Toscana al Salone del libro di Torino, con Guasti e Vichi musica e scrittura si tengono a braccetto

FIRENZE - Uno scrittore e un cantante fianco a fianco, non per caso. Nella presentazione a Palazzo Strozzi Sacrati a Firenze della partecipazione della Toscana, come Regione ospite e d'onore,  alla trentesima edizione del Salone dei Libro di Torino, accanto alla vice presidente della giunta regionale Monica Barni siedono Marco Vichi, l'autore delle avventure del commissario Bordelli ma anche de "Il brigante" o "Il Console", e Cesare Guasti, il cantautore pratese terzo tra le nuove proposte nell'ultima edizione del festival di Sanremo e tra i giovani premiati nel 2016 alla prima edizione del progetto della Regione "Toscana 100 band", che – annuncia proprio Barni – avrà un seguito.

Musica e libri insieme (e non per una casualità), appunto.  "Perché per avvicinare alla lettura – ricorda Barni -  è utile mescolare tutti i linguaggi del contemporaneo". E "perché – dice Francesco Guasti – spesso, purtroppo, si considera la musica solo come un passatempo e invece è cultura ed anche un mestiere, che iniziative come "Toscana 100 band" servono a valorizzare".

Francesco Guasti, che sarà nello stand del Salone del libro di Torino il 20 maggio e parteciperà assieme a Zern Circus e Flame Parade ad un talk show condotto da Giustina Terenzi per Controradio, confessa un sogno.  "In Francia  - dice - il 70 per cento della musica che passa sulle radio è francese.  Da noi la maggior parte è straniera e sarebbe invece bello che fosse italiana: è così bella la nostra lingua".

"Siamo una regione letterariamente vivace" sottolinea con orgoglio lo scrittore Marco Vichi, che assieme  a Valerio Aiolli e Emiliano Gucci sarà protagonista allo Spazio Autori venerdì 19 maggio alle 16.30.  "Questa vivacità – spiega -  la vede ad esempio nei progetti delle grandi (e piccole) biblioteche o nei festival letterari. Il lavoro di chi scrive è quello di mettere la sua pietruzza per costruire un edificio che non sia un muro ma un contenitore alla fine dei valori di tutta l'umanità".  Per questo la letteratura e i libri sono importanti. 

I commenti sono chiusi