Turismo, la Toscana in mostra alla fiera internazionale di Berlino

FIRENZE - La Toscana sarà presente con 16 aziende e due stand organizzati da Toscana Promozione Turistica alla ITB di Berlino, in programma dal 6 al 10 marzo prossimi. La ITB è la maggiore fiera mercato d'affari dell'industria del turismo con oltre 180mila visitatori tra cui 108mila operatori dal mondo e 10mila espositori da 180 paesi, principale fiera di settore a livello globale in grado di attirare oltre 1000 buyer qualificati per un fatturato annuo di 7 miliardi di euro. Per presentarsi al meglio in una vetrina così importante oltre allo stand dell'Enit (che ospiterà circa 300 aziende e 16 Regioni) la Toscana ne avrà uno proprio e uno spazio nell'area dedicata all'outdoor.

A Berlino ci saranno l'assessore regionale al turismo Stefano Ciuoffo e il direttore di Toscana Promozione Turistica Francesco Palumbo i quali, la sera del giorno di apertura, parteciperanno alla serata organizzata all'Ambasciata d'Italia a Berlino con l'ambasciatore Luigi Mattiolo, il Ministro delle Politiche Agricole Alimentari, Forestali e del Turismo Gian Marco Centinaio e il presidente ENIT Giorgio Palmucci.

"La Germania – afferma l'assessore Ciuoffo – per la Toscana rappresenta un mercato turistico fondamentale, come per il resto del nostro Paese. I tedeschi sono sempre i più numerosi, aumentati addirittura del +4,9% a livello nazionale e sono gli stranieri più numerosi in Toscana da anni. Quello tedesco è un turista che ama e ricerca la vacanza attiva e che consente un autentico contatto con la natura: trekking e cicloturismo, camping. Per questo pensiamo che le offerte turistiche legate al plein air e al ‘turismo avventura' siano particolarmente indicate per il turista tedesco che spesso arriva da noi col proprio camper".

Nel 2018 le nuove immatricolazioni di camper sono salite del 12,5% stando ad ADAC Reisemonitor 2018, e l'Italia si assesta al terzo posto tra le scelte dei camperisti tedeschi. I dati confermano che i turisti tedeschi privilegiano lo spostamento in automobile, poi l'aereo, ma anche il bus comincia a rappresentare un'alternativa molto gettonata. Impennata anche per i viaggi wellness, ancor più apprezzati se coniugati a cultura e natura. Nel cuore del grande spazio ENIT a ITB, fitto il programma di approfondimenti tra cui quelli legati ai borghi, ai cammini, la montagna, e l'enogastronomia compreso insito patrimonio UNESCO.

Protagonista d'eccezione dello Stand Italia sarà un'icona del Made in Tuscany: la Vespa Piaggio. Tutti i visitatori infatti saranno invitati a inforcare una Vespa Special originale collocata in stand, per scattare le proprie foto e condividerle usando #treasureitaly, l'hashtag della campagna che ENIT porta a Berlino per raccontare l'Italia e le sue bellezze, da fruire e rispettare come un vero e proprio tesoro.

La ITB è un palcoscenico importante per l'offerta turistica toscana che ha proprio in Germania il suo primo mercato e sarà quindi presente con il suo innovativo progetto Tuscany Adventure Times e 4 aziende, all'interno della hall 4.1 dedicata all'offerta ‘Youth Travel & Economy Accomodation | Adveture Travel | Responsable Tourism'. Una sezione strategica che guarda ad una nuova generazione di trendsetter, a chi ama viaggiare in armonia della natura e al turismo responsabile. Inserita nell'area ENIT del padiglione, la Toscana presenterà qui le sue nuove mappe, realizzate da T-Rafting, dedicate alle ‘vie blu' del suo territorio e all'offerta active che ruota attorno a corsi fluviali e non solo.

All'interno della fiera ci sarà, poi, una seconda ‘Isola Toscana' (hall 1.2 stand 108), sempre sotto le bandiere di ENIT e con il coordinamento dell'Agenzia regionale. Qui saranno protagonisti 12 tra tour operator e strutture alberghiere di tutto il territorio regionale. The Plus Planet (Cooperativa sociale di Firenze) presenterà un progetto sul turismo accessibile per chi ha disabilità fisica, sensoriale ed intellettiva-relazionale, con l'individuazione di alberghi, ristoranti, spiagge, musei ed itinerari accessibili.

La Toscana, come ha fatto per la Bit di Milano, ha anche in programma una serata ad hoc dedicata alla presentazione, a stampa specializzata e operatori del settore, del brand Costa di Toscana/Isole di Toscana e del piano legato alla promozione del nostro litorale e del suo entroterra. L'evento, intitolato ‘Die Küste der Toskana – Lebe dein Abenteuer!', che si terrà il 7 marzo e al quale parteciperà anche il Presidente della Commissione per la ripresa economica della Costa del Consiglio Regionale Antonio Mazzeo, completa il lancio del progetto elaborato dall'Agenzia Regionale destinato a riscrivere completamente il concept della vacanza sul territorio costiero regionale, per proporre ai turisti un'offerta in grado di rispondere alle più attuali motivazioni di viaggio.

Sette i prodotti turistici che oggi compongono l'anima di Costa Toscana: Bike, Cammini, Borghi, Turismo Sportivo e Outdoor, Enogastronomia, Wedding e Turismo Avventura. Per un totale di 12 ambiti territoriali coinvolti. Si parte dalla Lunigiana per poi coinvolgere la Riviera Apuana, la Garfagnana e la Media Valle del Serchio. E poi giù verso la Versilia e la Piana di Lucca, per proseguire con le Terre di Pisa, Livorno, la Costa degli Etruschi e, infine, scendere nella Maremma Toscana e sull'Amiata. In mezzo al mare: l'Elba e le Isole dell'Arcipelago toscano, le Perle del Mediterraneo, emozioni che corrono per oltre 300 km in un continuo contrappunto di mare: dagli itinerari bike sulla Costa Etruschi a quelli della Maremma, passando per i tracciati trekking e i cammini attraverso luoghi incontaminati come il Parco dell'Arcipelago, il Parco di Migliarino-San Rossore, il Parco della Maremma e quello delle Apuane. Il turismo avventura, legato al mare con il diving e all'entroterra dove è possibile praticare birdwatching, canoa, bike, per poi rilassarsi visitando i tanti luoghi d'arte che punteggiano il territorio. Ma la Costa Toscana è anche intesa come vita nei borghi, i luoghi ideali dove apprezzare il patrimonio culturale e l'enogastronomia; per tornare poi al mare e alla costa nella sua veste più romantica, setting perfetto per matrimoni sulla spiaggia e viaggi di coppia. Un progetto strategico, se si pensa che Sun & Beach è la seconda motivazione di viaggio dei Millennials, ossia dei turisti nati tra il 1980 e il 2000, che costituiscono il più grande mercato chiave del momento, con il 40% di quote-mercato e una crescita del +15% annuo.

Turismo, Toscana prima regione in Italia con ‘codice affitti’

Turismo, Toscana prima regione in Italia con ‘codice affitti’

Toscana apripista nella ‘rivoluzione’ degli affitti turistici. La Regione per prima in Italia introduce il ‘Codice affitti’ e da stamani ha attivato la procedura telematica per la comunicazione al Comune delle locazioni turistiche, obbligo introdotto dal Testo unico del sistema turistico regionale (articolo 70 della legge regionale 86/2016).

Il sistema assegnerà un codice identificativo per ogni immobile dato in locazione che permetterà alle amministrazioni, come ha spiegato l’assessore regionale al Turismo, Stefano Ciuoffo, “di avere un quadro conoscitivo del fenomeno delle locazioni turistiche, utile ai fini statistici, ma anche per poter meglio calibrare le politiche sul territorio”.
Dovrà ottemperare all’obbligo scattato oggi ogni proprietario che dia in locazione immobili interi o solo porzioni per finalità turistiche, sia che si tratti di affitti brevi o lunghi, su piattaforma web o tramite un’agenzia. La comunicazione online deve essere fatta entro trenta giorni dalla stipula del primo contratto di locazione e riguarda ogni singolo alloggio dato in affitto: se un soggetto ha 2 immobili deve fare due segnalazioni anche se si tratta dello stesso Comune.

Seguendo i passaggi della procedura telematica, il proprietario dovrà inserire alcune informazioni: il periodo durante il quale intende locare l’alloggio, il numero delle camere e dei posti letto disponibili; i siti web dove viene pubblicizzato e l’eventuale forma imprenditoriale di esercizio dell’attività. Decorrenza diversa dell’obbligo di comunicazione per chi dà in affitto alloggi turistici nel comune di Firenze: coloro che sono già registrati al servizio online ‘imposta di soggiorno del Comune di Firenze’ devono solo integrare la loro registrazione con alcuni dati a decorrere dal 1 maggio 2019.

Lo scatto in avanti della Regione Toscana è solo un primo passo per Assoturismo Confesercenti. Il presidente Vittorio Messina ha commentato: “Che ci sia qualche regione che voglia fare da apripista va bene, ma porteremo a casa il risultato quando il codice identificativo delle strutture turistiche sarà esteso a tutto il territorio nazionale”. Tema sul quale ieri era intervenuto anche il ministro del Turismo Gian Marco Centinaio, per il quale “l’obiettivo è arrivare alla sua approvazione entro l’estate”. Il codice identificativo è “una misura attesa” anche dal presidente di Federalberghi, Bernabò Bocca, perché utile ad “arginare la piaga dell’abusivismo che danneggia drammaticamente il comparto”.

L'articolo Turismo, Toscana prima regione in Italia con ‘codice affitti’ proviene da www.controradio.it.

Toscana: iscrizione web e codice per chi affitta case

Toscana: iscrizione web e codice per chi affitta case

‘Rivoluzione’ per gli affitti turistici in Toscana. Da oggi la Regione, prima in Italia, assegnerà un codice identificativo per ogni locatore: a tal fine ha predisposto un portale unico – al quale si accede dal sito al link http://www.regione.toscana.it/-/comunicazione-locazioni-turistiche – per ottemperare all’obbligo introdotto dalla legge regionale che riguarda la comunicazione al Comune (art.70 legge Regionale 86/2016) dei dati degli alloggiati nelle strutture non alberghiere.

Siano quindi affitti brevi o lunghi in abitazioni prenotati sul web o tramite agenzia. L’obbligo scatta da oggi primo marzo: chi concede in affitto uno o più alloggi con finalità turistiche deve effettuare la comunicazione, entro trenta giorni dalla stipula del primo contratto di locazione.
Una volta effettuata la comunicazione non sono richiesti ulteriori adempimenti al locatore.
“L’obbligo di comunicazione – spiega l’assessore toscano al turismo Stefano Ciuoffo – risponde alla necessità che le Amministrazioni hanno di avere un quadro conoscitivo del fenomeno delle locazioni turistiche, utile ai fini statistici ma anche per poter meglio calibrare le politiche sul territorio”.
Un fenomeno, aggiunge Ciuoffo, che negli ultimi anni, “ha assunto dimensioni inimmaginabili con le opportunità offerte dalle piattaforme telematiche. Ad oggi sono consultabili per la Toscana oltre 60.000 annunci online” di locazioni turistiche su tutto il territorio regionale.
Per Ciuoffo il “monitoraggio serve anche a evitare eventuali elusioni o evasioni fiscali ad esempio sulla tassa di soggiorno. Nel rapporto sul turismo, curato da Irpet per la Regione Toscana, relativo al 2017, sulla base di un un modello econometrico basato sui consumi idrici per uso domestico nei comuni toscani, sono state calcolate quasi 49 milioni di presenze turistiche per coloro che soggiornano in case e appartamenti di privati non inseriti negli elenchi delle strutture ufficiali”.

L'articolo Toscana: iscrizione web e codice per chi affitta case proviene da www.controradio.it.