Turismo, Toscana in controtendenza. Ciuoffo: “Valorizzare la montagna e i luoghi meno conosciuti”

Uno scorcio delle Alpi Apuane
Uno scorcio delle Alpi Apuane

FIRENZE - Portare i turisti nella Toscana che è meno conosciuta ma non per questo minore. Riportarli magari alla scoperta della montagna: alla scoperta, al di là delle vacanze sulla neve, delle chiese dell'Amiata o del Mugello, della storia di quei territori e dei loro prodotti tipici. Coltivare in una parola quello che gli esperti chiamano "turismo esperienziale", ovvero l'andar in un posto non tanto a risposarsi quanto a scoprire o fare qualcosa di diverso.

 

L'assessore al turismo, commercio e alle attività produttive della Toscana, Stefano Ciuoffo, fissa i primi punti dell'agenda che lo aspetta nei prossimi mesi. Lo fa intervenendo stamani alla presentazione dei dati sul 2014 e le prime previsioni sul 2015.

 

I numeri sorridono al turismo in Toscana, in controtendenza rispetto al resto d'Italia dove nel 2014 si continua a patire un calo delle presenze. "I numeri – sottolinea l'assessore - ci segnalano anche come ci siano spazi per ulteriori miglioramenti". Dall'analisi emergono due punti deboli: le terme, che stanno vivendo una congiuntura critica, e la montagna, spazio a cui l'assessore confessa di essere personalmente legato e che si salva solo per i numeri delle vacanze sulla neve ma conferma una lunga storia di decrescita dei turisti. "Dobbiamo rivitalizzare l'offerta di quei territori – dice Ciuoffo – e di questo abbiamo parlato anche sabato all'Expo a Milano. L'effetto di trascinamento dei grandi numeri toscani possono permetterci di invertire la tendenza: senza fare assistenzialismo a settori senza futuro, ma semplicemente puntando a distribuire in modo più diffuso i turisti che scelgono di venire in Toscana ".

 

"E' il momento giusto – conclude l'assessore -. La gente ha oramai cambiato il modo di fare vacanza e la Toscana ha molte carte da spendere valorizzando tutte le sue eccellenze". Con vantaggi evidenti, annota, anche per altri settori, come l'artigianato ad esempio.

I commenti sono chiusi