Treni regionali e alta velocità, Rossi: “Risolvere conflitto senza ulteriori ritardi”

FIRENZE - "Mi interessa che si risolva il problema del conflitto fra treni regionali e treni ad alta velocità, un conflitto che finisce sempre per penalizzare il nodo di Firenze o, come lo chiamano i ferrovieri, il tappo di Firenze. Un tappo che, colpendo i treni regionali, finisce per colpire, in particolare, i 200 mila e rotti cittadini toscani per i quali e con i quali paghiamo un salato contratto di servizio, provocando ritardi e sofferenze". 
 
Così il presidente della Regione Toscana Enrico Rossi ha commentato da Roma quanto uscito oggi sulla stampa, riguardo al nodo ferroviario fiorentino. 
 
"Un nodo - riprende Rossi - che doveva essere risolto entro il 2015, mentre adesso si sta parlando di una soluzione per il 2020, se le cose andranno bene. Come si dovrà risolvere non sta a noi dirlo, se ci sono soluzioni benissimo, purchè non si perda tempo in chiacchiere e si proceda con i lavori che devono essere fatti.  Ritardare ancora sarebbe un errore che farebbe anche aumentare i costi di questa opera".
 
Il presidente Rossi ha poi fatto sapere di essersi incontrato, oggi a Roma, con il ministro dei Trasporti Graziano Delrio. "Con il ministro abbiamo concordato - ha detto il presidente - sulla proroga delle Autorità portuali toscane fino all'approvazione della nuova legge nazionale in materia".  
 

I commenti sono chiusi