Tour nelle scuole di Pistoia dell’assessore all’istruzione Grieco

FIRENZE - Tour pistoiese dell'assessore regionale all'istruzione Cristina Grieco nella giornata di oggi, tenendo fede alla promessa di far visita a tante strutture scolastiche in ogni zona della regione. E a Pistoia l'Istituto Professionale Barone de Franceschi rappresenta senza dubbio un polo attrattivo fondamentale per il vivaismo toscano, grazie alla sua ormai secolare attività di formazione di periti ed agrotecnici per l'agricoltura specializzata (vivaismo, olivicoltura e viticoltura) e per l'agricoltura tradizionale.

Accolta dai rappresentanti istituzionali della città, l'assessore Grieco ha incontrato tanti studenti durante la visita ai locali della scuola: aule, mensa, laboratori e serre. Nella scuola tra l'altro è presente un convitto che rende possibile la frequentazione dell'Istituto a studenti provenienti da tutta la Regione.

Ricordando che in questi giorni ricorre la Festa della Toscana, Grieco ha consegnato alla scuola alcune copie della Costituzione da maettre a disposizione degli studenti, mettendo in risalto le parole che segnano in particolare l'articolo 9: "La Repubblica promuove lo sviluppo della cultura e la ricerca scientifica e tecnica. Tutela il paesaggio e il patrimonio storico e artistico della Nazione."

 A tal proposito ha sottolineato quanto il percorso di studi intrapreso dagli studenti dell'Istituto contribuisca a mettere in atto proprio tale principio costituzionale, permettendo inoltre di mantenere il primato del vivaismo pistoiese, e dunque toscano, ai vertici internazionali per quanto riguarda gli aspetti florovivaistici e paesaggistici.

Grieco ha proseguito la giornata nel pistoiese con la visita a Quarrata dell'istituto comprensivo M. Nannini ed al nido d'infanzia Il Girotondo. Dopo aver consegnato il quaderno "La mia Toscana" che, con linguaggio adatto ai più piccoli, permette agli insegnanti di illustrare i principi fondamentali della Costituzione e dello Statuto regionale, l'assessore ha pranzato assieme ai bambini delle scuole primarie.

Il Comune di Quarrata ha attivato per il servizio mensa non solo un sistema di valorizzazione della filiera corta, mediante l'utilizzo di prodotti del territorio, ma grazie al Progetto regionale "Giovani Sì" anche un'azione di contrasto  dello spreco alimentare. Grazie al coinvolgimento dei genitori e con l'aiuto di quattro ragazze che prestano servizio civile,  il Comune infatti opera  per migliorare il profilo e lo standard qualitativo dei pasti serviti a mensa evitando ogni spreco.

Le scuole di Quarrata, ha sottolineato la assessore, aderiscono al progetto "Welcome – Scuola aperta", ovvero l'apertura dal lunedì al venerdì fino alle ore 18 dei due Comprensivi.  "Un progetto – ha concluso – che ha anticipato persino quanto previsto dalla legge107 di quest'anno;  e tale risultato è stato reso possibile anche grazie ai Piani Educativi Zonali  previsti dalla Regione."

 

I commenti sono chiusi