In arrivo per fiorentini App per decoro urbano e traffico

In arrivo per fiorentini App per decoro urbano e traffico

Firenze, intervenendo domenica alla ‘Wired Next Fest’, a Palazzo Vecchio, il sindaco Dario Nardella ha anticipato quelle che saranno le novità a breve scadenza, riguardo a come i fiorentini potranno interagire con l’amministrazione usando direttamente le App degli smart phone.

“Dal 4 novembre lanceremo un’App, che si chiamerà ‘+Firenze’, per migliorare decoro urbano della nostra città – ha spiegato il sindaco – Grazie a questo strumento ogni cittadino, ad esempio con una foto, potrà segnalare e condividere con l’amministrazione, in modo georeferenziato, un problema di decoro urbano della città” che verrà preso in carico e gestito in maniera tracciabile, “e al termine ‘restituiremo’ a quello stesso cittadino una foto dell’intervento fatto”.

“E’ un progetto che punta sulla semplicità – ha aggiunto Nardella -. Uno degli aspetti della cura della città è la tempestività degli interventi sulle piccole cose”.

ChattalabucaL’iniziativa, ha spiegato ancora il sindaco, segue la chat ‘Chatta la buca’ “che ci è servita molto per migliorare l’efficacia dell’intervento entro le due settimane di tempo”.

Sempre sul fronte tecnologico, Nardella ha poi anche annunciato che il Comune di Firenze sta lavorando “con un grande operatore di open data, ‘Waze’, per realizzare un’unica App “dedicata al traffico cittadino, per avere a diposizione il percorso ideale per ciascuno di noi: a seconda che lo vogliamo più rapido, più bello o più green. Avere a disposizione tutti i dati ci permette di muoverci meglio, organizzarsi, e così la città funziona meglio. Sarà una app dedicata al traffico per integrare e offrire più servizi”

L'articolo In arrivo per fiorentini App per decoro urbano e traffico proviene da www.controradio.it.

Parmitano parla di ‘spazio’ al ‘Wired Next Fest’ di Firenze

Parmitano parla di ‘spazio’ al ‘Wired Next Fest’ di Firenze

Firenze, l’astronauta Luca Parmitano, che sarà il primo italiano a comandare ‘The International Space’, è intervenuto alla a margine del Wired Next Fest, in corso a Palazzo Vecchio.

Partirà il 24 luglio 2019 la spedizione spaziale ‘Beyond’ per scoprire la materia oscura, e durerà al momento 200 giorni, “ma sono numeri di fatto indicativi – ha detto Parmitano – Come disse una volta il mio primo comandante, l’unica cosa certa nel mondo dello spazio è che tutto cambia. Partiamo con l’idea di restare 200 giorni e poi ci adatteremo in base a quelle che sono le necessità del programma spaziale”.

“Le spedizioni 60-61 che insieme comprendono la missione Beyond, sperimentano un ampio spettro di scienza e di sperimentazione tecnologica – ha continuato l’astronauta – si passa dalla biologia alla fisiologia, alla fisica dei materiali e alla fisica dei fluidi. Cercheremo anche di scoprire uno dei misteri più importanti al momento, quello della materia oscura”.

A bordo della base spaziale l’equipaggio sarà affiancato dall’intelligenza artificiale ‘Cimon’. “Anche questo è un esperimento molto interessante perché per la prima volta avremo un sistema completamente indipendente – ha detto ancora l’astronauta -, che ha accesso a un enorme database sulla terra. Questo database è accessibile agli astronauti tramite interfaccia: una sfera semovente con fattezze che ricordano un po’ quelle umane”.

Inoltre, “con questa interfaccia gli esseri umani potranno chiedere supporto sia tecnico che comunicativo” perché “in grado di interpretare le fattezze umane e le sue espressioni per poter adattare il tono della conversazione”.

Per Parmitano è “un esperimento a due facce: l’interazione dell’astronauta con un’intelligenza artificiale, e, all’opposto, un’intelligenza artificiale che deve interpretare uno degli aspetti più difficili dell’uomo che sono le emozioni”

“Nello spazio tutto mi affascina” ed “è difficile parlare di paura quando ci si addestra per centinaia e centinaia di ore per tutte le fasi della missione, dalla partenza al rientro, passando per tutte le possibili emergenze che siamo riusciti a immaginare a bordo della stazione. La paura è uno strumento da usare con intelligenza – ha aggiunto Parmitano -, è uno strumento evolutivo che ci salva la vita, per cui ci addestriamo per fare in modo che non sia un ostacolo”.

L'articolo Parmitano parla di ‘spazio’ al ‘Wired Next Fest’ di Firenze proviene da www.controradio.it.

Wired Next Fest torna per il terzo anno consecutivo a Palazzo Vecchio dal 28 al 30 settembre. Tema di questa edizione: la semplicità.

Wired Next Fest torna per il terzo anno consecutivo a Palazzo Vecchio dal 28 al 30 settembre. Tema di questa edizione: la semplicità.

Wired Next Fest la terza edizione. Il 28 settembre opening musicale con Francesca Michielin,  Giuliano Palma e Federica Abbate, il 29 settembre serata tra parole e musica con Motta, Riccardo Sinigallia e Colapesce

«Tutti i colossi tecnologici che si sono affermati negli ultimi 20 anni non ci hanno consentito di fare qualcosa che prima non facevamo. Anche prima di internet e degli smartphone, per esempio, condividevamo foto, comunicavamo, viaggiavamo, cercavamo informazioni, acquistavamo, ascoltavamo musica e vedevamo film. Solo che oggi facciamo tutto questo in maniera più semplice e immediata. È questa la grande rivoluzione del digitale», dice Federico Ferrazza, direttore di Wired Italia.

Di questo e molto altro si parlerà a Firenze, dove il WNF18 aprirà il 28 settembre con una opening musicale, per poi continuare con la programmazione nei due giorni successivi che animerà Palazzo Vecchio con interviste, panel, keynote, workshop, laboratori, exhibit, performance artistiche e concerti, grazie alla partecipazione di esperti e opinion leader di rilievo nazionale e internazionale.

Nei due giorni di programmazione il pubblico potrà assistere agli interventi di Terry Gilliam, regista, sceneggiatore, produttore cinematografico e già membro dei Monty Python, al cinema da domani con il suo nuovo film L’uomo che uccise Don Chisciotte, Mika, la star internazionale che ha venduto oltre 10 milioni di dischi in tutto il mondo aggiudicandosi dischi d’oro e platino in oltre 32 paesi, Enrico Mentana, giornalista e direttore del tg di La7, Alessandro Cattelan, conduttore televisivo e radiofonico nonché fra i volti di punta di Sky, il regista e scrittore Paolo Genovese, la conduttrice Andrea Delogu, l’attore e regista Rocco Papaleo, i conduttori di Rock And Roll Circus su RAI RADIO2 Pier Ferrantini e Carolina Di Domenico – che con la collaborazione di SIAE si sfideranno in un quiz musicale -, i fumettisti Zerocalcare e Sio e il curatore editoriale di Feltrinelli Comics Tito Faraci.

Al Wired Next Fest anche il presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti, il presidente dei Giovani Imprenditori di Confindustria Alessio Rossi, il segretario Fim Cisl Marco Bentivogli, Marco Gay, imprenditore, amministratore delegato di Digital Magics, Massimiliano Magrini, venture capitalist, fondatore di United Ventures, Mauro Petrolani, Senior Partner, Fondo Italiano d’Investimento SGR, il deputato Filippo Sensi e il presidente della Camera Nazionale della Moda Carlo Capasa. Parteciperanno, inoltre, i video artisti Masbedo, Luca Del Monte, capo della divisione Politica industriale e pmi dell’ESA, Ilaria Bonacossa, curatrice e direttrice di Artissima, la più importante fiera di arte contemporanea in Italia.

Il 28 settembre il WNF18 aprirà con un opening musicale: dalle ore 20.30 sul palco si alterneranno e si racconteranno Alessandra Amoroso, artista multiplatino in uscita con l’attesissimo nuovo album di inediti dal quale è stato tratto il singolo La Stessa, tra i brani più trasmessi in radio, Francesca Michielin, cantautrice polistrumentista reduce dal successo di 2640 e dal tour estivo nei festival più importanti d’Italia, Giuliano Palma che si esibirà con la sua band e Federica Abbate, con il suo primo ep In foto vengo male che ha inaugurato la sua carriera da cantautrice affermandola tra le artiste emergenti italiane più interessanti. Il 29 settembre l’appuntamento sarà per una serata tra parole e musica, in cui alcuni tra i maggiori artisti italiani si racconteranno attraverso le loro storie e le loro canzoni. Una serata unica in acustico nel Salone dei Cinquecento a partire dalle ore 20.30, che vedrà protagonisti Motta, vincitore della Targa Tenco come “Miglior album in assoluto” per il suo ultimo disco Vivere o morire, Riccardo Sinigallia con il suo nuovo album Ciao Cuore e Colapesce che a ottobre sarà in tour in tutta Europa.

L’ingresso al WNF18 a Firenze è gratuito ma è necessaria la registrazione sul sito nextfest.wired.it  Info Programma su wired.it e sulla pagina Facebook del Wired Next Fest (http://bit.ly/WNF18_FI)

L'articolo Wired Next Fest torna per il terzo anno consecutivo a Palazzo Vecchio dal 28 al 30 settembre. Tema di questa edizione: la semplicità. proviene da www.controradio.it.