Via Francigena, assegnate risorse per potenziare l’ospitalità povera

FIRENZE – Un contributo regionale di 50 mila euro destinato al potenziamento della ricettività gratuita o cosiddetta povera lungo la Via Francigena toscana. Le risorse saranno assegnate all'Associazione Ecclesiale Nazionale di Pellegrinaggio della Via Francigena e delle Antiche Vie, denominata anche Ad Limina Petri, che le utilizzerà per la realizzazione di progetti di piccola manutenzione ed arredo di strutture che già ospitano i pellegrini per renderle immediatamente funzionali e funzionanti e potenziare in questo modo la capacità di ospitalità nelle aree meno attrezzate.

"L'intervento – spiega l'assessore regionale al turismo Stefano Ciuoffo - si collega al progetto ‘Rete degli Ostelli', creato per dar vita a un'offerta low cost omogenea per i ‘Pellegrini con Credenziale'. Della rete fanno parte anzitutto i 14 ostelli realizzati con i fondi PAR-FAS 2007-13. Adesso la rete si allarga anche ad altre strutture di proprietà pubblica presenti nei Comuni del tracciato ed in particolare a quelle di proprietà ecclesiale non classificate come strutture ricettive. Sono strutture di ospitalità a titolo gratuito, riqualificate per fornire un alloggio".

Sulle pagine del sito regionale dedicate alla Via Francigena è contenuto un elenco delle strutture ecclesiastiche con i relativi contatti.

I commenti sono chiusi