissaria europea per le politiche regionale accompagnata dal governatore Enrico Rossi, dal sindaco Dario Nardella e dall’assessore comunale al traffico Stefano Giorgetti, ha potuto verificare di persona il funzionamento del treno Sirio sulla linea 3 della tramvia che collega la stazione di Santa Maria Novella all’ospedale di Careggi.

L’opera, ormai vicina allo stato operativo, è stata realizzata anche grazie ai fondi stanziati dall’Unione Europea, alla fine del viaggio, la delegazione istituzionale ha tenuto una conferenza stampa nella quale è stato fatto il punto della situazione.

 

Gimmy Tranquillo ha intervistato il presidente Enrico Rossi ed il sindaco Dario Nardella:

L'articolo Nardella: “Giù le mani da Firenze!” proviene da www.controradio.it.

Cobas Lavoro Privato, USB: sciopero generale 8 Marzo

Cobas Lavoro Privato, USB: sciopero generale 8 Marzo

La protesta interesserà i mezzi di trasporto pubblico. Queste le modalità con cui si dispiegherà la sciopero di CLP ed USB.

Sospensione del servizio delle linee Ataf di 4 ore proclamato da Cobas del Lavoro Privato dalle ore 15,15 fino a fine servizio. Sciopero di 24 ore proclamato dall’Unione Sindacale di Base (USB) da inizio servizo alle ore 6, dalle 9,15 alle 11.45 e dalle 15.15 a fine servizio

Le fasce di garanzia sono le seguenti:
dalle 6 alle 9, saranno effettuate le corse dei bus con partenza dai capolinea fino alle ore 08.59
dalle 12 alle 15 saranno effettuate le corse dei bus con partenza dai capolinea fino alle ore 14.59

Il servizio della Tramvia di Firenze sarà garantito fino alle 20. Dalle 20 alle 00.30 (fine delle corse), la regolarità dipenderà dal grado di adesione allo sciopero.

Circoleranno regolarmente le Frecce di Trenitalia dalla mezzanotte alle 21 di giovedì 8 marzo. Per i treni regionali, il cui programma potrà essere oggetto di alcune modifiche, sono garantiti i servizi essenziali assicurati per legge nei giorni feriali, nelle fasce orarie più frequentate dai viaggiatori pendolari (6.00-9.00 e 18.00-21.00)

L'articolo Cobas Lavoro Privato, USB: sciopero generale 8 Marzo proviene da www.controradio.it.