Verso la seconda Conferenza regionale sulla disabilità: giornata di lavoro a Spazio Reale

FIRENZE - Giornata di lavoro presso Spazio Reale a Campi Bisenzio per associazioni di disabili, soggetti del territorio, tecnici e operatori di cooperative e associazioni legate al mondo della disabilità, in preparazione della seconda Conferenza regionale sulla Disabilità che si terrà a Firenze alla Fortezza da Basso, il 15 settembre 2016. Nei giorni seguenti, 16  e 17 settembre, si svolgerà, sempre a Firenze, la Conferenza nazionale.

La giornata, organizzata dall'assessorato al diritto alla salute, welfare e integrazione socio-sanitaria della Regione Toscana, in collaborazione con il Crid e con la Cooperativa Sociolab, era articolata in 5 sessioni e 8 tavoli di lavoro dove con tecniche partecipative sono stati affrontati gli argomenti da cui sono scaturiti contributi utili alla stesura di documenti condivisi che saranno oggetto di discussione della Conferenza di settembre.

Alle sessioni di lavoro ha partecipato anche l'assessore a sociale, diritto alla salute e sport Stefania Saccardi. "Oggi – ha dichiarato Saccardi - si conferma la validità del metodo partecipativo nelle scelte strategiche nella sanità e nel sociale. La presenza di tante associazioni e operatori nel percorso verso la conferenza regionale di settembre ci rende più forti e motivati nella nostra azione. Dietro Toscana Accessibile c'è tutta la nostra politica per un territorio più fruibile e più inclusivo".

Dopo le sessioni mattutine, i lavori sono ripresi nel pomeriggio fino alle ore 16. Tra gli argomenti affrontati:

Adattamento domestico. In questa sessione è stata illustrata la sperimentazione di integrazione multidisciplinare (architteti, ingegneri, assistenti sociali, medici, fisiatri) realizzata nella zona fiorentina nord ovest e a Prato dalle rispettive Società della Salute, per fornire alla persona disabile e alla sua famiglia una consulenza e, quando ci siano i requisiti, anche un contributo economico.

Lavoro inclusivo. In due diversi tavoli sono state analizzate da un lato le risorse del FSE e la coprogettazione pubblico-privato, dall'altro le politiche dell'inserimento lavorativo delle persone con disabilità.

Territorio accessibile. Qui si è parlato sia di mobilità integrata per l'accessibilità nel trasporto pubblico su ferro che di Reti di accessibilità.

Divisa in due tavoli anche la sessione Il progetto di vita, che ha fatto il punto sull'accreditamento dei percorsi di presa in carico e sugli strumenti e percorsi per l'individuazione di un modello di valutazione della presa in carico.

Infine la sessione sulla Scuola inclusiva sulla didattica per l'inclusione e la progettazione zonale della Regione Toscana.

I commenti sono chiusi