Terremoto, la Toscana monterà a Porto Sant’Elpidio un punto di assistenza sanitaria

FIRENZE – Non c'è più bisogno di cani per cercare eventuali dispersi sotto le macerie degli edifici che si sono accasciati dopo le scosse che di nuovo domenica hanno colpito Norcia, Preci e molti  altri comuni tra Umbria e Marche. Cambiano le priorità; la richiesta di unità cinofile è stata così bloccata e i cani da ricerca toscani rimangono a casa.

La maggiore necessità, logistica più che di personale, riguarda adesso la sanità. Alcuni ospedali sono stati evacuati in via precauzionale. Oggi pomeriggio, alle 15, partiranno pertanto dalla Toscana sette od otto container per allestire un punto di assistenza sanitaria mobile. La destinazione è Porto Sant'Elpidio, sulla costa un po' sotto Ancona. Ad accompagnarli sarà un medico, che ne seguirà l'allestimento e poi lascerà la struttura in carico ai colleghi marchigiani.

I commenti sono chiusi