Turismo, la presidenza della Rete NECSTouR dalla Toscana alla Catalogna

FIRENZE - Passa alla Catalogna la presidenza della Rete NECSTouR, con la Toscana che comunque mantiene un ruolo importante, con l'affidamento del Segretariato generale e l'onore di ospitare la sede della Rete stessa, presso gli uffici regionali in Rond Point Schuman a Bruxelles. Questi gli esiti principali dell'assemblea annuale di NECSTouR, la Rete delle 30 regioni europee unite per sviluppare un turismo sostenibile e competitivo, che si è tenuta nei giorni scorsi a Bruxelles. Durante l'assemblea la Regione ha inoltre presentato la piattaforma web del 'Grand Tour dei sapori d'Europa', progetto presentato a fine settembre all'Expo di Milano.

Durante l'assemblea annuale la Toscana ha ricevuto vari riconoscimenti per il lavoro svolto dal 2008 al 2015. Apprezzamenti arrivati dalle tante regioni europee appartenenti alla Rete ma anche dalle prestigiose università che vi aderiscono, dalla Direzione generale Growth della Commissione e dal Parlamento europeo.

A Bruxelles la Regione ha presentato il frutto del lavoro svolto a Milano ad Euromeeting, ospitato ad Expo lo scorso 30 settembre: il 'Grand Tour delle identità europee dei sapori e delle produzioni agroalimentari e enogastronomiche' e la sua piattaforma web. Un sito interattivo realizzato in collaborazione con Vetrina Toscana e Fondazione Sistema Toscana, che potrebbe avere il contributo proveniente da scuole e istituti turistici e per la ristoriazione, per creare itinerari europei dove il racconto delle specificità enogastronomiche locali si accompagna alla scoperta di territori, luoghi, tradizioni, culture, economia. "La Regione – ha detto l'assessore alle attività produttive e al turismo Stefano Ciuoffo – ha proposto di realizzare a Firenze all'inizio del 2016, d'intesa con la Commissione europea ed in particolare con la Direzione generale Growth, uno specifico seminario europeo aperto alle regioni, alle università e al mondo produttivo per approfondire gli strumenti operativi e finanziari del 'Grand tour dei sapori d'Europa'. Con il seminario, che coinvolgerà direttamente le tre direzioni generali della Commissione europea che sovraintendono ai tre Fondi strutturali, sarà avviato il percorso operativo che consentirà di realizzare la prima piattaforma tematica europea su uno specifico prodotto turistico".

Il progetto, che ha riscosso l'apprezzamento e la piena condivisione da parte della Commissione europea ed in particolare dal Capo della Unità Turismo Carlo Corazza, è stato giudicato molto interessante per l'approccio intersettoriale che propone: dal turismo alle produzioni agricole e alla ruralità, al commercio, alla cultura. "Si tratta di una piattaforma – ha concluso l'assessore Ciuoffo - che può consentire di realizzare sinergie tra i fondi strutturali, FESR, FEASR ed FSE, che poi è l'obiettivo che persegue la Commissione europea. Ma l'aspetto ritenuto più stimolante e innovativo è quello di una piattaforma che consente di creare collaborazioni e relazioni innovative tra regioni di stati diversi".

I commenti sono chiusi