300 mila euro di buoni da Unicoop da “Il Cuore si scioglie”

300 mila euro di buoni da Unicoop da “Il Cuore si scioglie”

Firenze, sono stati inviati oggi 50.910 euro in buoni spesa alle associazioni del territorio di Firenze. I buoni sono messi a disposizione da Unicoop Firenze e Fondazione Il Cuore si scioglie per sostenere chi in questo periodo di emergenza sanitaria vive in condizioni di difficoltà economica.

I buoni verranno recapitati alle associazioni di volontariato con cui Cooperativa Unicoop e Fondazione collaborano per le iniziative solidali, come la raccolta alimentare, che a loro volta li assegneranno alle persone bisognose.

I buoni, del valore di 20 euro ciascuno, potranno essere spesi nei punti vendita Unicoop Firenze (qui l’elenco https://www.coopfirenze.it/punti-vendita) nelle prossime settimane. L’importo è relativo alle raccolte alimentari della sezione soci Coop Firenze Nord Ovest – Firenze Nord Est– Firenze Sud Ovest – Firenze Sud Est del 2019 e alla campagna di solidarietà Natale Insieme della Fondazione Il Cuore si scioglie. Nel mese di dicembre l’iniziativa ha visto partecipare tante persone il cui contributo è stato raddoppiato dalla Fondazione per un totale complessivo di 200.000 euro che sono stati suddivisi sui diversi territori.

Intanto in tutti i punti vendita di Unicoop Firenze è attivo il progetto Spesa Sospesa, con l’obiettivo di raccogliere fondi per offrire una spesa alle persone bisognose, ancora più vulnerabili in questo momento di emergenza sanitaria e crisi economica.

Il progetto permette a tutti, facendo la spesa, di contribuire alle casse dei Coop.Fi con almeno un euro o 100 punti della carta socio, un piccolo segnale per pensare a chi sta peggio. La Fondazione Il Cuore si scioglie raddoppierà quanto raccolto.

L'articolo 300 mila euro di buoni da Unicoop da “Il Cuore si scioglie” proviene da www.controradio.it.

Coronavirus: Unicoop Firenze, accessi regolati ai negozi

Coronavirus: Unicoop Firenze, accessi regolati ai negozi

Nei momenti di maggior afflusso, l’ingresso ai punti vendita Unicoop Firenze potrà essere temporaneamente bloccato per rallentare gli accessi ed evitare affollamenti. E’ una delle misure che la cooperativa di consumo, che conta 104 punti vendita in Toscana, ha attivato da oggi a seguito del Dpcm emanato ieri per il contrasto al Coronavirus.

Unicoop Firenze ha già disposto cartellonistica ad hoc, e organizzerà un presidio, sia all’ingresso dei punti vendita sia al loro interno, volto ad evitare gli affollamenti, con addetti
dedicati a valutare le situazioni e indicare a soci e clienti le corrette pratiche da tenere, come la distanza interpersonale di almeno un metro. All’interno del punto vendita, in prossimità delle casse e del box accoglienza, ci sarà una segnaletica orizzontale per indicare dove attendere il proprio turno. Ogni mezz’ora sarà diffuso un annuncio audio:

“Nell’interesse della salute di tutti i nostri soci, clienti e lavoratori, invitiamo la nostra gentile clientela a evitare affollamenti, con particolare attenzione ai banchi assistiti, alle casse e ai reparti più frequentati, mantenendo la distanza di almeno un metro dalle altre persone. E’ un gesto di prevenzione e di attenzione reciproca”.

L'articolo Coronavirus: Unicoop Firenze, accessi regolati ai negozi proviene da www.controradio.it.

“L’ultima fotografia” in anteprima al Teatro delle Donne

“L’ultima fotografia” in anteprima al Teatro delle Donne

“L’ultima fotografia” è lo spettacolo scritto, diretto e interpretato da Roberto Andrioli che Teatro Manzoni di Calenzano (Firenze) presenta in anteprima sabato 21 e domenica 22 dicembre (ore 21,15). In scena con Andrioli, Tommaso Carli e Sonata Bueno di 1.9.8.4. Art, in residenza al Teatro Manzoni.

Un fotografo in procinto di ritirare un premio, la visita di una ragazza straniera, una immagine che riporta a un terribile attentato…

Il testo è ambientato ai nostri giorni e si svolge in un interno. Siamo nella casa di Marco un fotografo di mezza età che si è specializzato in fotografie di guerra e collabora con numerose riviste internazionali.

Marco viene da una famiglia di diplomatici, vive solo dopo una separazione, ha un figlio che sta facendo un master all’estero in diritto internazionale.

L'ultima fotografia

Marco, che sta attraversando un periodo di depressione, si accorge in ritardo di essere stato insignito di un importante premio internazionale per la fotografia. Mentre si prepara a partire, riceve una visita inattesa:  si tratta di una giovane, bella, ragazza straniera, che si presenta come una cara amica del figlio, in visita a Firenze. Lentamente però Adila, la ragazza, rivela aspetti misteriosi e da un iniziale tono cordiale passa ad altri toni, rivelando motivazioni che vanno oltre una semplice visita turistica.

Capiremo che in qualche modo Adila ci tiene ad avere informazioni riguardo alla fotografia per cui Marco è stato premiato. La foto è legata ad un terribile attentato di cui Marco si è trovato ad essere testimone e che è riuscito a documentare.

Chi è in realtà la ragazza? Che rapporto ha con il figlio di Marco? Quale verità si nasconde dietro la fotografia premiata? La trama si svilupperà intorno a queste domande incrociando le relazioni tra padre e figlio, il rapporto tra i due giovani e un contesto più grande di società in conflitto continuo, in una guerra cronica ormai vissuta come condizione “normale”.

Prevendite nei punti Box Office Toscana e online su Ticketone. Info e prenotazioni tel. 335.1002886 / 055.8877213 – www.teatrodelledonne.com.

La stagione 2019/2020 del Teatro Manzoni / Teatro delle Donne è realizzata in collaborazione e con il sostegno di Comune di Calenzano, Città Metropolitana di Firenze, Regione Toscana, Ministero dei beni e delle attività culturali, Fondazione CR Firenze, Unicoop Firenze, Firenze dei Teatri, Residenze Artistiche Teatrali.

L'articolo “L’ultima fotografia” in anteprima al Teatro delle Donne proviene da www.controradio.it.