Tpl, Ceccarelli a Cenni: “Grottesche le sue accuse, non la gara”

FIRENZE - Grottesche sono le parole di Cenni ed il suo attacco alla gara pubblica per l'assegnazione del lotto unico regionale di tpl, non il bando di gara o il suo esito. A dirlo è l'assessore regionale ai trasporti Vincenzo Ceccarelli, che spiega: "Leggo che l'ex sindaco di Prato Roberto Cenni ha definito grottesco l'esito della gara per l'assegnazione del servizio di trasporto pubblico sull'intero territorio regionale; che ha parlato di farsa e di atteggiamenti paradossali. Ecco, l'unica cosa grottesca che io vedo sono le sue parole e il fatto che dica di aver osteggiato, durante il suo mandato da sindaco, il percorso verso la gara".

"In realtà - prosegue Ceccarelli - Cenni da sindaco di Prato ha approvato e sottoscritto tutti i documenti e gli atti necessari perchè il bando di gara venisse realizzato. Non faccio ulteriori commenti, in quanto la gara è ancora aperta e mi astengo dall'entrare nelle questioni di dettaglio".

I commenti sono chiusi