Firenze ricorda sindaco Gabbuggiani: “uomo istituzioni che sapeva parlare anche ad avversari “

Firenze ricorda sindaco Gabbuggiani: “uomo istituzioni che sapeva parlare anche ad avversari “

Elio Gabbuggiani (San Piero a Sieve, 17 giugno 1925 – Firenze, 24 marzo 1999) è stato il primo presidente del Consiglio regionale della Toscana nel 1970. Di famiglia operaia, partigiano, dal 1943 fu iscritto al Partito comunista italiano. sindaco di Firenze dal 1975 al 1983

“Gabbuggiani era consapevole del ruolo della Città di Firenze, della sua vocazione internazionale e del suo essere città di promozione del dialogo e della pace”. Tra le sue caratteristiche i c’era la sua spiccata capacità, in ogni ruolo che ha rappresentato, di innovare, di guardare oltre, di dimostrarsi uomo politico e uomo di governo, di mediatore eccezionale, portando sempre con sé i valori di libertà, democrazia, giustizia sociale, i valori della Resistenza”. Lo ha detto il sindaco di Firenze Dario Nardella in occasione dell’evento, a Palazzo Vecchio, per ricordare l’ex sindaco Elio Gabbuggiani, del Pci. ”

Tra i partecipanti anche il presidente del Consiglio comunale Luca Milani, il giurista e accademico (ed ex presidente della Corte costituzionale) Ugo De Siervo, Valdo Spini, capogruppo consiliare del Psi in Palazzo Vecchio nella consiliatura 1975-1980. De Siervo ha definito “Gabbuggiani un personaggio notevole, con un carattere comprensivo di tutte le posizioni politiche”.

“Elio Gabbuggiani non è stato adeguatamente valorizzato dal suo stesso partito – ha osservato Spini -. Fummo l’unica giunta di sinistra che realizzò in quel periodo (1979) un convegno di ampia portata nazionale e internazionale sul dissenso nei Paesi dell’Est. Nell’organizzare questa ed altre iniziative, si può dire che sul piano dei rapporti internazionali, il sindaco Gabbuggiani aveva una visione più coraggiosa e lungimirante del suo stesso partito nazionale. Oggi credo che questo gli vada riconosciuto, insieme alle sue doti umane di grande apertura e di disponibilità”.

Elio Gabbuggiani (San Piero a Sieve, 17 giugno 1925 – Firenze, 24 marzo 1999) è stato il primo presidente del Consiglio regionale della Toscana nel 1970. Di famiglia operaia, partigiano, dal 1943 iscritto al Partito comunista italiano, nel 1950 entra a far parte degli organismi della Federazione fiorentina e nel 1973 diventa membro del Comitato centrale.

Nel 1956  Gabbuggiani viene eletto Consigliere comunale a Firenze, quindi nel 1960 prima Consigliere e poi, dal 1962 al 1970, presidente della Provincia di Firenze. Nel suo doppio ruolo di presidente della Provincia e dell’URPT (Unione Regionale Province Toscane) predispone la struttura della nascente Regione Toscana: la proposta statutaria, gli studi sullo sviluppo economico e sulle strutture ed i servizi regionali. Contribuisce inoltre allo sviluppo della programmazione della futura regione istituendo l’Istituto regionale per la programmazione economica toscana (IRPET).

Nel giugno 1970 è eletto consigliere regionale nella circoscrizione di Firenze nella lista del Partito comunista italiano e ricopre la carica di presidente del Consiglio regionale per l’intero mandato (1970-1975). In questi anni si dedica ad iniziative volte allo sviluppo dei rapporti con gli altri enti locali e le organizzazioni sociali. Tra i vari ulteriori incarichi si ricordano la presidenza del Comitato nazionale di coordinamento delle regioni minerarie, la presidenza della Commissione speciale per lo Statuto regionale e il Regolamento interno dell’Assemblea regionale e nel 1974 quella del Comitato regionale del 30° della Resistenza e della Liberazione della Toscana.

Rieletto nel giugno 1975 al Consiglio regionale, Gabbuggiani  si dimette un mese dopo, quando viene eletto sindaco del Comune di Firenze, dove rimane in carica fino al 1983.
Nello stesso anno è eletto alla Camera dei deputati nella IX legislatura (1983-1987) e successivamente confermato nella X legislatura (1987-1992), fa parte della Commissione parlamentare d’inchiesta sulla loggia massonica P2, della III Commissione (Affari esteri e comunitari) e della Delegazione parlamentare italiana presso le assemblee del Consiglio d’Europa e della UEO.

Nel 1992 decide di non ricandidarsi per dedicarsi al territorio toscano e fiorentino; nel 1994, oltre a diventare coordinatore del Comitato del 50° anniversario della Resistenza e della Liberazione in Toscana, è eletto presidente dell’Istituto storico della Resistenza in Toscana, carica che manterrà fino alla morte.

L'articolo Firenze ricorda sindaco Gabbuggiani: “uomo istituzioni che sapeva parlare anche ad avversari “ da www.controradio.it.

Morte Franco Marini, il ricordo dei sindacati e istituzioni toscane

Morte Franco Marini, il ricordo dei sindacati e istituzioni toscane

Morte Franco Marini. Politico e sindacalista, aveva 87 anni. Il ricordo delle istituzioni toscane

È stato il segretario generale della Cisl, poi presidente del Senato e poi ministro del Lavoro, segretario del Partito popolare italiano ed europarlamentare. La morte di Franco Marini è avvenuta per complicazioni legate al Covid.

“Franco Marini non è stato solo un grande sindacalista, come tutti riconoscono, ma anche un grande politico. Per un sindacalista non è facile questo passaggio, ma lui l’ha fatto, mantenendo sempre lo spirito che lo ha contraddistinto fin dall’inizio della sua attività sindacale: difendere il lavoro e i lavoratori, avendo sempre presente l’interesse generale del Paese”. Lo dichiara il segretario generale della Cisl regionale Toscana, Riccardo Cerza, aggiungendo che “la Cisl Toscana è sempre stata vicina a Franco e lo ricorderà sempre con ammirazione e gratitudine per il suo impegno e il suo esempio”

Il ricordo anche del sindaco di Firenze Dario Nardella. “Addio Franco Marini, politico e sindacalista di spessore. Un uomo delle istituzioni, competente e generoso, da sempre impegnato a difesa e a servizio dei lavoratori. La politica di oggi, troppo distratta sui temi del lavoro, dovrà ispirarsi alle idee di uomini come lui”.

“L’Isola del Giglio perde un caro amico”. Così il sindaco Sergio Ortelli ricorda la figura di Franco Marini che al Giglio (Grosseto) possedeva una casa dove ha trascorso per molti anni il tempo libero. “Lo voglio ricordare con discrezione – afferma Ortelli – quella stessa con cui amava vivere l’Isola e, nonostante fosse già una persona di primo piano del sindacato e della politica, ha sempre dimostrato con tutti grande umiltà ed amicizia”. Ortelli ricorda come Marini fosse conosciuto da tutti, ma come si sia comportato sempre con signorilità, quella stessa che l’ha caratterizzato nelle sue attività e nei suoi ruoli istituzionali. “E’ stato un amico vero dell’Isola del Giglio – ricorda il Sindaco- senza mai ostentare il suo ruolo, ma allo stesso tempo è sempre stato pronto a dare supporto e sostegno laddove richiesto”. “Non è retorica – afferma sempre Ortelli – se diciamo che perdiamo uno di noi, una persona che pur non essendo gigliese ha amato profondamente la nostra Isola e l’ha rispettata. Esprimo la nostra vicinanza alla famiglia, al figlio Davide, ai quali invio le mie più sentite condoglianze e quelle della nostra comunità”.

“Ricordo con stima e rimpianto il sindacalista, il parlamentare, il ministro, l’uomo politico con cui mi sono trovato a collaborare in molti dei suoi ruoli. Ma non voglio dimenticare l’appassionata opera che Franco Marini dispiegò nel suo ultimo incarico, quello di Presidente del Comitato per gli Anniversari di interesse nazionale”. Così, esprimendo “profondo cordoglio”, l’on. Valdo Spini, attuale presidente dell’Associazione delle Istituzioni Culturali Italiane (Aici), ricorda Franco Marini. “In quella veste – prosegue Spini – Franco Marini si dimostrò sempre disponibile e partecipe, sia delle iniziative dell’Aici, sia – lo voglio sottolineare – per l’80/o dell’assassinio dei fratelli Rosselli, ricordato nella biblioteca del Senato della Repubblica con la sua personale, intensa partecipazione”. “Franco Marini – conclude Valdo Spini – ha rappresentato quella dimensione sociale del mondo cattolico che ha svolto e svolge una dimensione rilevante nella vita del nostro paese. Un esempio di impegno politico e sociale da sottolineare e ricordare”.

L'articolo Morte Franco Marini, il ricordo dei sindacati e istituzioni toscane proviene da www.controradio.it.

Morte Franco Marini, il ricordo dei sindacati e istituzioni toscane

Morte Franco Marini, il ricordo dei sindacati e istituzioni toscane

Morte Franco Marini. Politico e sindacalista, aveva 87 anni. Il ricordo delle istituzioni toscane

È stato il segretario generale della Cisl, poi presidente del Senato e poi ministro del Lavoro, segretario del Partito popolare italiano ed europarlamentare. La morte di Franco Marini è avvenuta per complicazioni legate al Covid.

“Franco Marini non è stato solo un grande sindacalista, come tutti riconoscono, ma anche un grande politico. Per un sindacalista non è facile questo passaggio, ma lui l’ha fatto, mantenendo sempre lo spirito che lo ha contraddistinto fin dall’inizio della sua attività sindacale: difendere il lavoro e i lavoratori, avendo sempre presente l’interesse generale del Paese”. Lo dichiara il segretario generale della Cisl regionale Toscana, Riccardo Cerza, aggiungendo che “la Cisl Toscana è sempre stata vicina a Franco e lo ricorderà sempre con ammirazione e gratitudine per il suo impegno e il suo esempio”

Il ricordo anche del sindaco di Firenze Dario Nardella. “Addio Franco Marini, politico e sindacalista di spessore. Un uomo delle istituzioni, competente e generoso, da sempre impegnato a difesa e a servizio dei lavoratori. La politica di oggi, troppo distratta sui temi del lavoro, dovrà ispirarsi alle idee di uomini come lui”.

“L’Isola del Giglio perde un caro amico”. Così il sindaco Sergio Ortelli ricorda la figura di Franco Marini che al Giglio (Grosseto) possedeva una casa dove ha trascorso per molti anni il tempo libero. “Lo voglio ricordare con discrezione – afferma Ortelli – quella stessa con cui amava vivere l’Isola e, nonostante fosse già una persona di primo piano del sindacato e della politica, ha sempre dimostrato con tutti grande umiltà ed amicizia”. Ortelli ricorda come Marini fosse conosciuto da tutti, ma come si sia comportato sempre con signorilità, quella stessa che l’ha caratterizzato nelle sue attività e nei suoi ruoli istituzionali. “E’ stato un amico vero dell’Isola del Giglio – ricorda il Sindaco- senza mai ostentare il suo ruolo, ma allo stesso tempo è sempre stato pronto a dare supporto e sostegno laddove richiesto”. “Non è retorica – afferma sempre Ortelli – se diciamo che perdiamo uno di noi, una persona che pur non essendo gigliese ha amato profondamente la nostra Isola e l’ha rispettata. Esprimo la nostra vicinanza alla famiglia, al figlio Davide, ai quali invio le mie più sentite condoglianze e quelle della nostra comunità”.

“Ricordo con stima e rimpianto il sindacalista, il parlamentare, il ministro, l’uomo politico con cui mi sono trovato a collaborare in molti dei suoi ruoli. Ma non voglio dimenticare l’appassionata opera che Franco Marini dispiegò nel suo ultimo incarico, quello di Presidente del Comitato per gli Anniversari di interesse nazionale”. Così, esprimendo “profondo cordoglio”, l’on. Valdo Spini, attuale presidente dell’Associazione delle Istituzioni Culturali Italiane (Aici), ricorda Franco Marini. “In quella veste – prosegue Spini – Franco Marini si dimostrò sempre disponibile e partecipe, sia delle iniziative dell’Aici, sia – lo voglio sottolineare – per l’80/o dell’assassinio dei fratelli Rosselli, ricordato nella biblioteca del Senato della Repubblica con la sua personale, intensa partecipazione”. “Franco Marini – conclude Valdo Spini – ha rappresentato quella dimensione sociale del mondo cattolico che ha svolto e svolge una dimensione rilevante nella vita del nostro paese. Un esempio di impegno politico e sociale da sottolineare e ricordare”.

L'articolo Morte Franco Marini, il ricordo dei sindacati e istituzioni toscane proviene da www.controradio.it.

Uffizi: due ex ministri nominati nel Cda delle Gallerie

Uffizi: due ex ministri nominati nel Cda delle Gallerie

Uffizi: rinnovato il consiglio di amministrazione del primo museo italiano, entrano Aurélie Filippetti (ex ministra in Francia per Cultura e Comunicazioni) e Valdo Spini (ex ministro per l’Ambiente).

E’ stato nominato dal Ministro per i Beni Culturali Dario Franceschini  il nuovo CdA delle Gallerie degli Uffizi.

Entrano a far parte dell’organismo due ex ministri: la francese Aurélie Filippetti, scrittrice, docente universitaria e ministra della Cultura e delle Comunicazioni in Francia dal 2012 al 2014 sotto il presidente François Hollande; e Valdo Spini, anch’egli scrittore, già professore di storia delle relazioni economiche internazionali, attualmente presidente dell’Aici (l’associazione delle Istituzioni di Cultura Italiana) e, dal 1993 al 1994, ministro per l’Ambiente nei governi Amato e Ciampi.

Uffizi
Foto ufficio stampa Gallerie degli Uffizi

Fu proprio Spini, nel 1992, in qualità di Presidente del Comitato per le Celebrazioni di Lorenzo il Magnifico, a promuovere la mostra degli Uffizi dedicata alla ricorrenza, facendo anche restaurare le prime sei sale dell’ala di Levante, liberate poco tempo prima (1988) dall’Archivio di Stato di Firenze, dove l’esposizione ebbe luogo. E’ stato nominato inoltre Fulvio Cervini, professore associato di storia dell’arte medievale nell’ateneo fiorentino.

Il CdA è presieduto dal direttore delle Gallerie degli Uffizi Eike Schmidt e ne fa parte ex lege, in qualità di direttore regionale dei musei della Toscana, Stefano Casciu.

Ne escono, per scadenza del mandato, Paolo Fresco, ex presidente della Fiat, e Marco Cammelli, professore emerito di diritto amministrativo all’Università di Bologna ed ex componente del Consiglio di presidenza della Corte dei Conti e del Consiglio di Stato

L'articolo Uffizi: due ex ministri nominati nel Cda delle Gallerie proviene da www.controradio.it.

Uffizi: due ex ministri nominati nel Cda delle Gallerie

Uffizi: due ex ministri nominati nel Cda delle Gallerie

Uffizi: rinnovato il consiglio di amministrazione del primo museo italiano, entrano Aurélie Filippetti (ex ministra in Francia per Cultura e Comunicazioni) e Valdo Spini (ex ministro per l’Ambiente).

E’ stato nominato dal Ministro per i Beni Culturali Dario Franceschini  il nuovo CdA delle Gallerie degli Uffizi.

Entrano a far parte dell’organismo due ex ministri: la francese Aurélie Filippetti, scrittrice, docente universitaria e ministra della Cultura e delle Comunicazioni in Francia dal 2012 al 2014 sotto il presidente François Hollande; e Valdo Spini, anch’egli scrittore, già professore di storia delle relazioni economiche internazionali, attualmente presidente dell’Aici (l’associazione delle Istituzioni di Cultura Italiana) e, dal 1993 al 1994, ministro per l’Ambiente nei governi Amato e Ciampi.

Uffizi
Foto ufficio stampa Gallerie degli Uffizi

Fu proprio Spini, nel 1992, in qualità di Presidente del Comitato per le Celebrazioni di Lorenzo il Magnifico, a promuovere la mostra degli Uffizi dedicata alla ricorrenza, facendo anche restaurare le prime sei sale dell’ala di Levante, liberate poco tempo prima (1988) dall’Archivio di Stato di Firenze, dove l’esposizione ebbe luogo. E’ stato nominato inoltre Fulvio Cervini, professore associato di storia dell’arte medievale nell’ateneo fiorentino.

Il CdA è presieduto dal direttore delle Gallerie degli Uffizi Eike Schmidt e ne fa parte ex lege, in qualità di direttore regionale dei musei della Toscana, Stefano Casciu.

Ne escono, per scadenza del mandato, Paolo Fresco, ex presidente della Fiat, e Marco Cammelli, professore emerito di diritto amministrativo all’Università di Bologna ed ex componente del Consiglio di presidenza della Corte dei Conti e del Consiglio di Stato

L'articolo Uffizi: due ex ministri nominati nel Cda delle Gallerie proviene da www.controradio.it.