Turismo, Ciuoffo: “Con Toscana Promozione Turistica più opportunità a tutto il territorio”

SAN VINCENZO (LI) - La Toscana del turismo ha un nuovo strumento di promozione: Toscana Promozione Turistica. Operativa dal 1 aprile scorso, la nuova Agenzia regionale ha fatto il suo debutto ufficiale oggi sulla costa toscana in occasione di due appuntamenti, rispettivamente all'Argentario e a San Vincenzo, in vista del lancio della prossima stagione estiva: il 3° Meeting Destination Argentario e ‘Costa degli Etruschi: una destinazione territoriale integrata'. Ad entrambi gli appuntamenti ha preso parte anche l'assessore al turismo Stefano Ciuoffo.

"Il Turismo - ha dichiarato Ciuoffo, presentando la nuova Agenzia - è un settore rilevante della nostra economia. Pensare di costruire prodotti turistici, di valorizzare le nostre opportunità e il nostro territorio senza avere la dotazione strumentale necessaria era una lacuna che non potevamo più permetterci. La Regione deve far parte della costruzione dei processi e dei prodotti e non limitarsi alla sola dichiarazione degli obiettivi. Toscana Promozione Turistica è tutto questo, è lo strumento vero, il braccio con cui la Regione diviene, a tutti gli effetti, parte attiva di questo processo, mettendo a disposizione risorse e competenze per cercare di sopperire ad una mancanza di comunicazione nel mondo legato al turismo e dei valori che questo può riversare sul territorio".

"Oggi - ha proseguito Ciuoffo - non c'è un'Agenzia nazionale che promuove il nostro Paese e la Toscana ha il dovere di promuoversi adeguatamente. Il conto economico di questa partita è rilevantissimo e può dare opportunità di crescita e sviluppo a tutta la regione, non solo alle grandi città d'arte. Siamo convinti che con Toscana Promozione Turistica riusciremo a distribuire, in maniera diffusa, queste opportunità, e a dare la possibilità di radicamento e di permanenza anche alle aree più periferiche". Per centrare l'obiettivo l'assessore chiama a raccolta tutti gli attori interessati. "E' una partita che non possiamo giocare da soli. Il ruolo degli enti locali è fondamentale. In particolare dopo la soppressione delle Province, che ha cambiato radicalmente il rapporto della Regione con i territori. Rapporto che non ha più intermediari e che richiede di perdere la vecchia visione centralista e di avere presidi e presenza anche nelle zone meno battute. Per questo – ha concluso - la nuova legge regionale sta cercando di allineare a questa visione complessiva il ruolo che gli enti locali dovranno avere in questa scommessa".

E proprio dal territorio inizia il cammino della nuova Toscana Promozione Turistica che per il 2016 avrà a disposizione 3.5 milioni di euro destinati a realizzare 40 interventi di promozione partendo, già in primavera, con un'offerta e una strategia di promozione mirata per la costa toscana. "Abbiamo un budget importante - ha dichiarato Alberto Peruzzini, direttore dell'Agenzia - di cui una parte significativa sarà dedicata alla costa. La stagione 2016 sarà un momento fondamentale, sia per la promozione sul mercato interno che verso i mercati internazionali, dove la sfida con i competitor stranieri è più dura. Ci doteremo di strumenti anche per intercettare quei flussi di turisti, in primo luogo quelli provenienti dalla Russia e dal Nord Europa che, non potendo scegliere il Nord Africa o la Turchia, per le motivazioni socio-politiche che tutti conosciamo, cercheremo di riportare in Toscana. Non è facile, perché non basta proporsi come semplice alternativa. I turisti internazionali sono sempre più selettivi ed esigenti e dobbiamo conquistarli con un mix di offerta ingrata e di rapporto prezzo-qualità di assoluto valore. Anche per questo uno degli elementi chiave della missione di Toscana Promozione Turistica è quello di lavorare, come una sorta di incubatore, su tutti quei segmenti di offerta che, ancora non adeguatamente sviluppati, possono diventare, rapidamente, fattori di attrattività per la Toscana".

"I territori - ha concluso Peruzzini - stanno rispondendo in modo molto pro-attivo a questa sollecitazione. Oggi abbiamo avuto l'esempio dell'Argentario e della Costa degli Etruschi, che si stanno preparando con un'offerta strutturata per la prossima stagione estiva che punta sulle peculiarità d'eccellenza delle loro aree: il turismo nautico per il primo, e un'offerta integrata che unisce il mare al turismo in bicicletta, archeologico, enogastronomico e naturalistico la seconda".

(Ha collaborato Nicola Maggi, ufficio stampa Toscana Promozione Turistica)

I commenti sono chiusi