Un software per gestire meglio l’accoglienza dei richiedenti asilo

FIRENZE – La Regione sta lavorando ad un software che possa aiutare a mettere in rete e soggetti gestori e prefetture, permettendo così uno scambio di informazioni in tempo reale sulla situazione dei posti a disposizione ma anche l'età, la nazionalità e la condizione degli ospiti. Potrà sembrare banale, ma finora questo non accadeva.

I tecnici hanno lavorato su un software già usato dagli Sprar, ovvero le strutture di seconda accoglienza della rete del sistema di protezione per richiedenti asilo e rifugiati, alloggi destinati a chi già gode di protezione internazionale e non per l'assistenza immediata delle persone che arrivano sul territorio italiano, anche se talvolta hanno fatto anche questo.

Il software aiuterà a gestire e programmare meglio i bisogni formativi e tutte le iniziative necessarie ad una migliore integrazione. Il software sarà disponibile entro un paio di settimane.

I commenti sono chiusi