Traffico, Nardella: ancora sei mesi di sofferenza per cantieri

Traffico, Nardella: ancora sei mesi di sofferenza per cantieri

A chi chiedeva di possibili ritardi nell’ultimazione dei lavori, Nardella ha sottolineato che “se le ditte faranno tardi si prenderanno le loro responsabilità, e pagheranno fino all’ultimo centesimo. Personalmente a me non risultano ritardi”

“Dobbiamo prepararci perché alla riapertura delle scuole dovremo ancora far fronte ai tanti
disagi legati ai cantieri della tramvia ma si tratta degli  ultimi sei mesi. Saranno mesi difficili, soprattutto nell’area della Fortezza, e anche questa volta contiamo sulla grande
pazienza dei cittadini”. Lo ha detto il sindaco di Firenze Dario Nardella in occasione di un sopralluogo, insieme all’assessore alla mobilità Stefano Giorgetti, ai cantieri della tramvia nella
zona di viale Strozzi, della stazione Santa Maria Novella, e di piazza dell’Unità d’Italia. “Dobbiamo dirla tutta – ha aggiunto -, i problemi alla circolazione ci saranno e dobbiamo adoperarci tutti per usare soprattutto i mezzi pubblici o quelli alternativi”.
A chi chiedeva di possibili ritardi nell’ultimazione dei lavori, Nardella ha sottolineato che “se le ditte faranno tardi si prenderanno le loro responsabilità, e pagheranno fino all’ultimo centesimo. Personalmente a me non risultano ritardi”  e “sono moderatamente fiducioso”. “Insieme all’assessore Giorgetti e ai nostri tecnici – ha osservato ancora il sindaco –
tutti i mesi abbiamo incontrato i vertici delle ditte coinvolte.
Anche nell’ultima riunione hanno ribadito l’impegno a finire i lavori entro febbraio” come da cronoprogramma. Secondo Nardella, in questi mesi “abbiamo superato una serie di difficoltà e imprevisti, come, ad esempio, i rinvenimenti di alcuni reperti archeologici” di epoca romana in piazza dell’Unità italiana che hanno costretto a ideare “un bypass della linea”. Il sindaco ha
annunciato di aver convocato “per il 30 agosto tutti i vertici delle aziende coinvolte. Avremo una riunione risolutiva e ho chiesto a tutti di assumersi le proprie responsabilità davanti
alla città e ai cittadini” nel corso di una conferenza  stampa.

L'articolo Traffico, Nardella: ancora sei mesi di sofferenza per cantieri proviene da www.controradio.it.

Traffico, Nardella: ancora sei mesi di sofferenza per cantieri

Traffico, Nardella: ancora sei mesi di sofferenza per cantieri

A chi chiedeva di possibili ritardi nell’ultimazione dei lavori, Nardella ha sottolineato che “se le ditte faranno tardi si prenderanno le loro responsabilità, e pagheranno fino all’ultimo centesimo. Personalmente a me non risultano ritardi”

“Dobbiamo prepararci perché alla riapertura delle scuole dovremo ancora far fronte ai tanti
disagi legati ai cantieri della tramvia ma si tratta degli  ultimi sei mesi. Saranno mesi difficili, soprattutto nell’area della Fortezza, e anche questa volta contiamo sulla grande
pazienza dei cittadini”. Lo ha detto il sindaco di Firenze Dario Nardella in occasione di un sopralluogo, insieme all’assessore alla mobilità Stefano Giorgetti, ai cantieri della tramvia nella
zona di viale Strozzi, della stazione Santa Maria Novella, e di piazza dell’Unità d’Italia. “Dobbiamo dirla tutta – ha aggiunto -, i problemi alla circolazione ci saranno e dobbiamo adoperarci tutti per usare soprattutto i mezzi pubblici o quelli alternativi”.
A chi chiedeva di possibili ritardi nell’ultimazione dei lavori, Nardella ha sottolineato che “se le ditte faranno tardi si prenderanno le loro responsabilità, e pagheranno fino all’ultimo centesimo. Personalmente a me non risultano ritardi”  e “sono moderatamente fiducioso”. “Insieme all’assessore Giorgetti e ai nostri tecnici – ha osservato ancora il sindaco –
tutti i mesi abbiamo incontrato i vertici delle ditte coinvolte.
Anche nell’ultima riunione hanno ribadito l’impegno a finire i lavori entro febbraio” come da cronoprogramma. Secondo Nardella, in questi mesi “abbiamo superato una serie di difficoltà e imprevisti, come, ad esempio, i rinvenimenti di alcuni reperti archeologici” di epoca romana in piazza dell’Unità italiana che hanno costretto a ideare “un bypass della linea”. Il sindaco ha
annunciato di aver convocato “per il 30 agosto tutti i vertici delle aziende coinvolte. Avremo una riunione risolutiva e ho chiesto a tutti di assumersi le proprie responsabilità davanti
alla città e ai cittadini” nel corso di una conferenza  stampa.

L'articolo Traffico, Nardella: ancora sei mesi di sofferenza per cantieri proviene da www.controradio.it.

Parcheggi: prenotazione col cellulare a Firenze

Parcheggi: prenotazione col cellulare a Firenze

Prenotare il posto delimitato dalle strisce blu e anche pagare la tariffa per la sosta. Ma anche controllare il rispetto delle regole da remoto e, nel caso di violazioni, far intervenire gli ausiliari di Sas.

È quanto prevede il progetto Teseo che sarà sperimentato a Firenze. La
giunta comunale, nella seduta dell’11 agosto, ha approvato la delibera con cui appunto si dà il via libera alla sperimentazione.

“Questo progetto va nella direzione di rendere più efficiente la sosta di superficie e migliorare il controllo – dichiara l’assessore Giorgetti – offrendo un servizio moderno grazie all’utilizzo delle opportunità offerte dalla tecnologia. Per questo abbiamo deciso di avviare questa sperimentazione”.

Il progetto è stato presentato dalla Nivi Group nell’ambito di un bando della Regione Toscana finanziato con fondi europei e punta a individuare misure tecnologicamente avanzate per affrontare le criticità del traffico e in particolare per la ricerca del parcheggio utilizzando un sistema basato su sensori ottici innovativi, telecamere e sensori che interagiscono via web e con i sistemi smart device degli operatori e degli utenti,
consentendo la prenotazione dell’area di sosta, il pagamento
della stessa con mezzi informatici.

Il sistema dà inoltre la possibilità di verificare se il conducente dell’auto
parcheggiata nei posti a sosta promiscua della zcs ha pagato quanto dovuto oppure no. E nel caso di mancato pagamento dalla centrale operativa di Sas possono essere inviati gli ausiliari della sosta per accertare la violazione. Questa procedura, si spiega dal Comune, sarà sperimentata in piazza Tasso mentre in via Circondaria la tecnologia messa a disposizione dal progetto

Teseo sarà testata per la vigilanza dei posti personalizzati per i mezzi a servizio dei disabili. La sperimentazione prenderà il via non appena saranno installati gli apparecchi
necessari.

L'articolo Parcheggi: prenotazione col cellulare a Firenze proviene da www.controradio.it.