Ancora su Cai Guo-Qiang agli Uffizi

Ancora su Cai Guo-Qiang agli Uffizi

Cai Guo-Quian, Flora Commedia, agli Uffizi fino al 17 febbraio 2019.

 

Ancora qualche riflessione sulla mostra di Cai Guo-Qiang.

Per Flora Commedia Cai Guo-Qiang si è ispirato sia ai fiori – quelli veri di Boboli e quelli dipinti da Botticelli – sia alla cultura occidentale. In blocco. Roba da far tremare le vene dei polsi… E proprio qui sta il bello. E il difficile.

Perchè in Flora Commedia vediamo lavori che si appropriano della nostra cultura classica in un modo per noi totalmente nuovo. Senza remore, per dirla in due parole. Oppure anche stile cash and carry. Al di là delle esplosioni e delle polveri da sparo, è proprio per quello che le opere di Cai Guo-Qiang sono impressionanti.

 

Perchè sprizzano una vitalità e una potenza con le quali, volenti o nolenti, dobbiamo imparare a fare i conti. E anche perchè indicano una maniera nuova di rivisitare e “usare” il nostro passato.

Facciamo un esempio. Laura Donati, co-curatrice della mostra insieme a Eike Schmidt, il direttore degli Uffizi, ha raccontato che Cai Guo-Qiang  è rimasto molto colpito dai disegni antichi realizzati con la tecnica antica della punta d’argento che ha avuto modo di vedere al Gabinetto dei Disegni e delle Stampe. Questi gli hanno dato l’idea di unire un disegno delicatissimo con la forza dirompente della polvere da sparo. Le opere potranno piacere o non npiacere…ma non è quello il punto.

Il punto è il nuovo rapporto tra bellezza e violenza, insieme a quello con l’arte del passato e con la città.

 

Cai Guo-Qiang ha voluto esporre l’enorme disegno preparativo dei fuochi artificiali, come già notato, proprio nella sala che si affaccia su Piazza della Signoria,

“per facilitare una connessione tra il disegno all’interno e la società al di fuori. Immagino che, per un istante, i visitatori che si trovano nella galleria vedano le pareti degli Uffizi dissolversi fino a svanire e meravigliarsi quando il confine tra l’opera su carta e l’opera nel cielo si confonderà”…

 

La tecnica Cai Guo-Qiang è ben spiegata da pannelli e video molto interessanti. In conferenza stampa l’artista ha anche spiegato le differenze che corrono tra le tante polveri da sparo prodotte in paesi diversi. Le migliori? Quelle tedesche e danesi. E le cinesi? Da scarse che erano hanno recuperato qualità e potenza molto velocemente. (Vedete anche voi una metafora in tutto questo?)

Le esplosioni di Cai Guo-Qiang sono tutte “esplosioni d’amore”, ha detto Eike Schmidt. Esplosioni che, nel caso di “City of Flowers in the Sky”, lo spettacolo pirotecnico da Piazzale Michelangelo, sono state realizzate dalla ditta Martarello, cioè la stessa ditta che per 30 anni si è occupata dello Scoppio del Carro.

“E’ stato un lavoro pazzesco”, mi ha detto il titolare Vincenzo Martarello. “Per un progetto del genere sarebbero stati necessari almeno due giorni di preparativi, e invece l’abbiamo realizzato in poche ore con un team di 26 italiani e 10 cinesi”. Ne è valsa la pena. Si è trattato di uno spettacolo indimenticabile. Un’esplosione di bellezza nei cieli di Firenze.

 

Margherita Abbozzo. Tutte le foto sono mie, a parte quella di copertina e la prima, entrambe di Yvonne Zhao, courtesy of Cai Studio; e quelle dei fuochi, di Wen-You Cai, cortesy of Cai Studio.

 

L'articolo Ancora su Cai Guo-Qiang agli Uffizi proviene da www.controradio.it.

Palazzo Pitti apre le porte alla porcellana

Palazzo Pitti apre le porte alla porcellana

Dal 13 Novembre 2018 al 10 Marzo 2019, per celebrare la porcellana durante il Granducato lorenese, le sale della Reggia di Palazzo Pitti aprono le porte per una mostra inedita.

Il tramonto della dinastia medicea portò ad un nuovo orientamento del gusto, a cui aderì il marchese Carlo Ginori inviato a Vienna per omaggiare Francesco Stefano di Lorena, futuro imperatore d’Austria e successore al Granducato di Toscana.
Affascinato dalla preziosa e candida porcellana lavorata nella fabbrica viennese avviata nel 1718 da Claudius Innocentius Du Paquier, nel 1737 il marchese fondò la sua manifattura alle porte di Firenze.

Grazie a importanti prestiti internazionali e alla collaborazione con le Collezioni del Principe del Liechtenstein (Liechtenstein Princely Collections) di Vaduz-Vienna, partner della mostra, le opere selezionate per l’esposizione – porcellane, ma anche dipinti, sculture, commessi in pietra dura, cere, avori, cristalli, arazzi e incisioni – sveleranno l’attenzione per l’esotico, la passione antiquaria e l’interesse naturalistico caratteristici del gusto internazionale settecentesco, espresso dalle manifatture Ginori e di Vienna.

Per maggiori info visita il sito: www.uffizi.it

Ascolta l’intervista al direttore degli Uffizi, Eike Schmidt.

L'articolo Palazzo Pitti apre le porte alla porcellana proviene da www.controradio.it.

Firenze, biglietti scontati su tutto il complesso museale

Firenze, biglietti scontati su tutto il complesso museale

Visitare gli Uffizi a prezzo ridotto, al via il biglietto di bassa stagione. Dal 1 novembre al 28 febbraio, a Firenze, costerà meno l’ngresso in tutti i musei del complesso. Promozioni speciali anche per Palazzo Pitti, e un nuovo PassePartout destinato alle famiglie.

Alle Gallerie degli Uffizi di Firenze si entra a costo ridotto: parte il 1 novembre il biglietto di bassa stagione (dal prossimo mese fino alla fine di febbraio), 12 euro anziché 20 per entrare agli Uffizi, mentre in Palazzo Pitti l’ ingresso sarà a 10 euro anziché 16. Sempre a Palazzo Pitti, (dove già sono attivi sconti per chi compra il ticket di accesso prima delle 9 ed accede entro le 9.25), è in arrivo, a partire dallo stesso giorno, un’altra agevolazione.

Fino al 28 febbraio ci saranno riduzioni anche per le visite pomeridiane il mercoledì, per chi entra dopo le 15, con un taglio del 50% (il costo sarà dunque 5 euro anziché 10, oppure 2,50 invece di 5 per gli aventi diritto a riduzioni). Novità anche sul fronte dei PassePartout annuali ad accesso completo negli spazi di visita di tutto il complesso (Uffizi, Palazzo Pitti, giardino di Boboli).

Alla carta individuale, che al prezzo di 70 euro garantisce ingresso illimitato e prioritario per 365 giorni, si aggiunge il passepartout Family: due adulti, insieme ad un numero illimitato di bambini, avranno diritto alle stesse condizioni di ingresso, ma al costo di 100 euro anziché 140 come avverrebbe nel caso dell’acquisto di due card singole. Restano comunque attive le promozioni classiche delle Gallerie abbonamento annuale ai soli Uffizi a 50 euro, Palazzo Pitti a 35, la card per il giardino di Boboli a 25.

 

L'articolo Firenze, biglietti scontati su tutto il complesso museale proviene da www.controradio.it.

Firenze Musei, Schmidt: Uffizi più fruibili con la Loggia di Isozaki 

Firenze Musei, Schmidt: Uffizi più fruibili con la Loggia di Isozaki 

Eike Schmidt, direttore generale delle Gallerie degli Uffizi, ha affermato che ”con il completamento del progetto Nuovi Uffizi e la costruzione della Loggia di Isozaki questo museo potrà in pochi anni diventare quello che dovrebbe essere: cioè uno dei musei principali al mondo anche per quanto riguarda la fruizione”.

Lo ha fatto commentando l’annuncio del governo, in risposta a una interrogazione presentata da alcuni deputati, secondo cui il progetto della Loggia rimane valido e va realizzato entro il 2024, dovendo trovare risorse per 13 milioni di euro.

“Senza una decisione sulla Loggia i lavori si sarebbero fermati, quindi avremmo avuto un’altra grande opera incompiuta qui a Firenze, e questo non è accettabile”, ha detto Schmidt, a margine della presentazione degli archivi digitali degli Uffizi, osservando che “se rimane un buco nero da una parte del museo” allora “ci sono meno persone che possono vedere il museo, che hanno più problemi a vedere il museo perché devono sempre andare in strani giri per entrare e uscire”, mentre col nuovo progetto “sarà un museo più logico, che si inserisce perfettamente nel tessuto urbano”.

L'articolo Firenze Musei, Schmidt: Uffizi più fruibili con la Loggia di Isozaki  proviene da www.controradio.it.

Firenze: dal 4 all’11 agosto gli eventi per la Liberazione

A Firenze dal 4 all’11 Agosto si terranno degli eventi per commemorare la Liberazione di Firenze dal fascismo, promossi dal comune e dall’Anpi, che coinvolgeranno tutto l’oltrano. Agli Uffizi torna Apriti Cinema che per l’occasione proietterà pellicole sul tema.

Pronte le iniziative che si svolgeranno nel mese di Agosto per la commemorazione della Liberazione di Firenze, ecco il programma:
Sabato 4 Agosto – ore 9,00 – Via Lupo ang. Lungarno Serristori, cerimonia per ricordare il primo ufficiale alleato caduto per la Liberazione di Firenze.
Mercoledì 8 agosto – Piazza Santo Spirito e Rondinella del Torrino, ONORE A POTENTE

ore 19,30  – Piazza Santo Spirito, Commemorazione, deposizione  corona e Canto a Potente.

ore 20,30 – Rondinella del Torrino, Deposizione Corona alla Targa dedicata a Potente. Concerto del Coro “Terra Canto Memoria” di San Niccolò, Buffet costo Euro 5,00
Proiezione del Film “All’armi siam fascisti” I° parte.
ore 22 del giorno 9 agosto :   II° parte – segue cocomerata.
Giovedì 9 Agosto – ore 12 – in Via Bolognese 84, scoprimento della Lapide di fronte a “Villa Triste” in memoria dell’eroico sacrificio di alcuni per la Libertà di tutti.
Sabato 11 agosto – 74° Anniversario della Liberazione di Firenze, alleghiamo volantino con il programma dettagliato.
Vi aspettiamo numerosi!!
Venite a trovarci su Facebook: cercate Sezione Anpi Oltrarno Firenze e cliccate MI PIACE!!!!!
Dopo il successo dell’anno scorso torna Apriti Cinema: l’arena nel piazzale degli uffizi, il quale per l’occasione della liberazione proietterà:

3 agosto: 22:00 Libera Italia! Cronache di poveri amanti di Lizzani (Ita, 1953, 115′)

4 agosto: alle 22:00 Libera Italia! Roma città aperta di Rossellini (Ita, 1945, 98′)

5 agosto: 22:00 Libera Italia! Con la Compagnia delle Seggiole, 3/4 agosto ’44 Soprintendenza Archivistica e Bibliografica della Toscana dov’era e com’era. La ricostruzione del ponte di Santa Trinita di Riccardo Melani e Bernardo Seeber (Ita, 1958)

6 agosto: 22:00 Libera Italia! Tuttia a casa di Comencini (Ita, 1960, 120′)

7 agosto: 22:00 Libera Italia! C’eravamo tanto amati di Scola (Ita, 1974, 127′)

8 agosto: 22:00 Libera Italia! L’uomo che verrà di Giorgio Diritti (Ita, 2009, 117′)

9 agosto: 22:00 Libera Italia! Achtung! Banditi! di Lizzani (Ita, 1951, 95′)

10 agosto: 22:00 Omaggio a Vittorio Taviani La notte si San Lorenzo di Vittorio e Paolo Taviani (Ita, 1982, 105′)

11 agosto: 22:00 Libera Italia! Company in blu – danza e arti performative Destinata guerriera di e con Isabella Giustina (20′) Pisà di Rossellini (Ita, 1946, 125′)

Qui il sito: http://www.firenzetoday.it/eventi/cinema-piazzale-uffizi-programma-film-2018.html

L'articolo Firenze: dal 4 all’11 agosto gli eventi per la Liberazione proviene da www.controradio.it.