Sanità: Usl Tc apre polo dentistico Villa Margherita Firenze

Sanità: Usl Tc apre polo dentistico Villa Margherita Firenze

Inaugurato questa mattina a Firenze il Polo per le cure odontoiatriche realizzato dall’azienda Usl Toscana Centro a Villa Margherita, situata sul viale Michelangelo. A pieno regime la struttura, che è totalmente gestita dal servizio sanitario pubblico, potrà eseguire fino a 250 prestazioni al giorno.

Il polo di Villa Margherita, diretto dal dottor Marco Massagli, ha avuto un finanziamento di 7,6 milioni per il recupero dell’immobile, settecentesco: nei locali rinnovati al piano terra hanno trovato posto gli ambienti di attesa e accoglienza, oltre sale riunioni e conferenze utilizzabili per convegni ed eventi formativi; al piano superiore, invece, sono stati collocati i reparti specialistici dedicati alle attività di diagnosi e cura.

Gli ambulatori sono dotati di 21 ‘riuniti odontoiatrici’, cioè le postazioni per i pazienti, e hanno apparecchiature e tecnologie moderne, tra cui due ortopantomografi e speciali micromotori per gli interventi chirurgici e protesici. L’azienda, è stato spiegato, ha deciso che per le prime visite le agende di prenotazione non dovranno andare oltre i 90 giorni.

“Questo intervento – ha detto l’assessore regionale al diritto alla salute Stefania Saccardi – ha due pregi: aver consentito il recupero di una struttura dal punto di vista architettonico molto bella che era ormai in stato di totale abbandono e ospitare dentro questi locali un servizio assolutamente unico nella nostra Regione. Questo è il polo dentistico più importante in Toscana”.

“E’ la prima struttura in Italia con questi numeri, è totalmente pubblica e offre la possibilità di effettuare centinaia e centinaia di prestazioni”, ha commentato il direttore generale Paolo Morello Marchese. Per l’assessore a welfare e sanità del Comune di Firenze si tratta “di un pezzo di storia che riprende vita con un servizio importantissimo per i cittadini”.

L'articolo Sanità: Usl Tc apre polo dentistico Villa Margherita Firenze proviene da www.controradio.it.

Sanità: Usl Tc apre polo dentistico Villa Margherita Firenze

Sanità: Usl Tc apre polo dentistico Villa Margherita Firenze

Inaugurato questa mattina a Firenze il Polo per le cure odontoiatriche realizzato dall’azienda Usl Toscana Centro a Villa Margherita, situata sul viale Michelangelo. A pieno regime la struttura, che è totalmente gestita dal servizio sanitario pubblico, potrà eseguire fino a 250 prestazioni al giorno.

Il polo di Villa Margherita, diretto dal dottor Marco Massagli, ha avuto un finanziamento di 7,6 milioni per il recupero dell’immobile, settecentesco: nei locali rinnovati al piano terra hanno trovato posto gli ambienti di attesa e accoglienza, oltre sale riunioni e conferenze utilizzabili per convegni ed eventi formativi; al piano superiore, invece, sono stati collocati i reparti specialistici dedicati alle attività di diagnosi e cura.

Gli ambulatori sono dotati di 21 ‘riuniti odontoiatrici’, cioè le postazioni per i pazienti, e hanno apparecchiature e tecnologie moderne, tra cui due ortopantomografi e speciali micromotori per gli interventi chirurgici e protesici. L’azienda, è stato spiegato, ha deciso che per le prime visite le agende di prenotazione non dovranno andare oltre i 90 giorni.

“Questo intervento – ha detto l’assessore regionale al diritto alla salute Stefania Saccardi – ha due pregi: aver consentito il recupero di una struttura dal punto di vista architettonico molto bella che era ormai in stato di totale abbandono e ospitare dentro questi locali un servizio assolutamente unico nella nostra Regione. Questo è il polo dentistico più importante in Toscana”.

“E’ la prima struttura in Italia con questi numeri, è totalmente pubblica e offre la possibilità di effettuare centinaia e centinaia di prestazioni”, ha commentato il direttore generale Paolo Morello Marchese. Per l’assessore a welfare e sanità del Comune di Firenze si tratta “di un pezzo di storia che riprende vita con un servizio importantissimo per i cittadini”.

L'articolo Sanità: Usl Tc apre polo dentistico Villa Margherita Firenze proviene da www.controradio.it.

Pronto soccorso: all’accoglienza anche 130 giovani del servizio civile

Pronto soccorso: all’accoglienza anche 130 giovani del servizio civile

Una delibera approvata dalla giunta nel corso dell’ultima seduta dà il via al Piano di azioni per migliorare l’esperienza di pazienti e parenti nei pronto soccorso toscani, che ha lo scopo di offrire un servizio di prima accoglienza informativa e di orientamento all’utente, prevalentemente fragile, che accede al pronto soccorso: tra queste azioni, appunto, anche la presenza di “accompagnatori”, 130 giovani del servizio civile che potranno affiancare il personale dell’accoglienza, per intervenire sugli aspetti relazionali e psicologici del momento dell’urgenza.

Il progetto regionale “Servizio civile nei pronto soccorso toscani” approvato lunedì dalla giunta è rivolto alle Aziende sanitarie toscane che gestiscono i 38 Pronto soccorso degli ospedali, e che sono anche enti iscritti all’albo degli enti del servizio civile regionale. Per l’avvio di questo servizio, la Regione destina la somma di 735.000 euro, per complessivi 130 posti, che saranno ripartiti tra le Aziende sanitarie in base a criteri che tengano conto del numero dei pronto soccorso all’interno dei presidi ospedalieri di ciascuna Azienda, delle loro dimensioni e del numero di accessi. L’avvio dei 130 giovani al servizio sarà effettuato nei primi mesi del 2020.

“In questo ultimo periodo stiamo cercando di mettere in atto una serie di azioni per migliorare il clima e la qualità dell’accoglienza nei 38 pronto soccorso della Toscana – dice l’assessore al diritto alla salute Stefania Saccardi – Interventi che vanno a beneficio dei pazienti, dei familiari e anche degli operatori che nei pronto soccorso lavorano. Tra queste azioni, ci è sembrato che l’impiego di giovani del servizio civile possa essere di supporto al lavoro degli addetti all’accoglienza, anch’essi previsti dal Piano per il miglioramento dei pronto soccorso”.

Con questo progetto, si vogliono potenziare i servizi di accoglienza e informazione a pazienti e familiari che arrivano nei pronto soccorso degli ospedali toscani; in particolare, supportare gli operatori sanitari nella fase di accoglienza e accompagnamento dei pazienti e dei loro parenti durante tutto il percorso assistenziale; offrire un servizio di prima accoglienza, informativa e di orientamento all’utente, prevalentemente fragile, che arriva al PS, attraverso un’informazione chiara, e anche con la distribuzione e raccolta di questionari di gradimento.

Questa la suddivisione dei 130 posti tra le varie Aziende:

Azienda Usl Toscana Centro: 28 posti
Azienda Usl Nord Ovest: 38 posti
Azienda Usl Sud Est: 30 posti
Azienda Ospedaliero Universitaria Careggi: 16 posti
Azienda Ospedaliero Universitaria Meyer: 2 posti
Azienda Ospedaliero Universitaria Pisana: 12 posti
Azienda Ospedaliero Universitaria Senese: 4 posti

Ai giovani del servizio civile che verrano selezionati per il progetto, le Aziende dovranno offrire, entro e non oltre i primi tre mesi dell’avvio del progetto (che dura complessivamente 12 mesi), i seguenti corsi di formazione: utilizzo dei defibrillatori (es. BLSD); sicurezza nei luoghi di lavoro; organizzazione dell’ente e sul sistema sanitario regionale (durata minima 3 ore); privacy e trattamento dati (durata minima 3 ore); PASS, Percorsi Assistenziali per i Soggetti con bisogni Speciali (durata minima 3 ore); gestione delle relazioni e dei conflitti (durata minima 3 ore); corso sull’accoglienza, articolato in un modulo base della durata minima di 3 ore, che potrà essere sviluppato e ampliato anche nei successivi mesi di servizio; corso sulla DGR 806/2017, con particolare riferimento alla riforma organizzativa dei Pronto soccorso della Toscana.

Inoltre Regione Toscana, in collaborazione con il Centro di Ascolto Regionale, potrà organizzare una giornata formativa sull’accoglienza, alla quale le Aziende sanitarie toscane che aderiscono al progetto dovranno far partecipare i giovani selezionati.

Le Aziende sanitarie aderiranno al progetto con un proprio documento, che contestualizza all’interno dei propri pronto soccorso le attività che i ragazzi selezionati andranno a fare durante i 12 mesi di servizio. Uscirà entro l’anno un bando regionale rivolto ai giovani, per selezionare i 130 candidati che saranno assegnati ai pronto soccorso della Toscana; questo resterà aperto per 30 giorni. I giovani interessati potranno presentare la domanda all’Azienda sanitaria di loro interesse, tramite una procedura on line, alla quale potranno accedere con la tessera sanitaria (abilitata) o, se sprovvisti, tramite delle credenziali che verranno loro fornite al primo accesso alla procedura on line. Le selezioni delle domande ricevute saranno effettuate direttamente dalle Aziende e si concluderanno entro 45 giorni dalla chiusura del bando.

Il bando si inserisce tra le opportunità promosse da Giovanisì, il progetto della Regione Toscana per l’autonomia dei giovani.

L'articolo Pronto soccorso: all’accoglienza anche 130 giovani del servizio civile proviene da www.controradio.it.

32° Tignano Festival per l’Ambiente e Incontro tra i Popoli a Barberino Tavernelle

32° Tignano Festival per l’Ambiente e Incontro tra i Popoli a Barberino Tavernelle

Al Castello di Tignano, nel comune di Barberino Tavernelle, si terrà la 32° edizione del Tignano Festival per l’Ambiente e l’Incontro tra i Popoli. Patrocinata da Regione Toscana e Città Metropolitana, mette quest’anno con forza l’accento su alcuni grandi temi di salvaguardia ambientale e sul cambiamento interiore che ognuno di noi può affrontare per favorire la pace, in tutte le sue declinazioni. Dal 3 Dal 3 al 20 luglio otto appuntamenti tra musica, cinema, teatro e incontri culturali. Premi al regista Thomas Torelli e allo scienziato Stefano Mancuso.

La kermesse vede tra gli altri la partecipazione di ISDE – Medici per l’Ambiente, Federbio, Zero Waste Italy, Centro Rifiuti Zero di Capannori, Cambia la Terra, Un Altro Mondo, Biodistretto del Montalbano e LINV – International Laboratory of Plant Neurobiology.

Inaugurazione il 3 luglio ore 21:30 con un concerto lirico in favore dell’associazione S.C.I.E. – Sul Cammino in Evoluzione aps, a favore di iniziative di aiuto psicologico per i malati oncologici nell’azienda USL Toscana Centro. La soprano Sofia Folli e il baritono Alessandro Martinello saranno accompagnati al pianoforte da Alice Manuguerra. Ingresso € 10,00.

Venerdì 5 luglio ore 21:30 il Premio Incontro tra i Popoli a Thomas Torelli, regista, autore e produttore indipendente, per il film documentario “Choose Love”. L’Amore in ogni gesto quotidiano come strategia di cambiamento ed evoluzione; il valore del perdono, i suoi benefici per la salute fisica, mentale e spirituale. Interviste di Anna Polin. Ingresso € 5,00

Domenica 7 luglio ore 21:30 l’incontro “Rifiuti Zero” con Rossano Ercolini, Goldman Environmental Prize (Nobel alternativo per l’Ambiente) nel 2013, presidente di Zero Waste Europe e Zero Waste Italy. Interventi a cura di Laura Lo Presti del Centro Rifiuti Zero di Capannori. Ingresso libero.

Il Pubblico del Tignano Festival 2018

Mercoledì 10 luglio ore 21:30 sarà la volta di “Canzoni per Madre Terra” con Federico Sirianni, cantautore, autore, storyteller, uno dei più quotati esponenti della canzone d’autore italiana, erede della storica generazione della “scuola genovese”. Insieme a lui Liana Marino, cantante, chitarrista, autrice e interprete raffinata. Ingresso libero.

Teatro e musica giovedì 11 luglio ore 21:30 con “L’Uomo che piantava gli alberi” dal racconto di Jean Jono. Narratore Andrea Bruni, ambientazione sonora a cura di Gigi Biolcati e Alessandro Luchi. Introduzione allo spettacolo di Dario Boldrini. Ingresso € 5,00.

Patrizia Gentilini, oncologa di 67 anni che investiga gli effetti dei pesticidi sulla salute umana. Pistoia, Toscana, Italia, luglio 2016.

Domenica 14 luglio ore 21:30 l’incontro “Pesticidi e salute” con gli esperti Patrizia Gentilini, Giunta nazionale ISDE Medici per l’Ambiente, Maria Grazia Mammuccini, vice presidente di Federbio, Edoardo Prestanti, sindaco del Comune di Carmignano (libero da pesticidi) e rappresentante del Biodistretto del Montalbano, Stefano Santarelli, direttore di Gal Start. Ingresso libero.

Giovedì 18 luglio ore 21:30 il Premio per l’Ambiente a Stefano Mancuso, biologo e curatore de La Nazione delle Piante. Neurobiologo vegetale e appassionato divulgatore, è stato inserito dal «New Yorker» nella classifica dei “world changers” ed è una tra le massime autorità mondiali impegnate a studiare e divulgare una nuova verità sulle piante. Ingresso libero.

Chiusura del festival sabato 20 luglio ore 21:30 con “Le Quattro Stagioni” di Antonio Vivaldi interpretate dall’Orchestra da Camera Fiorentina. Ingresso € 5,00.

Informazioni: 338 86.80.595, www.tignano.it

L'articolo 32° Tignano Festival per l’Ambiente e Incontro tra i Popoli a Barberino Tavernelle proviene da www.controradio.it.

Stop a colture baccelli per salvare bimbo allergico a Sesto Fiorentino

Stop a colture baccelli per salvare bimbo allergico a Sesto Fiorentino

Un bimbo soffre di allergia alle fave e così il sindaco vieta con un’ordinanza di coltivare i legumi nell’arco di 300 metri dall’abitazione del piccolo.

Succede a Sesto Fiorentino, un comuni dell’hinterland del capoluogo toscana, dove il sindaco, Lorenzo Falchi, ha predisposto un atto con cui fa divieto di coltivare le fave (nella provincia fiorentina comunemente chiamate baccelli) in un’area a sud e a nord della ferrovia. A motivare l’ordinanza, spiega la stampa locale, sono state esigenze legate alla tutela della salute di un bambino affetto da ‘favismo’, una carenza congenita di un particolare enzima, il glucosio-6-fosfato deidrogenasi, che in condizioni normali è presente nei globuli rossi ed è determinante per la loro stessa sopravvivenza.

In persone affette da questa patologia, le crisi vengono scatenate dall’assunzione di fave fresche o secche o anche, semplicemente, dall’inalazione dei loro vapori. Proprio per queste difficoltà la madre di un minorenne residente sul territorio sestese,  aveva presentato nel novembre scorso, una richiesta al Comune perché venisse sospesa la coltivazione di fave nei campi adiacenti alla propria abitazione, portando a corredo della domanda una serie di documenti ed esami relativi alle condizioni di salute del figlio.

L’istanza, però, inizialmente non era stata accolta dopo il parere arrivato dalla Usl Toscana Centro che, riprendendo le direttive date dal ministero della salute nel 2012, riteneva di non avere elementi certi per poter disporre un divieto di coltivazione di questo legume nel raggio di 300 metri dall’abitazione in cui era segnalato il caso di favismo. L’orientamento è però cambiato dopo l’acquisizione di altre informazioni e ulteriori incontri anche del sindaco con la mamma del bambino colpito da malesseri in determinate situazioni con presenza di baccelli: quindi, anche se non esistono prove certe per poter correlare l’inalazione del polline con lo scatenarsi delle crisi emolitiche, in via cautelativa e a tutela della salute il Comune ha comunque disposto il divieto di coltivazione di fave in un’area piuttosto vasta. Chi, nella zona interessata, avesse già provveduto alla semina dovrà invece eliminare tutti i tipi di coltura della specie entro sette giorni dalla data di pubblicazione dell’ordinanza.

L'articolo Stop a colture baccelli per salvare bimbo allergico a Sesto Fiorentino proviene da www.controradio.it.