Treni, salta la porta di un Jazz. Rossi: “Gravissimo, fare immediata chiarezza”

FIRENZE - "Quello che è successo oggi all'interno della galleria del San Donato è un fatto di assoluta gravità. Sono stupefatto e preoccupato. E mi attendo provvedimenti immediati da chi ha la responsabilità di garantire la sicurezza di chi viaggia in treno". Il presidente della Regione Toscana, Enrico Rossi, reagisce con grande preoccupazione alla notizia dell'incidente che ha coinvolto un treno Jazz, che nella galleria del San Donato ha perso una porta dopo l'incrocio con un treno AV.
 
"Si tratta di un treno nuovo di zecca – prosegue – e questo rende ancor più inaccettabile quanto accaduto. L'incidente avrebbe potuto avere conseguenze a danno dell'incolumità dei passeggeri del treno regionale. Per questo occorre fare immediata chiarezza. E in ogni caso, visto che questi treni dovranno continuare a viaggiare sugli stessi binari, sarà bene che vengano fornite le massime garanzie sulla sicurezza, e che si valuti, tra le altre cosa la possibilità che Trenitalia e Ntv riducano la velocità dei treni AV. I cittadini dell'area metropolitana hanno diritto di muoversi senza rischi, utilizzando materiale leggero e capace di accelerazione. Ferrovie dello Stato sa cosa dico e mi aspetto comportamenti conseguenti".
 
"Abbiamo necessità - sottolinea ancora Rossi - che gli organi tecnici competenti, prima ancora che i gestori, ci dicano quali sono le cause di questo incidente e che ci dicano una volta per tutti quali sono i treni che possono circolare in direttissima in condizioni di massima sicurezza. Stiamo facendo uno sforzo senza precedenti per dare risposte ai pendolari, ma occorre che ognuno dei soggetti coinvolti faccia la sua parte fino in fondo. In questi giorni abbiamo assistito ad un campionario di incidenti, sui quali gli organi competenti devono fare piena luce".
 
"La Regione - conclude il presidente Rossi - sta dalla parte degli utenti e chiede garanzie su una questione essenziale come la sicurezza dei viaggiatori".
 

I commenti sono chiusi