Vino, Remaschi: “Bene nascita consorzio unitario, ora pensiamo a Vinitaly toscano”

FIRENZE – E' stata costituita stamani a Firenze l'Associazione Vini Toscana Dop e Igp, il primo organismo unitario di rappresentanza della viticultura toscana di qualità. Il nuovo "consorzio dei consorzi", che riunisce al momento 16 consorzi di tutela in rappresentanza di circa 5 mila imprese, per un fatturato stimato di circa un miliardo di euro ed una quota di export superiore al 70%, si chiama A.VI.TO. Il presidente è Fabrizio Bindocci, il vicepresidente Andrea Sanjust.

 

Alla conferenza stampa di presentazione dell'iniziativa ha partecipato anche l'assessore all'agricoltura della Regione Toscana, Marco Remaschi. L'assessore ha espresso il suo apprezzamento per l'iniziativa. "E' un punto di partenza importante – ha sottolineato – e servirà per cogliere meglio le opportunità, e sono tante, che ci vengono offerte." 

 

L'assessore ha fatto riferimento ai fondi per la promozione messi a disposizione dall'Europa. "In due tranche – ha ricordato – ci sono circa 200 milioni per la promozione sui mercati terzi. Stando insieme è più facile cogliere queste opprtunità. Dobbiamo fare un percorso – ha ribadito Reamaschi – tutti insieme, voi la Regione Toscana, le associazioni professionali, le associazioni di categoria".

 

"Apprezzo anche l'idea che avete espresso di non lasciare indietro nessuno – ha continuato – perchè la Toscana del vino è fatta di grandi marchi, ma anche di tanti piccoli imprenditori, che contribuiscono a fare la differenza, e che hanno bisogno di essere sostenuti. Complimenti per l'dea che avete avuto. Noi, come Regione ci siamo per dare il nostro contributo a far crescere il settore, l'occupazione e l'economia della Toscana".

 

L'assessore ha infine rilanciato la proposta di un Vinitaly in salsa toscana. "E' un'idea che a me pare buona – ha detto – una sfida che deve essere approfondita e di cui dobbiamo parlare insieme e confrontarci per capire se può portare un valore aggiunto. Se avvieremo questa strada non ci fermerà più nessuno, perchè quando ci presentiamo come Toscana non siamo secondi a nessuno".

 

 

I commenti sono chiusi