Transumando si conclude ad Arezzo, Remaschi: “Recuperiamo i valori della cultura rurale”

FIRENZE – Si conclude oggi e domani nel parco del Prato e nelle strade e piazze di  Arezzo TransUmando, l'evento che riscopre la "transumanza" e le antiche tradizioni e costumi ad essa connessi.

L'iniziativa è sostenuta dalla Regione Toscana e dall'Ente Terre Regionali Toscane, oltre a numerosi altri partner pubblici e privati, e vede la partecipazione anche della regioni francesi di Provenza, Alpi e Costa Azzurra.

La carovana, che era partita l' 11 settembre Vulci (Montalto di Castro, in provincia di Viterbo), ha fatto tappa ad Alberese (GR), San Galgano (SI) e Siena. L'intero tragitto è stato percorso da 30 butteri maremmani ed un gruppo di Gardians della Camargue, un branco di puledri, una ventina di vacche maremmane, 20 fattrici camarghesi ed un centinaio di pecore.

Nelle varie tappe sono stati ricostruiti gli accampamenti, veri e propri villaggi di tende, e vengono allestiti spettacoli equestri e animazioni. Ad accompagnare la transumanza ci sono anche due artisti equestri, Manolo e Camille, del Théâtre du Centaure di Marsiglia (Francia)

Nel pomeriggio di oggi anche l'assessore regionale all'agricoltura, Marco Remaschi, si è recato ad Arezzo per partecipare all'ultima tappa dell'iniziativa che ha riscosso grande successo e apprezzamenti con migliaia di persone in tutti i luoghi del suo percorso.

"La Toscana ha sposato TransUmando – ha sottolineato Remaschi – per ribadire il significato e il valore che la legano in modo molto stretto alla cultura e alle tradizioni dei suoi territori. Un modo lento di attraversare luoghi e città, in un momento storico in cui la tendenza è quella di vivere di corsa, al ritmo di telefoni portatili e tablet, permette di recuperare e vivere i valori della nostra cultura rurale. Ma anche di apprezzare aspetti e caratteristiche che altri mezzi e modalità di viaggio non consentirebbero".

 

I commenti sono chiusi