Elba: nate decine di tartarughe marine tra bagnanti e un matrimonio

Elba: nate decine di tartarughe marine tra bagnanti e un matrimonio

Uscite da sotto un telo da mare, hanno invaso la piccola spiaggia di Capoliveri mentre era in corso un matrimonio.

Quanto accaduto il 18 agosto intorno alle 19,15 nella piccola spiaggia elbana di Straccoligno, vicino a Capo Perla, nel Comune di Capoliveri è un nuovo miracolo che ha per protagoniste le tartarughe marine e che si ripete dopo l’eccezionale nidificazione del 2017 a Marina di Campo. Le differenze sono molte ma le assonanze sono quelle di una bella fiaba ecologica.

Nel 2017 la tartaruga venne avvistata mentre depositava le sue preziose uova tra gli ombrelloni e le sdraio da Federico, il guardiano dei Bagni da Sergio – e in suo onore venne chiamato Federica – questa volta a Straccoligno nessuno si era accorto dell’arrivo sulla spiaggia 50/60 giorni fa di una tartaruga marina, ma il bambino che sulla spiaggia libera ha visto per primo muovere il telo da mare di mamma e babbo e poi uscire le tartarughine si chiama anche lui Federico.

Se a Marina di campo i primi 50 piccoli rettili marini (alla fine se ne contarono 107) avevano aspettato  la notte per uscire in ordinate fila dal nido, a Straccoligno  in 50/60 hanno invaso brulicanti la spiaggia con il sole ancora splendente, tra la sorpresa dei bagnanti e la meraviglia dei bambini. Un picciolo e disordinato e pacifico esercito grigio-nero che, facendo lo slalom tra le gambe dei bimbi e degli adulti, mentre si festeggiava un matrimonio, ha deciso di raggiungere il mare come questi antichissimi rettili fanno da milioni di anni. Uno spettacolo anarchico e meraviglioso – ma anche un po’ pericoloso –  al quale, grazie all’allarme subito lanciato da alcuni cittadini avveduti, ha messo ordine l’ufficio marittimo di Porto Azzurro della Capitaneria di Porto di Portoferraio, che ha delimitato l’area del piccolo cratere nella sabbia mista a ghiaia dal quale erano uscite le tartarughe e disegnato con il nastro bianco e rosso i confini della “pista” protetta che le tartarughe – che si prevede continueranno a nascere per altri  4/5 giorni –  percorreranno per raggiungere il mare.  Una zona protetta che successivamente è stata transennata dal solerte intervento dell’ufficio tecnico e degli operai del Comune di Capoliveri (presente anche il Sindaco Ruggero Barbetti) in collaborazione con quello del Parco Nazionale dell’Arcipelago Toscano, mentre venivano allertati Osservatorio toscano per la biodiversità, Università di Siena e i volontari organizzati da Legambiente Arcipelago Toscano, subito accorsi per mettere in sicurezza il nido e per avviare l’opera di sorveglianza notturna e diurna e di informazione a turisti e cittadini.

Come ha scritto sulla sua pagina Facebook Letizia Marsili dell’Università di Siena, «La potenza della natura! Sono nate dove volevano, quando volevano, senza curarsi del fatto che noi non le avevamo considerate!» e Isa Tonso di Legambiente Arcipelago Toscano conferma: «Ogni giorno all’alba, per quasi tre mesi di fila, abbiamo cercato le tracce delle tartarughe in 8 grandi spiagge elbane  e mamma tartaruga è andata a nidificare dove meno ce l’aspettavamo: nella piccola spiaggia di Straccoligno, a una decina di metri dal mare, a un paio di metri dalla strada di accesso alle case, scavando il suo nido tra sabbia e ghiaie. E’ una notizia meravigliosa che ripaga tutte le volontarie e i volontari che hanno sperato che il miracolo di Marina di Campo si ripetesse. Ora l’Elba è davvero l’Isola delle tartarughe! Ci aspetta qualche giorno notte di vigilanza per fare in modo che le tartarughine raggiungono il mare il più tranquillamente possibile. Chiunque vuole collaborare è ben accetto, basta chiamare al 3407113722».

E l’ultima tartarughina della serata ha avuto qualche difficoltà a scavarsi la strada verso il mare: è uscita solo a notte tarda (accolta come una star) e poi ha penato un po’ ad orientarsi. Attratta dalle luci del matrimonio si era smarrita tra i tavoli del rinfresco  e la nova fiaba delle tartarughine dell’Isola d’Elba è finita con la sposa che, vestita di bianco, è entrata a piedi scalzi in mare per  restituirgli la piccola creatura perduta, augurandole e augurandosi probabilmente di trovare la stessa fortuna nel mare della vita e del futuro. Verrebbe da dire che queste cose succedono solo all’Elba.

L'articolo Elba: nate decine di tartarughe marine tra bagnanti e un matrimonio proviene da www.controradio.it.

Mugello: incidente in pista al circuito, due piloti feriti

Mugello: incidente in pista al circuito, due piloti feriti

Due piloti sono rimasti feriti in un incidente avvenuto all’autodromo del Mugello in occasione di una giornata di prove libere motociclistiche.

I piloti sono stati soccorsi in pista dai medici rianimatori del circuito toscano, subito intervenuti con le fast car mediche grazie all’immediata interruzione delle prove decretata dalla direzione gara con l’accensione dei semafori rossi e l’esposizione della bandiere rosse dei commissari di percorso.
Trasportati presso il centro medico del circuito dalle ambulanze dislocate lungo la pista, i due feriti sono stati stabilizzati e poi trasferiti all’ospedale di Careggi, a Firenze. Il più grave, 33 anni, è stato trasportato con l’eliambulanza, ma dopo i primi accertamenti dei sanitari non sarebbe in pericolo di vita.

Il secondo pilota, di 52 anni, è stato trasferito con un’ambulanza, ma le sue condizioni non
destano preoccupazioni. I rilievi sono a cura dei carabinieri della stazione di Scarperia che hanno sequestrato le due moto.

L'articolo Mugello: incidente in pista al circuito, due piloti feriti proviene da www.controradio.it.

Licenziato sale cornicione piazza Signoria, sceso dopo tre ore

Licenziato sale cornicione piazza Signoria, sceso dopo tre ore

Si è appena conclusa alle 21.30 di ieri sera la protesta di un 51enne che intorno alle 18 si era arrampicatosi sulla facciata di un palazzo all’angolo tra piazza della Signoria e via dei Gondi a Firenze, rimanendo per oltre tre ore su un cornicione al primo piano dell’edificio.

L’uomo, di origine algerina e residente a Firenze, chiedeva un nuovo lavoro, spiegando di essere stato licenziato. Da quanto riferito dalla polizia avrebbe anche pronunciato frasi sconnesse. Sul posto, insieme a polizia, vigili del fuoco, 118 e vigili urbani intervenuto anche un assessore comunale.

L'articolo Licenziato sale cornicione piazza Signoria, sceso dopo tre ore proviene da www.controradio.it.

Salvini incontra familiari strage Viareggio, delegazione domani a funerali di Stato

Salvini incontra familiari strage Viareggio, delegazione domani a funerali di Stato

Nel tardo pomeriggio di oggi il ministro dell’Interno Matteo Salvini sarà a Viareggio per incontrare alcuni parenti delle vittime dell’incidente ferroviario del 2009.

E l’associazione “Il Mondo che Vorrei Onlus” che raccoglie i familiari delle vittime della strage di Viareggio ha inviato oggi una nota di cui pubblichiamo il testo, in cui si preannuncia la partecipazione domani ai funerali di Stato a Genova.

“Genova, città nella quale molte volte siamo andati, accolti a braccia aperte, per raccontare di Viareggio e altrettante volte siamo stati per testimoniare concretamente la nostra vicinanza ai cittadini.

Città ormai da troppi anni martorizzata, ricordiamo le vittime delle alluvioni del novembre 2010 e ottobre del 2011 così come non possiamo dimenticare le vittime della torre del porto crollata nel maggio 2013, di tutti questi terribili disastri esiste un unico comune denominatore, così come per il ponte Morandi, la totale mancanza di salvaguardia della vita umana a vantaggio del profitto.

Viene da rabbrividire, ed è immediato il parallelismo tra la nostra strage e quello che è successo.

Anche qui, come a Viareggio dove i vari incidenti prima del 29 giugno erano avvisaglie di quell’evento, anche qui c’erano stati dei preavvisi, come a Viareggio dove “i treni gridavano allarme, allarme”, i ponti avevano dato lo stesso tipo di avviso basta ricordare la lunga serie di crolli avvenuta negli ultimi anni:

  • Il 18 aprile 2017 il crollo di un viadotto della tangenziale di Fossano
  • Il 9 marzo 2017 il ponte 167 crolla sull’autostrada A14, all’altezza di Camerano.
  • Il 29 ottobre 2016 nel lecchese, ad Annone Brianza.
  • Il 22 ottobre 2013 ancora una volta a essere colpita è la Liguria con il crollo del ponte di Carasco nell’entroterra genovese.

Ora è il momento di smettere di fingere, non si può più rimandare un tema così fondamentale, la sicurezza e i controlli per la sicurezza.

Che sia una scuola, una ferrovia, un porto o un autostrada non si può più continuare a giocare con la vita delle persone.

Questo è anche il tema centrale della nostra associazione, nata sulle ceneri del disastro di Viareggio e da quel maledetto 29 giugno 2009 noi lottiamo costantemente per il diritto di tutti alla sicurezza.

Ci auguriamo che dopo questa ennesima strage non ci si limiti a scrivere un Tweet, postare una foto o commemorare i morti per un solo giorno ma che l’impegno di ognuno di noi, sulla sicurezza e sulla salvaguardia della vita sia costante e continuo ogni giorno, altrimenti anche queste vittime diventeranno un numero nell’elenco dei morti causati dalle inadempienze italiane”.

Il Mondo che Vorrei ONLUS

Il Presidente

Marco Piagentini

L'articolo Salvini incontra familiari strage Viareggio, delegazione domani a funerali di Stato proviene da www.controradio.it.

Si è spenta Aretha Franklin, addio alla regina del Soul.

Si è spenta Aretha Franklin, addio alla regina del Soul.

E’ morta a Detroit, all’età di 76 anni Aretha Franklin. La Queen of Soul, come era stata soprannominata, è deceduta dopo una lunga malattia. Lo ha annunciato – riferisce l’Associated Press – la sua portavoce Gwendolyn Quinn.

Icona riconosciuta della cultura nera, con una forte personalità e un carattere non sempre facile, ma soprattutto artista dalla voce sublime, Aretha, nata a Memphis il 25 marzo 1942, è andata oltre le definizioni, rompendo schemi e imponendosi come un vero e proprio fenomeno della natura. Tra i suoi brani più famosi, Respect e Think (che cantò anche nel film The Blues Brothers). La sua ultima esibizione è stata lo scorso novembre a New York al gala della fondazione di Elton John per la lotta all’Aids. Il suo ultimo concerto, invece, nel giugno 2017. (ANSA)

L'articolo Si è spenta Aretha Franklin, addio alla regina del Soul. proviene da www.controradio.it.