Turismo accessibile, Saccardi e Ciuoffo: “Regione impegnata per aumentare opportunità”

FIRENZE – Una Toscana sempre più attenta alle problematiche delle fasce deboli della popolazione con particolare attenzione al tema dell'accessibilità e della fruibilità degli spazi. Anche in campo turistico, tema sul quale oggi pomeriggio si è tenuto un convegno presso l'Istituto Fuligno a Firenze organizzato da Beyond srl, Consorzio CoRi e CapViaggi, dal titolo 'Turismo accessibile. Proviamo ad andare oltre', al quale hanno partecipato anche gli assessori al diritto alla salute Stefania Saccardi e al turismo Stefano Ciuoffo.

 

"Il tema dell'accessibilità – ha detto Stefania Saccardi - sta divenendo sempre più centrale nelle azioni di politica sociale anche nella nostra Regione. E col mio assessorato stiamo introducendo forti elementi di sensibilità verso le fasce di popolazione più fragile, puntando ad essere parte attiva nell'incontro verso i soggetti più deboli. Progetti come Pronto Badante o come il progetto sperimentale dell'Adattamento Domestico, sono indicatori importanti di questo nuovo approccio. Accessibilità è una parola chiave dei nostri interventi. E per questo abbiamo realizzato il portale Toscana Accessibile (www.toscana-accessibile.it), uno strumento nuovo che va ad aggiungersi a tutti i nostri servizi, per offrire orientamento, informazione, approfondimento su attività e progetti regionali in tema di accessibilità. Anche sul tema specifico del turismo accessibile non siamo stati fermi. E nei prossimi mesi organizzeremo un importante convegno nazionale sull'accessibilità dei Parchi Naturali proprio nel Parco Regionale di San Rossore. Peraltro – ha concluso Saccardi - nei Parchi Regionali abbiamo realizzato numerosi interventi per aumentarne l'accessibilità".

 

L'assessore Stefano Ciuoffo ha sottolineato come l'impegno e la volontà della Regione "di rendere il proprio territorio sempre più accessibile siano testimoniate dal lavoro fatto negli ultimi anni. Un lavoro che ha cercato di abbracciare tutti i campi della vita quotidiana (sport, cultura, turismo, lavoro, scuola) e che è stato realizzato grazie alla collaborazione di istituzioni ed associazioni che operano nel privato sociale. Per quel che riguarda il turismo, le persone più fragili, anziani e disabili, devono poter essere messe in condizione di fruire e godere delle tante bellezze che la Toscana può offrire: dalla montagna, sia d'estate che d'inverno, al mare, fino alle città d'arte ed i musei. Un lavoro importante è stato fatto sul web, lo strumento più facilmente utilizzabile da tutti, grazie a In.toscana e Fondazione Sistema Toscana. Nei prossimi anni contiamo di proseguire su questa strada per adeguare l'offerta toscana a quella, ben più ampia e strutturata, sviluppata ad esempio nel nord Europa". All'indirizzo www.turismo.intoscana.it/turismosenzabarriere sono disponibili le schede di oltre 200 luoghi turistici accessibili sparsi sul territorio ed i recapiti di quasi 1400 strutture ricettive attrezzate per l'accoglienza.

 

I commenti sono chiusi