Prato, inchiesta “finti poveri”: sequestrati 2,5 mln beni Ahmetovic e Halilovic

Prato, inchiesta “finti poveri”: sequestrati 2,5 mln beni Ahmetovic e Halilovic

La corte di appello di Firenze ha ribaltato la decisione del tribunale di Prato. Nel dicembre scorso era stato bocciato il sequestro finalizzato a confisca e ordinato la restituzione dei beni a 14 componenti delle due famiglie residenti in città.

Il patrimonio bloccato viene ritenuto dagli inquirenti pratesi provento di illeciti ed ammonta a un controvalore di circa 2,5 milioni di euro tra case, depositi bancari, libretti postali, polizze vita, gioielli e altri beni. La procura di Prato aveva fatto ricorso in appello per chiedere la sospensione dell’ordinanza con cui il tribunale revocò il sequestro finalizzato alla confisca deciso nel giugno 2017. I beni furono sequestrati nell’ambito dell’operazione della Gdf ‘Finti poveri’ come misura di prevenzione patrimoniale. Le indagini mostrarono una sproporzione tra il valore delle proprietà possedute dalle due famiglie ed i redditi dichiarati, cioè a Isee zero.

Per il tribunale però non c’è nesso fra il possesso di somme così ingenti da parte di famiglie, che formalmente risultano nullatenenti, e i delitti di cui sono accusati molti loro appartenenti. La corte di appello, adesso, dimostra invece di sostenere la linea della procura di Prato.

L'articolo Prato, inchiesta “finti poveri”: sequestrati 2,5 mln beni Ahmetovic e Halilovic proviene da www.controradio.it.

Prato: prescrive diete con antidepressivi, medico sospeso

Prato: prescrive diete con antidepressivi, medico sospeso

Prato, indagini effettuate dal Nas dei Carabinieri scoprono migliaia di ricette illegali. Una ginecologa è stata sospesa a causa di prescrizione di diete con antidepressivi

Scoperta dal Nas dei carabinieri una ginecologa di Prato che prescriveva diete dimagranti o cure per disturbi alimentari facendo migliaia di ricette con preparati basati su diversi tipi di farmaci, anche ad azione stupefacente o psicotropa, il cui utilizzo è vietato per questo tipo di cure.

Ora il gip del Tribunale di Prato ha emesso nei suoi confronti una misura interdittiva di divieto dell’esercizio della professione medica per 6 mesi. Le indagini del Nas, coordinate dal pm Egidio Celano, sono state finalizzate al contrasto dell’illegale prescrizione di “preparazioni magistrali a scopo dimagrante contenenti sostanze vietate” e hanno rilevato che la specialista, una dottoressa in ginecologia ed ostetricia, pubblicizzava su Internet, una propria attività di dietoterapia e di trattamento dei disturbi del comportamento alimentare.

Accertamenti in varie farmacie delle province di Prato e Pistoia hanno permesso al Nas di Firenze di appurare che la dottoressa, nel periodo 2016-2018, aveva compilato in favore di pazienti, sia donne che uomini, che si erano a lei rivolti per perdere peso, ricette con prescrizioni di diversi tipi di farmaci (preparazioni magistrali in capsule da allestire in farmacia).

Tali preparati avrebbero avuto anche azione stupefacente o psicotropa e dovevano essere assunti per via orale in associazione tra loro: tale utilizzo è vietato per scopi dimagranti. Per eludere i controlli, la stessa professionista aveva falsamente prescritto i medicinali destinandoli alla cura di patologie per i quali sono approvati, tipo trattamenti di disturbi depressivi, ansia, problemi tiroidei. Inoltre il Nas ha scoperto che intestava le ricette anche a persone diverse dal paziente come i familiari, ignari, o addirittura, in alcuni casi, a sé stessa.

L'articolo Prato: prescrive diete con antidepressivi, medico sospeso proviene da www.controradio.it.