Trent’anni di musica e performance per Arezzo Wave, festival dell’amore

FIRENZE - Arezzo Wave Love Festival ha raggiunto il traguardo dei 30anni. Per questo il 2016 sarà ancora di più una grande festa, con tanti artisti che si susseguiranno nell'arco di tre giorni, dall'1 al 3 luglio, sul palco allestito a San Giustino Valdarno (Ar). La migliore musica emergente uscita dal contest di Arezzo Wave band 2016, venti gruppi, uno per ogni regione d'Italia, si alterneranno ai tanti amici del festival: Modena City Ramblers, Musica Nuda, Petra Magoni & Ferruccio Spinetti assieme a Fausto Mesolella, The Bluebeaters, L'Orage, DeWolff, Dubioza Kolektiv, Max Romeo. E tutto a ingresso gratuito.

Arezzo Wave ha ricevuto il sostegno da parte di artisti che verranno gratuitamente al Festival accanto a ricordi e bellissime parole di altri che hanno suonato nelle passate edizioni, da giornalisti e attori nell'ambito musicale e non che hanno il festival nel cuore: Carmen Consoli, Marco Mathieu, Giuliano Sangiorgi Negramaro, Ivano Fossati, Petra Magoni, Erriquez, Ralf, Francesco Moneti, Adele di Palma, Andrea Silenzi e tanti altri.

"La Regione sostiene convintamente anche in occasione di questo trentennale, come da sempre, Arezzo Wave, avendone compreso il valore regionale, nazionale ed internazionale delle attività realizzate", ha affermato la vicepresidente e assessore alla cultura Monica Barni, presentando stamani il programma insieme al patron del festival  Mauro Valenti.

"Siamo davanti ad una eccellenza - ha aggiunto la vicepresidente - capace attraverso le iniziative messe in atto di coniugare la ricerca di nuovi talenti con la promozione e il sostegno alle giovani band. E sono sicura che anche questa edizione 2016 garantirà gli obiettivi di crescita e internalizzazione che sono anche i nostri. Per questo esprimo i migliori auguri a Mauro Valenti e ai suoi collaboratori in occasione di questi trenta anni di attività, un traguardo che deve rappresentare al contempo un rilancio per un momento di cultura punto di riferimento per i giovani di tutte le età, artisti e pubblico".

Come in ogni edizione,  Arezzo Wave mantiene  una attenzione particolare per il sociale. Così anche quest'anno non poteva mancare un progetto realizzato con il partner per eccellenza Emergency, con il quale già nel 2004 era stato realizzato un progetto di raccolta fondi che ha portato alla realizzazione di sale operatorie a Las Khargar in Afghanistan, e che vide la partecipazione di Gino Strada, Sepulveda e Miriam Makeba. Quest'anno i fondi saranno raccolti grazie alla vendita di ritratti degli artisti che hanno suonato sul palco di Arezzo Wave in questi 30 anni, realizzati dai disegnatori più importanti della penisola.

 

I commenti sono chiusi