Visita a Palazzo Vecchio con interprete LIS

Palazzo Vecchio è il cuore di Firenze, simbolo della storia della città. Una storia che comincia nel 1299, quando nasce per ospitare i governanti della Firenze medievale, e che conosce un’età dell’oro nel momento in cui la famiglia Medici vi porta la propria residenza trasformandolo in una vera Reggia. La visita permette di comprendere come architetture, arti minori, sculture e dipinti concorrano alla creazione di un unicum ricco e complesso che si è trasformato, stratificato e rinnovato nel corso dei secoli.

Quando: Sabato 12 novembre, ore 15.30
Dove: Museo di Palazzo Vecchio
Durata: 2h
Per chi: giovani e adulti
Costo: gratuite

Prenotazione obbligatoria

Visita a Palazzo Vecchio per non vedenti e ipovedenti: 29 ottobre

Palazzo Vecchio è il cuore di Firenze, simbolo della storia della città. Una storia che comincia nel 1299, quando nasce per ospitare i governanti della Firenze medievale, e che conosce un’età dell’oro nel momento in cui la famiglia Medici vi porta la propria residenza trasformandolo in una vera Reggia. La visita permette di comprendere come architetture, arti minori, sculture e dipinti concorrano alla creazione di un unicum ricco e complesso che si è trasformato, stratificato e rinnovato nel corso dei secoli.

  • Dove: Museo di Palazzo Vecchio
  • Quando: Sabato 29 ottobre 2016 ore 15.30
  • Durata: 2h
  • Per chi: giovani e adulti non vedenti e ipovedenti

Le visite, per un massimo di 25 persone, sono gratuite e la prenotazione è obbligatoria.

 

Museo Novecento

Il nuovo Museo Novecento di Firenze,inaugurato lo scorso 24 giugno propone al pubblico un ricco programma di visite e attività utili ad avvicinarsi alle arti del Novecento e ai loro protagonisti. Agli adulti è quindi offerta la visita al museo, mentre alle famiglie sono dedicate le attività e i laboratori, diversificati a seconda dell’età dei bambini. Un’attenzione particolare viene inoltre rivolta alle scuole di ogni ordine e grado e ai pubblici con bisogni speciali dal punto di vista fisico, sociale o cognitivo.

Visite e attività al Museo Novecento

VISITA AL MUSEO NOVECENTO
La visita consente di ripercorrere a ritroso il XX secolo individuando i movimenti, le poetiche e gli artisti che ne hanno segnato i decenni, con un taglio fortemente interdisciplinare e un’attenzione specifica all’Italia e a Firenze. A partire dalla Biennale di Venezia del 1988, intesa come primo riconoscimento dei giovani fiorentini De Lorenzo, Guaita e Catelani, il percorso ripropone le tensioni e gli ideali degli anni Settanta e Sessanta – con grandi opere quali la Superarchitettura di Archizoom e Adolfo Natalini o il Plurimo di Emilio Vedova – per poi addentrarsi negli anni centrali del Novecento, riccamente rappresentati grazie alle donazioni di importanti artisti e collezionisti: fra questi Alberto Della Ragione, all’interno della cui collezione spiccano capolavori di De Chirico, Sironi, Casorati, Depero, Morandi, Martini. Nell’intreccio fra pittura, scultura, musica, poesia, moda, cinema e teatro il percorso porta il pubblico fino all’alba del secolo, animata dalle prime pulsioni delle avanguardie internazionali
Quando: venerdì h18.00 e h21.00 – sabato h16.00 e h17.30 – domenica h16.00 e h17.30
Costo: € 5 a persona oltre al biglietto di ingresso al Museo

TIME MACHINE
Il percorso si presenta come un “viaggio nel tempo” che prende avvio dal mondo di oggi per arrivare ai primi anni del Novecento indagando linguaggi, tecniche e principi delle arti del Novecento: dalle più recenti installazioni contemporanee alle scenografie d’autore del Maggio Musicale, dalle sperimentazioni musicali ai dipinti futuristi, dal design d’avanguardia ai dipinti più celebri, i bambini saranno coinvolti in un itinerario di scoperta delle molteplici forme artistiche del XX secolo nel dialogo animato fra tradizione e innovazione, antico e moderno, astratto e concreto. L’incontro con i grandi artisti del secolo – fra questi Emilio Vedova, Lucio Fontana, Bruno Munari, Giorgio De Chirico, Fortunato Depero – e con le loro opere sarà in questo senso l’occasione per una rielaborazione personale che consentirà ai bambini di portarsi a casa una particolarissima “collezione” della propria esperienza.
Quando: sabato h16.00
Costo: € 5 a persona oltre al biglietto di ingresso al Museo

OPERA D’ARTE TOTALE
Il percorso permette ai bambini più piccoli di avvicinarsi alle arti del Novecento con uno sguardo trasversale, partecipe e inclusivo. L’itinerario si concentra su alcune opere scelte, utili a cogliere lo spirito dinamico e dialettico che ha attraversato tutto il XX secolo mettendo in atto un ripensamento totale delle arti e delle loro possibili interazioni. L’installazione continua di Paolo Masi, le colorate architetture di Superstudio, il dipinto fatto di gesti e di colori di Emilio Vedova, le sculture di Martini, la moda d’alto stile di Pitti e gli esperimenti musicali di Grossi e di Chiari saranno l’occasione per un incontro multisensoriale con le arti. Nella seconda parte dell’attività i bambini, divisi in piccoli gruppi, si metteranno al lavoro per dare forma a una “opera d’arte totale” che riunisca la loro esperienza collettiva intrecciando i diversi linguaggi artistici.
Quando: sabato h16.00
Costo: € 5 a persona oltre al biglietto di ingresso al Museo
Le visite si svolgono in lingua italiana, inglese e francese.
Per informazioni e prenotazioni:
Tel. 055-2768224 055-2768558
Mail info@muse.comune.fi.it
Info su www.museonovecento.it

 

 

Prospettiva vegetale al Forte Belvedere

In occasione della mostra di Giuseppe Penone Prospettiva vegetale al  Forte Belvedere,Open Day la prossima domenica 3 agosto con ingresso libero e visite guidate. per tutti.     3 Agosto Open day al Forte Belvedere

La visita consentirà di conoscere storia e vicende del Forte di San Giorgio in Belvedere nonché i caratteri della mostra Prospettiva Vegetale di Giuseppe Penone (1947). Il percorso intreccerà quindi l’analisi delle architetture del fortilizio – definito sul finire del XVI secolo per sistematizzare in chiave difensiva quell’area della città – con l’analisi delle opere dell’artista contemporaneo, esposte sui bastioni. Il pubblico potrà così avvicinarsi alla poetica di Penone, che conosce i suoi esordi sul finire degli anni Sessanta tra le fila dell’Arte povera – attenta “al valore magico e meravigliante degli elementi naturali” (Germano Celant) – e che è oggi riconosciuto come uno dei massimi artisti italiani viventi.
Visite guidate della durata di 50 minuti domenica 3 agosto ogni mezzora dalle 10.00 alle 12.30  e  dalle 16.30 alle 19.00. La partecipazione è gratuita fino ad esaurimento posti. La prenotazione per visite guidate e laboratori è obbligatoria.
Per informazioni e prenotazioni:
Tel. 055-2768224 055-2768558
Mail info@muse.comune.fi.it