Firenze: vicesindaco, idea navette di notte per studenti

Firenze: vicesindaco, idea navette di notte per studenti

Oggi incontro in Palazzo Vecchio con atenei Usa e console.

“Un servizio di trasporto in collaborazione con le scuole americane, di navette nel centro storico per riportare i ragazzi a casa o al loro campus di notte”. É una delle idee a cui stanno lavorando il Comune e le università americane presenti a Firenze: ad annunciarlo, la vicesindaco Cristina Giachi, dopo un incontro, a cui ha partecipato anche il sindaco Dario Nardella, dedicato ai temi della sicurezza, con i rappresentanti degli atenei Usa a Firenze, con il console americano nel capoluogo toscano Benjamin Wohlauer, il comandante provinciale dei carabinieri Giuseppe De Liso, il questore Alberto Intini. Il confronto è stato organizzato in seguito alla vicenda delle studentesse Usa che hanno denunciato due carabinieri per stupro.
Giachi ha spiegato che è stato anche preso in considerazione il decalogo di comportamento per gli studenti stranieri in città “da discutere con il console e poi varare, in modo che possa consentire anche alla scuola di ricevere una segnalazione in caso di condotte non adeguate o sconvenienti”. La vicesindaco ha poi tenuto a sottolineare che “Firenze è una città sicura, con livelli di criminalità decrescenti”.
“Con Palazzo Vecchio continuiamo a lavorare insieme – ha detto il console – abbiamo una lunga storia alle spalle in questo senso, e non c’è nulla di più importante che la tutela della sicurezza dei cittadini americani in città. Apprezziamo molto la trasparenza e la comunicazione che ci viene garantita da Palazzo Vecchio e dalle forze dell’ordine”.  Il comandante provinciale dei carabinieri Giuseppe De Liso ha sottolineato che quello di oggi “è stato un incontro costruttivo. Faremo lezioni con gli studenti sui temi della sicurezza. Abbiamo manifestato la massima disponibilità a collaborare”.
Intini ha detto che “le scuole Usa hanno chiesto una presenza maggiore sul territorio e possibilità di avere contatti in lingua inglese con le nostre strutture. Non c’è un clima di maggiore preoccupazione dopo la vicenda che ha coinvolto le due  studentesse americane. É stata segnalata anche la difficoltà a tornare a casa dopo le 3-4 di notte: non si trovano taxi, e non c’è la tramvia, ma questo non è un problema direttamente affrontabile dalle forze dell’ordine”.

L'articolo Firenze: vicesindaco, idea navette di notte per studenti proviene da www.controradio.it.

Firenze: Ataf, sindacati valutano stato agitazione

Firenze: Ataf, sindacati valutano stato agitazione

“Con Comune incontro insoddisfacente, impegni disattesi”. Il punto di rottura più grave riguarda la discussione sul taglio dei km.

Aria di guerra tra sindacati e Ataf.  L’incontro di ieri tra Comune di Firenze e organizzazioni sindacali in Palazzo Vecchio per discutere delle prospettive di rilancio dell’azienda “è stato tutt’altro che soddisfacente”, spiegano dalla rsu; tanto che le organizzazioni dei lavoratori valutano lo stato di agitazione, in vista del prossimo incontro previsto il 16 ottobre.
Gli impegni presi dal Comune con l’accordo dell’ 11 maggio scorso, a fronte della revoca dello sciopero programmato, “sono stati largamente disattesi – dice la rsu –  non abbiamo evidenza di una miglior collaborazione da parte della Polizia municipale (che ieri non era neanche presente all’incontro), le 24 nuove porte telematiche sulle corsie preferenziali (il numero pubblicizzato di 32 infatti comprende anche vecchie porte da sostituire) si installeranno solo dopo tutti gli iter relativi ai ricorsi sulla procedura di gara effettuata per il loro montaggio, quindi non in tempicbrevi, e soprattutto, nulla di buono anche al riguardo alla situazione caos dell’area della stazione ingorgata di cantieri, per cui non ci sono proposte concrete”.
Ultimo e più grave punto di rottura, “la discussione sul taglio dei km: nonostante da tempo si sbandieri che i km del servizio urbano di Firenze sarebbero aumentati, la realtà illustrataci è che ci sarà un ulteriore taglio, già deciso nel 2011, e che il Comune lavora perché non vi sia, ma non dà sicurezze in proposito, vincolando tutto al reperimento delle risorse necessarie. Di fronte a queste risposte, poche possono essere le nostre reazioni se non che stiamo valutando l’apertura dello stato di agitazione, e sicuramente al prossimo incontro, previsto il 16/10, ci attendiamo tutt’altro atteggiamento”.

L'articolo Firenze: Ataf, sindacati valutano stato agitazione proviene da www.controradio.it.

Mobike: superati 40mila iscritti a Firenze

Mobike: superati 40mila iscritti a Firenze

Bike sharing a flusso libero, boom del servizio Mobike che raggiunge i 41mila iscritti L’assessore Bettarini ha fatto il punto in Consiglio comunale a due mesi dal debutto. La media è giornaliera di 7700 utilizzi.

Sono i dati record del bike sharing cittadino, a due mesi dal debutto a Firenze del servizio Mobike. I risultati sono stati illustrati oggi in Consiglio comunale dall’assessore alla Smart City Giovanni Bettarini che ha fatto il punto sul nuovo servizio.
“Un bel successo del servizio di bike sharing – ha detto Bettarini – che ha incontrato il favore dei cittadini rimettendo al centro la questione della bicicletta come possibilità concreta per gli spostamenti in città. Dati che hanno superato le aspettative, con una prospettiva di crescita molto positiva. L’obiettivo è quello di migliorare ulteriormente il servizio, sia nei numeri che nella tipologia dei mezzi. Al momento – ha proseguito Bettarini – abbiamo in strada 1500 biciclette, che diventeranno 1700 entro domani e 2500 nei prossimi giorni, con un bando ancora attivo per altre 4mila biciclette. Le nostre richieste di sviluppo riguardano miglioramenti sulla tipologia dei mezzi e aggiornamenti dei modelli che arriveranno nella prossima fase”.

L'articolo Mobike: superati 40mila iscritti a Firenze proviene da www.controradio.it.