Twin Disc, la Regione ha chiesto all’azienda il ritiro degli esuberi

FIRENZE – La Regione Toscana ha chiesto all'azienda Twin Disc di Limite sull'Arno di ritirare le procedure di licenziamento per 16 dipendenti. La situazione di crisi dell'azienda, specializzata nella produzione di componenti per la nautica, è stata al centro di una riunione convocata in Regione dal consigliere per il lavoro Gianfranco Simoncini, il sindaco del Comune di Capraia e Limite Alessandro Giunti, il consigliere regionale Enrico Sostegni, le organizzazioni sindacali e i rappresentanti della Twin disc, accompagnati da un rappresentante di Confindustria.
 
La Regione, come annunciato nei giorni scorsi dopo un'altra riunione con istituzioni e sindacati, ha chiesto un ripensamento sulla decisione presa e il ritiro dei 16 esuberi, anche alla luce della possibilità di utilizzare ammortizzatori sociali per salvaguardare l'occupazione e il reddito dei lavoratori.
Da parte dei rappresentanti della Twin disc non sono però emerse, almeno per ora, disponibilità su questo fronte.
 
La trattativa sindacale resta aperta, e nei prossimi giorni si aprirà la fase procedurale presso gli uffici decentrati regionali del lavoro di Firenze , e Regione e istituzioni locali hanno chiesto all'azienda di rivedere le proprie posizioni o quantomeno di presentare proposte per contenere al massimo i costi sociali di questa decisione.
 
Inoltre è stata richiesta da Regione e istituzioni, e accolta dai rappresentanti di Twin disc, la proposta di un confronto con i vertici americani dell'azienda di Limite per discutere le prospettive di sviluppo futuro della presenza in Toscana anche in relazione alle iniziative e agli investimenti della Regione sulla filiera della nautica.

I commenti sono chiusi