Ataf: addio biglietto cartaceo, arriva sistema ‘cashless’

Ataf: addio biglietto cartaceo, arriva sistema ‘cashless’

Si tratta di un nuovo sistema di pagamento del titolo di viaggio. Cashless consente l’acquisto di biglietti a bordo senza nessuna maggiorazione di prezzo: Ataf è la prima azienda in Italia ad attivare il servizio su tutta la flotta. Sarà attivo da oggi nell’area fiorentina su tutti i 355 autobus di Ataf, sui 15 di Busitalia dei servizi ‘Volainbus’ (per l’aeroporto) e ‘The mall’ (per l’outlet).

Il servizio andrà a pieno regime da agosto ed è attualmente disponibile per i possessori di carte di pagamento contactless dei circuiti Mastercard, Maestro, Visa e V Pay. Il progetto ‘Florence cashless experience’ è stato presentato oggi al Museo Novecento in piazza Santa Maria Novella a Firenze alla presenza del sindaco di Firenze Dario Nardella, dell’amministratore delegato di Busitalia e presidente di Ataf Gestioni Stefano Rossi e dell’amministratore delegato di Ataf Gestioni Stefano Bonora.

“Una piccola grande rivoluzione – ha affermato il sindaco Dario Nardella -. E’ un modo comodissimo, semplice, tracciabile di pagare il biglietto che si aggiunge alla formula che già per primi abbiamo inaugurato in Italia del pagamento tramite un sms. Anche in questo caso siamo orgogliosi di essere primi in Italia”.

Si potranno inoltre effettuare acquisti multipli, ad esempio quelli delle famiglie, nella stessa transazione fino ad un massimo di cinque biglietti Ataf&Linea.
“A Firenze – ha detto Stefano Rossi – si concretizza quella che fino a qualche mese fa era solo una suggestione: acquistare il biglietto a bordo con un semplice ‘tap’ al validatore dimenticando il biglietto cartaceo”. “Il ‘Florence cashless experience’ – ha sottolineato Bonora – è un progetto fortemente innovativo dal punto di vista tecnologico che diventa realtà a bordo dei mezzi Ataf”.

L'articolo Ataf: addio biglietto cartaceo, arriva sistema ‘cashless’ proviene da www.controradio.it.

Tramvia del Chianti, Nardella: “Non sono contrario, va fatto progetto”

Tramvia del Chianti, Nardella: “Non sono contrario, va fatto progetto”

Come già annunciato da Controradio la settimana scorsa è nata l’ipotesi di una tramvia del Chianti. Quindi non solo Bagno a Ripoli, Piagge, Campo di Marte, Sesto Fiorentino, Campi Bisenzio, ma anche un collegamento che passi da Porta Romana, Due Strade, Galluzzo fino a Tavarnuzze.

“C’è un progetto – ha detto il sindaco Dario Nardella in un’intervista a Lady Radio – realizzato anni fa, di una tramvia del Chianti” in grado di partire da “piazza Pier Vettori, quindi dalla connessione con la linea 1”, raggiungere “Porta Romana” e poi salire “verso Impruneta fino ad arrivare a Tavarnuzze”. La linea transiterebbe dal “Poggio Imperiale”.

Sulle altre linee, ha detto, “ho quattro obiettivi nel mio mandato: realizzare quella per Bagno a Ripoli, quella per le Piagge e finire la progettazione della linea per Sesto e per il lotto 2 per Campi Bisenzio”.

“Non sono contrario – ha aggiunto – alla linea dell’Osmannoro: va fatto un progetto di fattibilità, ricordo che Confindustria sia era resa disponibile. Noi ora abbiamo la fase 2, ovvero la linea per Bagno a Ripoli, quella per le Piagge e la variante al centro storico piazza San Marco. La fase 3 io credo potrà essere quella della linea di Campo di Marte, quella del prolungamento della linea a Sesto Fiorentino e può essere anche la linea dell’Osmannoro e quella per Campi Bisenzio. Poi ci può essere anche una fase 4 della tramvia: la fase 4 può essere la linea di prosecuzione di Scandicci, il braccio finale che è una richiesta che il sindaco di Scandicci ha avanzato e anche la tramvia del Chianti”.

Il sindaco di Impruneta Calamandrei ai nostri microfoni aveva spiegato che il progetto è in fase di studio avanzato ed è realizzabile.

 

 

L'articolo Tramvia del Chianti, Nardella: “Non sono contrario, va fatto progetto” proviene da www.controradio.it.