Via libera del Cipe agli assi viari lucchesi, Ceccarelli: “Ora l’opera potrà essere realizzata”

FIRENZE - "Quello di oggi è un passaggio determinante per la realizzazione del sistema tangenziale lucchese". E' questo il primo commento dell'assessore regionale alle infrastrutture e ai trasporti Vincenzo Ceccarelli uscendo dall'incontro di oggi del Cipe che ha deliberato il via libera alla realizzazione del progetto assi lucchesi. 
 
Nella sua seduta odierna il Comitato interministeriale per la programmazione economica ha infatti approvato il primo stralcio del progetto preliminare del sistema tangenziale di Lucca del costo di circa 84 milioni, dei quali circa 67 arriveranno dal governo e 17 (di cui 2 per la progettazione) dalla Regione Toscana. 
 
"Grazie all'approvazione del progetto preliminare dell'opera da parte del Cipe - prosegue Ceccarelli - abbiamo a disposizione le risorse necessarie a avviare l'opera e a completare il primo lotto, al quale dovranno seguire gli altri. E per questo impegno importante ringraziamo il Governo".
 
"Nel pieno del mese di agosto - prosegue Ceccarelli - arriva una notizia davvero determinante per la viabilità regionale, perchè sblocca una delle opere che consideriamo prioritarie in Toscana e fortemente attese nel territorio p erché consentirà di liberare la città di Lucca dal traffico, specie da quello pesante". 
 
L'assessore evidenzia anche come la decisione di oggi consenta l'avvio dell'iter realizzativo: "Da questo momento sarà possibile stipulare la convenzione con Anas per trasferire i 2 milioni di euro con cui realizzare le progettazione definitiva e esecutiva, e quindi di arrivare alla gara di affidamento". 
 
Sotto il profilo tecnico il sistema tangenziale di Lucca ha la finalità principale di migliorare la circolazione viaria nell'area lucchese recuperando un adeguato livello di servizio sulla SS12 dell'Abetone e del Brennero che oggi attraversa l'area urbana della città di Lucca, mediante la realizzazione di una variante ad est della città finalizzata a migliorare i collegamenti nord-sud fra la viabilità di fondovalle del Serchio e la rete autostradale, i collegamenti est-ovest fra Altopascio e Capannori/Porcari e Lucca e l'accessibilità alla città di Lucca. 
 
Il progetto preliminare e lo studio di impatto ambientale sono stati sviluppati da ANAS anche con le indicazioni fornite in sede dei lavori del tavolo tecnico tra Regione, provincia di Lucca e comuni interessati. 
 
L'intervento è costituito da una rete stradale a due corsie dell'estensione complessiva di circa 30 Km, da realizzarsi sia con la costruzione di nuovi assi viari, sia con l'adeguamento di viabilità esistente. Il costo complessivo degli interventi ammonterà a circa 275 milioni di euro.
 

I commenti sono chiusi