Firenze, rsa l’Uliveto, sciopero contro riduzione personale

Firenze, rsa l’Uliveto, sciopero contro riduzione personale

I lavoratori della Cooperativa Libera sciopereranno lunedì 4 marzo. La Fp Cgil: “Diminuzione del personale nei turni, riorganizzazione dei servizi non concordata”. Rischio di 8 esuberi o di riduzioni di lavoro, chiesto un incontro a Sds, Usl e Comune.

Il personale della Cooperativa Libera, iscritto alla Fp Cgil Firenze ha indotto una giornata di protesta e di lotta per lunedì 4 marzo. Le ragioni,spiega un comunicato di Fp Cgil Firenze, sono da ricondurre alla “ostinata volontà della Cooperativa Libera di non concordare tempi e modi della riorganizzazione dei servizi, dei turni di lavoro, dei carichi di lavoro” con il sindacato ed i lavoratori stessi. “Ciò è aggravato dalla riduzione stabile di personale nei vari turni e con la riduzione di un’unità di assistenza notturna, con il rischio di lasciare sguarnita la sorveglianza e l’assistenza a un piano” del cosiddetto “plesso Uliveto”.

La nota di Fp Cgil Firenze continua dicendo che “la riduzione stabile delle ore contrattualmente definite individualmente per ogni singolo lavoratore, come proposto dalla Cooperativa Libera, dovrebbe, a nostro parere, essere concordata ai tavoli istituzionali, in quanto la riduzione complessiva delle ore contrattuali determina un esubero di personale pari a circa 8 unità.”

Il personale della Cooperativa ricorda che “la Cooperativa Libera è subentrata nella gestione della Rsa alla Cooperativa Uliveto in virtù di un passaggio disciplinato dal codice civile, non si comprende la riduzione del personale perché, appunto, tutelato dal codice civile; se contrariamente c’è riduzione di personale, tale tutela pare non essere applicata e di conseguenza il percorso di gestione degli esuberi deve seguire altra via, disciplinata da altre disposizioni di legge” e chiede, quindi, un primo incontro tra Fp Cgil, Società della Salute, USL Toscana Centro e Comune di Firenze per discutere della questione.

L'articolo Firenze, rsa l’Uliveto, sciopero contro riduzione personale proviene da www.controradio.it.

Firenze: nasce consultorio per vittime violenza, tratta e tortura

Firenze: nasce consultorio per vittime violenza, tratta e tortura

E’ nato il consultorio Persefone per le vittime di violenza, tratta e di tortura, richiedenti asilo e titolari di protezione internazionale con l’obiettivo di supportare le donne nell’accesso e nella presa in carico da parte del Sistema Sanitario regionale e nazionale, integrando i loro bisogni socio-sanitari, attivando percorsi di sostegno e indirizzandole ai percorsi di protezione sociale antitratta.

Il progetto ha una durata di 18 mesi ed è stato realizzato grazie ad un finanziamento regionale e alla collaborazione tra la USL Toscana Centro e alcune associazioni del privato sociale.

E’ la risposta, spiega una nota, a tutte quelle donne in condizioni di grave vulnerabilità che necessitano di un aiuto organico e integrato, nella consapevolezza che i loro bisogni sono molteplici.

La formazione dell’equipe multidisciplinare composta da professionisti sanitari, tra cui una psicologa ed un’ostetrica, e da un’operatrice antitratta, risulta fondamentale per riuscire a riconoscere le diverse tipologie di problematiche che affliggono queste donne, per facilitare la fruizione dei servizi offerti dal sistema sanitario regionale, migliorare le loro condizioni di salute e favorirne la protezione sociale. L’equipe quando necessario sarà affiancata da una mediatrice linguistico-culturale.

L’attività consulturiale si avvale inoltre di una rete integrata di servizi specialistici. Il servizio è gratuito: per prenotare un appuntamento è necessaria la segnalazione da parte degli operatori che evidenziano la problematica sul territorio, compilando un format, da inviare all’indirizzo mail del consultorio che si trova presso il presidio Palagi, in viale Michelangelo 41 a firenze.

INFO:

consultorio.persefone@uslcentro.toscana.it

L'articolo Firenze: nasce consultorio per vittime violenza, tratta e tortura proviene da www.controradio.it.

Blitz a Prato: rifiuti pericolosi in orto e semi da Cina

Blitz a Prato: rifiuti pericolosi in orto e semi da Cina

Forestali denunciano titolare azienda agricola. L’orto era diventato una discarica di rifiuti speciali o pericolosi, e le sementi usate erano importate dalla Cina senza verifiche fitosanitarie né autorizzazioni.

Così, con un blitz, un gruppo multiforze coordinato dal Nucleo Investigativo di Polizia Ambientale, Agroalimentare e Forestale (Nipaaf) dei carabinieri forestali di Prato, ha sottoposto a controllo un’azienda agricola gestita da cinesi in cui si producevano ortaggi in serre e campi coltivati al confine tra Prato e Carmignano.
I forestali hanno denunciato all’autorità giudiziaria il titolare per abbandono e depositoincontrollato sul suolo di rifiuti speciali pericolosi e di rifiuti speciali e urbani non pericolosi di varia natura quali un frigorifero, una batteria per automobile al piombo, sacchi di nylon, plateau per piantine in plastica, cassette di legno e di plastica, teli di nylon, residui vegetali, un letto in legno e metallo, una rete metallica per letto, lamiere in metallo, una sedia in metallo, un ventilatore, travetti in legno, secchi e bidoni in plastica, ruote per carriole e un atomizzatore verde nonché rifiuti urbani quali lattine vuote, bottiglie in plastica e vaschette per cibo usate.
Sono stati inoltre ritrovati numerosi sacchetti vuoti di sementi importati dalla Cina, con scritte solo in cinese, in violazione della normativa in materia di protezione contro l’introduzione e la diffusione nella Comunità Europea di organismi nocivi ai vegetali o ai prodotti vegetali consistenti nell’introduzione sul territorio italiano di sementi, ossia prodotti vegetali, soggetti a controllo fitosanitario in assenza della prescritta autorizzazione.
Per questo motivo è stata comminata una sanzione pecuniaria di 2.000 euro.
Gli operatori del servizio prevenzione igiene e sicurezza nei luoghi di lavoro dell’Usl Toscana Centro hanno emanato prescrizioni urgenti intimando lo smantellamento di locali adibiti a dormitorio, cucina, bagno.

L'articolo Blitz a Prato: rifiuti pericolosi in orto e semi da Cina proviene da www.controradio.it.