Bus: da novembre Autolinee Toscane gestirà Tpl

Bus: da novembre Autolinee Toscane gestirà Tpl

Bus: il primo novembre Autolinee Toscane entrerà nella gestione del Tpl, sarà la prima esperienza in Italia in cui un’unica azienda gestirà il trasporto pubblico su gomma, urbano ed extraurbano, nell’intero territorio regionale.

Le modalità del subentro, gli investimenti, gli obiettivi e l’organizzazione di Autolinee Toscane sono state presentate oggi in Regione.

AUDIO: l’Ad di Autolinee Toscane Jean-Luc Laugaa e il presidente sempre di Autolinee Toscane, Gianni Bechelli.

Dal 1° novembre Autolinee Toscane gestirà il Tpl della Toscana. Un’unica azienda, in tutta la regione: è la prima esperienza in Italia. “Ci aspettano 37 giorni impegnativi – afferma l’Ad di Autolinee Toscane, Jean-Luc Laugaa – Li utilizzeremo per preparare al meglio questo passaggio, complesso e difficile che arriva dopo 6 anni di conflitti. Ci metteremo tutta la nostra esperienza insieme a consistenti investimenti e ad una nuova organizzazione. Prendiamo un impegno: cambiamenti visibili del servizio entro un anno, all’inizio dell’anno scolastico 2022”. Principali obiettivi di Autolinee Toscane: garantire la continuità del servizio; un subentro indolore che non penalizzi gli utenti; industrializzare la gestione, uniformando procedure, processi e l’offerta del servizio, fino ad oggi gestito in modo frantumato ed eterogeneo; valorizzazione del personale con più formazione e carriere basate sul merito.

“Abbiamo ereditato un servizio precario e disordinato – puntualizza Laugaa – lasceremo un Tpl in linea con gli standard europei”. I 5.164 dipendenti saranno tutti assunti, confermando ruolo e inquadramento. ”Ancora non ci conosciamo, ma ho fiducia in loro – dice Jean-Luc Laugaa – Li conoscerò presto e sono convinto che lavorando insieme cresceremo insieme”. Ultimato il passaggio dei beni essenziali. Spesi 223 milioni 99 contratti firmati per un investimento di 222,8 milioni · 42 immobili acquistati per 98,7 milioni (Per altri 54 immobili subentro nell’affitto). · 2.668 bus acquistati per 94,8 milioni (Parco bus ereditato ha una età media 12 anni. In Europa 7,5 – Germania 7,7 – Francia 7,6 – Spagna 8,1) · Altri beni per 29,3 milioni (pensiline, paline, ecc…) Ulteriori investimenti previsti: 357 milioni Oltre a quelli per il passaggio dei beni, investiremo ulteriori: • 51 milioni per nuove tecnologie (Avm, contapersone, software): 27 entro il 1° anno · 306 milioni per acquisto nuovi bus: 2.095 nuovi bus di cui la metà · 306 milioni per acquisto nuovi bus: 2.095 nuovi bus di cui la metà nei primi 4 anni. I primi 200 bus entro settembre 2022 (18 bus al subentro. Altri 50 entro dicembre e 120 entro maggio 2022). ”Abbiamo anticipato gli investimenti sui bus – precisa l’Ad di Autolinee Toscane – perché abbiamo ereditato un parco veicoli mal ridotto a causa di una manutenzione insufficiente”. Nel corso degli 11 anni investiremo 580 milioni Personale · Autolinee Toscane non lascerà a casa nessuno. Assumeremo tutto il personale attualmente in forza agli attuali gestori. · Porteremo progetti per il miglioramento della sicurezza, per uno sviluppo delle carriere basato sul merito; investiremo molto sulla formazione, convinti che ”la formazione unita al merito” sia indispensabile per migliorare le condizioni di lavoro e il servizio. · Abbiamo avviato un confronto con le OOSS per preparare un ordinato passaggio del personale, confermando ad ognuno ruolo e inquadramento. Organizzazione di Autolinee Toscane Ci saranno, oltre alla sede centrale di Firenze, 3 Dipartimenti: Nord, Centro, Sud. Ogni Dipartimento sarà il referente di AT per tutti gli Enti Locali. Comuni e Province potranno facilmente rapportarsi e dialogare per ogni esigenza. In ogni Dipartimento ci saranno: · Un direttore dell’esercizio, interlocutore di Comuni e Province per tutte le questioni relative al servizio · Un responsabile commerciale, marketing e partnership per i problemi relativi all’utenza, organizzazione di eventi, ecc… · Un addetto alle relazioni con i media locali e alle informazioni all’utenza. Cosa cambia per l’utenza “Con il subentro ci saranno anche alcune novità per gli utenti. Stiamo lavorando insieme alla Regione per uniformare e semplificare le modalità di accesso”, conclude una nota.

L'articolo Bus: da novembre Autolinee Toscane gestirà Tpl da www.controradio.it.

Collaborazione pubblico privato per una mobilità elettrica sostenibile

È in corso la Settimana europea della mobilità, iniziativa annuale della Commissione europea per la mobilità urbana sostenibile. La collaborazione tra pubblico e privato per la predisposizione di un nuovo assetto economico-produttivo e orientare le scelte per creare una nuova utenza sono le sfide per giungere ad una mobilità sostenibile

Lavori Publiacqua, nuove modifiche in piazza della Libertà

Lavori Publiacqua, nuove modifiche in piazza della Libertà

Lavori di Publiacqua in piazza della Libertà, viabilità alternativa in vista dell’inizio dell’anno scolastico. La necessità di approfondimenti da parte della soprintendenza nel cantiere dove sono in corso lavori di Publiacqua propedeutici alla costruzione della nuova linea della tramvia variante al centro storico, obbliga il Comune a rivedere la viabilità e a crearne una alternativa in vista dell’inizio dell’anno scolastico. La modifica di viabilità, da preparare nella notte tra oggi e domani, prevede una rivoluzione delle attuali tre corsie da piazza della Libertà verso Lavagnini.

Al via la viabilità alternativa in piazza della Libertà in vista dell’inizio dell’anno scolastico. E’ quanto deciso nel corso del coordinamento lavori  dopo la comunicazione da parte dei tecnici di Publiacqua della necessità di allargamento dello scavo e degli ultimi approfondimenti da parte della Soprintendenza prima del rilascio del nulla-osta per la prosecuzione dei lavori di posa della nuova tubazione. Non avendo certezza dei tempi di ripartenza del cantiere in attesa del nulla-osta, rispetto a lavorazioni che avrebbero dovuto concludersi entro il mese di agosto, è stato deciso di modificare l’attuale viabilità visto l’aumento del traffico e l’imminente inizio dell’anno scolastico.

Dopo attente e ponderate valutazioni, è stata individuata in piazza della Libertà una viabilità a due corsie che prevede la prima a flusso libero verso viale Lavagnini, eliminando sia l’attuale tratto di attraversamento pedonale che conduce verso il loggiato lato Lavagnini/Lorenzo il Magnifico che la corsia di attraversamento per raggiungere viale Matteotti. L’altra corsia, posta a sinistra, sarà utilizzata per la svolta verso viale Matteotti, con più tempo semaforico avendo ridotto la dimensione dell’attraversamento pedonale. Via Cavour, che è ztl, sarà accessibile solo per chi proviene da Lavagnini, mentre il percorso per chi proviene da Matteotti/Ponte Rosso sarà Landino, Milton, Poliziano, Lavagnin. La modifica potrebbe avvenire nella notte tra oggi  e domani 11 settembre.

L'articolo Lavori Publiacqua, nuove modifiche in piazza della Libertà da www.controradio.it.

Monopattini: Firenze ci riprova, nuova ordinanza per obbligo casco

Monopattini: Firenze ci riprova, nuova ordinanza per obbligo casco

L’obbligo scatterà dal primo dicembre per dare idoneo tempo alle società  di sharing di mettersi in regola dotando i monopattini a noleggio di alloggio per il casco. previsti anche incentivi per acquisto

“Abbiamo predisposto una nuova ordinanza che recepisce i rilievi della sentenza del Tar del febbraio scorso con un arco temporale adeguato per consentire a tutti di mettersi in regola. Ma vogliamo superare la sentenza del Tar non solo con regole ma anche con incentivi così da consentire all’utenza di poter utilizzare questo mezzo di trasporto in maniera il più sicura possibile. Mi auguro che presto ci sia una normativa nazionale su questo tema”. lo ha dichiarato ha dichiarato il sindaco di Firneze  Dario Nardella, che ha anche annunicato  “una campagna sull’uso consapevole dei monopattini, insieme alle associazioni che si occupano di sicurezza stradale, rivolta in primo luogo ai giovani, alle scuole e alle università”.

Anche i maggiorenni dovranno circolare sulle strade comunali di Firenze con i monopattini elettrici indossando il casco, dunue. Questo è quanto prevede una nuova ordinanza sulla sicurezza stradale. L’obbligo scatterà dal primo dicembre per dare idoneo tempo alle società di sharing di mettersi in regola dotando i monopattini a noleggio di alloggio per il casco. Intanto il Comune accompagnerà questo obbligo con una serie di misure volte da un lato ad agevolare la diffusione di questo fondamentale presidio per la sicurezza e dall’altro a promuovere ulteriormente l’utilizzo dei monopattini che sono comunque considerati un importante mezzo per lo sviluppo della mobilità sostenibile: una delibera che sarà approvata a breve prevedrà alcuni incentivi per l’acquisto di caschi protettivi da parte degli utenti e una ulteriore delibera consentirà l’ampliamento del servizio di noleggio da 900 a 1200 mezzi ma solo alle compagnie che avranno sui nuovi monopattini il dispositivo porta-casco.

“Il Comune – ha aggiunto l’assessore Giorgetti – punta molto sugli incentivi, così da arrivare a fornire 1000 caschi per i residenti che dimostrino di avere un monopattino o un abbonamento di sharing. Ma ricordo che la sicurezza stradale si garantisce soprattutto col rispetto dei limiti di velocità: per questo vogliamo aumentare le zone dove è consentito circolare a massimo 30 chilometri orari, che già oggi sono pari a 135 chilometri”.

Si prevede l’erogazione di un contributo economico a favore dei residenti nell’area urbana che acquisteranno un casco utilizzabile per il monopattino, o in alternativa la distribuzione ai richiedenti di caschi che saranno acquistati direttamente dall’amministrazione comunale. L’importo dell’eventuale contributo e/o la tipologia e le caratteristiche dei caschi saranno determinati nelle prossime settimane a seguito di un’analisi di mercato da parte degli uffici comunali. In secondo luogo si prevede di poter autorizzare, previo il raggiungimento di un accordo con i gestori, l’estensione delle flotte attualmente disponibili per i servizi di sharing di monopattini, a fronte dell’introduzione di soluzioni per agevolare l’utilizzo dei servizi da parte di quegli utenti occasionali che non sono provvisti di casco, come per esempio l’adeguamento dei veicoli con una custodia apposita per l’alloggiamento del casco, oppure l’introduzione di box fissi per il prelievo dei caschi. In questo modo saranno pienamente conciliati gli obiettivi di sicurezza stradale e di mobilità sostenibile.

L'articolo Monopattini: Firenze ci riprova, nuova ordinanza per obbligo casco da www.controradio.it.

Tramvia Firenze; il 30 agosto linea T1 interrotta tra Batoni e Leopolda

Tramvia Firenze; il 30 agosto linea T1 interrotta tra Batoni e Leopolda

Ci saranno bus sostitutivi sulla linea. I lavori per sostituire  6 metri di rotaie nei pressi di Piazza Paolo Uccello.  Laugaa: “Attività programmata per mantenere in salute la tramvia”.

“Dopo oltre dieci anni dalla realizzazione della linea T1  questa è una delle attività di manutenzione che si programmano e si attuano, anche a seguito di numerose e scrupolose verifiche che vengono fatte ogni giorno, per mantenere in salute l’infrastruttura. Abbiamo scelto di intervenire a fine agosto, interrompendo il servizio solo per poche ore, e di notte, per ridurre al massimo i disagi all’utenza”. Lo ha dichiarato  Jean-Luc Laugaa, Ad di GEST nel presentare i lavori di manutenzione straordinaria per la tramvia di Firenze.

Lunedì 30 agosto, dalle 19.00 fino alla fine del servizio, la linea della tramva T1 sarà interrotta tra le fermate “Batoni” e “Porta al Prato – Leopolda” per consentire un intervento di manutenzione ai binari nei pressi di Piazza Paolo Uccello. L’intervento, che inizierà alle 19.00 e durerà tutta la notte, prevede la sostituzione di circa 6 metri di rotaie. Per consentire gli spostamenti nel tratto interrotto saranno attivati bus sostitutivi, da prendere nei pressi delle fermate.

L’operazione durerà complessivamente dalle 5 alle 7 ore e terminerà prima dell’avvio del servizio della tramvia, previsto alle 5.00 del mattino. In questo intervento, insieme allo staff tecnico di GEST, saranno coinvolte 10 persone che, già dalla giornata di sabato 28 agosto, scasseranno un tratto di sede tramviaria. Lunedì 30 agosto taglieranno la rotaia e, con apposite saldature, la sostituiranno con una nuova. Lavori e verifiche continueranno anche nei giorni successivi, con il ripristino della sede tramviara, ma senza interrompere il servizio. Interrotto sarà invece il passaggio pedonale nei pressi della fermata Paolo Uccello. In caso di condizioni climatiche avverse e maltempo, questa attività potrebbe essere posticipata. In questo caso sarà data immediata comunicazione.

Tratto interrotto tra Batoni e Porta al Prato, dalle 19.00 alle 00.30. Per consentire tutte le operazioni sarà necessario interrompere il servizio della tramvia tra le fermate Batoni e Porta al Prato, in entrambe le direzioni. Le ultime corse che faranno la tratta senza interruzioni passeranno dalle fermate Batoni e Porta al Prato intorno alle 19.00 (L’ultima corsa senza interruzioni partirà da Villa Costanza alle 18:48 e da Careggi alle 18:38). Dopo le 19.00 i tram si fermeranno e ripartiranno da Batoni e Porta al Prato.

Bus sostitutivi. Per garantire gli spostamenti nella tratta interrotta sarà attivato un servizio bus sostitutivo. Dalla fermata Batoni il bus da prendere per arrivare a Porta al Prato si fermerà in Via Del Sansovino (Nei pressi dell’angolo con Via Mortulli), mentre da Porta al Prato il bus da prendere si fermerà in Via Fratelli Rosselli, in direzione SMN, nella via interna, proprio all’altezza della fermata della tramvia. Il bus sostitutivo passerà anche nei pressi delle fermate Cascine, Paolo Uccello e Sansovino, che non saranno servite (Sui pannelli delle fermate sono presenti i punti dove prendere i bus sostitutivi).

 

Informazioni. Avvisi saranno affissi lungo la linea e, durante l’interruzione, alle fermate di Batoni e Porta al Prato, ci sarà personale per dare indicazioni. Per qualsiasi informazione è possibile consultare il sito web, www.gestramvia.it e, per rimanere aggiornati, è possibile iscriversi al canale Telegram di GEST e ricevere avvisi in tempo reale.

 

L'articolo Tramvia Firenze; il 30 agosto linea T1 interrotta tra Batoni e Leopolda da www.controradio.it.