REGOLAMENTO URBANISTICO DI FIRENZE

Con la pubblicazione sul Bollettino ufficiale della Regione Toscana entra oggi in vigore il primo Regolamento urbanistico del Comune di Firenze, approvato il 2 aprile scorso dal Consiglio comunale.
“E’ l’atto formale finale di un percorso durato cinque anni e che ora consente di disegnare davvero il futuro della città – ha detto l’assessore all’Urbanistica Elisabetta Meucci – Un futuro che parte nel 2011 con la scelta di un Piano strutturale a ‘volumi zero’ e che costruisce il rinnovamento di Firenze sulla rigenerazione anziché sulla sua espansione. Un principio che è una vera sfida lanciata dal Comune di Firenze e che con soddisfazione vediamo raccolto dalla recente Legge regionale, modello a livello nazionale”.
Con il Regolamento urbanistico entra in vigore anche la variante al Piano strutturale, mentre termina di avere efficacia il Piano Regolatore generale, sostituito dalla nuova disciplina urbanistica. Tutti gli atti sono consultabili alle pagine web http://regolamentourbanistico.comune.fi.it e http://pianostrutturale.comune.fi.it, oltre che nella sezione atti e delibere della rete civica attraverso il percorso http://www.comune.fi.it/export/sites/retecivica/comune_firenze/comune/atti_e_delibere/ode_web_del.htm, inserendo nei campi di ricerca l’anno e il numero della deliberazione. Ogni informazione è presente anche nella pagina del Garante dell’informazione e della partecipazione degli atti di pianificazione urbanistica http://ediliziaurbanistica.comune.fi.it/garante/garante/garante.html e nelle pagine tematiche della Direzione Urbanistica http://ediliziaurbanistica.comune.fi.it/index.html.
Il Servizio Pianificazione urbanistica è a disposizione per la consultazione del Regolamento urbanistico in piazza San Martino (primo piano), su appuntamento da prenotare allo 0552624596.

Tassisti Socota e ”Angeli del Bello” ripuliscono Piazza Indipendenza

 

E’ stato un pomeriggio da “Angeli del Bello” per una squadra di tassisti della Socota – Radio Taxi 4242. Gli autisti si sono ritrovati martedì 3 marzo, alle 14.30, in piazza Indipendenza, a Firenze, e armati di spazzole, solventi e guanti hanno cancellato scritte dai muri, ripulito pali e segnali stradali dagli adesivi, ripristinando il decoro nella zona. La squadra Socota era capitanata da Francesca Brogi (Zara 6). E’ stata questa tassista donna ad avere avuto, infatti, l’idea di coinvolgere il Radio Taxi 4242 nell’iniziativa: “Girando per tutta la città per lavoro – spiega – non ho potuto fare a meno di notare i graffiti che imbrattano troppi muri, e gli adesivi appiccicati sulla segnaletica. Mi sono detta che dovevo fare qualcosa, e così ho deciso di contattare gli Angeli del Bello”. Oramai sono una dozzina i colleghi Socota che la seguono in questa esperienza.

Angeli del Bello è una Fondazione di Partecipazione che nasce nel 2010 su iniziativa di due soci fondatori: Quadrifoglio SpA e l’Associazione Partners Palazzo Strozzi, per promuovere e coordinare progetti e azioni di volontariato volti a migliorare il decoro e la bellezza di Firenze. Attualmente i volontari sono 1.500 fra privati, scuole, università per stranieri e associazioni, ed operano suddivisi in gruppi non solo per rimuovere le scritte vandaliche dai muri dei palazzi fiorentini, ma anche per curare i giardini e gli spazi di verde pubblico.

La città capitale. Firenze prima, durante e dopo

Nel 150° anniversario dell’entrata del Re Vittorio Emanuele a Firenze, appena proclamata nuova capitale del giovanissimo Regno d’Italia, lo “Spazio A di Firenze”  (lungarno Benvenuto Cellini, 13a) organizza quest’anno, da gennaio a dicembre, un ciclo di incontri tenuti da studiosi per esplorare questo evento della nostra storia nazionale.
L’ingresso regio si svolse la sera del 3 febbraio 1865, in una città illuminata a giorno e gremita da una folla di senatori, deputati, autorità civili, militari e comuni cittadini. Firenze ebbe questo ruolo per soli cinque anni, sino al 1870, che ebbero però un’influenza fortissima.

Zeffiro Ciuffoletti invito

Il primo appuntamento è in programma per mercoledì 28 gennaio 2015 con Zeffiro Ciuffoletti ed il suo libro “La città capitale. Firenze prima, durante e dopo”. Il volume, ricostruisce in ogni suo aspetto – politico, urbanistico, culturale e sociale – le vicende che precedettero e poi seguirono l’esperienza breve e straordinaria della città durante gli anni in cui fu capitale. Anni in cui raddoppiò la sua popolazione e diventò una città che senza rimpiangere il suo grande passato, anzi mitizzandolo, divenne più moderna ed europea. All’incontro, coordinato da Riccardo Bruscagli, parteciperà Eugenio Giani, presidente del Comitato per la ricorrenza dei 150 anni di Firenze Capitale.

 

 

Sabato 15 novembre chiude viale Milton

Sabato 15 novembre chiude viale Milton.Sabato 15 novembre è prevista la chiusura di viale Milton all’altezza di via Poliziano. Il divieto di transito scatterà nel tratto via Poliziano-largo Martiri delle Foibe. Il provvedimento è necessario per consentire l’esecuzione di lavori di allaccio di una tubazione del gas collocata proprio all’incrocio tra viale Milton e via Leone X (che sarà chiusa nel tratto via Lorenzo Il Magnifico-viale Milton e che sarà interessata da lavori di rifacimento).

Si tratta di interventi propedeutici all’attivazione del percorso alternativo per la direttrice Statuto che scatterà al momento dell’apertura del ponte Bailey e della successiva la chiusura del ponte sul Mugnone.
Viale Milton rimarrà chiuso per 15 giorni. Per agevolare la circolazione dei veicoli in direzione Fortezza-Statuto in via Lorenzo il Magnifico saranno riorganizzati i parcheggi nel tratto via Poliziano-viale Strozzi: la sosta a lisca di pesce sarà infatti sostituita da quella in linea in modo da garantire due corsie di scorrimento, come già nel primo tratto della strada, e quindi un miglior transito per i veicoli. Viale Milton nel tratti compresi tra via Poliziano e largo Martiri delle Foibe rimarrà accessibile ai residenti con strada senza uscita e a doppio senso di marcia

Maratona per l’Oltrarno

Maratona per l’Oltrarno. Sarà dedicata all’Oltrarno la prima Maratona dell’ascolto organizzato messa a punto dall’amministrazione Nardella: l’iniziativa, a cui parteciperanno il sindaco, la giunta al completo, il presidente e i consiglieri del Quartiere 1 si terrà sabato 12 luglio  all’Altana di piazza Tasso dalle 10 alle 13.

http://www.infoeuropa.it/Eventi/13032007(001).jpg
L’appuntamento di sabato dell’ascolto organizzato non sarà l’unico: l’amministrazione comunale, infatti, adotterà questo nuovo metodo di partecipazione tutte le volte che sarà necessario assumere importanti decisioni per la città.
All’Altana di piazza Tasso saranno allestiti sei tavoli di discussione dedicati a temi diversi (che saranno poi suddivisi in sottotemi) che riguardano l’Oltrarno. I cittadini che vogliono partecipare ai tavoli di lavoro dovranno accreditarsi sul posto dalle 9.30 alle 10, fino ad esaurimento posti.
Al tavolo numero 1 si parlerà di parcheggi; al numero 2 di viabilità, pedonalizzazioni, linee Ataf e bus turistici, mentre il tavolo numero 3 sarà dedicato a turismo, artigianato ed eventi; decoro, manutenzione e sicurezza urbana saranno invece al centro della discussione del tavolo numero 4, mentre al tavolo 5 si parlerà di verde pubblico, aree giochi e Giardino dei Nidiaci; infine, il tavolo 6 sarà dedicato alla cultura.
Per ogni tavolo di lavoro ci sarà un ‘portavoce’ che alla fine della sessione di lavoro comunicherà a tutti i partecipanti alla Maratona dell’ascolto organizzato i risultati del proprio gruppo.
Ogni sessione di lavoro, della durata di due ore, sarà suddivisa in 3 fasi: la prima verterà sulle criticità dell’argomento oggetto della discussione, la seconda sugli obiettivi da raggiungere e la terza sulle soluzioni/azioni per l’Oltrarno.
In ciascuna fase trenta minuti saranno dedicati agli interventi dei cittadini che partecipano al tavolo e dieci ai rappresentanti del Comune, anch’essi seduti al tavolo, per poter rispondere sulle varie questioni sollevate. Nella ultim’ora di lavori, invece, il coordinatore di ogni tavolo (il ‘portavoce’) illustrerà in 10 minuti a tutti gli altri tavoli, al sindaco e alla giunta la sintesi di criticità/obiettivi/azioni che sono emersi nel corso della discussione.
I cittadini che non potranno partecipare all’iniziativa di sabato potranno inviare, anche nei giorni successivi, le loro idee e i loro progetti sull’Oltrarno all’indirizzo ascolto@comune.fi.it