Tav, Gentile: “porteremo a compimento l’opera”

Tav, Gentile: “porteremo a compimento l’opera”

“Non abbiamo mai sospeso o interrotto i lavori, quindi i ritardi si sono prodotti a causa di alcuni fenomeni che hanno interessato il cantiere, delle lungaggini che ne sono conseguite”.Lo ha affermato Maurizio Gentile, amministratore delegato di Rfi, a proposito del sottoattraversamento Tav di Firenze.

Quindi, “confermo che è nostra ferma intenzione finire l’opera, portarla avanti”. “Essendo un investimento di Rfi, quindi non realizzato con finanziamenti pubblici ma tutto in autofinanziamento”, ha detto a margine di un’iniziativa proprio a Firenze, “è evidente che il nostro interesse, oltre a essere dimostrato dal fatto che lo stiamo finanziando, evidentemente è anche dovuto al fatto che non dobbiamo vanificare ciò che abbiamo già investito”.
Adesso che il piano di utilizzo delle terre è stato approvato dal ministero dell’Ambiente, ha spiegato Gentile, “il Consorzio Nodavia ha chiesto un concordato preventivo, quindi evidentemente le difficoltà finanziarie che l’attraversano ci inducono ad un momento di attesa per vedere le decisioni che verranno prese dal giudice del tribunale fallimentare. Dopodiché noi prenderemo le nostre decisioni”.

L'articolo Tav, Gentile: “porteremo a compimento l’opera” proviene da www.controradio.it.

I commenti sono chiusi